Consiglio comunale 17 ottobre 2017: La Cronaca

Immagine

cuore_image2

Premessa.
Tre punti all’ordine del giorno. Durata circa un’ora.
Quasi la metà del tempo spesa a sistemare i verbali del consiglio precedente.
Perché.
Perché chi verbalizza, il segreventi%, continua a verbalizzare a modo suo: omettendo frasi fondamentali degli interventi dei consiglieri di minoranza o cambiandole il senso.
Ricordiamo che il sindac8 aveva affermato a suo tempo che il cambio del segretario (da fontan a orso) era avvenuto anche per il fatto che il fontan non verbalizzava in modo corretto (ma naturalmente era una “balla”, altre furono le motivazioni che determinarono il suo “licenziamento”), adesso è giunto il momento di mandare “l’orso in letargo” perché davvero è stucchevole questo suo modo di verbalizzare.
Invitiamo perciò le minoranze a rifare quanto era stato fatto nei confronti del precedente e cioè scrivere al prefetto perché questi imponga una verbalizzazione corretta.

Come vedremo nella cronaca il ponti-ficatore (reporter del ponte, giornalino parrocchiale di francenigo) fellet se ne esce, nell’ambito dell’approvazione dei verbali, con una lunga dichiarazione a commento di un articolo apparso sulla stampa che lo tirava in ballo per il suo voto di astensione sulla mozione presentata dal gruppo lega riguardante autonomia del veneto.
Viene da chiedersi quale senso delle istituzioni abbia il fellet, che, essendo tra l’altro vicesindaco, “sfrutta” il consiglio comunale per rispondere a notizie giornalistiche che lo riguardano, piegando così l’istituzione a suo uso personale. Ma ancor più grave è la condotta del sindac8 che non ha preso le distanze da questo comportamento ma anzi lo ha giustificato.

entriamo in cronaca
assenti bressan, capuzzo, daniel (vedi qui)

1. Approvazione verbali seduta del 22 settembre 2017 (dal n. 28 al n. 32);

prende la parola il consigliere andreetta e chiede se i verbali saranno votati uno alla volta o tutti insieme … viene risposto che è indifferente … andreetta allora chiede cosa accadrà della nota inviata dalla consigliera capuzzo con la quale chiede una integrazione al verbale n. 29 …
spieghiamo
la consigliera capuzzo, non potendo essere presente al consiglio per motivi di lavoro, ha inviato una lettera al segretario e all’intero consiglio comunale (leggi qui) con la quale chiede che venga integrato il verbale n. 26 del consiglio comunale del 27 Luglio 2017, in quanto era stato omesso quanto da lei detto e letto in consiglio comunale relativamente alla 2° variante al Piano degli Interventi. In particolare fa riferimento alla frase da lei letta e presente nel documento del sindaco
Questo documento rappresenta l’avvio del processo di formazione della seconda variante al Piano degli interventi “.

Questa richiesta non è di poco conto perché l’amministrazione, tramite il suo “braccio armato” il segreventilavorosporco% che fa il lavoro sporco verbalizzando quello che fa comodo alla “causa”, vuol far credere che un avviso pubblico del 3 dicembre 2015 col quale si chiedeva ai cittadini di far presente eventuali esigenze urbanistiche, fosse l’inizio dell’iter della variante. Non è così e difatti nel documento del sindaco si afferma: “Questo documento rappresenta l’avvio del processo di formazione della seconda variante al Piano degli intervent”, e non poteva essere altrimenti perché la legge urbanistica regionale N. 11 del 23/04/2004 è chiarissima, e stabilisce che una variante inizia proprio con la presentazione del documento del sindaco e quindi, in questo caso,  il 27 Luglio 2017.
La variante in questione, iniziando il suo iter il 27/07/2017, quindi dopo l’approvazione della legge regionale n. 14 del 6/06/2017 sul consumo del suolo non potrà prevedere nessuna nuova area di espansione, e quindi toccherà dire di no a coloro che vorrebbero costruire ancora capannoni nel nostro comune, vero e forse unico motivo per cui l’amministrazione ha messo in campo questa variante. Ma questi n
falsita_1on erano quelli di “basta capannoni”?.
 Quindi l’integrazione chiesta dalla consigliera ha anche una forte va lenza politica e avrebbe dovuto servire a mettere agli atti in modo chiaro questo tentativo di falsificare la realtà,  questi  “giochini”.

segreventi% «… non c’è nessun problema ad inserire la nota come allegato al verbale n. 26 del 27/07/2017…. altra cosa è la sua modifica … non abbiamo mai fatto una modifica ad un verbale … »
... andreetta … «… quindi se noi troviamo un errore in un verbale … resta così … non si può modificare l’originale … »
il segreventi% ribadisce che non c’è nessun problema ad aggiungere al verbale la nota della capuzzoandreetta fa presente come sia già faticoso seguire quanto avviene nell’amministrazione, se poi si è costretti anche, magari dopo mesi, a ricordarsi le cose per aggiustare i verbali … «… a parte quello citato dalla capuzzo … anche il verbale n. 29 va integrato con un a frase che è stata omessa e che ritengo importante … io ho detto “di non piegare le istituzioni comunali per far propaganda ad un partito”… chiedo che venga inserita … » …il segreventi% assicura che verrà fatto … andreetta continua … «…nel verbale n. 30 è stato attribuito a bressan un intervento che invece ho fatto io … nel verbale n. 31 viene riportato in modo errato un esito della votazione… neln. 28 io non ho detto “nervoso” ma che non volevo essere “noioso” … »
… interviene la gava « … chiedo che il verbale n. 28 venga integrato con la frase detta dal sindaco a fronte della mia domanda che chiedeva cosa avrebbe fatto il comune … la frase è “ci penserà la lega a fare campagna elettorale ” … »
si aggiustano le cose o così sembra …
ma è evidente che è una perdita di tempo per tutti perché si è capito che i verbali originali rimarranno tali e quali e cioè con tutte le omissioni, manchevolezze, ecc. e che le integrazioni richieste compariranno invece e solo nel verbale di aciofecapprovazione degli stessi.
Quindi se qualcuno leggerà, magari tra qualche anno, i verbali pe
r i quali sono state richieste dell’integrazioni, non troverà quanto detto dai consiglieri ma quanto verbalizzato originariamente dal segreventi%.
Una vera ciofeca.

Si passa quindi alla ponti-ficazione di fellet, passato in poco tempo nel gradimento della lega “dalle stelle alle stalle”. Si è trovato sbattuto sui giornali e accusato di trasformismo per il voto di astensione dato sulla mozione di autonomia espulsionedel veneto proprio dalla lega che nelle settimane precedenti invece lo aveva apprezzato pubblicamente per le su posizioni anti migranti.
Ora per poter risalire la china deve trovare il modo di minimizzare e annebbiare in un mare di parole, il suo comportamento …altrimenti alle prossime elezioni “scordarsela la lega
comincia … «… io sono stato tirato in ballo via stampa dal segretario della lega nord … mi ha telefonato anche un giornalista … affermazioni che non corrispondono al vero … il mio voto di astensione è un voto serio, non è un voltafaccia … appartenere alla maggioranza comporta diritti ma anche doveri … ho usato il buon senso … non appartengo a nessun gruppo politico … il popolo veneto non ha bisogno di indicazione politica per esercitare …il sacrosanto diritto al voto … senza suggerimenti … il mio voto è stato in linea con quello della maggioranza ….»
… e bla bla
..
. prende la parola andreetta, alquanto irritato, facendo presente che con questo intervento di fellet si è creato un precedente e che d’ora in poi un qualsiasi consigliere potrà parlare di qualsiasi cosa … «… nessuno di noi ha mai commentato in consiglio comunale un articolo di giornale … d’ora in poi lo si potrà fare … la forma nelle istituzioni ha la importanza … »istituzione
Ma quale forma quale senso delle istituzioni vuoi che abbiano questi. Basta ricordarsi come è stata trattata la consigliera capuzzo qualche mese fa dal sindac8. Qui diventa tutto è lecito.

…  il sindac8 prende la parola per giustificare fellet   affermando che l’intervento non è altro che una comunicazione ….
Si potrebbe qui richiamare il regolamento di funzionamento del consiglio comunale che questi non conoscono ma è tempo ed energia sprecata… Tiremm innanz!

Si vota:
maggioranza favorevole
Gava favorevole
Andreetta e Fracassi astenuti

 2. Nuovo regolamento del consiglio comunale dei ragazzi. approvazione;

prende la parola l’assessore de zan facendo presente che le modifiche apportate al regolamento del consiglio comunale dei ragazzi sono state suggerite dall’operatrice di comunità che segue i ragazzi e dagli insegnanti … fa presente che c’è una difficoltà a far si che i ragazzi entrino nel progetto … per superarla si è pensato di permettere anche ai ragazzi di 5° elementare di partecipare … per arrivare all’elezione del consiglio e del sindaco ci saranno due votazioni una interna alla classe che eleggerà i consiglieri e una successiva per eleggere il sindaco … continua dicendo che sono per questi motivi modificati l’articoli 1, 2, 4,5 e 6 …
andreetta chiede chi ha proposto questo nuovo metodo di elezione del sindaco dei ragazzi … la de zan risponde che è stata l’operatrice di comunità .. andreetta fa presente che sarebbe stato interessante conoscere direttamente dall’operatrice di comunità le motivazioni che l’hanno portata a chiedere questo cambiamento … continua … «…è l’ennesimo caso in cui si poteva, coinvolgendo le minoranze, votare all’unanimità ma si continua invece sempre allo stesso modo … entrando nel merito con questo meccanismo si fa si che i ragazzi di una classe votino solo i compagni della propria classe … questo nuovo meccanismo può avere dei pro ma ha sicuramente dei contro … non è democratico … »
… il sindac8 se ne esce con una delle sue «… tu voti per la lega? … »

la frase lasciabocca-aperta tutti a bocca aperta e dimostra come non sia in grado di capire i meccanismi democratici a cui alludeva andreetta … proviamo a spiegarglielo … il fatto che i ragazzi possano votare, come loro rappresentati, solo un loro compagno di classe fa si che non ci sia tra le classi  interscambio di idee e proposte. Potendo votare solo un compagno di classe sostanzialmente non è possibile valutare se proposte o idee portate avanti da altri candidati di altre classi siano o no migliori di quelle proposte dai canditati della propria classe,  si vengono così a creare dei comparti chiusi, si limita il confronto… ed infine un ragazzo di una classe potrebbe non essere apprezzato dalla sua classe ma dalle altre si. Diventa del tutto evidente che questo non è né positivo né democratico … capito!!!

il sindac8 se ne esce con un altra frase che è un’altra perla … «…è stato fatto da persone “più competenti di noi” … » .

ci verrebbe da dire che competenzaci vuole davvero poco per essere più competenti di questa amministrazione, ma il punto non è questo. Il punto è che questa amministrazione non ha idee, non ha visioni e forse neppure la voglia di impegnarsi a pensare, e di conseguenza demanda sempre “ai più competenti di loro” passaggi fondamentali della vita della comunità di gaiarine, così risulta evidente che i cittadini di gaiarine non sono amministrati da coloro che sono stati eletti ( è lapalissiano che noi non li abbiamo votati) ma dai “più competenti di noi” cioè da altri…

interviene la consigliera fracassi affermando di condividere le osservazioni di andreetta e che sarebbe interessante capire lo scopo finale di tali modifiche regolamentari … la de zan ribadisce che è per far partecipare tutti i ragazzi e non solo quelli di seconda e terza media … la fracassi non convinta … «… chiederò spiegazioni a chi ha le competenze (si riferiva forse “ai più competenti di noi”?) … questo regolamento viene approvato anche dai ragazzi ? … » la de zan risponde che ne hanno preso visione …. ?

andreetta nella dichiarazione di voto afferma che darà, come per tanti altri argomenti trattati, un voto di astensione … «… questo consiglio comunale delibera questo regolamento … noi deliberiamo … e quindi per poter far questo dobbiamo capire … auspico che l’attività del consiglio comunale dei ragazzi non si limiti alle votazioni ma vada oltre … che ci sia un confronto con l’amministrazione e magari con l’intero consiglio comunale dei “grandi” … tra l’altro i ragazzi potevano essere invitati stasera a partecipare a questo consiglio comunale …»

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Fracassi e Gava astenuti

3. Approvazione bilancio consolidato 2016.
illustra la de zan «… è il primo anno che viene approvato il bilancio consolidato … che prevede una sola società partecipata la piave servizi … non c’è molto da dire essendo una presa d’atto … serve a stabilire la ricchezza del comune … patrimoniale ed economica … per un comune come gaiarine non ha molta rilevanza … ha una valenza per i comuni che hanno numerose società partecipate … non ci sono cose particolaribottaerisposta… » … interviene andreetta «… mi sfugge qualcosa … leggo imposte sul reddito … nella nota integrativa …»  … de zan «… che pagina ?… » … inizia un confronto serrato tra andreetta e la de zan …con una serie di domande e relative risposte , un botta e risposta che tralasciamo …
… si arriva in poco tempo alle dichiarazioni di voto

la consigliera fracassi annuncia il suo voto contrario non avendo il suo gruppo  approvato il bilancio …
… la consigliera gava annuncia il suo voto di astensione …
il consigliere andreetta «… vale quanto detto dalla collega fracassi … è abbastanza normale dare un voto contrario essendo il bilancio un atto della maggioranza …sottolineo che da una parte si parla di risultato di esercizio e dall’altra ho letto la parola utile … si, sono parole … ma ricordo che un ente pubblico non dovrebbe parlare di utile … l’utile è delle aziende private … che devono fare utile … mentre per un ente pubblico “l’utile” dovrebbe tendere a zero … e non dovrebbe chiamarsi così ma avanzo o risultato … ci siamo confrontati più volte sulle cifre quando si parla di bilancio … ripeto che stiamo parlando di un risultato finale dopo che la maggioranza ha fatto tutte le sue scelte … non vedo l’avanzo dell’anno prima …. la differenza tra l’entrate e l’uscite non è 12.000 euro … ma è 42.000 euro dopo che si sono fatte tutte le scelte … palestra ecc. … » …
interviene la de zan «…non si può interpretare così … lei sta parlando del conto economico … se guardo il consolidato non è vero che ho 42.000 euro … sono della piave servizi … se prendo il conto economico del comune di gaiarine io sono a meno 12.000 … poi vado in pareggio perché ho altre cose … »
sordi  andreetta «…dovremmo fare ragionamenti fatti già altre volte … » c’è un batti e ribatti tra la de zan e andreetta che equivale a un dialogo tra sordi …

 

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Fracassi contrari
e Gava astenuta

il sindac8 prima di chiudere il consiglio comunica che il 4 novembre dovrebbe essere inaugurato il monumento ai caduti di albina e si dice speranzoso che il comitato festeggiamenti di albina organizzi il rinfresco
la gava (presidente dei festeggiamenti) rassicura.
Sono passati quasi 7 anni da quando il monumento è stato smontato, 7 anni per rimontare “quattro” lapidi, 7 anni per ridare una “dimora” a caduti di albina, 7 anni, 7 anni non 7 mesi … poi magari ci si lamenta della salerno-reggiocalabria.

Consiglio breve, come già detto, durato una sola ora.
Senza dubbio molto partecipato… presenti 2 cittadini … meglio due che uno solo,  o no?

Condivi
it.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Consiglio Comunale 22 settembre 2017: La Cronaca

Immagine

freelancePremessa.
Due considerazioni.
1)
Il 22 Ottobre prossimo si “celebrerà” il referendum “leghista” sulla “autonomia” del veneto.
Ogni cittadino del veneto deciderà se andare o non andare a votare, se votare SI oppure NO.

Quello che pochi di loro però sanno è che questo referendum è un referendum che definire uno “specchietto per le allodole è un eufemismo dato che dei quesiti referendari che la legge regionale del 19 giugno 2014, n. 15 (BUR n. 62/2014)(vedi qui) prevedeva, la Corte Costituzionale ne ha ammesso uno solo, il primo.
Il quesito ammesso recita: “Vuoi che alla
dubbio
Regione del Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?”.
Viene da chiedersi  perché la corte costituzionale abbia ritenuto legittimo solo questo quesito e non gli altri?
Perché:
il quesito referendario ripete testualmente l’espressione usata nell’articolo 116, terzo comma, della Costituzione cosicché per la Corte deve intendersi che le «ulteriori forme e c
ondizioni particolari di autonomia» su cui gli elettori sono chiamati ad esprimersi possano riguardare solo le «materie di cui al terzo comma dell’articolo 117 e le materie indicate dal secondo comma del medesimo articolo alle lettere l), limitatamente all’organizzazione della giustizia di pace, n) e s).

Per cui si andrà a votare e a spendere si dice 14 milioni di euro (altri 40 milioni per quello analogo indetto in lombardia) per iniziare una trattativa che eventualmente porterà ad ottenere ciò che era possibile ottenere semplicemente facendo una richiesta allo stato, come ha fatto l’emilia romagna, e come d’altra parte è già previsto dall’articolo 116 della Costituzione che così esplicita:
Ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, concernenti le materie di cui al terzo comma dell’articolo 117 e le materie indicate dal secondo comma del medesimo articolo alle lettere l), limitatamente all’organizzazione della giustizia di pace, n) e s), possono essere attribuite ad altre Regioni, con legge dello Stato
, su iniziativa della Regione interessata, sentiti gli enti locali, nel rispetto dei princìpi di cui all’articolo 119. La legge è approvata dalle Camere a maggioranza assoluta dei componenti, sulla base di intesa fra lo Stato e la Regione interessata.”

Quindi è del tutto evidente che siamo di fronte ad un referendum che ha come unico scopo quello di misurare il consenso dell’attuale governatore del veneto (e di quello lombardo).

La cosa irritante è chblablae abbiamo dovuto sorbirci per quasi 10 minuti la lettura, da parte della migrantes gava, di una mozione “standard”, scritta dalla segreteria regionale della lega e presentata uguale in quasi tutti i comuni del veneto.

Mozione che mistifica il referendum, facendo percepire ai cittadini  che tramite esso si risolveranno “tutti” i problemi del veneto, ed che in primo luogo, essendo un argomento ad alta “sensibilità”, verrà sistemata la faccenda “ schei” e cioè che il veneto potrà trattenersi parte delle entrate fiscali senza mandarle a roma. Cosa assolutamente falsa.

2) E’ giunta davvero l’ora che si effettui la registrazione dei consigli comunali e che i verbali contengano la trascrizione integrale di quanto viene detto dai consiglieri.
Non è più ammissibile che i consiglieri di minoranza siano ad ogni consiglio costretti a richiedere integrazioni o correzioni ai verbali perché questi non rispecchiano quanto da loro detto.
Il segreventi% continua a nascondersi dietro l’impossibilità di riuscire a verbalizzare tutto quanto viene detto.

 La registrazione sarebbe la soluzione alle sue monche verbalizzazioni o no?
Ma non la si vuole perché così è possibile stendere i verbali “filtrando” frasi, parole, espressioni, incisi che potrebbero da fastidio alla maggioranza.

Bisogna davvero finirla.

entriamo in cronaca
assenti fracassi e daniel (vedi qui)

1. Mozione presentata dal gruppo consiliare Lega Nord-Liga Veneta in merito al referendum per l’autonomia del veneto del 22 ottobre 2017;

Il sindacotto finalmente si è “adeguato” a quanto previsto dal regolamento di funzionamento del consiglio comunale che prevede la lettura da parte del presentarore della mozione o dell’interrogazione, e così questa volta, bontà sua, concede la parola alla migrantes gava
… che la legge, tale mozione nelle conclusioni invita l’amministrazione comunale a fare, sul referendum, una corretta informazione e una adeguata pubblicità …
… Il sindacotto risponde immediatamente facendo presente che nel sito del comune è stato inserito il logo del referendum e che il 22 Agosto la giunta comunale ha approvato una delibera di sostegno ad esso e che quindi   l’amministrazione si è già mossa in tal senso …
… la migrantes gava chiede «… quali iniziative verranno fatte… » … il sindacotto risponde «…sarà il gruppo della lega che  farà iniziative … noi abbiamo fatto quello di nostra competenza …» …
..
interviene il consigliere bressan «…non entro nel merito delle premesse che sono politiche … il consiglio comunale deve prendere posizioni istituzionali … ognuno di noi potrà votare SI/NO… ci vorrebbe un ampio dibattito sul territorio …l’amministrazione sta facendo quello che deve, la mozione è una mozione politica di scontro tra i gruppi della lega del comune … ci voleva più coraggio ed impegnare il sindaco a battersi per il SI … per questo motivo mi asterrò …»coraggio

e bravo il nostro consigliere bressan che incita gli altri ad avere più coraggio, ma che non dimostra il suo dato che non dice chiaramente se andrà a votare e se si come voterà. Salomonica la sua decisione di astenersi: meglio stare con tutti e due i gruppi leghisti, meglio stare nel vago.

prende la parola il consigliere andreetta «… non posso esprimere quello che farò il 22, dirò solo che andrò a votare … »

ma senti senti. Intanto non si capisce perché un consigliere comunale che rappresenta dei cittadini non possa prendere ufficialmente una posizione “politica” rispetto ad un fatto legittimo della vita democratica del paese.
E poi, contraddizione in termini,  si è comunque espresso.
Questo referendum, nel veneto,  prevede il quorum, cioè il referendum sarà valido se andranno a votare il 50% più uno degli aventi diritto al voto. Le opzioni “di voto” sono tre non due. Andare o non andare a votare, votare SI o votare NO. Quindi dicendo che andrà votare si è già in parte espresso: il suo voto, sia che sia SI oppure NO, sarà un voto che potrebbe co
referendum_22_ottobrentribuire a rendere valido il referendum. Tant’è che la lega ritiene che sia più importante l’affluenza che non l’esito dello scrutinio (il quale appare scontato).
Molti cittadini della sua parte politica non andranno a votare.
Veda Lui.

… continua «…nel merito … questa non è la sede per fare questo dibattito … la mozione non andava neppure presentata in questa forma e anche se presentata in altro modo sarebbe stata comunque illegittima … nel sito della regione si legge che c’è divieto di propaganda e questo conferma quanto detto dal consigliere bressan… il sindaco ha poco fa citato la delibera della giunta del 22 agosto … tale delibera nelle premesse è corretta ma in un passaggio si coglie che la giunta invita a votare SI … la delibera del 22 agosto non andava fatta o fatta in modo diverso … ora ci troviamo in consiglio comunale non con la ratifica di quella delibera ma con una mozione … sbagliata la prima e anche la seconda… per le consultazioni referendarie o politiche non ho ricordi che un’amministrazione abbia mai deliberato in merito … mi viene in mente il referendum sulle trivelle che era comunque promosso da dieci regioni tra cui il veneto … allora non c’è stata una simile forzatura … lo dico in modo ancora più forte stiamo parlando di un referendum costituzionalmente legittimo … chiedere al consiglio di deliberare in merito … allora facciamolo per tutte le leggi regionali, nazionali, ecc. … si può fare ma non serve … noi come amministrazione comunale siamo già vincolati … la delibera del 22 agosto ha valenza politica … le richieste fatte dalla mozione è acqua fresca … ma messe insieme alle premesse servono soltanto a tenere alto il nome di zaia e del suo partito … vi invito a riflettere e a non cadere in questo tranello che vuole piegare l’istituzione comunale a far propaganda per una certa parte politica … do atto al sindaco per le parole dette … l’operazione è una azione propagandistica …»

la consigliera capuzzo «…condivido le parole dei mie colleghi … do per scontato che le istituzioni si impegnino a pubblicizzare la consultazione … condivido quanto detto da andreetta e cioè che non bisogna cadere nel tranello della propaganda … mi asterrò »

Si vota:
maggioranza astenuta
Gava favorevole
Andreetta contrario
Bressan, Capuzzo astenuti
Mozione bocciata.

2. Approvazione verbali seduta del 27 luglio 2017 (dal n. 19 al n. 27);

la consigliera capuzzo informa che chiederà delle integrazioni ad alcuni verbali perché non corrispondenti a quanto da lei dichiarato …  chiede anche che gli stessi vengano votati singolarmente

il sindacotto accetta la proposta e viene deciso di esaminare per primo il verbale 27 relativo all’approvazione del regolamento sulle biomasse

la capuzzo fa presente che nel suo intervento aveva chiesto all’amministrazione di verificare la legittimità del regolamento ma di questa sua richiesta non c’è traccia … il sindacotto fa presente che il regolamento per gli impianti a biomassa approvato è legittimo tant’è che il comune di orsago ha avuto una sentenza favorevole del consiglio di stato e quindi non c’è nessuna ragione per apportare modifiche al verbale in questione

che il regolamento in questione sia legittimo lo pensiamo anche noi, ma questo non c’entra assolutamente nulla con la vittoria al consiglio di stato ottenuta dal comune di orsago eorsago dal comitato no pigassificatore orsago. Il consiglio di stato ha dato ragione al diniego del comune in quanto l’area su cui si vorrebbe costruire il pirogassificatore è urbanisticamente inadatta, come è indicato nel P.A.T. del comune e in più perchè quell’area è anche destinata a sosta dei mezzi di soccorso in caso di emergenza, essendo prossima ad una grande centrale di smistamento della liquigas. il sindacotto prima di parlare dovrebbe informarsi meglio o almeno leggere le sentenze.

interviene la consigliera gava facendo presente che «…che né io né daniel abbiamo mai detto che il regolamento è un buon regolamento … » il sindacotto che non vuole modificare il verbale si “accortoccia” leggendo quello che  ha verbalizzato il segreventi%e cercando di far intendere che il verbale rispecchia le parole pronunciate.

ma beato del signor è chiaro a tutti che è proprio quello che è stato scritto dal segreventi% che viene contestato, e se la gava dice di non aver pronunciato quella frase o le si da della bugiarda o si deve prendere atto di quanto affermato. Non è che quanto scritto nei verbali debba essere interpretato, altrimenti che verbali sarebbero?.

si discute un po’  ma alla fine la consigliera gava sconsolata cede.

Si vota il verbale 27:
maggioranza favorevole
Andreetta, Bressan, Capuzzo e Gava astenutii

Si passa al verbale 26 relarivo alla 2° variante al Piano degli Interventi

piano_interventila consigliera capuzzo fa presente che del suo intervento è stato omesso un passaggio fondamentale  e rivolgendosi al segreventi% «… io ho chiesto come si poneva rispetto alla legge sul consumo del suolo la variante al piano … lei mi ha risposto che eravamo agli inizi e che ci sarebbero probabilmente delle proroghe …e che la variante era valida in quanto antecedente … io ricordo di avervi letto la premessa presente nella pagina 1 del documento del sindaco e cioè cheIl Documento del Sindaco è un atto programmatico che delinea gli interventi e le realizzazioni che daranno vita al Piano degli Interventi in coerenza con il P.A.T. Questo documento rappresenta l’avvio del processo di formazione della 2^variante al Piano degli Interventi.”  … io questo ho letto e  ribadisco che il  documento del sindaco è stato presentato dopo l’approvazione della legge sul consumo del suolo … io voglio che sia riportato quello che ho letto dal documento del sindaco … lo dite voi che la variante inizia con tale documento … » …
… inizia una discussione tra la capuzzo e il segreventi%

il segreventi% si arrampica sugli specchi, non è la prima volta che lo fa e non sarà l’ultima, tentando di far passare il concetto che l’avviso pubblico fatto a dicembre del 2015 sia prodromo alla variante e che conseguentemente la variante era in itstop5inere prima dell’approvazione, avvenuta a giugno 2017, della legge regionale sul consumo del suolo, cosa assolutamente non vera e smentita tra l’altro proprio dal documento del sindaco presentato in consiglio comunale il 27 luglio 2017 in cui si dice che l’iter della variante inizia con questo documento. Ma davvero ci vuol prendere in giro? Non dovrebbe essere il garante della legittimità degli atti? Perchè non lascia che sia il sindacotto o qualcuno dei suoi a levarsi le “castagne dal fuoco” e magari fare “carte false”?  Siamo costretti per l’ennesima volta a ricordargli che è pagato dall’intera comunità di gaiarine e non solo da una parte di essa.

… alla fine il verbale viene modificato riportando quando detto dalla consigliera capuzzo

Si vota il verbale 26:
maggioranza favorevole
Capuzzo e Gava favorevoli
Andreetta e Bressan astenuti

… il sindacotto chiede se ci sono richieste di integrazioni sugli altri verbali, avendo avuto risposta negativa propone di votarli tutti assieme …  la proposta viene accettata …

prende la parola il consigliere andreetta «… posso dire qualcosa? … cercherò di non essere odioso … la verbalizzazione continua ad essere un problema … insisto per la registrazione delle sedute… è poco simpatico puntualizzare a distanza di tempo … pur apprezzando la buona volontà del segretario, a distanza di tempo, la lettura della sintesi verbalizzata può far emergere un senso diverso … mi astengo … »

 Si vota dal verbale 25 al 19:
maggioranza favorevole
Andreetta, Bressan, Capuzzo e Gava astenuti

3. Revisione straordinaria delle partecipazioni ex art. 24, d. lgs. 19 agosto 2016 n. 175, come modificato dal decreto legislativo 16 giugno 2017, n. 100. ricognizione partecipazioni possedute;

… illustra il segreventi% …  «…abbiamo due partecipate piave servizi e il gal che è già stato posto in liquidazione e cesserà a fine anno … la piave servizi gestisce un servizio essenziale … è ben condotto … l’acqua è un bene comune e quindi l’orientamento è quello di mantenerla pubblica … non c’è la volontà di alienare la partecipazione … la legge iacquampone di verificare solo le partecipazioni societarie … e noi abbiamo solo queste due … »
… la consigliera capuzzo «… voterò a favore … condivido le strategie per mantenere l’acqua bene pubblico … chiedo però all’amministrazione di far valere la sua presenza ed di incidere nella gestione, chiedo maggior impegno nel vigilare … » … il sindacotto «… voglio precisare che il delegato è il vicesindaco fellet … che non è mai mancato a nessuna riunione o assemblea … » … interviene fellet precisando che le deliberazioni in piave servizi vengono prese a maggioranza dei presenti … e con il principio di una testa un voto …
… la capuzzo evidenzia che se vale il principio di una testa un voto ancor di più è il peso del comune all’interno dell’assemblea … quindi si può davvero incidere sulle decisioni

un conto è la presenza altra cosa è portare istanze, difendere gli interessi dei propri cittadini o portare nuove soluzioni, e qui viene in mente la conferenzadormivo di servizi provvisoria per il pirogassificatore tenutasi a venezia nel giugno del 2015… si è vero che fellet era presente ma dai verbali di quella conferenza sappiamo anche in che modo lui abbia difeso il comune di gaiarine da quel megaimpianto: facendo pressoché scena muta e non presentando nessuna controindicazione. Ma poi viene in mente anche “l’affare bidoni dei rifiuti” che i commercianti di gaiarine, come quelli di altri comuni, sono stati costretti a pagare anche per degli anni precedenti, perchè SAVNO era a caccia si soldi. Viene da chiedersi chi sia il rappresentante del comune in ambito cit, per caso ancora fellet? (non ne siamo sicuri, ma normalmente il comune viene rappresentato o dal sindaco o dall’assessore all’ambiente e fellet è assessore all’ambiente ).Qualunque sia il rappresentante del comune ”l’affare bidoni rifiuti” è una di quelle vicende che ha dell’inverosimile, e che mette in evidenza, questo vale anche per altri comuni, come non sia sufficiente bidoneessere presenti alle assemblee e votare sempre a favore di quanto proposto alzando la fantomatica “manina”.  Non è così che si amministra. Bisognerebbe andare alle assemblee preparati e sapendo riconoscere se si sta per votare qualcosa che sarà a favore o contro i propri cittadini, ed avere anche il coraggio di votare in modo difforme dagli altri. Poi bisognerebbe avere anche qualche idea, ma questo è forse pretendere troppo. In ogni caso ha sicuramente ragione la consigliera capuzzo quando chiede maggior impegno e vigilanza.

il consigliere andreetta fa presente «… che le tariffe sono a scaglioni e penalizzano le famiglie più numerose … per fare un esempio io che ho una famiglia numerosa consumo di più e pago sulla tariffa più alta … chiedo al vicesindaco di farsi promotore della cosa … voterò a favore con le stesse motivazioni della capuzzo… e con lo stesso auspicio che la nostra presenza sia vigilante … »
fellet
dichiara  che porterà lquesta istanza in assemblea

 Si vota:
all’unanimità

4. Ratifica delibera di giunta comunale n. 89 dell’1.08.2017 avente ad oggetto “variazione urgente al bilancio di previsione 2017/2019 ai sensi dell’art. 175, comma 4, del d. lgs. 267/2000. variazione di peg 2017 – variazione del piano degli investimenti 2017”;

… l’assessore de zan illustra le variazioni di bilancio che sono relative al monumento di albina, alla pista ciclo pedonale sempre di albina e alla manutenzione staordinaria di piazza san tommaso

il consigliere bressan contesta il costo previsto per la sistemazione del moAlbina Piazzola Monumento-da tra anni vuota_1numento e fa presente che il 3 ottobre i cittadini di albina vedranno il progetto … il sindacotto dice che spera che il lavoro sia terminato entro il 4 novembrebressan chiede quale sia l’intervento nella piazza san tommaso … il sindacotto chiarisce che verrà, guardando la chiesa, rifatta l’intera parte sinistra … bressan annunciando il suo voto contrario essendo variazioni di un bilancio che non ha approvato, vede con soddisfazione un cambiamento di rotta del revisore dei conti, che si fa adesso relazionare, dopo essere stato sollecitato più volte a farlo, dagli uffici in forma scritta…
andreetta chiede cosa succederà all’albero presente nella parte sinistra di piazza san tommaso … Il sindacotto spiega che viene rifatta solo la pavimentazione e che tutto il resto rimarrà invariato … andreetta dichiara il suo voto di astensione …
prende la parola la consigliera capuzzo dichiarando il suo voto contrario in quanto anche lei non aveva approvato il bilancio di previsione … continua dicendo che i soldi per il monumento di albina secondo lei sono troppi … ma che è curiosa di vedere il progetto … sperando che questa volta il monumento venga effettivamente rifatto … relativamente alla piazza consiglia di valutare tutto ciò che è necessario fare affinché l’intervento di manutenzione straordinaria sia risolutivo …
… la consigliera gava si dice contenta che finalmente venga sistemato il monumento di albina e dichiara il suo voto di astensione.

Si vota:
maggioranza favorevole
Bressan e Capuzzo contrari
Andreetta e Gava astenuti

5. Approvazione modifica al regolamento comunale per il funzionamento della commissione mensa scolastica.

illustra l’assessore venturin facendo presente che si è deciso di modificare questo regolamento allungando il mandato dei componenti la commissione mensa da un anno a due anni …
… prende la parola la consigliera capuzzo dichiarando il suo voto favorevole ma chiedendo se è possibile far verificare la qualità del servizio … valutare gli sprechi e garantire che la qualità dei prodotti sia la più elevata possibile … e se è possibile privilegiare i prodotti a km 0mennse biologiche e biologici … il sindacotto afferma che i controlli vengono fatti spesso e cede la parola alla  venturin … che fa presente come i controlli verranno eseguiti tra una quindicina di giorni essendo adesso l’attività scolastica appena iniziata … evidenzia come la responsabile esegua spesso i controlli  sulla qualità delle materie prime ed come sia  molta attenta agli sprechi …
andreetta interviene chiedendo per quale motivo non si permette ad un componente la commissione di essere rieletto … e perché il rinnovo dei membri la commissione non avvenga ogni tre anni, come avviene per i membri del consiglio di istituto?…
… risponde la venturin dicendo che la scelta della non rieleggibilità è stata presa per fare in modo di avere un continuo ricambio, per  non avere come membri della commissione sempre gli stessi genitori e gli stessi insegnanti … per quando riguarda la durata del mandato, due anni sembrano la cosa giusta ….
andreetta ricorda che l’anno prima alla approvazione di questo regolamento lui non era presente ma è convinto … «… come accade spesso anche in quel caso era necessario approvare un regolamento … e quel regolamento è stato catapultato nella scuola senza coinvolgimento dei consiglieri comunali e escludendo persino gli organi collegiali della scuola …  ora si porta questa modifica perché la durata del mandato di un anno era una follia … io mi asterrò … sono stanco di chiedere un coinvolgimento in cose sulle quali è possibile invece trovare degli accordi …»

 Si vota:
maggioranza favorevole
Bressan,e Capuzzo, e Gava favorevoli
Andreetta astenuto

Si chiude, dopo circa un’ora e mezza, questo consiglio frequentato come sempre da pochissime persone …
e tutti al bar

Condivi
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Consiglio Comunale 27 luglio 2017: La Cronaca

Immagine

Premessa.

Vogliamo chiarire ccronistahe questo servizio, la cronaca dei Consigli Comunali, che facciamo per i cittadini di gaiarine che si trovano nel comune o fuori di esso, magari in giro per il mondo, è un servizio che ci costa impegno e che cerchiamo di fare, e l’abbiamo fatto, al meglio delle nostre possibilità, raccontando quanto accade in consiglio comunale.

Raccontiamo “la verità dei fatti” e non quella che si vorrebbe far credere o non credere, tramite i verbali stesi dai vari segretari, che si sono succeduti, omettendo o mettendo quello che è più consono all’immagine dell’amministrazione.

L’abbiamo ricordato più volte: i segretari sono pagati dall’intera comunità di gaiarine, e perciò dovrebbero difendere i diritti di tutti i consiglieri siano essi di maggioranza o di minoranza, e quindi riportare, o cercare di riportare fedelmente, gli interventi e gli “avvenimenti”.

Raccontiamo “la verità dei fatti“ e non quello che vorrebbe far credere il sindaco, raccontando una miriade di frottole e gestendo il consiglio comunale come fosse una discussione da bar “quando te sarà sindaco tì, te farà …”

Naturalmente, scrivendo su un blog gestito da un gruppo di opposizione, la nostra, oltre a riportare la “verità dei fatti” è anche una cronaca politica che esprime quando e dove lo riteniamo opportuno e  necessario una “critica politica”.

Tale “critica politica”, non viene nascosta ai nostri lettori, ma viene evidenziata utilizzando un colore diverso del testo (questo colore), in modo che siano subito evidenti i nostri commenti “politici”

Noi non ci nascondiamo, e soprattutto non mescoliamo, come invece fa questa amministrazione, pubblico e privato, falsità e verità, potere e autorità.

Ci chiediamo quale possibilità abbiano i consiglieri di minoranza di far emergere la “verità dei fatti”, se essa viene falsificata e questa falsificazione viene accettata dalla maggioranza e poi verbalizzata?

Nessuna. Questa maggioranza molto spesso fa da contorno alle falsità e cosa ancor più grave non ha mai un sussulto di dignità. falsita

Ma è mai possibile che dopo quanto accaduto nel consiglio comunale del 30 maggio scorso nei confronti di una consigliera e da noi documentato in modo inequivocabile, i consiglieri di maggioranza siano rimasti imperterriti, come tante sfingi, a sentire un logorroico comunicato del sindacotto, che non potendosi giustificare di un atto istituzionalmente gravissimo se non chiedendo scusa, ha tramutato questa sua non volontà in un attacco personale?

E’ mai possibile che nessuno, nelle segrete stanze, abbia consigliato il sindacotto di chiudere la questione chiedendo scusa? In questo senso almeno le migrantes, a suo tempo, il coraggio di mandare a quel paese il sindacotto lo hanno trovato.

Questa maggioranza è stata capace, come tanti robottini telecomandati di votare no ad una mozione che chiedeva di rispettare un articolo del regolamento in vigore che regola il funzionamento del consiglio comunale.

Decisione illegittima che però è stata avvallata anche dal segretario. Illegittima dato che non si può votare contro l’applicazione di un articolo di un regolamento in vigore, determinando e giustificando così, a priori, possibili futuri comportanti non rispettosi proprio dell’articolo citato nella mozione.

Ma dove siamo arrivati?

Per persone come noi che ritengono che rappresentare le istituzioni anche locali sia tra le attività più nobili che un cittadino possa aspirare a fare, il lezzo che emana dalle “istituzioni gaiaranesi” è davvero insopportabile; c’é urgentemente necessità di aria fresca e pulita.

Entriamo in cronaca.

presenti (vedi qui)

 1. Comunicazioni.
… prende la parola il sindacotto che riferisce di aver ricevuto una lettera da germano perin vicepresidente di Uion Gaia FG con la richiesta di leggerla in consiglio comunale, cosa che il sindacotto fa …

si tratta di una lettera che chiarisce il ruolo di Union Gaia nella distribuzione, negli anni 2015 e 2016, dei pacchi natalizi alle persone anziane e diversamente abili, lettera necessaria dato che la consigliera gava, moglie del perin, era stata accusata nell’ormai “famossissimo desaparecidos” intervento della venturin (intervento che tutti hanno ma il cui contenuto non comparirà mai nei verbali del consiglio comunale) di aver favorito l’associazione del marito …

… nella lettera si fa presente che nel 2015 a causa di una legge regionale o nazionale (per chiarezza trattasi di deliberazione della Corte dei Conti) che proibisce ai comuni di elargire pacchi dono, venga contattata Union Gaia, che si fa carico dell’iniziativa ricevendo successivamente un contributo comunale …

in poche parole fatta la legge trovato l’inganno (questa volta a fin di bene) … ma comunque la lettera evidenzia come le accuse fatte dalla venturin alla gava siano semplicemente false, anzi se non ci fosse stata la disponibilità di Union Gaia ad accollarsi questa attività il comune non sarebbe stato in grado di fare questa opera di beneficenza

… la lettera continua mettendo in evidenza come anche nel 2016, pur non essendoci più la consigliera gava, a cui erano state tolte le deleghe al sociale, qualcuno del comune si sia rivolto nuovamente all’Union Gaia chiedendo la disponibilità ad accollarsi di nuovo l’onere della distribuzione …. Union Gaia addirittura ci rimette del suo comperando dei vestiti di Babbo Natale

chiarito, nopanettonen per bocca nostra, ma ufficialmente dall’Union Gaia come siano andate realmente le cose lasciamo al suo destino questa insanabile “guerra del panetton” sperando che non voli anche qualche “tecia“.

 

2. Interrogazioni presentata in data 10 luglio 2017 prot. n. 5543 dal consigliere comunale Graziella Gava del gruppo “Lega Nord-Liga Veneta” in merito  all’ampliamento servizio segretariato sociale.
… il sindacotto inizia leggendo le risposte alle domande poste nell’interrogazione … ma dal pubblico qualcuno fa presente che l’interpellanza andrebbe letta, perché altrimenti non si capisce di cosa si stia parlando … naturalmente il sindacotto si irrigidisce e se ne esce con una delle sue ormai celebri frasi “istituzionali” … «vutu venier qua tì … il prossimo colpo quando te sarà eletto te vien qua tì …» da un’altra parte del pubblico si alza un’altra voce …«vegne mì il prossimo colpo … » …  ma costui viene zittito immediatamente

avevamo già fatto presente, nelle nostre cronache, come il regolamento del consiglio comunale preveda che l’interrogazioni o le mozioni siano lette da chi le presenta, ma basta suggerire dei comportamenti “istituzionali” che il sindacotto fa esattamente il contrario a prescindere dal fatto che siano giusti o meno e così imperterrito non da la parola alla consigliera gava ma legge le domande e le risposte, parte che tralasciamo

… alla fine il sindacotto chiede alla gava se ha qualcosa da dire … la consigliera fa presente che sarebbe stato corretto leggere la premessa dell’interrogazione in modo da far capire a tutti di che cosa si trattasse … interviene la consigliera fracassi chiedendo la lettura … lettura che il sindacotto (bontà sua) alla fine concede …

senza entrare nel dettaglio cerchiamo di spiegarvi il perché dell’interrogazione della gava:
nel “famossissimo desaparecidos” discorso della venturin (intervento che tutti hanno ma il cui contenuto non comparirà mai nei verbali del consiglio comunale)  fatto nel consiglio comunale del 16/05/2017 la gava era stata accusata di aver con la sua presenza nell’ufficio impedito lo svolgersi regolare del servizio in carico all’assistente sociale e sempre nel consiglio comunale del 16/05/2017 il segreventi%, attuale responsabile del servizio sociale, aveva per 20 minuti blaterato su tutto quello che era stato fatto o ci si proponeva di fare dopo che la gava aveva “sgombrato” il campo, quindi la colpa dei giorni accumulati di ferie non godute e di tutti i disservizi erano da addebitarsi alla “sconsiderata” presenza della gava, si intuisce però, dalle risposte date dal sindacotto e da quanto fatto dall’amministrazione, che la verità non sia proprio questa … i problemi esistevano prima ed esistono anche dopo la parentesi gava, così almeno abbiamo capito noi.
… si innesca un batti e ribatti
sindacotto « dopo che la consigliera gava non è più … »
gava in tono ironico « le cose sono migliorate … »
sindacotto « dopo che l’assistente sociale … »
gava in tono ironico « lasciamo che lo dicano i cittadini … »receptionprova
… il sindacotto si avvia in una apoteosi della sua funzione di “telefono amico”«… porte sempre aperte tutti i giorni le sue … » … « dopo che la consigliera gava se ne andata l’assistente sociale ha potuto prendersi 15 giorni di ferie …»
la gava invita il segreventi% a verbalizzare l’intervento del sindacotto

3. Mozione presentata dai consiglieri di minoranza volta a garantire il rispetto
dell’art. 7 del regolamento del consiglio comunale.

il consigliere andreetta prende la parola facendo presente che i consiglieri di minoranza non hanno ricevuto l’interrogazione della consigliera gava e che forse quelli di maggioranza non hanno ricevuto la mozione delle minoranza, chiede pertanto che le interrogazioni e le mozioni vengano allegate ai documenti inerenti il consiglio ….
… il segreventi% prende atto di questa mancanza … e  si scusa
… il sindacotto invita la consigliera capuzzo a leggere la mozione
finalmente una cosa fatta come da regolamento
capuzzo legge la mozione che potete trovare qui
prende  la parola il sindacotto e legge il suo l’intervento
quello che abbiamo già definito essere un “logorroico” comunicato intriso di falsità, attacchi personali, ma andiamo per ordine ...
sindacotto«non corrisponde a verità … la ricostruzione fatta nella mozione »...
assolutamente falso, la ricostruzione fatta nella mozione è molto più blanda rispetto a fatti accaduti, se qualcuno vuole conoscere la “verità dei fatti” legga la nostra cronaca del 30 maggio
sindacotto … « mi è sembrato di capire che la consigliera capuzzo sia un revisore dei conti » … che tradotto significa “che si è spacciata per revisore del conto”
assolutamente falso in quanto la consigliera non ha mai detto di essere una revisore dei conti … «ma che nel lavoro che faceva prima “quando faceva revisione” » che tradotto per gli “ignoranti”  (per coloro che ignorano) significa semplicemente che faceva analisi di bilanci 
…. sindacotto« infastidito dell’atteggiamento … contro l’assessore de zan …. »
la verità: oltre che essere impreparata sulla specifica domanda, e questo può succedere a tutti, l’assessore de zan stava pensando ad altro e poiché la situazione era diventata imbarazzante il sindacotto ha cominciato ad alzare la voce per difendere la sua “protetta”. Di per se nulla di male, lo si potrebbe definire un atto di “misercordia”, ma dopo il botta e risposta che si è innescato, con la capuzzo, il sindacotto ha perso letteralmente le staffe, portato anche dalla sua incapacità di comprendere il ruolo che riveste quando si trova a presiedere il consiglio comunale. Se sente la necessità di proteggere il “suo protettimparzialeo assessore“, questa difesa non la può fare colpendo un altro consigliere, perché il suo ruolo deve essere super partes, che tradotto significa che deve essere imparziale. Ma forse questo è troppo difficile da comprendere.

…. sindacotto« non ho nessun disprezzo per la consigliera capuzzo … »
meglio se è così, però nessuno ha chiesto al sindacotto cosa pensa dei consiglieri, se li ritiene intelligenti o stupidi, o sono da disprezzare o da amare, gli si chiede solo, a prescindere da che giudizio personale lui abbia di loro, di rispettare il ruolo che essi hanno essendo stati liberamente eletti dai cittadini di gaiarine, se lui disprezza o non disporezza qualcuno questa  è una faccenda sua che non deve mescolare con il suo  ruolo istituzionale
potremmo proseguire in questo smontaggio delle sue affermazioni ma abbiamo anche noi voglia di fare un atto di misericordia.

la consigliera capuzzo definisce l’intervento del sindacotto allucinante, dichiara che non ha nessuna paura di affermare che non è una “revisore del conto”, affermazione da lei mai fatta, ma che ha fatto per 6 anni “revisione” (tradotto=analisi di bilanci)... ribadisce che bastava chiedere scusa, e che secondo il suo punto di vista come i consiglieri di minoranza cercano di venire preparati in consiglio comunale, preparata dovrebbe essere anche la responsabile del bilancio (leggi la de zan) , prosegue facendo presente che la domanda specifica riguardava 200.000 euro e non 10.000 euro …
… prosegue affermando che per lei la faccenda è chiusa e chiede che la prossima volta si faccia venire in consiglio la funzionaria responsabile del bilancio
… prende la parola il consigliere andreetta« non capisco come non si renda conto di 93 Un mondo capovoltoquello che ha detto … ha sostanzialmente rovesciato il mondo…», continua dicendo che se in consiglio comunale non devono emergere le competenze tanto vale rimanere a casa, non essere neppure convocati … «… la maggioranza è mai andata a leggere cos’è un consiglio comunale? … lei continua a non considerare i consiglieri comunali come rappresentanti dei cittadini …» …continua dicendo che se il sindacotto pretende che venga considerato in buona fede il suo operato nello stesso modo dovrebbe essere considerato anche l’operato dei consiglieri comunali e fa presente come invece l’impegno  profuso dai consiglieri di minoranza nell’espletare il loro mandato venga sempre  mortificato …. lo invita a riflettere …« …le competenze non possono essere considerate una colpa … anch’io qualche volta posso aver detto delle cose non giuste … ma la miglior risposta che voi potete dare è leggere le carte … dare delle risposte nel merito … fare “politica” »
averle le competenze e poi quando mai quelli della maggioranza si leggono le “carte”, molte volte guardando le loro facce si capisce che non sanno di cosa si stia parlando in consiglio comunale

prende la parola la consigliera fracassi mettendo in evidenza come la mozione sia stata firmata da tutti i consiglieri di minoranza e che naturalmente esprime tutta la sua solidarietà alla consigliera capuzzo che non …« ha mai affermato di essere unblack_holea “revisore del conto” … e sull’episodio dobbiamo attenerci ai nostri ricordi perché il verbale sull’episodio nulla dice … un buco temporale » prosegue affermando che tutti hanno la propria forma mentis dovuta alle proprie esperienze professionali e quindi ognuno si pone di fronte ai problemi secondo il proprio percorso personale e se poi d’altra parte .. non c’è un contraltare all’altezza …» la colpa non è di che fa le domande e sul fatto che gli uffici siano aperti anche 24 ore su 24 (cosa l’altro non vera) non centra nulla perché questa è la sede in cui si chiedono, agli assessori di competenza, delucidazioni sulle delibere e quant’altro …« … se poi non sono in grado per qualsiasi motivo di rispondere … si portino in consiglio comunale i responsabili d’area »
Si vota:

maggioranza favorevole
Andreetta, Capuzzo, Daniel, Gava, Fracassi contrari

 4. Approvazione verbali seduta del 16 maggio 2017 (dal n. 2 al n. 7).
prende la parola la consigliera gava chiedendo la votazione per singolo verbale … e così si procede
Verbale n. 2: si tratta dell’ormai “famossissimo desaparecidos” intervento della venturin (intervento che tutti hanno ma il cui contenuto non comparirà mai nei verbali del consiglio comunale)
..
. la consigliera gava chiede alla venturin come mai quel documento letto in consiglio comunale sia diventato un documento privato … e perché se lo tenga tanto “stretto” .. la venturin risponde dicendo che non si tiene nulla ” stretto” ma che, una volta letto, quel pezzo di carta lo ha buttato via ….
bugia, bugia, e questo lo si capisce dal tono della sua voce  e dalla espressione del suo viso … guai se per caso quel documento ricomparisse sarebbero davvero guai … sarebbe la dimostrazione che si è mentito in consiglio comunale … ma finché la prova non ricompare queste sono solo nostre illazioni  o no?
… la gava insiste dicendo che la verbalizzazione di quel documento avrebbe fatto cambiare in senso di quello che la venturin ha detto e chiede perché non sia stato verbalizzato…
il segreventi% ribadisce che la sua penna ha scritto solo quello che lui ha sentito e che lui ha un limite fisico nello scrivere…
bugia, bugia, non lo si capisce dal tono della voce e dalla espressione del suo viso, ma dal ruolo che ha assunto, facendo finta di essere super partes, ma in effetti “lavorando” solo per l’amministrazione ma finché la prova non ricompare queste sono solo nostre illazioni o no?
nasce un battibecco tra la gava che insiste nel dire che tante parti dell’intervento della venturin non sono state verbalizzate e il segreventi% che giustifica il suo operato …
la gava invita la venturin a consegnare quel documento, non credendo che l’abbia buttato, e comunque ritiene che si debba vergognare per quanto detto poichè ha offeso …« …me, la mia famiglia e il mio lavoro … stiamo attendendo scuse che non arriveranno mai …»
Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Daniel, Gava, contrari
Capuzzo, Fracassi astenute perché assenti al consiglio in questione

Verbale n. 3: andreetta chiede la registrazione delle sedute consiliari
Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Daniel, Gava,favorevoli
Capuzzo, Fracassi astenute perché assenti al consiglio in questione

Verbale n. 4: andreetta chiede la registrazione delle sedute consiliari
Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Daniel, Gava,favorevoli
Capuzzo, Fracassi astenute perché assenti al consiglio in questione

 Verbale n. 5: andreetta chiede la registrazione delle sedute consiliari
Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Daniel, Gava,favorevoli
Capuzzo, Fracassi astenute perché assenti al consiglio in questione

Verbale n. 6: andreetta chiede la registrazione delle sedute consiliari
Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Daniel, Gava,favorevoli
Capuzzo, Fracassi astenute perché assenti al consiglio in questione

 Verbale n. 7: trattasi dell’interrogazione sulla bretella in merito alla “bretella” stradale alternativa al centro di Francenigo;
andreetta
fa presente che si è omessa una parte significativa del suo intervento, quella in cui faceva riferimento al fatto che si poteva procedere alla realizzazione della bretella per stralci e che uno stralcio sarebbe costato meno della seconda palestverbalira
vi riproponiamo la parte dell’intervento di cui chiede l’integrazione riprendendola integralmente dalla nostra cronaca del 16/05/2017
“.. andreetta chiede che cosa impedisce di sistemare l’ultimo tratto quello in prossimità del cavalcavia di via palù …che risulta costare, lo dice il sindaco 950 mila euro, che poi sarebbero meno dei soldi spesi per la palestra”
quando si dice la “verità dei fatti”
Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Capuzzo, Daniel, Gava, favorevoli
Fracassi astenuta perché assente al consiglio in questione

5. Approvazione verbali seduta del 30 maggio 2017 (dal n. 16 al n. 18);
Verbale n. 16

Si vota:
all’unanimità favorevoli

Verbale n. 17
Si vota:
all’unanimità favorevoli

Verbale n. 18
… la consigliera capuzzo, dato che nel verbale non compare nulla (ma si sa che ci sono limiti fisici nello scrivere …) di quanto fatto e detto dal sindacotto nei suoi confronti, gesti e parole che hanno portato le minoranze a stendere la mozione discussa al punto 3 di questo consiglio comunale, chiede l’integrazione del verbale rifacendo la cronistoria esatta e veritiera degli avvenimenti accaduti
Si vota:
accade un fatto strano… alla richiesta del sindacotto …« favorevoli », l’assessore presotto unico tra la maggioranza alza la mano, poi accortosi che i suoi “compagni di cordata”, non la pensavano come lui velocemente la ritira
chissà se il suo può essere ritenuto, per un attimo infinitesimale, un atto “di verità”, di “giustizia” e di “solidarietà” verso la capuzzo o una consapevole dimostrazione di una volontà contraria alla posizione imposta dal sindacotto, oppure un semplice e mero errore dovuto magari a disattenzione? … chissà

maggioranza favorevole
Andreetta, Capuzzo, Fracassi, Daniel, Gava contrari

FALSE. Seal and imprintN.B. naturalmente, visto l’esito della votazione il verbale non verrà integrato con la “verità dei fatti”, quindi la “verità dei fatti ” è che hanno “istituzionalizzato la falsità”


6. Bilancio di previsione 2017/2019. salvaguardia degli equilibri (art. 193 tuel) e variazione di assestamento generale (art. 175, comma 8, tuel). approvazione.
l’assessore de zan legge la delibera …
… ci sono alcune domande di andreetta e della fracassi su alcune cifre spostate da un capitolo all’altro
… poi per dichiarazione di voto prende la parola andreetta facendo la cronistoria della sua disavventura giudiziaria, la denuncia penale fatta nei suoi confronti dai fratelli gazzola (serre e piro) per notizie e frasi dette durante l’espletamento della funzione di consigliere comunale, vicenda conclusasi con l’archiviazione (non poteva essere altrimenti) … e poiché nell’assestamento di bilancio in approvazione sono comprese anche le spese legali, che la legge dice essere a capo dell’ente pubblico nel caso in cui il consigliere venga assolto, dichiara il suo voto di astensione … ringrazia il sindaco, la maggioranza per la solidarietà ricevuta e chiede però che venga avviata una rivalsa economica nei confronto dei gazzola, perchè non può essere che la comunità di gaiarine ci rimetta dei soldi per un atto intimidatorio
… risponde il segreventi% dicendo che il recupero, per via delle norme in vigore, è molto difficile, bisognerebbe dimostrare la calunnia … poi bisognerà anche vedere, essendo il comune  assicurato, se l’assicurazione ritornerà la somma spesa … che comunque sarà sentenza-federcontribuenti-3fatto tutto il possibile per recuperare il denaro sborsato … in ogni caso ...« alla fine la giustizia ha trionfato … »
… la consigliera fracassi fa presente che sarà molto difficile recuperare i denari, l’unico modo è fare una contro querela …
Si vota:
maggioranza favorevole
Capuzzo, Fracassi contrarie
Andreetta, Daniel, Gava,astenuti

7. Presentazione del documento unico di programmazione (dup) 2017/2020.
illustra la de zan
… vengono fatte domande e si disquisisce sul fatto che nel DUP … si parla di consolidato e delle relative partecipate … la de zan evidenzia che l’unica partecipata del comune è Piave Servizi S.r.l. il Servizio Idrico Integrato con una quota del 2%
… il segreventi% fa uno dei suoi panegirici … fino a poco tempo fa tutti i comuni esternalizzavano molti servizi creando società partecipate che li gestivano, era un modo per esternalizzare anche i debiti che andavano in capo alle partecipate e non più sui bilanci dei comuni, oggi non è più così … oggi bisogna liberarsi delle partecipate non strategiche… in capo alle partecipate erano finite la gestione di aree urbanizzate, farmacie, aziende di trasporto (vedi ATAC), chi non esternalizzava era considerato un cretino … qualche comune ha istituito delle fondazioni per gestire il “sociale” e questa forse è l’unica cosa giusta anche se in passivo …. il prossimo decennio sarà il decennio dell’acqua acqua_pubblica… cosa potrà valere una società dell’acqua con i tubi che non hanno buchi? … è giusto che l’acqua rimanga pubblica … nel comune di gaiarine tutto è gestito bene …
… prende la parola andreetta chiedendosi e chiedendo …« … quale sia l’utile delle partecipate se non le bollette pagate dai cittadini … ma sarebbe un discorso lungo...» … continua dicendo che su questo DUP non ha quasi nulla da dire nel senso che è un “nulla” … prosegue mettendo in evidenza come il documento rappresenti l’impianto amministrativo della maggioranza, cioè quello che l’amministrazione pensa di fare, un documento dove si scrivono tante belle parole ma la concretezza è altra cosa come spesso accade con questa amministrazione, pertanto darà un voto contrario
Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Capuzzo, Fracassi contrarie
Daniel, Gava,astenute

8. 2° variante al piano degli investimenti (p.i.) – illustrazione del “documento del sindaco” ai sensi dell’art. 18, comma 1, della l.r. n. 11 del 23.04.2004.

il sindacotto legge la delibera poi lascia la parola all’assessore al urbanistica fellet … che  mette in evidenza come dopo l’approvazione del PAT (piano di assetto del territorio) il PRG abbia assunto valore di piano degli interventi per le sole parti compatibili. .. il vero piano degli interventi è quello che si andrà a stendere e che inizia l’iter con il documento del sindaco … e conseguentemente all’avviso pubblico del 3 dicembre 2015 con il quale sono stati invitati i cittadini a presentare richieste e/o esprimere i propri bisogni per un possibile recepimento nella variante … riassume i punti …. …
« … questo piano non riguarda nuove previsioni … anche perché recentemente è stata approvata in regione una nuova legge urbanistica che dice “dovete recuperare tutto quello che c’è per salvaguardare il territorio” … quindi non ulteriore consumo di suolo … »
… « … urbanizzazione consolidata sarà quella che è già nel PAT… »
… « … andrà regolamentato ulteriormente il territorio aperto … »
… « … andranno individuati i servizi e le infrastrutture se necessari … »
… « … si aggiornerà la cartografia e la normativa se ci saranno variazioni … »
… « … eventuali accordi pubblici privati … e crediti edilizi …»
… « … su questo è stato steso il documento del sindaco ... »

… la consigliera capuzzo vorrebbe porre delle domande … le viene detto che questa (come prevede la legge regionale) è solo una illustrazione e che non sono previsti nè interventi nè votazione … lei insiste e alla fine le viene concesso di porre delle domande …
…« … questa variante fa riferimento alla nuova legge sul consumo del suolo … all’articolo 13 dispone che entro il 25 agosto vi sia la predisposizione dell’urbanizzazione consolidata da inviare in regione approvata dalla giunta o dal consiglio comunale … volevo sapere a che punto siete e se sarà la giunta ad approvare “la città consolidata” ..

interviene il vero capo politico di questa amministrazione cioè il segreventi% che spiega come si stiano facendo dei corsi per capire cosa fare dato che assieme alla nuova legge è stata predisposta dalla regione una scheda che non è semplice …. pensa anche che si sarà una proroga perché gli uffici non saranno pronti … poi si avventura nella spiegazione dei massimi sistemi della pianificazione urbanistica dicendo che capisce che nessuno vuole più costruire … molti hanno chiesto che gli vengano tolte le aree edificabili … però non dobbiamo arrivare all’assurdo che non si possa fare nulla …
… la consigliera capuzzo fa presente che il piano casa è stato salvato dalla nuova legge … … il segreventi% concorda … ma insiste nella sua visione pianificatoria dicendo che lui ha sempre visto che se c’è troppo rigore le cose vengono cambiate in corsa … ritiene anche che per l’edilizia non si tornerà più agli anni scorsi e che l’edilizia non sarà più determinante per i comuni come in passato … se si porta in consiglio la schedatura (l’urbanizzazione consolidata o città consolidata) è come fosse una pianificazione se invece l’approva la giunta potrebbe essere come fosse un PUA (Piano urbanistico attuativo) …. e bla bla …
la regione chiede semplicemente a fronte della nuova legge sul consumo di suolo che i comuni dichiarino (con invio della scheda in regione) qual’è l’urbanizzazione consolidata che per i non addetti ai lavori vuol dire dichiarare quanto territorio é urbanizzazione-cementificazioneoccupato dal “cemento” sia esso ad uso residenziale, industriale, commerciale, ecc.. La regione chiede quindi semplicemente una “fotografia” dello stato di fatto dell’urbanizzazione. Questa “fotografia” il comune la deve fare come se lo “scatto” fosse stato eseguito il giorno dell’entrata in vigore delle legge regionale cioè il 6 giugno 2017, quindi una situazione reale e non truccata a quella data. Se quella “fotografia” fosse manipolata in qualche modo per far passare aree che ora sono agricole come fossero p.es. aree industriali già in qualche modo consolidate o in via di consolidamento ci si troverebbe di fronte ad un falso in atto pubblico con tutte le conseguenze del caso
… la consigliera capuzzo auspica che la “schedatura “venga approvata dal consiglio comunale ma se sarà la giunta ad approvarla questa schedatura, come esplicitato bene nella legge, deve essere solo ricognitiva in quanto la giunta non ha poteri pianificatori e la schedatura deve corrispondere allo stato di fatto, non può essere allargata, in quanto definirà il perimetro entro il quale successivamente ci si muoverà per adeguarsi alla legge sul consumo del suolo …
… interviene fellet affermando che non si potrà fare quello che si vorrà
… la consigliera capuzzo chiede, ...« … dato che la legge dice che sono fatti salvi i procedimenti in corso, i PUA, gli accordi pubblico/privato, e gli accordi di programmi vorrei sapere se ci sono procedimenti di questo tipo in corso … »
… ci sono una serie di tentennamenti, si parla di un PUA a francenigo (quale, come, a fronte di quale atto pubblico?) di salvaguardia, si dice che in giro dopo l’arrivo della legge sul consumo del suolo si è bloccato tutto…
… allora la consigliera capuzzo dice …« ... anche questa variante non si doveva fare … » e qui pronti sia il  segreventi% che fellet a dire che questa variante è iniziata a dicembre del 2015 con l’avviso pubblico
e qui casca l’asino: ci vogliono far credere che un avviso pubblico per chiedere se ci sono delle esigenze da parte di cittadini sia l’inizio dell’iter della variante al piano degli interventi, iter del Piano degli interventiche o sua variante che la legge regionale chiaramente stabilisce iniziare con la presentazione del documento del sindaco, punto.
… pronta la consigliera capuzzo legge la premessa del “documento del sindaco” poco prima presentato che testualmente recita Questo documento rappresenta l’avvio del processo di formazione della 2^variante al Piano degli Interventi”, e dice « … lo dite voi che la variante inizia con questo documento”… »

si riscontra un certo imbarazzo, sembrano caduti dal pero ma non è così è tutto concertato e sono pronti a fare carte false per accontentare qualcuno che sta comprando terra agricola a man bassa, ma chi firmerà le regolarità tecniche degli atti della schedatura da inviare in regione e gli atti conseguenti a questa variante dovrà essere sicuro di fare tutte le cose a norma di legge, come sicuri di fare le cose a norme di legge dovranno essere anche i “robotini” quando tutti assieme alzeranno le “manine”

sindacotto« … faremo a norma di legge … »
staremo proprio a vedere
per adesso prendiamo nota che il segreventi% non ha riportato nel verbale di questo punto, verbale che potete già trovare all’albo pretorio del comune, il passaggio relativo alla lettura della consigliera capuzzo della premessa del documento del sindaco, quella parte qui evidenziata in giallo e che riscriviamo Questo documento rappresenta l’avvio del processo di formazione della 2^variante al Piano degli Interventi”…. ma si sa che la mano del segreventi% ha dei limiti fisici
… si scaldano gli animi con l’intervento del consigliere andreetta che fa presente che sempre in questo documento si dice …« …coinvolgendo, sin dall’inizio, cittadini, gli enti pubblici … » il sindacotto non vuole lasciarlo parlare alla fine però andreetta la spunta
…« … tutto quello detto anche dal segretario mi fa pensare che alla fine sono tutte cose relative … ma si .. ma no .. legge … no legge consolidato .. penso che il diavolo sia nei dettagli …noi siamo dei subumani (intende i consiglieri) dei sub cittadini … si usano belle parole come “riqualificazione” e poi c’è l’espansione della ditta corazza … non c’è quella attenzione a voler concretizzare quello che è scritto nei documenti … poi si va in deroga …»
sindacotto …« … a norma di legge ... »
… dal pubblico …« … ricordemose che la natura non fa sconti, però... »
sindacotto …« … quando te deventerà sindaco tì té farà quel che té vol … »
… dal pubblico …« … non c’entra nient … »
sindacotto « … a norma di legge … »

9. Approvazione del regolamento per la disciplina degli impianti alimentati a biomassa – biogas – digestati
il sindacotto legge la delibera e si da per letto il regolamento …
… interviene la consigliera capuzzo affermando che al di là dello stupore di trovarsi nell’ordine del giorno del consiglio comunale questo regolamento il suo gruppo è
…« … favorevole alla sua approvazione … e per calarlo sulla realtà di gaiarine … proponiamo alcune lievi modifiche … e colgo l’occasione per dire che siamo convinti che sia urgentissimo anche il regolamento di polizia rurale … »
… la consigliera inizia ad illustrare le modifiche che vengono tutte accettate e che sintetizziamo di seguito
Art. 5 punto 3. aggiungere la parola minima
,dovrà essere mantenuta una distanza minima di 500 metri
Art . 5
La distanza minima delle abitazioni e dei terreni edificabili non va rispettata nel caso che questi siano di proprietà del richiedente l’istallazione dell’impianto o nel caso in cui venga rilasciata dai i confinanti residenti da tutti i proprietari di fabbricati che si trovano all’interno della distanza minima (500 mt) un’apposita autorizzazione ad edificandi e appositamente registrata alla Conservatoria dei Registri Immobiliari a realizzare l’impianto a distanza inferiore a quanto previsto dal presente regolamento.
Art . 5 aggiungere in fondo un comma
In caso di azienda agricola, oltre a quanto sopraindicato, la filiera corta si concretizza elusivamente qualora la biomassa provenga da terreni di proprietà dell’azienda stessa
Art. 6
E’ escluso l’ampliamento di quelli esistenti o l’istallazione di nuovi impianti ed infrastrutture funzionali alla produzione di energia rinnovabile, proveniente da biomasse, biogas, digestati, (e loro manufatti costituenti), nelle seguenti aree:
Art. 6 punto C.
  Nuova_1 c. aree SIC o ZPS appartenenti a Rete Natura 2000 e aree limitrofe a queste per una distanza di 1.000 mt.
… prende la parola il consigliere andreetta chiedendo se i 500 metri di distanza dalle case valga anche aldilà del confine comunale … gli viene detto di no in quanto essendo un regolamento comunale può normare solo all’interno del confine amministrativo del comune … chiede allora …« … come mai tutta questa urgenza … questo fulmine a ciel sereno … attendevamo quello di polizia rurale e invece arriva questo … »
… il sindacotto …« … ho avuto già un problema con un pirogassificatore … e prima che vengano altre storie è meglio …  »
andreetta« si è svegliato una mattina … »
sindacotto in tono scherzoso …« … proprio mi sono svegliato una mattina … »
andreetta fa presente che dopo un anno di lavoro insieme sul pirogassificatore si poteva fare una cosa fatta bene
… prende la parola la consigliera fracassi dicendo che il consigliere andreetta le ha tolto le parole di bocca in quanto anche lei si è chiesta quale urgenza ci fosse per portare in consiglio comunale un regolamento senza coinvolgere nessuno … prosegue dicendo che il suo gruppo condivide le premesse presenti in delibera e la salvaguardia del territorio e della salute ma chiede se sono stati vagliati gli aspetti legali, sentenze del tar, ecc.
… risponde il sindacotto …« …sono stati vagliati da un legale … »
… la fracassi insiste e chiede se c’è l’intenzione di mantenere il regolamento così com’è e di andarlo ad approvare senza prima averlo discusso in conferenza dei capogruppi …
… le viene risposto che il regolamento si andrà ad approvare così com’è … e allora la consigliera afferma che il suo voto sarà di astensione in quanto pur condividendo lo spirito del regolamento lo ritiene viziato di illegittimità …
… il consigliere andeetta si dichiara esterrefatto e dice di non capire come si voglia distruggere quel po’ di collaborazione creatasi intorno al pirogassificatore … e che questa cosa poteva essere fatta insieme anche perché le competenze acquisite nell’ultimo anno a gaiarine sono state richieste da altri … continua mettendo in evidenza come il regolamento sia un copia incolla di quello di orsago che identico a quello di carceri e bla bla… e che non parteciperà al votazione …
davvero un discorso che è fine a se stesso, senza senso e che dimostra che neppure lui abbia letto bene il regolamento proposto, non ne ha capito alcuni passaggi e modifiche.
gli brucia non essere stato coinvolto e questo è capibile e giustificabile, ma sa benissimo che questo è il comportamento “standard” di questa amministrazione, comportamento che naturalmente va biasimato.
Capit
o, però, che l’urgenza dell’approvazione del regolamento è dovuta al fatto che ci potrebbero essere a breve nel comune richieste di impianti a biomassa o biogas, c’è da chiedersi e deve essere chiesto ad andreetta , come alle altre minoranze che si sono astenute: se vale di più il proprio amor proprio e il fatto di essere come consigliere ancora una volta non considerato o cercare di evitare l’installazione di questi impianti nel territorio comunale?
Proprlogoneroio la competenza acquisita in quest’ultimo anno fa dire a tutti che questi impianti provocano danni alla salute, sono deleteri per il paesaggio e il territorio, e servono, tramite gli incentivi, a far guadagnare soldi solo a chi li gestisce, in poche parole sono impianti che privatizzano gli utili e socializzano i debiti, in questo caso i danni sociali.

Allora per una volta che l’amministrazione fa qualcosa in difesa dei propri cittadini, anche se, come al suo solito la fa male, non si poteva soprassedere, e mettere da parte un po’ di prosopopea e vanità?
… il segreventi% afferma che di fronte alla possibilità di avere una qualche richiesta di impianti quello che si sta facendo, non sarà il massimo, ma qualcosa sicuramente è …
… nasce un concitato dibattito tra la fracassi e  il sindacotto che porta, sfuggendoci la consequenzialità logica, il sindacotto a dire …« io so per informazioni che stanno arrivando profughi a francenigo …»
questo è un altro bel argomento che darà sicuramente spazio a cronache “stupefacenti”
… il sindacotto vorrebbe porre in votazione il punto … ma interviene la daniel chiedendo la parola … il sindacotto gliela concede scusandosi …
… la daniel prendendo la parola dichiara di essere d’accordo con lo scopo del regolamento e ritiene giusto regolamentare e disciplinare questa tipologia di impianti … afferma di capire anche l’urgenza ma non è possibile portare in consiglio un regolamento interamente copiato da altri comuni… nel dichiarare in voto di astensione del suo gruppo auspica che a breve il regolamento venga modificato e adeguato al comune di gaiarine
forse dimenticandosi delle modifiche apportate su richiesta della capuzzo

Si vota:
maggioranza favorevole
Capuzzo favorevole,
Fracassi, Daniel, Gava,astenute
Andreetta non partecipa al voto

Si chiude così questo consiglio comunale durato circa tre ore e che ha visto una discreta partecipazione di pubblico, forse una ventina di persone.
Un consiglio dalle molte sfaccettature e contraddizioni e che avrà sicuramente degli strascichi.
Davvero assurdo che un regolamento come quello sugli impianti a biomassa, dopo le note vicende del pirogassificatore, non sia stato votato all’unanimità. Senza pontificare ci viene da dire che qualche volta l’intelligenza va usata e non solo annebbiata.

E’ altrettanto assurdo il voler far credere che un piano degli interventi inizi con un generico avviso pubblico, quando invece nei documenti proposti, e anche per la legge regionale, l’iter inizia con il documento del sindaco. Potrebbe sembrare una questione di lana caprina o un dettaglio (come è stato detto) ma non è così, ci sono in gioco ettari e ettari di terreno agricolo pronti ad essere cementificati. Attention please.

Poi c’è la questione migranti, fatta nascere ufficialmente dal sindacotto. Ad arte? Per caso?

Sicuramente terrà calda l’estate e anche le “teste calde”.

Condivi
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Consiglio Comunale 30 maggio 2017: La Cronaca

Immagine

Premessa.
Un minuto di questo consiglio comunale sarebbe stato sufficiente ai cittadini di
gaiarine, se fossero stati presenti, per capire in modo incontrovertibile chi sia davvero il loro sindaco, chi sia davvero la persona che hanno eletto per governarli e rappresentarli.

Purtroppo per i cittadini di gaiarine ma per fortuna del sindacotto la sala era pressoché vuota e a parte i consiglieri solo pochissimi hanno potuto “godersi” questo “intenso minuto di vita istituzionale”. A voi non resta che affidarvi alla nostra cronaca.

In ogni caso non ci sono aggettivi sufficienti per descrivere la maleducazione, l’arroganza, l’inciviltà istituzionale del sindacotto espressa nei confronti di un consigliere, per di più donna.

E il fatto che sia stata una consigliera, e non un consigliere, il bersaglio di grida e urla, non è casuale.
 Lasciatecelo dire: è la dimostrazione che il maschilismo ancora regna nella testa di certi uomini, abituati forse ad avere atteggiamenti analoghi con la propria moglie o con le proprie dipendenti ritenendosi magari bravi mariti o bravi capitani di industria.
Il maschilismo in questa società resiste in vari ambiti, anche in quello istituzionale, anche nel consiglio comunal
e di gaiarine, e probabilmente anche nella testa di certe donne assuefatte ad essere trattate in un “certo” modo.
Speriamo non sia così per
le sei donne sedute in consiglio che non hanno avuto uno scatto di dimagesignità in difesa di una loro collega. Speriamo che non sia così e che  dimostrino la loro solidiarietà alla loro collega in qualche altro modo.  
E’ altresì vero, come andiamo da tempo dicendo, che a molti degli amministratori locali, manca il senso delle istituzioni, manca la capacità di distinguere i ruoli, molti di questi pensano che gestire la cosa pubblica sia come gestire la propria azienda.
L’essere seduti al centro di un e
miciclo, in rappresentanza di una comunità, avere il ruolo di presidente di quel consesso dovendone gestire anche il corretto svolgimento dei lavori, per molti di questi è come essere seduti dietro la scrivania “del padrone” e ai “padroni”, soprattutto in questo periodo di crisi economica e di crisi di lavoro, tutto viene concesso rafforzando il loro senso di potere e di incolumità.

entriamo in cronaca

la consigliera capuzzo ha comunicato che arriverà con qualche minuto di ritardo per il resto tutti presenti (vedi qui)

1. APPROVAZIONE VERBALI SEDUTA DEL 16 MAGGIO 2017 (DAL N. 8 AL N. 15);

interviene il consigliere Bressan chiedendo se i verbali mancanti (14 e 15) verranno portati nel prossimo consiglio comunale … gli viene risposto di si … afferma che quanto riportato nel verbale 13 non corrisponde a quanto da lui detto … fa presente che il “costo notevole” a cui lui si riferiva non riguardava solo i 15.000 euro di indennizzo a fabbro/santin ma soprattutto i 7.000 ritenuti troppo pochi per tutte le opere elencate che il comune dovrà fare a favore di fabbro/santin … continua contestando un altro passaggio di quel verbale e in particolare il fatto … che l’accordo non portato in consiglio comunale conteneva una scrittura privata nella quale si dichiarava che questa era vincolante per l’amministrazione solo dopo l’approvazione in consiglio comunale dell’accordo di programma con la provincia di treviso
entra la consigliera capuzzo
bressan continua … accordo mai approvato dal consiglio … mancando questo accordo di programma …. «… quindi la procedura era da considerarsi illegittima … se i verbali verranno modificati darò voto favorevole …».

prende la parola il consigliere andreetta dicendo che ha più di un’osservazione da fare …
… verbale n. 11 … «… sembra che io abbia fatto solo la solita battuta “la carta si lascia scrivere” non è così … » … attesta che nel suo intervento aveva messo in evidenza come anche se delle estumulazioni da eseguire nel cimitero di gaiarine si parlava da anni, soltanto a marzo del 2017 si siano spostati da un capitolo all’altro i soldi necessari per coprire la spesa … invece di stanziarli in fase di stesura del bilancio di previsione … continua chiarendo, sempre nel verbale 11, che non era stato lui ma bressan a richiamare il fatto che gli uffici dessero, in forma verbale piuttosto che per iscritto, al revisore le informazioni da lui richieste …

nel verbale 13 (incrocio via Benedetti/Mazzul) contesta il fatto che non compare nel verbale quanto da lui affermato e cioè … «… che le demolizioni si sono fatte in piena campagna elettorale … e che non ho detto che la cosa è fuori controllo perché si passa da 300.000 a 302.000 ma per le opere concordate con il privato … »
… nel verbale 14 (piazzetta) … «… confido nella registrazione …» prosegue dicendo che chi legge il verbale potrebbe sentire nelle sue parole del sarcasmo e potrà pensare che lui sia contrario«…a come andrà a finire e a chi sarà intitolata … non è così …» … chiarisce che se l’intitolazione sarà “quella” è pensabile che la gran parte della cittadinanza di francenigo Logo_2sarà favorevole … prosegue dicendo che invece non è riportato a verbale quanto da lui affermato e cioè che anche in questo caso le case erano state abbattute in tutta fretta in piena campagna elettorale … e che quindi la sua decisione di non partecipare al voto non manifestava una posizione contraria alla piazzetta ma una critica al modo di procedere dell’amministrazione… conclude dichiarando il suo voto favorevole se i verbali verranno modificati

prende la parola la consigliera gava dicendo che non capisce perché i verbali dei primi punti del consiglio precedente non siano stati portati in questo… avendo tra l’altro lei in mano il verbale del primo punto (relativo all’intervento dell’assessore venturin) che le è stato inviato dal segreventi% … continua dicendo che voleva ribattere a quanto scrittole dal segreventi% in merito alla sua richiesta di mettere a verbale in modo integrale l’intervento dell’assessore venturin
interviene il sindacotto «… non è all’ordine del giorno …» … e le consiglia di fare delle richieste scritte alle quali verranno date risposte …

la gava insiste richiedendo che a quel verbale venga allegato l’intervento completo della venturin … perché non può essere che alla sua richiesta le venga risposto dal segreventi%  che l’intervento è un documento privato …

… risponde il segreventi% dicendo che non essendogli stato consegnato l’intervento scritto evidentemente non lo può allegare … continua affermando che durante l’intervento della venturin non aveva capito una frase…
la gava ribatte 
«… ha tralasciato parecchio… »

… il segreventi% ribadisce che se un consigliere non gli consegna l’intervento scritto fa fede quello che lui ha scritto nel brogliaccio e qualsiasi consigliere può richiedere di integrare il verbale se ritiene che ci sia qualcosa da aggiungere e continua a ripetere che lui ha annotato in buona fede e che se gli  è  sfuggita una frase …
… interviene la consigliera fracassi dicendo «…se non aveva ca
pito una frase perché non ha chiesto di ripeterla ?…»
il segreventi% «… perché l’ho ritenuta insignificante …»

continua un batti e ribatti tra la gava, il segreventi% e il sindacotto il quale alla fine taglia corto e cerca di mettere ai voti il punto …
… i
nterviene la consigliera capuzzo chiedendo come mai la consigliera gava sia in possesso del verbale del primo punto del consiglio precedente, che non è in discussione in questo, le viene risposto … «… per una cortesia …»
il sindacotto ritenta di mettere ai voti il punto
i consiglieri bressan e andreetta chiedono su cosa si vota se sui verbali integrati con le loro osservazioni o quegli agli atti…
… il sindacotto «… quegli agli atti … perché sono giusti …»
… bressan «… allora lei sta dicendo che quello che abbiamo detto ora è falso?… »
si innesca una discussione tra i consiglieri e sindacotto che tenta di difendere la sua posizione (indifendibile) e poi una bassa voce tra lui e il segreventi% … che alla fine lo convince …
a mala voglia ed irritato il sindacotto mette ai voti i verbali modificati

è chiaro a tutti il perché non siano stati messi all’ordine del giorno di questo consiglio i verbali dal n. 1 al n. 7 ma solo quelli dal n. 8 al n. 15, perché il primo di questi (il numero 1) riguardava l’ormai “famoso” intervento della venturin, che aveva bisogno di decantazione, meglio aspettare tempi migliori.

Intervento che come già messo in evidenza nella nostra precedente cronaca ha pochi riscontri nella storia del comune di gaiarine. Una sequela di accuse e sberleffi che ha dell’incredibile o che sono possibili spennelloolo quando da amici si diventa acerrimi nemici. Una “pitturata” con un “grande pennello” che alla gava brucia in modo particolare e non poteva essere altrimenti.

Ora, presa coscienza del contenuto di quel intervento e del fatto che è sostanzialmente diverso fare certe affermazioni a voce (chi ascolta le può capire o non capire) dal dare la possibilità alla “controparte” di leggerle e rileggerle in un documento scritto (“carta canta e villan dorme”) , l’intervento della venturin è improvvisamente sparito, è diventato anche lui un migrante o per meglio dire un desaparecidos.

Stranamente, ma sappiamo che le stranezze accadono e le coincidenze pure, quel documento è diventato un documento privato, non essendo stato, come viene detto, consegnato al segreventi%.
orso scriveStranamente, ma sappiamo che le stranezze accadono e le coinciden
ze pure, dall’opera (leggi verbale 1) del nuovo amanuense (leggi segreventi%) manca proprio la frase che la gava vorrebbe fosse messa a verbale, frase che non essendo stata capita non è stata riportata, frase che poi dallo stesso (leggi segreventi%) che afferma di non averla capita viene dichiarata “insignificante”.
Pare ovvio, pensiamo a tutti, che per dire che una frase è ” insignificante” bisogna prima averne capito il senso o no?
bacheca.oggetti.smarriti

Comunque la gava si metta il cuore in pace non avrà soddisfazione, quel documento che probabilmente molti della sua ex maggioranza avranno letto e che forse ne conservano una copia  non ricomparirà.

Altra annotazione “istituzionale”. Alcuni consiglieri di minoranza affermano pubblicamente che alcuni passaggi dei loro interventi riportati nei verbali non corrispondono a quanto da loro detto o sono mancanti di alcune frasi da loro pronunciate.
Chiedono, quindi, motivando e argomentando delle integrazioni o delle specificazioni per chiarire meglio i concetti esp
dirittiressi, ma il presidente del consiglio comunale, cioè colui che dovrebbe essere super partes e che dovrebbe essere il garante dei diritti di tutti i consiglieri, vorrebbe privarli  del  loro diritto di far rettificare un verbale.
In questo consiglio comunale c’è da aspettarsi di tutto e purtroppo al peggio non c’è mai limite come vedremo in seguito.

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Bressan e Capuzzo, Daniel e Gava favorevoli
Fracassi si astiene in quanto assente al consiglio precedente.

 2. DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DEL 16 MAGGIO 2017 “APPROVAZIONE ACCORDO IN SOSTITUZIONE DI ESPROPRIAZIONE TRA IL COMUNE DI GAIARINE – FABBRO E SANTIN”. SPIEGAZIONI E CHIARIMENTI;

il sindacotto lascia la parola al segreventi%questi mette in evidenza come, avendo questa pratica una storia complicata, abbia ritenuto opportuno chiedere all’ufficio tecnico una relazione dettagliata per chiarire tutti i vari passaggi, in poche parole una cronistoria … relazione che va a leggere  e della quale riportiamo alcuni passaggi salienti:
… agosto 2013 approvazione delle opere pubbliche in consiglio comunale …
… novembre 2013 studio di fattibilità e stanziamento di 250.000 euro per acquisizione aree …
… gennaio 2014 firma del protocollo di intesa con la provincia per realizzazione rotonda …
… 25 marzo 2014 determinazione per l’acquisizione degli immobili proprietà di Da Fre (via Benedetti) …
… 30 aprile 2014 determina stanziamento soldi per la demolizione e affidamento alla ditta
… dicembre 2014 il comune manifesta alla provincia l’intenzione di eseguire in proprio i lavori …
… 2016 la provincia affida al comune i lavori della rotatoria e cofinanzia l’opera per 186.000 euro …
… agosto 2016 viene tramutato il protocollo di intesa con la provincia in una convenzione … interviene il consigliere bressan che ringrazia il segreventi% per le spiegazioni e chiarisce che eventuali approfondimenti il suo gruppo li farà quando sarà disponibile il documento… siccome nella sua esposizione il segreventi% si era scusato per il fatto che non vi era allegata alla delibera una cronistoria … bressan fa presente che la cronistoria di questa vicenda doveva essere fatta dalla parte politica e nella fattispecie da coloro che erano presenti nella passata amministrazione e cioè il sindacotto o qualche altro consigliere allora in carica
… interviene la consigliera capuzzo … concorda con il consigliere bressan … le rimangono ancora poco chiari i mappali in gioco perché nei documenti a disposizione emergono delle incongruenze … e per ultimo fa presente che il passaggio da un accordo di programma con la provincia ad una convenzione fa si che questa non passi più per il consiglio comunale venendo meno il dibattito pubblico sulla questione…
interviene il segreventi% chiarendo che è stato dato un incarico al geometra lazzaro per la ricostruzione dei mappali … e chiedendo, dato che sarà lui a fare da notaio per la firma dell’atto, la collaborazione di tutti per chiarire eventuali punti oscuri..,

Finalmente viene detto pubblicamente in consiglio comunale e dal segreventi%, ma chi si era letto gli atti già lo sapeva, che la determina che assegnava il lavoro di demolizione alla ditta che in parte a quella data le aveva già eseguite porta la data del 30 aprile 2014 mentre, e questo lo diDSC_0153ciamo noi essendo pronti a documentarlo, le demolizioni in via benedetti sono iniziate il pomeriggio di giovedì 24 aprile 2014. Risulta pertanto chiaro e inoppugnabile che queste demolizioni sono iniziate senza la copertura economica e che conseguentemente siamo di fronte ad un abuso di ufficio, ad un lavoro illegittimo.elezioni-2014

Ma la fretta era tanta. Erano i giorni delle presentazioi delle liste e dell’inizio della campagna elettorale e naturalmente nè il sindaco uscente nè  qualcuno degli uffici ha badato a queste “sottigliezze burocratiche” .

Ma c’è di più: le demolizioni iniziate il 24 aprile 2014 non hanno riguardato solo i fabbricati acquisiti o in procinto di essere acquisiti (anche questa è una cosa da chiarire) dal comune ma anche quelli di proprietà del privato confinante, come è esplicitato nel punto 2 della scrittura privata sottoscritta dal comune e dal privato nella quale si fa riferimento ad un impegno del comune per un ‘importo di € 15.000,00 (quindicimila), quale indennizzo per l’abbattimento di mc 227 relativi alla porzione dei fabbricati rimasti di proprietà del privato.

Ma c’è ancora  di più. E’ stato abbattuto anche un altro pezzetto di fabbricato che era di proprietà di un privato terzo, fabbricato sul quale successivamente è stato fatto un usucapione.

In sintesi quello che emerge è questo:
1. il comune di gaiarine, senza avere copertura economica ha abbattuto fabbricati suoi (si fa per dire) e di privati (sarebbe interessante vedere le diciture e le eventuali date di esecuzione dei lavori riportate nella fattura della ditta che ha demolito).

2. il privato che ha permesso l’abbattimento, dato che non ci risulta che siano state manifestate opposizioni né che ci siano atti del comune (esproprio, ordinanze, ecc) che lo costringessero ad accettare le demolizioni dei suoi fabbricati, ora viene indennizzato con quindicimila euro per una demolizione alla quale allora non si è opposto.
Per di più viene gratificato con una lista di opere stimate 7.000 euro ma che a detta di tutti i consiglieri di minoranza costeranno molto di più

Usando una espressione dialettale si può “dighe mona tì“.

Naturalmente il privato ha tutto il diritto di chiedere anche la luna se vuole, nessuno contesta questo.
Quello che non è accettabile è che un amministrazione pubblica si sia messa nelle condizioni di dover accettare gioco forza richieste non plausibili, come d’altra parte è stato messo in evidenza anche dai consiglieri di minoranza

Ma tanto i soldi sono dei cittadini e bisogna pur rimediare in qualche modo alle illegittimità perpetrate.

Noi continuiamo a ritenere che un’amministrazione pubblica non possa fare queste cose e se le fa non possa pensare di non pagarne le conseguenze.

Il segreventi% ha affeillegittimormato in consiglio comunale che l’amministrazione vuol fare le cose “bene” , allora, per farle veramente bene, oltre alla cronistoria che si è fatto fare sarebbe meglio che approfondisca anche altri aspetti prima di procedere con l’atto che ratificherebbe quanto previsto nell’accordo con il privato.

3. APPROVAZIONE RENDICONTO DELLA GESTIONE 2016.

Il sindacotto lascia la parola all’assessore de zan la quale legge un lungo documento   che in poche parole è l’apoteosi di quanto fatto dall’amministrazione comunale nel corso del 2016 e una presa in giro del consigliere andreetta e della sua ormai più che famosa frase “la carta si lascia scrivere”
de zan « … queste non sono carte che si lasciano scrivere … ci sono le norme che regolano la stesura del bilancio …. il rispetto del pareggio di bilancio … la carta che non si lascia scrivere ma che si fa capire … l’avanzo di 40.000 euro … questo esercizio si chiude con dei risparmi … un comune in ordine … si sono realizzate tutte le opere che si potevano realizzare … la critica non è corretta … il comune non è un’azienda (ma no dai. sei sicura? sinceramente avevamo capito un’altra cosa)sono fiera di aver fatto una carta che non si lascia scrivere ma si fa capire … quest’anno è stato introdotto lo stato patrimoniale … il patrimonio del comune non è altro che il patrimonio dei cittadini … patrimonio che non si può vendere …»
prende la parola il consigliere andreetta «… adesso mi emoziono …  inviterei la de zan anche perché è giovane … se fossi in maggioranza sapendo che i numeri li ho io … aspetterei che siano gli altri a fare polemica … ha perso un occasione … è partita male …»
il sindacotto interviene prendendo le difese della de zan e si innesca una discussione … ma andreetta riprende la parola
« stasera non volevo citare la frase … ma visto che l’assessore de zan l’ha citata più volte … io intendo dire, con quella frase, che le poste vengono messe a bilancio così … poi si aggiustano man mano … questo in qualche modo lo dice anche il revisore dei conti … quando invita a fare “previsioni maggiormente aderenti al consuntivo” … quando lei assessore dice abbiamo speso il 96% dello spendibile … ci mancherebbe altro … noi diciamo che voi li spendete male… nessuno a mai parlato di dissestolei è partita con la polemica »

interviene ancora il sindacotto dicendo che non c’è nessuna polemica e invita andreetta a leggere con calma l’intervento della de zan
… prende la parola la consigliera capuzzo .. manifestando la sua solidarietà a andreetta e chiedendo una delucidazione su alcune irregolarità evidenziate dal revisore ed in particolare del pericolo di non capienza del fondo “cause legali” …
… le risponde il segreventi% dicendo che sono stati richiesti dal garante della privacy 25.000 euro ma che confortati anche da sentenze nel fondo é stata stanziata la metà della cifra richiesta …
… la consigliera auspica che anche le altre raccomandazioni del revisore dei conti vengano prese in considerazione … annota che nella relazione del revisore viene detto che i conti d’ordine non sono stati esplicitati per un problema di software…
… il revisore chiarisce che ci si riferisce alla novità introdotta dal legislatore che riguarda la stesura dello stato patrimoniale e stato economico che ha causato il ritardo dell’approvazione dei bilanci in molti comuni, incombenza ora rinviata al 31 luglio … il comune di gaiarine era più avanti di altri comuni nell’adeguarsi alle nuove disposizioni ma è incappato in un errore software che non gli ha permesso di esplicitare i conti d’ordine …interviene il segreventi% che si avvia in una lunga “tirata” non richiesta che dura un bel po’ di minuti, ormai è quasi sempre e solo lui che parla (commissario ad acta?) , dicendo che tutte le software house avevano avuto assicurazioni da roma (ladrona?) che l’introduzione del bilancio patrimoniale sarebbe stato posticipato e quindi quando la proroga non è arrivata tutte si sono ritrovate in ritardo
… continua dicendo che la valorizzazione degli immobili per un comune è una cosa assurda   «… questa si è carta che si lascia scrivere …» (andreetta probabilmente gongola)…
… la consigliera capuzzo spiega cosa sono i conti d’ordine e come le aziende possano nascondere in essi alcune poste … conclude dicendo che la sua era semplicemente una curiosità …
andreetta chiede se tutto ciò sia davvero senza senso …
… il revisore risponde che bilancio patrimoniale ha senso per enti di grandi dimensioni …
andreetta chiede se questo lavoro di classificazione degli immobili porti anche agli accatastamenti …
… risponde il sindacotto mettendo in evidenza che tutte le aree su cui insistono le piste ciclabili sono ancora in proprietà dei privati i quali ci pagano ancora le tasse…
… la consigliera capuzzo continua con le domande e chiede al revisore come mai ci siano 200.000 euro di ammortamenti in meno
… il revisore risponde che non avendo fatto una verifica contabile non è in grado di spiegare la cosa …
capuzzo allora rivolge la stessa domanda alla de zan che si scopre essere presente con il corpo ma essere in tutt’altro luogo con la mente (quando si dice la forza del pensiero) e improvvisamente risucchiata nella realtà (miserrima per dire la verità) del consiglio comunale di gaiarine non trova di meglio, mostrando anche un po’ di imbarazzo, che rispondere « è una domanda tecnica…» (ma dai? davvero? ma che tipo di domanda avrebbe dovuto essere?)…
capuzzo
insiste dicendo «… stiamo parlando di 200.000 euro …»maxresdefault
… la de zan cerca di capire di che cosa si stia parlando ma non se ne esce e allora interviene il sindacotto (il paladino di tutti i consiglieri, si fa per dire) dicendo che l’assessore non può sapere tutto e che i consiglieri come già detto in più di un’occasione possono tranquillamente rivolgersi agli uffici e che non è il consiglio il luogo per sapere di 10.000 euro di qua o di là
la capuzzo tenta di dire che si sta parlando di 200.000 euro (e non di bruscolini aggiungiamo noi) … il sindacotto però rimane sulla sua idea e inizia ad alzare la voce…
la capuzzo prende atto e nel dichiarare che non farà più nessuna domanda sottolinea che secondo lei è inconcepibile che non si sappia rispondere ad una domanda del genere e afferma che non volendo fare polemiche prende atto che le domande non servono a nulla, che non si possono fare e che segnalerà la cosa nelle sedi competenti …
il sindacotto comincia ad inalberarsi e quasi urlando dice che non ha mai detto che non si possono fare le domande… lui ha detto di andare negli uffici componenti (il che equivale, cercando di dare un po’ di logica alla sue contradittorie affermazioni, che in consiglio comunale nell’approvazione del bilancio consuntivo non si può chiedere delucidazioni su una cifra di 200.000, bisognava chiedere agli uffici)
… poi fa tutto da solo e diventando paonazzo, alzandosi in piedi, gesticolando verso la consigliera, puntandole il dito  e  con fare minaccioso comincia ad inveire «… non ho detto che non si possono fare le domande … non fate insinuazioni … perchè mi fate  incazzare … » e sempre più alterato e bloccando Img 1qualsiasi tentativo della consigliera di spiegare come sia il consiglio il luogo deputato … continua a ripetere urlando a squarciagola «… io non ho detto che non puoi fare le domande  ma che le dovete fare agli uffici competenti … qui no … agli uffici …» ( è proprio vero:  qui no)

Cii scusiamo ma qualche parola in questo concitato frangente ci è sfuggita.

In ogni caso da semplici cittadini ci sentiamo umiliati e con noi sentiamo umiliate anche le istituzioni che dovrebbero rappresentarci.
Naturalmente esprimiamo tutta la nostra solidarietà alla consigliera capuzzo ma anche agli altri consiglieri di minoranza che molto spesso sono trattati in modo non consono rispetto al ruolo che rivestono ed in particolare alla consigliera gava da poco approdata nelle file delle minoranze che non riesce quasi mai a proferir parola, in quanto il sindacotto la zittisce continuamente.
Gli altri commenti gli abbiamo giù fatti in premessa.

capuzzo continua a chiarire alcuni aspetti con il revisore

… prende la parola il consigliere bressan … premette che una serie di domande che voleva fare sono già state fatte dai colleghi … comunque evidenzia come la posta del fondo rischio legale poteva essere allineata a quanto previsto dal legale e come suggerito dal revisore … mette l’accento sulla rendicontazione dei contributi straordinari e chiede a cosa di riferisce la sua nota … il revisore dice di non ricordare .. trattasi probabilmente del contributo per la rotonda di calderanobressan riprendendo la raccomandazione del revisore che invita a fare “previsioni maggiormente aderenti al consuntivo” chiede se è stato avviato un “controllo di gestione” …
… risponde il segreventi%«… no sul bilancio …» e poi si avvia in un nuova “tirata” che vi risparmiamo…
… si innesca poi una triangolazione sindacotto, bressan  e segreventi% sul perchè il consuntivo sia stato approvato in ritardo …  sulla nota inviata dal prefetto ecc. ecc. anche questo vi risparmiamo …
si passa alle dichiarazioni di voto…
andreetta … tenta di fare una domanda ma il sindacotto lo obbliga a fare la dichiarazione di voto …
andreetta«…se tutti gli anni faccio copia e incolla del preventivo dell’anno prima … e ogni anno ho degli scostamenti … non sarebbe meglio concentrarsi sull’ipotesi di consuntivo dell’anno precedente … e da questo preparare il previsionale …  forse avremo meno scostamenti … la de zan aveva usata la frase “ci si riempie la bocca” … ma io sto a quanto indicato e cioè quasi 900.000 di avanzo di amministrazione … e non accetto che mi si dica “ci si riempe la bocca”… se poi rimangono solo 40.000 euro perché ne abbiamo speso centinaia di migliaia per la palestra … dico che l’avanzo di amministrazione è di quasi 900.000 …. non siamo d’accordo su tante cose il mio voto sarà contrario …»

capuzzo « mi associo ad andreetta … questo consuntivo non corrisponde al modo di vedere del nostro gruppo …. invito il sindaco che è il presidente di questa adunanza ad usare i toni che ci si aspetta vengano utilizzati  … voto contrario »

bressan «… avremo dovuto fare copia incolla delle dichiarazione delle precedenti approvazioni di bilancio …. non ripetiamo le stesse motivazioni ….non abbiamo condiviso il previsionale che oggi si chiude con il consuntivo… voto contrario »

gava « vi è una difficoltà ad esprimere un voto favorevole … un film già visto … ritardo nel portare in consiglio il consuntivo …ritardo addebitato esclusivamente alla softwre house … come da lettera del sindaco inviata al prefetto … ma dopo la risposta del prefetto che intimava di approvare il consuntivo immediatamente furono depositati gli atti … chi volete prendere in giro? voto di astensione »

 Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Bressan e Capuzzo,Fracassi contrari
Daniel e Gava astenutei

più di due ore la durata del consiglio
un solo minuto però è stato sufficiente per calpestare
il consiglio comunale,
i consiglieri comunali e
i cittadini …

bisogna davvero chiedersi se dobbiamo continuare così..  

Condivi
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Consiglio Comunale 16 maggio 2017: La Cronaca – Seconda parte

Immagine

13. Realizzazione nuova piazzetta in Francenigo tra la s.p. 44 via per Sacile e la s.p. 160 via del Palu’. approvazione avviso pubblico;

il sindacottMartino legge
l’avviso pubblico alla fine chiede se ci sono osservazioni
il consigliere andreetta chiede chi sia il responsabile di servizio (cioè colui, che secondo questo avviso pubblico nel caso ci siano più richieste, deciderà da solo, si far per dire, chi dovrà eseguire l’opera) … gli viene risposto maria augusta andreetta … continua facendo una domanda pleonastica   «… non passa più per il consiglio? …»
naturalmente no, perché tutto deve essere gestito a
ll’interno delle stanze chiuse e “oscure” di villa cicogna e per di più da un solo e unico funzionario, che naturalmente in piena “autonomia” farà la sola e unica scelta “giusta”… naturalmente…
risponde ovviamente il segreventi%.
segreventi% che si dice “venuto” e “ritornato” a gaiarine per sistemare tutte quelle beghe iniziate dal megalosindaco e ora in capo al sindacotto che aveva bisogno di un aiuto per risolverle … si dice anche che il segretario precedente sia stato scacciato perché negli ultimi tempi si sarebbe rifiutato di avvallare alcune decisioni non proprio legittime dell’amministrazio
ne… orbene è del tutto vero che l’attuale segreventi% verbalizzi meglio del suo predecessore ma è chiaro che questo viene fatto solo per non avere sulla questione dei verbali scontri con la minoranza ma per il resto è chiaramente e assolutamente strumentale alla maggioranza e solo alla maggioranza, chi si fa incantare del suo benevolo atteggiamento non ha capito proprio nulla ... la “macchina” si era fermata perché qualcuno tirava il freno a mano e il motore si è fuso, via il frenatore, un nuovo motore e avanti tutta non ha importanza la trasparenza, il coinvolgimento dei cittadini… possiamo dire che il comune di gaiarine è da anni in una situazione dove chi vuole può “scorazzare” indisturbato basta un po’ di “potere”
il segreventi% afferma che la scelta sarà solo tecnica, (più che altro sarà una e una soltanto) …. che l’avviso pubblico prevede l’applicazione dell’articolo 20 del D.Ls del 18/04/2016 N.50 (codice degli appalti) … con una restrizione e cioè che possono partecipare solo cittadini o ditte del comune di gaiarine … parla del progetto di fattibilità … la consigliera capuzzo fa notare come il progetto di massima non sia agli atti …. segreventi% sorpreso (finto gnorri?) si scusa …
riprende la parola la consigliera capuzzo «…anche questa delibera ha una sua storia che risale al 2014 … stesso oggetto della sistemazione dell’incrocio (demolizioni via benedetti/via molino) … vale la pena di raccontarla ….c’è stato un bando il 14 maggio 2014 … poi ritirato in autotutela per un esposto presentato dagli allora consiglieri di minoranza …. è stato fatto un nuovo bando … anche questo ritirato non si sa perché … adesso c’è questo nuovo … particolarmente restrittivo che non assomiglia per niente ad un bando fatto da una amministrazione seria … io avrei fatto un concorso di idee … anche per giovani professionisti … per la valutazione avrei istituito un’apposita commissione giudicante e non una sola persona…. come farà a decidere che un progetto è migliore di un altro (tutto è fatto perché ci sia un solo partecipante)? …. avrei pubblicato tutti i lavori …. senza limiti di 60.000 euro (tutto è fatto perché ci sia un solo partecipante)… avrei fatto un bando aperto a tutti (tutto è fatto perché ci sia un solo partecipante) con partecipazione non limitata il comune ha speso 130.000 e chiediamo al privato che ne spenda ameno 60.000 non riesco a comprendere questa cosa … come farà a decidere il responsabile dell’ufficio tecnico?… quale potrà essere il progetto migliore (solo uno sarà il migliore) … chiedo di sapere cosa ha risposto il difensore civico regionale all’esposto presentato per la revoca che avete fatto del bando al quale avevano partecipato due persone …»
prende la parola il consigliere bressan «… la storia l’ha già fatta la consigliera capuzzo … sono preoccupato per alcuni aspetti del bando … anche dell’articolo 20 usato in maniera restrittiva … che penso l’amministrazione non rinuncerà ad usare …. sperando che partecipi più di qualcuno dando valenza di trasparenza …. chiedo di introdurre qualche criterio in più per rendere più oggettiva la scelta … questo è fondamentale … l’altra cosa che mi preoccupa … se un soggetto presenta un progetto di valore superiore a 60.000 che è il minimo stabilito ma la polizza copre solo i 60.000 cosa succede ? … suggerirei di dare almeno 60 giorni per presentare il progetto definitivo/esegutivo … se no sembra che uno abbia già il progetto nel cassetto (o perbacco) … darei più pubblicità anche con volantini …»
eccolo sempre lui prende la parola il commissario del comune
.
.. il segreventi%accetta l’osservazione sull’importo della polizza fidejussoria … «…sarà per il valore del progetto presentato … i criteri sono sufficienti … vincerà chi darà più vantaggi al comune … per la pubblicità basta non spendere soldi … poi attenzione il progetto dovrà essere approvato dall’ufficio tecnico (naturalmente approverà solo quello) …»
prende la parola il consigliere andreetta «… sono anni che ci trasciniamo quella storia e sappiamo tutti come andrà a finire …. a chi sarà intitolata … io non nulla da dire su chi andrà intitolata … se a francenigo so
no al 90% contenti … stutti_sannoappiamo chi la farà e intitolata a chi … mi chiedo non c’era un modo di fare le cose alla luce del sole …. una convenzione … con la tal ditta portata in consiglio comunale perché ci siamo trascinati … anche se non viene detto … non c’era un modo per evitare questa pantomima ….il segreventi% «.. io ho appreso la storia … il bando è aperto a tutti … »
andretta « … lei poteva non sapere … ma il sindaco sa …non si poteva …»
sindacotto
«…cosa vuoi sapere …»
andretta  « …visto che sappiamo …»
sindacotto
« …lo sai te … io no …»
andretta  « … anche qua siamo di fronte ad una amministrazione che ha fatto carte false con disagi anche per la persona che abitava … ci sono state polemiche … poi salta fuori che l’area non aveva la destinazione d’uso corretta … poi pastrocchio su pastrocchio …bando ritirato … poi un altro …poi … e adesso deliberiamo un atto che esclude il consiglio comunale dalla decisione e dic
e al tecnico decidi tu …su un’area pubblica un privato farà un’opera … però non passerà più per il consiglio … vedo pastrocchi … non parteciperò al voto..»
dal pubblico « … ermanno (fellet) di la tua, non puoi approvarlo, ermanno non puoi approvarlo …»
fellet
tenta una risposta « … non è che non si può approvare … »
viene immediatamente stoppato dal sindacotto che intima al pubblico di fare silenzio
CARABINIERI E ASL FANNO UN SOPRALUOGO IN ALLEVAMENTO CANIe il povero vicesindaco come un cagnolino ubbidisce, lascia trapelare però un po’ di imbarazzo e anche un po’ di rancore, ma si “adegua” …
ci chiediamo cosa ci stia a fare … non può dire la sua, gli viene proibito di parlare … scusate non è vero può parlare … parlare di banda larga … di quella roba li può parlare …di quello che si vuol fare a francenigo no.
Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta non partecipa al voto
Capuzzo contrari
Bressan, Daniel e Gava astenuti

P.S.
La prendiamo con calma e misurando le parole.
Dobbiamo dare atto al consigliere Andreetta di aver toccato il vero problema e di aver costretto il sindaco a mentire quando questi ha affermato di non sapere a chi dovrebbe essere intitolata questa piazzetta.

Sono tre anni che a Francenigo e anche nel resto del comune tutti, o la maggior parte dei cittadini, sanno a chi dovrà essere dedicata questa piazzetta.
Anche noi lo sappiamo, come lo sa il sindaco, ma per rispetto di chi non c’è più non ne facciamo il nome.

Ci chiediamo come sia potuta nascere questa voce e chi l’abbia poi veicolata.
Facciamo qualche passo indietro.

Siamo nel periodo elettorale delle elezioni amministrative del 2014, che si terranno il 25 maggio.

Il 24 aprile l’amministrazione in carica, quella del sindaco Sonego, ne faceva parte anche Cappellotto in qualità di consigliere comunale, fa demolire le case all’incrocio di via Benedetti/via Molino, il 5 maggio è la volta dell’ex macelleria Carrer, all’incrocio via Palù/via per Sacile.
Lo stanziamento previsto a fine 2013 di 250.000 euro riportava la dicitura “messa in sicurezza degli incroci tra le vie Benedetti – via San Pio X via Molino – via Palu’ – via per Sacile.”

Molti erano convinti che nell’incrocio di via Palù, via Sacile si sarebbe realizzata una rotonda e i cittadini di Francenigo avevano iniziato ad interrogarsi su come fosse possibile realizzarla in quel luogo.
Nel mese maggio, in piena campagna elettorale e a pochi giorni dalle votazioni, cominciò a circolare la voce che tra via Palu’ e via Sacile, non si sarebbe realizzata una rotonda, ma assieme all’allargamento dell’incrocio anche una piazzetta.
Tant’è che in gran segreto, senza nessuna pubblicità, il 14 maggio sempre del 2014 viene pubblicato all’albo pretorio un bando pubblico per “l’intitolazione, progettazione e realizzazione della piazzetta di Francenigo all’incrocio tra via Palù e via Sacile“, scadenza del bando 21 maggio ore 12.00. Tempo per partecipare sette giorni e mezzo.
Una cosa assurda e potremmo aggiungere vergognosa..

E’ evidente e pensiamo di non poter essere smentiti che il bando è stato fatto per “uno” e non per tutti.

In contemporanea con il bando cominciò a circolare anche il nome della persona a cui questa piazzetta sarebbe stata intitolata.
Quella voce non poteva che essere stata messa in circolazione dall’amministrazione uscente o dalla lista che si presentava alle elezioni in continuità con essa per acquisire consensi o supporto elettorale in quel di Francenigo.

Il tentativo di tenere segreto il bando, pubblicato solo all’albo pretorio, luogo virtuale che i cittadini raramente frequentano, fallisce perché qualcuno facendo delle ricerche in internet, in modo del tutto casuale, non stava ricercando niente che riguardasse il comune di Gaiarine, scopre l’esistenza din questo bando.

I signori Giuseppe Panontin e Renzo Rizzon, decidono di partecipare indicando per l’intitolazione della piazzetta il nome di Tarcisio Busetto, nato a Francenigo, maestro elementare che per molti anni insegnò  nel suo paese natale e anche pittore di buona fama.

Nessun altro partecipò a quel bando, forse perché oramai la cosa era divenuta pubblica,

La nuova giunta Cappellotto, appena insediata,  il 24 giugno annulla la gara annullando di fatto anche il diritto acquisito dalle due sole persone che avevano risposto al bando.

Il 28 giugno 2015 la giunta di Cappelloto approva un altro bando, un bando talmente illegittimo che dopo un po’ senza neppure avviare la gara viene ritirato.
Il bando prevedeva che potesse partecipare all’intitolazione e realizzazione della piazzetta solo colui che era in possesso della proprietà di due mappali, al momento del bando proprietà di Antonio Igne, che nel frattempo aveva firmato una atto unilaterale d’obbligo nel quale si obbligava a cederli al comune. Cosa che fece qualche mese fa.

La spesa dal 2014 ad oggi per l’acquisto dell’intero comparto, sul quale dovrebbe essere realizzata la piazzetta, è di ben 130.000 euro, comprese le spese notarile, più le spese per la demolizione che potrebbero ammontare a circa 8.000 euro dei 17.690 euro spesi anche per la demolizione di via Benedetti.
La nostra comunità, noi tutti abbiamo speso più di 130.000 (140.000?) euro e il privato che andrà a realizzare l’opera potrà cavarsela con un importo di 60.000 euro.

Pensiamo che il comune di Gaiarine abbia la capacità economica di finanziare, se lo volesse, da solo quest’opera.

Siamo propensi a pensare che questa sia stata un’idea dell’allora sindaco Sonego per poter far vincere le elezioni ai suoi “continuatori”.

Pensiamo anche, senza voler fare i conti in tasca a nessuno, che se una famiglia facoltosa di Francenigo avesse voluto dedicare una piazzetta al ricordo di un suo caro estinto avrebbe avuto la possibilità di acquistare questo comparto oppure un altro, realizzare una piazzetta, donarlatrasparenza_1 al comune rendendola di utilizzo pubblico e nel donarla trovare un accordo in modo trasparente e pubblico, anche con il coinvolgimento dei cittadini, per l’intitolazione.

Riteniamo anche che l’intitolazione, o qualsiasi altra forma per mezzo della quale un luogo pubblico venga ad assumere il nome di una persona scomparsa o in generale di un cosidetto benefattore, non possa essere demandata dalla comunità al singolo cittadino solo per il fatto che quest’ultimo spende dei soldi.
Questo modo di procedere non è democratico, rappresenta una concezione della cosa pubblica che esclude la partecipazione dei cittadini e che consacra il “potere”, in questo caso economico, come unico abilitato a decidere.

Ora siamo al terzo bando. probabilmente anche questo illegittimo.

Cosa succederà?

Sicuramente è ora che il modo di operare delle amministrazioni Sonego e Cappellotto vengano censurate pubblicamente, soprattutto, ma non solo, per questa vicenda.

Ci permettiamo con tono sommesso di ricordare anche come una vicenda del genere, che dal punto di vista amministrativo ha del surreale, se non viene riportata ad un procedere democratico e trasparente, possa sicuramente nuocere all’immagine proprio di quel caro estinto che si voleva invece tanto onorare e conseguentemente anche alla sua famiglia.

14. Alienazione al confinante di reliquato stradale ai sensi del vigente regolamento  comunale ex art. 12, comma 2, legge n. 127/1997.

illustra il sindacotto
capuzzo « …manca la perizia ... »
sindacotto « …l’ha fatta grando … »

capuzzo « …quante cos’è fa grando …»

incontenibile il segreventi% …..

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Capuzzo, Daniel e Gava favorevoli
Bressan astenuto

Il consiglio viene chiuso… e andreetta in forma privata mette a conoscenza il consiglio comunale di aver ricevuto una denuncia penale dai fratelli gazzolla, proprietari delle serre in via Resteiuzza , dove si voleva costruire il pirogassificatore, per delle frasi e notizie dette nel consiglio comunale straordinario del 12 febbraio 2016 relativo proprio al pirogassificatore, frasi dette in qualità di consigliere comunale ... è evidente a tutti che siamo di fronte ad un atto intimidatorio …andreetta riceve la più totale solidarietà da parte del sindacotto e di tutti i consiglieri presenti.

 Si va a casa … sono quasi le 22.00.

Condivi
it.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Consiglio Comunale 16 maggio 2017: La Cronaca

Immagine


Premessa.

Qual’è la verità?verita-inganno
Quella raccontata dalle
migrantes daniel e gava nel consiglio comunale del 27 dicembre scorso quando imputavano alla maggioranza, dalla quale erano da poco uscite, una serie di nefandezze, quali attacchi personali, comportamenti eticamente scorretti, ecc. o quella rappresentata dall’assessore venturin in risposta proprio alle richieste fatte in quel consiglio dalle migrantes?
Sicuramente le malignità contenute nel documento che ha letto, scritto da chi non si sa, hanno pochi riscontri nella storia del comune di Gaiarine, ma ancor di più ha impressionato, mettendoci del suo, l’acidità e l’acredine con cui le ha snocciolate.
Si sa, essendo maschilisti, che non c’è nulla di peggio di due donne che diventano “nemiche”.
Tutto diventa imprevedibile e incontenibile.
L’Orlando Furioso in confronto sembrerebbe un agnellino e a nulla servirà far loro”odorare l’ampolla di Astolfo”. Non rinsaviranno.

Qual’é la verità?
Quella rappresentata dal segreventi%, che è costretto a parlare, parlare, parlare, parlare, parlare, parlare, talmente tanto, tanto, tanto, tanto, tanto, tanto per riuscire a
convincere se stesso che quella che sta raccontando è la verità?
O quelle raccontata dai consiglieri di minoranza sulle demolizioni a Francenigo eseguite a ridosso della scorsa campagna elettorale ?

Qual’è la verità?
Quella che noi abbiamo intravisto emergere in questo consiglio e cioè che il sindacotto é di fatto “commissariato” dal “suo” segreventi%, che in questo consiglio comunale della durata di poco meno di quattro ore ha parlato per circa un’ora, minuto più minuto meno?
O quella che crede il sindacotto cioè di essere l’indiscusso capo del vapore anche se con una maggioranza striminzita, risicata e forse con qualche possibile ulteriore migrantes e per di più abbandonato dalla Lega Nord?

Qual’è la verità?
 Quella che vorrebbe far intendere che chi realizzerà la piazzetta in centro a Francenigo, ex macelleria Carrer (Avviso Pubblico bando approvato in questo consiglio) sarà da considerarsi un benefattore della comunità perché spenderà 60.000 euro?
O quella che intende invece considerare costui in altro modo dato che riuscirà a spendere solo un terzo della cifra che alla fine costerà “sta famosa piazzetta” circa 200.000 euro di cui 135.000 spesi dal comune (soldi nostri) per acquisto fabbricati demoliti e acquisto dei terreni.

Nel prosieguo della cronaca speriamo di riuscire a raccontarvi qualche verità vera.

Appello, assente la consigliera fracassi (vedi qui), la consigliera capuzzo ha comunicato che arriverà con una decina di minutidi idi ritardo.

1. COMUNICAZIONI IN MERITO ALLE RICHIESTE FORMULATE DALLA CONSIGLIERA GAVA

Parte la venturin, come detto, con acidità e acredine:imagescac4j5jq
– problema del polimbulatorio di Roverbasso: colpa della consigliera gava, che avendo la delega ha aderito lo stesso pur sapendo che la maggioranza era contraria. Ora i cittadini di Gaiarine se lo tengono a Roverbasso dato che non è possibile più tornare indietro.
– è stata la consigliera gava, a dare l’incarico della consegna, per il natale 2015, dei pacchi doni all’associazione di cui il marito era vicepresidente, ora critica perché si è continuato su quella strada …   « … cose da matti … siamo al ridicolo».
– il servizio ” nonni vigili”, esistendo nel comune già il servizio piedibus, non è un servizio necessario, anzi in molti comuni stanno riutilizzando la figura del vigile smettendo l’utilizzo dei nonni.
– progetto solidarietà per la famiglia, la giunta ha dato l’incarico di coordinarlo all’assistente sociale che si è trovata per problemi di orario però nell’impossibilita di gestirlo… anche perché l’assistente sociale aveva accumulato “sotto la gestione” della consigliera gava molte ore di straordinario e ferie non godute forse anche per la continua presenza della consigliera nell’ufficio dell’assistente durante l’orario di lavoro e perfino il sabato
facciamo noi la traduzione simultanea delle parole della venturin per chi non avesse capito …. la consigliera gava era sempre nell’ufficio dell’assistente sociale a farle perdere tempo
quindi l’amministrazione ha preso atto che l’assistente sociale non poteva sobbarcarsi anche questo onere e così ha deciso di avviare il progetto avvalendosi di una cooperativa e fa specie che « …i problemi creati proprio da lei siano ora ritenuti causati da altri...
continua mettendo in luce che i comportamenti della consigliera hanno creato problemi all’interno degli uffici e danni all’immagine dell’amministrazione.
La gava tenta di ribattere dicendo « …non è la verità …»
(ma guarda un po’ sempre di verità si parla)
e chiede la parola per rispondere ad una lettera che ha ricevuto in giornata dall’amministrazione ma viene stoppata dal sindacotto dicendole che la questione non è all’ordine del giorno
ma guarda un po’ dopo quasi tre anni si scopre che c’era una migrante, che senza permesso di soggiorno, si era stabilita in pianta stabile nell’ufficio dell’assistente sociale, e che a nulla sono valse le ruspe, se mai sono state messe in funzione, per rimuoverla, e si scopre che la povera assistente sociale non era più padrona “a causa sua“, avendo l’ufficio occupato e che a causa di questa presenza continua non era stata più in grado di svolgere in modo soddisfacente il proprio lavoro ….. la storia finisce, altro che ruspe, quando la migrante decide di andarsene dalla maggioranza a causa del Pirogassificatorenon c’è più religione, questi arrivano, si stabiliscono e poi se ne vanno quando decidono loro.
Il sindacotto si rivolge alla daniel dicendole che non corrisponde al vero quanto va dicendo e cioè che è stato lui a toglierle le deleghe…  le fa presente che è stata lei a dare dimissioni e si avventura in discorso del quale dobbiamo ammettere non abbiamo capito il senso … la daniel un po’ imbarazzata mormora « … o seguito graziella ...» il sindacotto con soddisfazione e chiamandola per nome calca dolcemente la mano  « .. sei stata tu elisabetta a dare le dimissioni …»
tutto questo politicamente significa una rottura completa con la gava e la parte della lega da lei rappresentata ammesso che rappresenti qualcuno e non i quattro soliti notabili, e un tentativo di mantenere i rapporti con la daniel, sperando in un suo rientro in maggioranza, cosa forse ancora possibile.
I commenti su come questa amministrazione abbia gestito i servizi nell’ambito del sociale li lasciamo, a questo punto, ai nostri lettori, che possono tranquillamente arrivare alla verità.

2. INTERROGAZIONE PRESENTATA IN DATA 4 APRILE 2017 ASSUNTA AL PROT. N. 2671 DAL CONSIGLIERECOMUNALE STEFANO ANDREETTA DEL GRUPPO “INSIEME PER IL BENE COMUNE” IN MERITO AL REGOLAMENTO DI POLIZIA RURALE;

Il sindacotto legge l’interrogazione sul regolamento di Polizia Rurale …
« .. se l’amministrazione comunale abbia intenzione di riaprire il tavole di lavoro, … se si quando …e nel caso chi i partecipanti? …»
il regolamento del funzionamento del consiglio comunale prevede che sia l’interrogante a leggere ed illustrare la propria interrogazione, ma si vede che il sindacotto aveva necessità di fare esercizio di lettura
la risposta del sindacotto è breve, sintetica ed ermetica« l’amministrazione comunale sta già lavorando al regolamento di polizia rurale e quando sarà pronto … sarà presentato in consiglio comunale …»
Entra la consigliera capuzzo
Il consigliere andreetta mette in evidenza che dalla risposta data si evince che l’amministrazione intende fare da sola senza coinvolgere alcuno … prende atto ma non è d’accordo sul metodo adottato che continua ad essere un metodo di esclusione ….
sono due anni e mezzo che è iniziata la maleodorante storia del regolamento di polizia rurale, storia nata su iniziativa dell’assessore fellet, suo malgrado però dato che gli serviva per prendere un finanziamento regionale , e per far questo in modo celere aveva coinvolto un po’ di persone, le minoranze ed anche l’associazione Amica Terra. Quando il Farra_-_Trattamenti_fitosanitari2sindacotto intuì che si poteva con questo regolamento (una bozza era stata inviata all’amministrazione da Amica Terra) regolamentare anche l’uso dei pesticidi ha bloccato tutto, compreso il tavolo di lavoro….. e a fellet non è rimasto che stare attaccato alla sua poltrona di assessore all’ambiente (quale ambiente) in rispettoso silenzio
così è da due anni e mezzo che “stanno lavorando”, cioè non stanno facendo nulla lasciando i cittadini in balia di un uso indiscriminato di pesticidi, incapaci di adottare anche il regolamento proposto dalla regione veneto che regolamenta l’uso dei pesticidi nelle aree sensibili, (scuole, strade, piste ciclabili, ecc.) e lasciando quel po’ di territorio che ancora abbiamo in balia di una distruzione che è sotto gli occhi di tutti, abbattimento di alberi, distruzioni di siepi, vigneti piantumati a filo strada, ecc., in poche parole un comune senza regole.
Una vera e propria vergogna di cui tutta la maggioranza e una parte delle minoranze prima o poi dovranno rendere conto alla cittadinanza. E pensare che un sindaco, essendo, autorità sanitaria locale, dovrebbe difendere e proteggere la salute dei suoi cittadini.

Ora a breve porteranno in consiglio comunale (così dicono) un regolamento … ma se lo porteranno sarà solo perché il comune di Orsago ha proposto ai comuni limitrofi di mettersi assieme per stendere un regolamento sull’uso dei fitofarmaci… ecco forse tra qualche mese, nel frattempo sarà passata anche quest’altra stagione di trattamenti dei vigneti, e se l’iniziativa di Orsago avrà successo si comincerà a discutere di pesticidi … cioè qualche comune stenderà il regolamento che i nostri “stacanovisti” adotteranno.

3. INTERROGAZIONE PRESENTATA IN DATA 4 APRILE 2017 ASSUNTA AL PROT. N. 2672 DAL CONSIGLIERE COMUNALE STEFANO ANDREETTA DEL GRUPPO “INSIEME PER IL BENE COMUNE” IN MERITO ALL’AMBITO SOCIALE

Il sindacotto lascia la parola al segreventi%…. il quale la prende e precisa che risponderà in quanto responsabile “dell’area sociale” … « … nel sito è presente l’espressione di interesse per contributi europei … l’ufficio è investito da una serie di problematiche …. se si toglie la cultura si paga anche in termini sociali …»
o perbacco… ci chiediamo se “il casino” che abbiamo nel sociale, aldilà della presenza a suo tempo della gava negli uffici,  non sia proprio da attribuire al fatto che forse per questa amministrazione e, come per quelle due precedenti, la cultura sia e sia stata un “optional da non comprare mai”
continua … « ..abbiamo mantenuto la biblioteca …»
o perbacco … lo stabile si, è vero, esiste ancora ed è ancora un bel contenitore per il resto… aldilà delle attività portate avanti a fatica, con molta fatica, dal comitato di gestione, … il resto un disastro…
prosegue … « …abbiamo rinforzato l’ufficio con 8 ore alla settimana, questo per due mesi, tramite una cooperativa … partecipiamo al progetto di lotta alla disoccupazione che è un progetto intercomunale … le risorse sono scarse … bisogna lasciare l’assistente sociale sul territorio togliendole la parte burocratica … fondi europei per ammortizzatori … se c’è da parte vostra qualche proposta ben venga … i progetti devono essere di area vasta quindi in sinergia con altri … passare dai corsi … a sostegno vero … abbiamo obblighi di legge di sostenere i bisognosi … avrà visto la delibera per i nostri disoccupati … ma bisogna fare anche segnalazioni alle ditte … sono forme per cercare di uscire dalla crisi … collaborazioni istituzionali con ASL … ad hoc con gli altri comuni … ogni giovedì abbiamo un incontro di coordinamento  … negli ultimi anni passaggio da un assistenza pura a ad un azione propositiva … non abbiamo lesinato risorse … il recupero delle rette un impegno notevole … guardando ad altre realtà siamo un’isola felice … forse entro lugliblao avremo 40.000 euro da spendere per la manutenzione del verde per una decina di persone … se il consigliere ha qualcosa da proporre ben venga …»
15 minuti circa per dire cosa? tante parole… ma sentiamo andreetta che intanto parte con un
« ..posso…..»
la nostra consueta traduzione simultanea è questa: « … scusi se mi intrometto, ma ne se ne può proprio più di tutte queste ciancie …»
continua facendo anche lo spiritoso « ..spero verbalizzi se stesso … perché su quello che ha detto ci sarebbe molto lavoro da fare … comunque spero non se la prenda … non dovrebbe essere lei a rispondermi ma l’amministrazione … lei dice la sua porta è sempre a aperta … ma qui siamo su un piano politico … iniziativa politica che manca in questo comune … la porta aperta dovrebbe essere quella del sindaco ma abbiamo visto con il regolamento di polizia rurale che di fatto è chiusa … l’assistente sociale ha chiesto la mobilità … ma non è ancora detto che sia una mobilità in uscita … sarei preoccupato se si intende sostituire una risorsa interna con una in outsourcing … sarebbe bene pensarci …. spero si possa ricostruire la situazione dell’ufficio … serve progettualità politica…»
interviene il sindacotto dicendo che ha risposto il segretario perché è il referente
« … potevo risponderti tranquillamente io …»
perbacco sarebbe stato davvero interessante ascoltare il sindacotto parlare per 15 minuti di “sociale”… non disperiamoci, sarà per la prossima volta.

4. INTERROGAZIONE PRESENTATA IN DATA 4 APRILE 2017 ASSUNTA AL PROT. N. 2673 DAL CONSIGLIERE
COMUNALE STEFANO ANDREETTA DEL GRUPPO “INSIEME PER IL BENE COMUNE” IN MERITO ALLA CONNETTIVITA’ INTERNET “BANDA LARGA”;

Il sindacotto legge l’interrogazione…
« … nel nostro territorio esistono zone non servite dalla banda larga creando problemi alla aziende e alle famigli chiede cosa fa l’amministrazione comunale per risolvere il problema? … quali pressioni vengono fatte sulle aziende del settore? … in che modo viene concesso l’uso delle reti di proprietà comunale calibratura in fibra che sfrutta la rete di illuminazione? … quali sono le contropartite chieste alle aziende private ..?.»
il regolamento del funzionamento del consiglio comunale prevede che sia l’interrogante a leggere ed illustrare la propria interrogazione, ma si vede che il sindacotto aveva necessità di fare ancora qualche esercizio di lettura
risponde fellet
esperto ambientale non lo é di sicuro vista la vicenda del regolamento di polizia rurale ma esperto di reti e di banda larga sicuramente sibanda_larga« la regione ha chiesto la collaborazione dei comuni per realizzare la banda ultra larga in tutta la regione entro il 2020 il comune ha aderito e firmato la convenzione e nominato il responsabile geom. Grando ….»
come tutti lo sanno: “noto esperto” di banda ultra larga
continua fellet « … si tratta di fare il bene della comunità sapendo che la nuova connettività sarà a disposizione di tutti da 30 megabit a 100 megabit (al secondo aggiungiamo noi… va beh che lui dice di averli sempre chiamati megabyte …ma forse non ha capito la differenza) il progetto sarà completato entro il 2020 e quindi non serve nessuna pressione sulle aziende del settore … potremmo avere qualche problema, qualche ritardo, essendo zona di confine … lo sfruttamento della rete dell’illuminazione pubblica sarà soggetta a convenzione con Intratel e …»
interviene il sindacotto per comunicare che la convenzione è stata trasmessa all’organo competente il 18 aprile 2017, firmata dal sindaco
il consigliere andreetta fa notare che sulla strada di Bibano verso Gariarine ci sono dei scavi … la fibra è a 100 metri dal confine comunale … si vede un pozzetto dell’illuminazione da cui esce il cavo… continua dicendo che se si potesse farsi dare qualche contropartita dai privati … interviene il sindacotto dicendo che non è possibile.

5. INTERROGAZIONE PRESENTATA IN DATA 4 APRILE 2017 ASSUNTA AL PROT. N. 2674 DAL CONSIGLIERE COMUNALE STEFANO ANDREETTA DEL GRUPPO “INSIEME PER IL BENE COMUNE” IN MERITO ALLA NUOVA PALESTRA PRESSO IL “CAMPUS” DI CALDERANO;

Il sindacotto legge l’interrogazione …
« … essendo le palestre non coperte dagli introiti provenienti dall’uso delle stesse … quali impatti avranno nei bilanci futuri del nostro comune … quanti soldi sono stati spesi ad oggi? quali le forme di finanziamento?  ecc …? »
un’altra decina domande di cui non siamo riusciti a prendere nota….
il regolamento del funzionamento del consiglio comunale prevede che sia l’interrogante a leggere ed illustrare la propria interrogazione, ma si vede che il sindacotto aveva necessità di fare un ulteriore esercizio di lettura

il sindacotto risponde: « .. sono stati spesi la bellezza di 812 mila euro (fondo dei comuni di confine degli scheianni 2008, 2009, 2010, 2011) + 237 mila euro (fondi propri) + 290 mila euro per gli spogliatoi … in totale la palestra è costata un milione 331.244,15 euro e rimane da fare, se si vuol fare, l’illuminazione esterna … la palestra è funzionante e verrà inaugurata sabato, anche se non è ancora deciso quando verrà messa in funzione … abbiamo richieste che coprirebbero tutte le ore disponibili …»
il consigliere Andretta chiede cosa offre di diverso da quella vecchia e mette in evidenza che la palestra è più piccola dell’altra e a spanne risulta che non si può fare nulla di più di quello che si poteva fare nella vecchia
c’è un po’ di discussione ma se ci consentite vi riassumiamo noi, anche ripetendo cose già dette, che cos’è questa nuova palestra: è costata quasi € 1.500.000,00 (unmilioneemezzodieuro), le aree esterne non sono terminate, non ci sono le tribune, è più piccola di quella vecchia, è stata fatta per le associazioni sportive di Brugnera Orsago Pianzano, da dove arrivano le richieste di utilizzo, con un decimo della spesa si poteva sistemare la palestra esistente, con gli stessi soldi si poteva sistemare l’asilo di Gaiarine e/o realizzare un tratto di circonvallazione di Francenigo.

6. Interrogazione presentata in data 4 aprile 2017 assunta al prot. n. 2675 dal consigliere comunale Stefano Andreetta del gruppo “Insieme per il Bene Comune” in merito alla “bretella” stradale alternativa al centro di Francenigo;

Il sindacotto legge l’interrogazione …
« .. visti i disagi del traffico pesante a Francenigo … c’è uno studio di fattibilità della provincia che prevede la sistemazione della via Bruna … studio che prevede una spesa di 10 milioni chiedo se avete intenzione di promuovere come da vostro programma elettorale la proseguzione della circonvallazione di Gaiarine …. ecc …? »

il regolamento del funzionamento del consiglio comunale prevede che sia l’interrogante a leggere ed illustrare la propria interrogazione, ma si vede che il sindacotto aveva necessità di fare ancora un esercizio di lettura, l’ultimo.
Il sindacotto risponde « .. da consigliere provinciale avevo chiesto ai tecnici provinciali di studiare un’alternativa al precedente progetto, dato che 13 milioni di euro che costerebbe la nuova circonvallazione sarebbe stato impossibile trovarli … questo nuovo progetto di 4.265 metri costerebbe 9 milioni 900 mila euro … l’anno scorso con l’assessore regionale e i sindaci di Cordignano e Orsago abbiamo percorso questo tracciato … il cavalcavia di via Palù è una cattedrale nel deserto … io avevo la volontà di portare a termine questo tratto di strada … ma è quasi impossibile … guardate la Pedemontana … devo ammettere che è quasi un mio fallimento personale …?»
interviene il consigliere andreetta chiedendo se la riqualificazione di via Bruna sia la scelta dell’amministrazione per risolvere i problemi di traffico di Francenigo … il sindacotto risponde di si dato che sarebbe impensabile qualsiasi altra soluzione… andreetta chiede che cosa impedisce di sistemare l’ultimo tratto quello in prossimità del cavalcavia di via palù .. che risulta costare, lo dice il sindaco 950 mila euro, che poi sarebbero meno dei soldi spesi per la palestra
orbene in questo comune non ci sono mai i soldi per fare qualcosa di utile e necessario per i cittadini: non ci sono i soldi per sistemare gli infissi dell’asilo, non sono stati in grado di gestire il centro infanzia e adesso non si vuole neppure la sezione primavera, non ci sono soldi per la cultura, per il sociale aspettiamo i contributi europei, e così via… però i soldi arrivati come contributo per essere comune di confine di una regione a statuto speciale e quindi riconosciuto come comune svantaggiaimages-3-3to  li abbiamo usati tutti per fare una nuova palestra (vedi sopra) …
… ma mandiamoli a casa questi che sono in  continuità con l’amministrazione precedente, quella  che ha avuto questa bella idea, tra l’altro alcuni di essi  siedono ancora in consiglio e sono anche in giunta.

 

7. Approvazione verbali seduta del 27 dicembre 2016 (dal n. 33 al n. 43);

il consigliere andreetta esordisce affermando che c’è stato un miglioramento nella stesura dei verbali ma invita il segreventi% … a porre più attenzione ai concetti espressi dai consiglieri e di prendere nota in modo corretto perché in un verbale è stato cambiato il senso di quanto da lui detto …. il segreventi% … prende atto dicendo che qualche errore ci può stare … se fatto in buona fede  … e comunque bisogna cercare sempre di migliorare
andreetta invita segreventi% … a proporre la registrazione
finirebbe così anche questa nostra fatica di raccontarvi i consigli comunali
Si vota:
all’unanimità

8. Approvazione verbale seduta del 10 gennaio 2017 (n. 1);

Si vota:
11 favorevoli
1 astenuta, Daniel in quanto assente al consiglio comunale precedente

9. Convenzione tra il comune di Gaiarine e la provincia di Treviso in materia di sanzioni amministrative per l’abbandono dei rifiuti;

interviene la consigliera capuzzo dicendosi d’accordo con il contenuto della convenzione, invitando però …  « … l’amministrazione, dato che entro marzo bisognerà specificare come si sono utilizzati o non utilizzati  i soldi recuperate con le multe, a definire entro settembre dell’anno prima una lista delle priorità ambientali da finanziare in modo che questi introiti non vadano dispersi … in primis per il regolamento di polizia rurale … perché lo riteniamo uno strumento fondamentale …»
interviene il consigliere bressan dichiarandosi d’accordo con la proposta della consigliera capuzzo …  anche se ritiene che l’abbandono dei rifiuti siano fatti abbastanza sporadici, chiede se è stata fatta una stima dei possibili introiti … questo per poter dare dei suggerimenti su come potrebbero essere spesi … il sindacotto risponde affermando che è difficile trovare chi abbandona i rifiuti … ribatte bressan dicendo che sono state emesse una serie di ordinanze per la rimozione di rifiuti e che se a fronte di queste si sono incassati le multe …ci si può fare un’idea dell’ammontare dei possibili introiti … il sindacotto risponde che sono pochi quelli che si riescono ad individuare … basta fare un giro sulla circonvallazione per vedere sia a destra che a sinistra quanti rifiuti ci sono …
ci chiediamo quali siano le priorità impartite a vigili da parte dell’amministrazione? sicuramente non quella della tutela del territorio e dell’ambiente, dato che questa amministrazione se ne frega dell’ambiente, non è proprio nel suo dna, basta vedere la vicenda del regolamento di polizia rurale
quali controlli ambientali svolgono i vigili sul territorio? cosa guardano quando vano in giro per il comune? e se guardano cosa vedono? quali norme ambientali fanno rispettare?
un regolamento di polizia rurale fisserebbe una serie di regole anche ambientali e darebbe  ai vigili un contesto normativo preciso in cui muoversi, e  a quel punto non avrebbero più giustificazioni, dovrebbero per forza intervenire e far rispettare le norme
al sindacotto danno fastidio i rifiuti lungo la circonvallazione solo perché li collega a un fatto di decoro (com’è sporco il mio comune), ma non per il problema dell’inquinamento che quei rifiuti potrebbero provo
eternitcare all’ambiente se rimanessero dove sono stati gettati
il consigliere bressan ha nominato un’ordinanza di rimozione di rifiuti in via paludi, pensiamo si riferisca a dei rifiuti che si trovavano circa a metà della via, ma in fondo alla quella stessa via, a sinistra, all’altezza della bretella autostradale su un fosso vi è una discarica di eternit.
Chi l’ha vista. I vigili forse?

Si vota:
all’unanimità
  

10. Ratifica delibera di giunta comunale n. 41 del 28.03.2017 avente ad oggetto “variazione urgente al bilancio di previsione 2017/2019 ai sensi del’art. 175, comma 4, del d. lgs. 267/2000. variazione di peg 2017 – variazione degli investimenti 2017”;

illustra il sindacottotrattasi di lavori straordinari di estumulazioni eseguiti urgentemente nel cimitero di Gaiarine … alcuni cittadini hanno fatto presente la loro difficoltà di far visita ai loro defunti per la presenza di alcune tombe a terra in vicinanza delle loro colombaie ….dopo colloqui vari si è deciso estumulare i corpi da queste tombe … la spesa eseguire questo lavoro è di 10 mila euro
interviene la consigliera capuzzo chiedendo quando sono avvenuti i colloqui … il sindacotto legge la delibera, la consigliera fa presente che, come risulta, i colloqui con questi cittadini sono avvenuti a luglio del 2016 e che in delibera c’è scritto che questo lavoro viene fatto bilancio-in-comuned’urgenza però… «… per me urgenza è una cosa nata un mese fa se sono mesi che sappiamo questa cosa … abbiamo approvato un bilancio previsionale perché la spesa non è stata indicata? … tutti i lavori in questo comune sono sempre a carattere di urgenza e sotto i 40.000 euro …»
vi è una discussione tra il consigliere bressan che tenta di dimostrare che la spesa poteva rientrare nel bilancio approvato il 27 dicembre e l’assessore de zan che invece difende l’operato dell’amministrazione
il consigliere bressan ripete una considerazione già fatta in precedenti consigli comunali e cioè che il revisore nelle sue relazioni continua a ripetere, in merito a quanto gli viene riferito dagli uffici « … tenuto conto di quanto verbalmente esplicitato allo scrivente revisore… », significando che gli uffici non scrivono quando invece per trasparenza sarebbe bene che gli stessi lasciassero traccia scritta di quanto succede soprattutto nell’ambito contabile, e così dovrebbe fare anche il revisore …»
il consigliere andreetta invita il sindacotto a non ridurre il lavoro delle minoranze a pura polemica … il sindacotto si inalbera «… cosa ho detto …»
.
.. e ancor di più andreetta « … questa faccenda risale a sonego e capisco che lei deve sistemare le stupidate lasciate da altri ma hanno ragione i miei colleghi … i bilanci vengono fatti così … sarebbe ora che una volta anche lei dicesse che è vero …   che le cose sono fatte così …» dichiara la sua astensione
Si vota:
maggioranza favorevole
Daniel e Gava favorevole
Andreetta astenuto
Bressan e Capuzzo contrari

11.Approvazione variante al vigente piano degli interventi (p.i.) per apposizione vincolo preordinato all’esproprio e dichiarazione di pubblica utilita’ dell’opera pubblica: “realizzazione di pista ciclo pedonale tra gaiarine ed albina 1° lotto”;

illustra il sindacotto mettendo in evidenza che l’impresa che gestisce il piano urbanistico attuativo dona al comune un fascia di terreno per la realizzazione della pista ciclabile, chiedendo però che le distanze delle costruzioni che andrà fare non cambino, cioè che non vengano calcolate dal bordo della futura pista ciclabile
interviene il consigliere bressan mettendo in luce che questa è l’osservazione fatta dalla ditta, ma quello che si va ad approvare è la variante che consente la realizzazione del primo lotto della pista ciclabile … il sindacotto  gli da  ragione
bressan prosegue facendo notare che non essendoci un Piano degli Interventi complessivo si continua a lavorare per stralci e annuncia il suo voto contrario avendo il suo gruppo già contestato il percorso della pista ciclabile
la consigliera capuzzo chiede se la pista ciclabile corre sulla attuale strada di accesso al borgo scuro… gli viene detto che non corre sul sedime della strada ma aldilà del muro esistente che verrà mantenuto … la consigliera rileva che la via non è trafficata e che quindi la pista ciclabile poteva essere fatta sul sedime della strada … ma il sindacotto gli chiede per quale motivo dovrebbe rinunciare a un pezzo di terreno se gli viene regalato …
semplicemente perché qualcuno potrebbe avere una progettualità diversa, avere un’idea, e non adeguare i progetti al fatto che ti regalano qualcosa … prima le idee e poi la realizzazione, ma qui di idee non ce ne sono
il borgo scuro ha mantenuto anche se in modo minimo una sua conformazione storica, la stradina di accesso poteva essere pavimentata con sassi di fiume e lastre di trachite o altro materiale su cui far correre le biciclette, si sarebbe ottenuto: una valorizzazione del borgo, una bassa velocità per le poche macchine dei residenti, quindi una convivenza lenta tra biciclette e veicoli a motore. Un pic3.ciottoli-di-fiume-e-lastre-in-trachitecolo esempio anche a Gaiarine di una progettualità diversa… ma se poi ti regalano qualcosa allora ….
la consigliera capuzzo annuncia il suo voto contrario in primo luogo perché é contraria al tracciato definitivo dell’intera pista ciclabile, e poi perché non ritiene necessario usare ulteriore terreno per la realizzazione della pista e si augura che venga conservato almeno il ricordo di quel vecchio borgo facendo presente che anche le “tradizioni” paesaggistiche dovrebbe essere mantenute
il sindacotto conferma che il muro non verrà toccato e che la pista sarà fatta al di là
la consigliera prende atto e mette in evidenza che la ditta di cui si sta parlando è la stessa che ha in proprietà il consorzio e chiede quindi che venga fatta pressione per far sistemare quell’obbrobrio in centro al paese che tra l’altro è altamente inquinante (eternit?)
il sindacotto comunica che proprio il giorno prima ha incontrato il proprietario che però gli ha fatto presente i tempi difficili dell’edilizia e quindi …..
e quindi rimane tutto com’è
ma lui è il sindaco o qualcosa d’altro? e il famoso assessore all’ambiente dov’è? siamo in presenza di eternit oppure no? se si perché non fa un’ordinanza costringendo il proprietario a bonificare l’area? perché gli ha regalato un pezzo di terreno per la pista ciclabile? perché la salute dei cittadini vale meno di un pezzetto di terreno di cui si poteva fare a meno? chissà perché….

c’è un po’ di discussione sul muretto, sulle distanze ma il tutto viene chiarito
andreetta chiede al sindacotto se per caso ha cambiato idea sul tracciato della pista ciclabile … sindacotto risponde di no, perché altrimenti dovrebbe espropriare del terreno della vedova Riello che già subisce un esproprio (non abbiamo capito quale) … quindi andreetta gli fa presente che per non far questo si fa una pista a zig- zag … ricorda che  che ha ricevuto tre giorni prima la documentazione di questa variante e che come sempre si continua a non utilizzare gli strumento democratico della conferenza dei capogruppo e per questo motivo non parteciperà al voto
Si vota:
Andreetta non partecipa al voto
maggioranza favorevole
Daniel e Gava astenute
Bressan e Capuzzo contrari

12. Approvazione accordo in sostituzione di espropriazione tra comune di Gaiarine – Fabbro e Santin

illustra brevemente il sindacotto … alla fine chiede se ci sono osservazioni
la consigliera capuzzo suggerisce la lettura integrale dell’accordo in discussione … cosa che viene puntualmente fatta demandando la lettura all’assessore de zan che legge …
terminata la lettura prende la parola il consigliere bressan che mette in evidenza come l’intervento della rotatoria nasca da un accordo tra il comune di Gaiarine e la provincia di Treviso… un accordo di programma, così viene chiamato … «…quando è stato approvato dal consiglio comunale questo accordo di programma ? …»
si sente un rumor di scartabellar di carte dovuto ad una ricerca del segreventi% e del sindacotto ma naturalmente non si trova nessun riferimento ad un consiglio comunale nel quale si sia  approvato un tale accordo …
continua bressan rifacendosi agli atti … « … mentre l’atto unilaterale d’obbligo del 11 febbraio 2014 è immediatamente vincolante per il proponente (fabbro, santin), per l’amministrazione comunale lo sarà solo dopo la ratifica da parte del consiglio comunale dell’accordo di programma con la provincia, cosa mai avvenuta …» … chiede al segreventi% come ci si deve comportare … il segreventi% tenta di uscirne dicendo che il comune e la provincia hanno sottoscritto un protocollo d’intesa … bressan lo stoppa dicendo che non è la stessa cosa e alla fine il segreventi% deve capitolare dicendo …. «… ha ragione … porteremo in consiglio l’accordo di programma che sostanzialmente è il protocollo d’intesa o convenzione stipulata…»
interviene di nuovo bressan mettento in evidenza come a questo punto sia tutto il “castello” a scricchiolare …
il segreventi% cerca di far passare questa mancanza come la mancanza di un formalismo, ma nella sostanza non è così…
non si tratta di formalismo ma del fatto che si vuole fare le cose senza informare il consiglio comunale che è l’organo deliberante a cui sono demandate per legge le approvazioni di accordi che impegnino l’amministrazione comunale nei confronti di altri enti, siamo di fronte all’espropriazione delle prerogative del consiglio altro che “chiacchere”, e di atti che non possono essere legittimati, soprattutto da un segreventi% che si presenta come garante, (forse solo a parole,  anche se ha la scusante dei troppi  “casini” lasciati  dal suo predecessore), del rispetto delle norme
il sindacotto capisce che bressan ha messo il dito in una “brutta piaga” e allora alterato urla « …è un onore per me che uno di francenigo voti contro …»
siamo di fronte al signorotto di campagna che pensa davvero di poter fare quello che vuole, come se le proprietà comunali fossero sue, quando gli fa comodo non esiste norma che tenga, siamo di fronte a demolizioni fatte dal comune anche su proprietà di cittadini che mai si sono obbligati a cedere al comune le loro proprietà e ancora alza la voce
si entra nel merito di come viene finanziata la rotonda (280.000 euro provincia, 20.000 comune) e si scopre che mancano a bilancio 2.000 euro, poi ci sono i 15.000 euro di indennizzo a fabbro/santin + 7.000 euro sempre a favore fabbro/santin per una serie infinita di opere
bressan dichiara il suo voto contrario non per l’opera in se ma perché manca l’approvazione dell’accordo di programma da parte del consiglio comunale
interviene la consigliera capuzzo«…sono stati demoliti degli edifici che non erano in proprietà del comune … sui mappali mi sono persa ( forse,  aggiungiamo noi,  ci potrebbero essere dei sotterfugi) … ho chiesto la lettura integrale dell’accordo con fabbro/santin perché mi sono meravigliata di quanto hanno ottenuto e mi chiedo il perché   … fabbro/santin hanno ottenuto moltissimo e quasi nulla ha ottenuto l’altro cittadino confinante … a fabbro/santin sono stati demoliti i fabbricati a spese del comune …ottiene terreni … abolizione del diritto di passaggio del vicinante … ottiene lavori.. opere … chiedo tutte le visure di tutte le proprietà coinvolte, gli atti d’acquisto… la quantificazione dei soldi spesi e copia dell’accordo con la provincia .. io trovo che questa delibera sia realmente qualcosa che serve per sanare qualcosa che è iniziato male e che finirà male … »
parte il segreventi% e per circa venti minuti minuto più minuto meno non ce n’è per nessuno
bisognerebbe chiedergli. … se ha mai frequentato palestre di roccia? dal modo di arrampicarsi si direbbe di si …   e se è mai caduto ?
tocca sempre ad andreetta fermarlo prendendo la parola  «….non siamo di fronte a mere formalità … ma ad un pastrocchio fatto a suo tempo .. non c’era nessuna motivazione per abbattere le case in quel momento … e adesso i nodi vengono al pettine … anch’io ho subito un esproprio … e senza tante storie … tre anni fa è iniziata una corsa, in campagna elettorale, … e solo dopo si sono accorti che c’era la servitù di passaggio … leggendo gli atti c’è il sospetto che ci sia un “attore” forte e uno più debole …  non partecipo al voto… »
che sia la verità quella raccontata dai consiglieri bressan, capuzzo e  andreetta ?  e le  migrantes, loro che erano in campagna elettorale dalla stessa parte del megalosindaco e sindacotto quale verità potrebbero racconatre, se decidessere di parlare ?
Qual’è la verità.
Chissà.
Il comune guidato dal megalosindaco sonego, ma facevano parte di quella compagine il sindacotto, ma anche la venturin e presotto , dopo l’acquisto della proprietà da fre, il caseggiato più grande per intenderci dell’angolo
via benedett/ivia molino aveva deciso in fretta e furia di abbatterlo,  e per per far vedere che  faceva qualcosa di “grandioso” per la frazione di Francenigo dDem_via-Benedettiecise di abbattere anche gli altri fabbricati.
Fu fatto sottoscrivere a fabbro/santin un atto unilaterale d’obbligo di cessione al comune  e si demolirono anche i fabbricati inerenti questa promessa di vendita. In poche parole il comune rase al suolo le proprietà fabbro/santin pur  mancando un atto che autorizzasse queste demolizioni.
Ma la ciliegina sulla torta è data dal fatto che nel mezzo delle proprietà  fabbro/santin c’era un pezzetto di fabbricato non appartenente a nessuno dei due, nè al comune né ai  fabbro/santin.

Fu abbattuto anche quello …
Volendo ripetere perchè forse il concetto non è sufficientemente chiaro …
il comune ha fatto un piacere a dei privati abbattendo i loro fabbricati e ha abbattuto un pezzo di fabbricato di qualcun altro senza averne la proprietà e senza chiedere il permesso.

Si vota:
Andreetta non partecipa al voto
maggioranza favorevole
Daniel e Gava astenute
Bressan e Capuzzo contrari

La cronaca degli ultimi due punti la rimandiamo ad una prossima puntata.
Intanto sappiate che martedì 30 maggio, oggi per intenderci, dato che questa cronaca viene pubblicata, proprio oggi che è il 30 maggio, nel consiglio comunale che si terrà questa sera alle ore 19.00, oltre che discutere il conto consutivo, si ridiscuterà proprio di questo accordo.

Il punto all’ordine del giorno suona così:
DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DEL 16 MAGGIO 2017 “APPROVAZIONE ACCORDO IN SOSTITUZIONE DI ESPROPRIAZIONE TRA IL COMUNE DI GAIARINE – FABBRO E SANTIN”. SPIEGAZIONI E CHIARIMENTI;
sarà interessante conoscere finalmente la verità, perchè il fatto di riportarlo in consiglio comunale a distanza di 15 giorni, dando spiegazioni e chiarimenti, dovrebbe significare  che c’è l’intenzione di dire la verità, tutta la verità e nient’altro che la verità …
voi ci credete?

Concludiamo  con un pensiero Pepe Mujica, presidente dell’Uruguay dal 2010 al 2015, tratto dal libro “Vivere per qualcosa” scritto a tre mani con Carlo Petrini e Luis Sepulveda.

« Lo dico in modo ancora più chiaro: la politica e la militanza non sono professioni per vivere, sono devozioni, sono passioni. No, è falso che non vi sia interesse, l’interesse c’è, ma non riguarda i soldi, è un interesse d’onore, di dignità. Quando uno viene eletto per rappresentare, quello è un posto d’onore, è lui che dovrebbe pagare per il favore che gli fa la società, e questo non va usato per i propri fini, occorre dare dignità alla politica e alla militanza sociale. Chi ama molto i soldi, si dedichi a lavorare nell’industria, nel commercio, che paghi le tasse e tanti auguri.
Possono farlo tutti. No. Bisogna scegliere le persone giuste. Non tutti possono essere Messi, non è vero? Bene, quello che vale per il calcio vale anche per la politica, Occorre scegliere ed eleggere tra gli eleggibili, fondamentalmente valutando il cuore, la dignità, l’impegno. I tecnici qualificati si assumono, ma il cuore non si può assumere a contratto.
E credo sia questo l’errore fondamentale che sta facendo perdere fiducia nella politica, e se perdi fiducia nella politica, non ti resta altro da fare che arrangiarti da solo, cedere all’individualismo, e questo ci conduce all’infelicità collettiva. »

Condivi
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Consiglio Comunale 10 gennaio 2017: La Cronaca

Immagine

Premessa.
Dopo il ritiro del punto, nel consiglio comunale precedente, per manifesta incapacità di eseguire da parte degli uffici una accurata istruttoria che tenesse conto delle esigenze del comune e che tentasse di salvaguardarne gli interessi, e non sempre e soltanto quelli dei “poteri forti”, viene convocritardoato in tutta fretta, questo consiglio comunale, per rimediare agli errori e ai ritardi atavici di questa amministrazione, come messo in luce anche dalle minoranze.
Il bello della faccenda, è che siamo passati dalla padella alla brace. Invece di “cazziare” colui che aveva proceduto ad istruire la pratica (vedi cronaca 27.12.2016), ora si da a questo fantomatico “tecnico comunale” la prerogativa di firmare per conto del comune addirittura il contratto con la società, avendo pressoché carta bianca e  potendo quindi “ apportare al contratto ogni qualsiasi modifica a tutela degli interessi dell’Ente“.
Il giudizio su come e se saranno tutelati gli interessi del comune lo lasciamo ai posteri, in ogni caso qualche dubbio ci rimane, dubbio che eventualmente potrà essere rimosso se qualche “postero” farà le pulci al contratto che verrà sottoscritto.
Avevamo ricordato come fosse prassi consolidata, nel consiglio comunale di Gaiarine, che tutte le minoranze fossero sedute fianco a fianco, ma si sa che bast
ioa suggerire qualcosa, perché il Sindacotto, non metta in pratica o faccia esattamente il contrario. Il suo senso dell’io prevale su qualsiasi cosa.
Minoranza, quella del Gruppo Lega Nord (delle migrantes per interderci), resa ufficiale, in questo consiglio comunale, proprio dal Sindacotto  quando, dovendo scegliere gli scrutatori (due devono appartenere alla maggioranza e uno alle minoranze), ha scelto   Dandengo e Carnelos (maggioranza) e Gava (minoranze).
Quindi non ci sono dubbi: a prescindere da dove è seduta sempre di minoranza si tratta.

 Appello, sono assenti le Consigliere Fracassi e Daniel (vedi qui)

1. COSTITUZIONE DIRITTO DI SUPERFICIE SU AREA COMUNALE A FAVORE DI
INWITINFRASTRUTTURE WIRELESS ITALIANE SPA PER INSTALLAZIONE
APPARATO DI TELECOMUNICAZIONI

illustra il Sindacotto « …viene ripresentato l’ordine del giorno ritirato nel precedente consiglio comunale….. sono state modificate, giustamente, quelle due cose poco chiare emerse l’altra volta»
Interviene il consigliere Bressan affermando … che non sono state modificate solo due «cosette…» 
ma che è stata stravolta l’intera delibera non essendoci più allegato lo schema di contratto … ma addirittura viene dato mandato ad un tecnico comunale di firmare il rogito ….. e che comunque non capisce … « come mai, per giustificare questa riduzione di “entrata” (solo 70.000 euro per un diritto di superficie venticinquennale) l’altra volta si sia fatto riferimento all’Anci (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) , associazione alla quale il comune di Gaiarine tra l’altro non appartiene e ora, sempre a casaccio, si cita il D.lgs 33 del 2016 che di tutto parla fuorché di riduzione di canoni per gli operatori di telefonia mobile» continua chiedendo spiegazione al segreventi%.

Il segreventi%, si avventura in una spiegazione del tutto surreale che il consigliere Bressan ad un certo punto stoppa dicendo semplicemente « ha risposto …. il decreto non prevede una forte riduzione dei canoni locazione … »
nasce un batti e ribatti, chiaramente innescato dal
segreventi%, che non vuole assolutamente ammettere come questa delibera sia stata, ancora una volta, scritta con i piedi….
…. alla fine il consigliere Bressan motiva il suo voto contrario facendoultimo presente che questa vicenda dimostra come l’amministrazione arrivi sempre in ritardo ed affronti i problemi all’ultimo minuto pur avendo avuto, come in questo caso, mesi e mesi a sua disposizione, ….continua affermando che si poteva arrivare in questo consiglio con uno schema di contratto riveduto e corretto e questo avrebbe permesso di non dare, per la firma del rogito, carta bianca ad un tecnico comunale.
Ribatte il Sindacotto che il tempo trascorso da giugno e dicembre è servito per fare la trattativa che ha portato il comune ad ottenere 70.000€ « penso di aver lavorato per l’amministrazione di Gaiarine»
Ma no! Davvero?

Interviene il consigliere Andreetta chiedendo al sindaco o al segreventi%, ……come mai non ci sia più la bozza del contratto allegata alla delibera ….. e perché i pareri di regolarità tecnica e contabile siano entrambi firmati dal segreventi%?
Risponde Sindacotto chiarendo che il parere di regolarità contabile è stato firmato dal segreventi% perché la dott.ssa Perino era in ferie   … relativamente alla mancanza della bozza di contratto presente nella delibera del consiglio precedente risponde « per semplificare la delibera »

Ma varda ti. Si porta in consiglio comunale la concessione di un diritto di superficie di venticinque anni di una proprietà comunale e come per magia … abracadabra e voilà … il contratto sparisce e … quindi il consiglio comunale voterà cosa? Ma si, una bella cambiale in bianco da affidare al solito tecnico comunale che notoriamente fa esclusivamente gli interefaccaissi del comune.   Abracadabra e voilà…. La faccia allibita di Andreetta, di fronte all’affermazione del Sindacotto è un poema …e passa anche qualche secondo prima che riprenda la parola (solo sbigottimento o auto censura?)
Riprende contestando al Sindacotto la risposta data al consigliere Bressan. Mette in luce come sia falso che il tempo sia trascorso per trattare la parte economica, tant’è che, che la proposta di 70.000€ era già in possesso del comune dal 26 settembre 2016, come risulta dagli atti.
Afferma che l’argomento in questione è stato portato in consiglio comunale il 27 di dicembre, tra l’altro con una delibera scritta male che sono stati costretti a ritirare, e ora, dato che tra due giorni scade il termine per poter contrattualizzare qualcosa,  … con la gente in ferie e … « non sapendo che pesci pigliare … si pastrocchia » … alla fine dichiara il suo voto di astensione non essendo in grado di giudicare se quanto proposto sia un vantaggio o uno svantaggio per il comune.

Interviene la consigliera Capuzzo affermando che condivide in toto gli interventi di Bressan e Andreetta, sia relativamente al cambiamento della delibera, senza la bozza di contratto, messa in luce da Bressan sia sulle tempistiche evidenziate da Andreetta. Continua affermando che siamo in presenza di poteri forti, e che invece di contrastarli, come aveva suggerito nel precedente consiglio comunale, con tutti gli strumenti possibili e far valere gli interessi dell’amministrazione, viene data loro la possibilità di fare qualsiasi cosa, dato che con un diritto di superficie tutto si può fare.
Prosegue portando a conoscenza che InINWIT- Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A., è un’azienda che gestisce infrastrutture per comunicazioni elettroniche dando ospitalità nei suoi siti ad apparati per ltva trasmissione radio, telecomunicazioni, diffusione segnali radio e televisive e che quindi non si occupa solo di telefonia mobile.
Poiché viene dato mandato ad un tecnico comunale di sottoscrivere il rogito .. «… ho paura che possano allargare le attività …. vorrei che fosse specificato che questa stazione debba essere usata solo per telefonia mobile »
Continua chiedendo che questo venga messo in evidenza in delibera e che comunque darà voto contrario.

Intervengono sia Sindacotto che il segreventi% spiegando come sia già chiaro che questa stazione può esser usata solo per telefonia mobile. ma la consigliera Capuzzo e anche il consigliere Bressan insistono perché venga chiarito che il potere di firma dato al tecnico comunale sia solo per una stazione di telefonia mobile. Il segreventi%, dice che non c’è nessuna preclusione ad apportare modifiche migliorative.
Si decide di specificare meglio, quindi, che la stazione dovrà essere usata solo per telefonia mobile.
Interviene Andreetta affermando che quando normalmente questa amministrazione comunale parla di “cose migliorative”, normalmente pensa solo ai soldi, e osserva come “le amministrazioni pubbliche” non dovrebbero ragionare solo ed esclusivamente in termini economici, pertanto vedendo che c’è una certa disponibilità ad apportare qualche piccola modifica “migliorativa”, chiede che venga introdotta in un certo punto della delibera la frase «…. a tutela della salute o del benessere della cittadinanza»
Il Sindacotto risponde di «No»

E questa era la sola risposta che poteva dare, dato che è seduto su quella poltrona per tutelare gli “interessi” dei cittadini, forse di alcuni cittadini, ma sicuramente non la salute di tutti.
Si vota:
maggioranza favorevole
Gava favorevole
Andreetta astewnuto
Bressan, Capuzzo contrari

 L’unica migrantes presente ha votato con la maggioranza.Chissà perché? Già si mormora… 
Ore 19.33 e il comeditarensiglio è terminato.
Il poco pubblico presente
(6 persone) sono libere di andarsene e meditare su quanto visto e sentito.

Condivi
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF