Al voto, al voto: qualche chiarimento è d’obbligo

Ricevo da un amico da molti anni presidente di seggio  e doverosamente pubblico anche per sfatare qualche bufala metropolitana.

 http://laspezia.cronaca4.it/upload/immagini/librerie/politica/gall_1360838789-elezioni-20130214_114543.jpg

Più di qualcuno tra amici e conoscenti (sapendo che sono da un po’ di anni presidente di seggio)  mi ha chiesto chiarimenti sugli appelli online che continuano a circolare sulla possibilità da parte dell’elettore di rifiutare la scheda elettorale e di far mettere a verbale proteste di vario contenuto.

L’argomento non è complesso ma è composto, provo a mettere ordine.

Ci sono anche molti blog che spiegano bene la questione (cioè che per vari motivi è una bufala), uno molto chiaro è questo:

http://acacciadibufale.wordpress.com/2013/02/06/il-rifiuto-della-scheda-elettorale-4/

NB. Le fonti  (anche se non citate esplicitamente per non appesantire il testo) sono: Circolari esplicative del Ministero Interno per le Elezioni Politiche 2013, Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione (il manualino per presidenti di seggio e scrutatori), Manuale Elettorale dell’Ufficio Studi Camera Deputati, Testo Unico D.P.R. 361/1957 aggiornato ad oggi.

VOGLIO RIFIUTARE LA SCHEDA E FAR METTERE A VERBALE CHE ‘LA CLASSE POLITICA NON MI RAPPRESENTA’, NON POSSONO IMPEDIRMELO”
Bisogna partire dall’inizio, i casi che si possono verificare al riguardo sono
CASO A) - riconsegna immediata della scheda
L’elettore si presenta con tessera elettorale e documento, viene identificato come elettore della sezione e avente diritto al voto, E RITIRA la scheda.
A questo punto :
- se entra in cabina, vota all’interno della cabina, esce con la scheda ripiegata, la inserisce nell’urna senza indugio artificioso e riconsegna la matita, IL VOTO E’ VALIDO e l’elettore viene conteggiato tra i votanti .
- se l’elettore non vota all’interno della cabina (e in questo caso è compresa anche l’eventualità in cui l’elettore riconsegni la scheda senza entrare nella cabina) IL VOTO E’ NULLO (cioè la scheda dovrà essere dichiarata nulla e inserita nella busta apposita come da istruzioni in dotazione ai seggi, quindi verrà computata in fase di scrutinio tra le schede nulle) e l’elettore viene conteggiato tra i votanti .
CASO B) – il famigerato ‘rifiuto della scheda’ con verbalizzazione del fatto che ‘la classe politica non mi rappresenta’
 L’elettore si presenta con tessera elettorale e documento, viene identificato come elettore della sezione e avente diritto al voto, rifiuta la scheda cioè non la tocca nemmeno, manifesta la volontà di astenersi completamente dal voto e di mettere a verbale questa sua volontà.
Questa eventualità non è è stata prevista ESPLICITAMENTE dal legislatore, ci si rimette al riguardo all’indicazione del Ministero dell’Interno che riporto integralmente e poi commento:
“si ritiene che, in tali evenienze, il presidente del seggio -al fine di non rallentare il regolare svolgimento delle operazioni- possa prendere a verbale la protesta dell’elettore e il suo rifiuto di ricevere la scheda, purchè la verbalizzazione sia fatta in maniera sintetica e veloce, con l’annotazione nel verbale stesso delle generalità dell’elettore, del motivo del reclamo o della protesta, allegando anche gli eventuali scritti che l’elettore medesimo ritenesse di voler consegnare al seggio. Per quanto attiene la rilevazione del numero degli elettori, appare utile rammentare che coloro che rifiutano la scheda non dovranno essere conteggiati tra i votanti della sezione elettorale”.
Cioè: se l’elettore vuole verbalizzare che rifiuta di votare, che la classe politica non lo rappresenta, purchè non faccia perdere troppo tempo, i componenti del seggio glielo faranno mettere a verbale sotto il paragrafo ‘Proteste e reclami’.
CONSIDERAZIONI SUL CASO B) E SU QUANTO IMMEDIATAMENTE SOPRANel caso vogliate rifiutare la scheda e far mettere a verbale delle vostre considerazioni, dovete sapere che non le vedrà NESSUNO  a parte i componenti del seggio e forse l’Ufficio Elettorale Comunale (quanto meno, non le vedrà nessuno di quanti voi avreste voluto le vedessero)
Tutte le comunicazioni alle Prefetture (e da lì al Ministero dell’Interno) sono inviate infatti  come riepiloghi tabellari, ovvero
ELETTORI AVENTI DIRITTO AL VOTO: TOT (Maschi tot, Femmine tot)
ELETTORI VOTANTI : TOT (Maschi tot, Femmine tot)
VOTI VALIDI: TOT
SCHEDE BIANCHE: TOT
SCHEDE NULLE: TOT
Voti validi lista n.1 : TOT, lista n. 2: TOT e così via
Quindi se il vostro obiettivo è far arrivare il messaggio della disaffezione al voto o della sensazione di non essere rappresentati dalla classe politica:
- o non andate proprio a votare, e quindi verrete compresi nel numero degli astenuti (ma se posso esprimere una considerazione personale è come stare alla finestra e lasciar decidere gli altri senza battere ciglio, per di più non esercitando quello che è IL diritto del cittadino per antonomasia, il voto in democrazia, che adesso viene dato per scontato ma per il quale nonni, bisavoli e trisavoli hanno sacrificato la vita o la salute)
- o andate a votare e annullate la scheda, potete ad esempio scrivere all’interno della scheda quelle considerazioni che vorreste far mettere a verbale: in questo modo  risulterete in una statistica precisa, le schede nulle, che sono l’unica espressione possibile di malcontento ‘attivo’, che cioè non sia la mera astensione del punto precedente.
Di fatto il caso b) del rifiuto della scheda produce le stesse conseguenze pratiche di una astensione (elettore non conteggiato tra i votanti, verbalizzazione che non rientra in nessuna statistica). Cioè è vero che “non possono impedirmi di rifiutare la scheda e di far mettere a verbale etc etc” ma anche se lo faccio all’atto pratico non serve a nulla, è come se fossi rimasto a casa.

Fate anche attenzione che la legge prevede un apparato sanzionatorio circostanziato da una parte per i componenti del seggio (ad es. il segretario non può rifiutarsi di verbalizzare pena sanzioni varie), ma dall’altra per chiunque ad es. “turbi il regolare svolgimento delle operazioni di voto”; ricordate che all’interno del seggio i componenti del seggio sono pubblici ufficiali, e possono avvalersi della forza di Polizia che presidia il seggio (di solito la Guardia di Finanza). Morale: inutile alzare i toni da una parte e dall’altra, molto meglio usare il buon senso.

 
“NON VOTO SCHEDA NULLA O BIANCA PERCHE’ ALTRIMENTI IL MIO VOTO VA AL PARTITO CHE NE PRENDE DI PIU’”. NON E’ COSI’.  Tutte le operazioni di attribuzione dei seggi vengono fatte SULLA BASE DEI VOTI VALIDI. Cioè nei prospetti riepilogativi (le somme di tutti i voti a livello nazionale o regionale) vengono presi in considerazione per l’attribuzione dei seggi  SOLO I VOTI SCRUTINATI COME VALIDI, che NON comprendono le schede bianche e le schede nulle.
Ripeto: per l’attribuzione dei seggi (e questo vale oltre che per le Elezioni Politiche, in qualsiasi altro tipo di Consultazione Elettorale esclusi i referendum dove c’è il quorum ma non ci sono seggi) vengono presi in considerazione SOLO I VOTI SCRUTINATI COME VALIDI, che NON comprendono le schede bianche e le schede nulle.
Se uno va a cavillare può obiettare
- che c’è il premio di maggioranza, che cioè la coalizione che prende più voti degli altri ha un premio in seggi che le consentono di avere una maggioranza salda e quindi io non votando non contribuisco a questo premio: la risposta è che, sia che io voti scheda bianca, nulla, rifiuti la scheda o stia a casa (che, abbiamo visto, è lo stesso) il risultato non cambia, perché il premio di maggioranza se lo aggiudica chi prende il maggior numero DI VOTI VALIDI, in cui (come abbiamo visto) non entrano bianche, nulle e (ovviamente) astensione.
- che ci sono le soglie di sbarramento, cioè se un partito o una coalizione non prende abbastanza voti non viene ammesso alla ripartizione dei seggi: ma anche qui la percentuale minima da superare è di VOTI VALIDI PER QUEL PARTITO O COALIZIONE sul TOTALE VOTI VALIDI, quindi ancora una volta bianche, nulle e astensione non c’entrano.
“QUANDO FANNO LO SCRUTINIO, PRENDONO LE SCHEDE BIANCHE E LE VOTANO COME VOGLIONO”
In un seggio elettorale al momento dello scrutinio ci sono le 6 persone del seggio (presidente, segretario,  4 scrutatori), i rappresentanti di lista, e tutti gli elettori della sezione che ne fanno richiesta. Le schede vengono scrutinate dal presidente, il voto viene annotato da due scrutatori in parallelo su due verbali e le schede vengono comunque toccate solo dai componenti del seggio. La faccio breve e mi concedo anche una battuta:  se riesce a prendere una scheda bianca e a votarla  a suo piacimento, il presidente o qualunque componente del seggio è francamente sprecato là dentro, dovrebbe fare  il prestigiatore, o il truffatore internazionale, qualcosa che gli faccia fruttare meglio le sue doti, voglio dire.
Scherzi a parte, almeno in questo caso c’è una risposta semplice ed efficace: se per quanto riguarda le schede bianche temete brogli elettorali, non votate scheda bianca, rendete la scheda nulla scrivendoci sopra quello che volete e siete a posto.
PS se trovate inesattezze o errori segnalatemeli

PPS troverete lo stesso post su feissbucc (destinato al pubblico più ggggiovane, il testo è identico)

Ciao.

Condivi
PDF Creator    Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *