Consiglio comunale lunedì 30 aprile 2018: La Cronaca

Immagine

Premessa.
Consiglio comunale che doveva assolutamente essere convocato entro il 30 aprile per non incorrere in qualche non ben definita sanzione da parte dello stato, e entro il 30 fu.

Viene convocato per le ore 17.00 anche se le minoranze, da ben quattro anni (ma anche nella legislatura precedente) continuino a chiedere, invano, che i consigli comunali siano convocati alle 20.30 o su di lì.
In questa occasione la colpa dell’orario di convocazione non è proprio tutta del sindacotto, che comunque in questi quattro anni, quasi per dispetto, ha continuato a convocare i consigli ad ore non consone per i consiglieri e per i cittadini, ma dell’ “orso globetrotter” (leggi
segreventi% ( per precisione d’ora in poi, come si capirà più avanti, dovremmo chiamare segreventiduevirgola22%)), che dovendo letteralmente fare i “salti mortali” per soddisfare i suoi ben 6 “padroni” (castello di godego, codognè, fossalta di portugruaro, gaiarine, rosà, zenone degli ezzelini) ha dovuto essere presente nella stessa serata in ben tre consigli comunali: alle 17.00 a gaiarine, alle 19.30 a fossalta di portogruaro e alle 22.00 a   zenone degli ezzelini.
sì, tre consigli comunali nello stesso giorno … d’altra parte è un orso ben “addestrato“.

entriamo in cronaca
si fa l’appello
assenti Bressan, Fracassi, Capuzzo, Daniel e Gava (vedi qui)

1. Ratifica delibera di giunta comunale n. 43 del 20.03.2018 avente ad oggetto “Variazione urgente al bilancio di previsione 2018/2020 ai sensi dell’art. 175, comma 4 del d. Lgs. 267/2000. Variazione di peg 2018 –Variazione piano degli investimenti 2018”;

Illustra l’assessore de zan evidenziando che la variazione di bilancio in oggetto di asfaltatura18.117,00 euro è stata fatta per poter asfaltare via palù … recuperando l’importo necessario dal capitolo “manutenzione straordinaria per edifici e relativi impianti adibiti a scuole materne”
interviene il consigliere andreetta chiedendo se questa asfaltatura fosse veramente urgente …
… risponde il sindacotto affermando che «… la strada era pericolosa …» e che si è deciso di approfittare della presenza della ditta che stava eseguendo l’asfaltatura dei tratti di proprietà del comune di orsago e di quello di cordignano assegnandole anche i lavori per il tratto di proprietà del comune di gaiarine

il consigliere andreetta« … la perplessità viene … è possibile che ci troviamo sempre nell’emergenza anche se si sa da tempo che certi lavori sono da fare … mi viene in mente il cimitero di gaiarine … siamo alle solite … un lavoro che poteva essere tranquillamente messo a bilancio di previsione … invece si vanno ora a prendere i soldi da un capitolo importante … quello degli asili …»
risponde la de zan « … si tratta di piccole opere … di piccole cifre … è probabile che ci siano nei prossimi mesi altre variazioni dei bilancio per finanziare altre esigenza … oppure per finanziare questo capitolo …»
andreetta « … questo è un limite alla pianificazione …»
de zan « … tutti i comuni fanno così … è un modo di fare …»
andreetta non continua e passa alla dichiarazione di voto

« … in passato su variazioni di questo tipo mi sono astenuto, questa volta voterò contrario, non tanto per questo lavoro … ma per il fatto che nel previsionale si mettono cifre così e poi si spostano da un capitolo all’altro… la tendenza di una amministrazione virtuosa dovrebbe essere quella di pianificare …»

invece da quelloasilo che si è capito la pianificazione di questa amministrazione funziona così:
erano stati pianificati una serie di interventi negli asili, interventi richiesti dal dirigente scolastico, genitori ecc., ma siccome c’è la ditta che sta asfaltando una strada si preferisce asfaltare una  strada, chi se ne frega degli asili

e dato che siamo il terzo comune sopra i 5.000 abitanti con il più ba
calosso tasso di natalità della provincia di treviso, preceduti solo da san pietro di feletto e cordignano, invece di migliorare i luoghi e i servizi dedicati ai bambini e conseguentemente agevolare e prospettare ai genitori una vita più semplice nella gestione dei loro figli tale da incentivarli ad averne altri, asfaltiamo le strade, … ma così fan tutti, come dice la de zan, compreso cordignano che guarda caso ci precede in questa disastrosa classifica … dimenticavamo … sempre per agevolare i genitori ed avere un incremento demografico l’amministrazione precedente, di cui questa è la continuità, ha chiuso il centro infanzia di albina per poi, questa, riaprire a fatica e non si sa per quanto una sezione primavera centro infanzia… il bello è che si vantano sui giornali «unico comune del comprensorio ad aprire una sezione primavera» invece di chiedere scusa pubblicamente per la “distruzione” del centro infanzia, quello sì un vero fiore all’occhiello di cui ci si poteva vantare …
e poi ci si chiede perché le giovani coppie abbandonino il comune … ma forse ce lo chiediamo solo noi ..  

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta contrario

2. Approvazione rendiconto della gestione 2017.

l’assessore de zan chiede ad andreetta se ha delle della domande
Il consigliere andreetta risponde … « il rendiconto in linea di massima rispecchia il previsionale , sui dettagli non mi sono soffermato … più di 800.000 euro di avanzo … faccio la dichiarazione di voto …»

« … non essendo in approvazione i verbali della seduta precedente la cui discussione avrebbe dato spazio per un preambolo, lo faccio adesso, anche per i miei colleghi di minoranza assenti … vorrei fosse verbalizzata la mia protesta per l’ennesima  convocazione con tempistiche improprie … sono convinto che si potesse fare questo consiglio qualche giorno prima … non abbiamo un bilancio complicatissimo … ogni anno grosso modo le cose sono quelle … quindi si poteva fare prima … poi c’è anche il discorso dell’orario che è una ulteriore mazzata perché, se uno lavora, le 17.00 sono un orario sicuramente da evitare … abbiamo un segretario con meno ore di prima … non possiamo sempre essere condizionati dagli altri comuni perché questo ci crea dei problemi … codognè ha fatto consiglio il 23 aprile, rosà il 26 aprile, castello di godego il 27 aprile … non so se gaiarine viene sempre per ultimo … così mi pare non vada bene … siamo qua a fare un consiglio comunale il 30 aprile … la relazione del revisore è arrivata il 10 aprile quindi si poteva fare consiglio prima … gaiarine all’ultimo giorno … detto questo per quanto riguarda il rendiconto e il risultato dell’avanzo di amministrazione … so anch’io che alla fine i soldi vengono spesi … ma comunque è un segno di discrezionalità nella spesa da parte dell’ente pubblico … nscheion è vero che l’amministrazione non ha “schei” … forse non ci sono i “schei” che c’erano una volta … in questo modo … c’è la discerezionalità della amministrazione di spendere in un modo o in un altro … detto questo il consuntivo è la logica conseguenza del previsionale a cui ho dato voto contrario e pertanto darò un voto contrario anche a questo rendiconto

il sindacotto precisa « … da quanto mi risulta il segretario non ha diminuito le ore per il comune di gaiarine … se a lei risulta qualcosa di diverso … »
andreetta « … se era al 31% e ora … »

e ha ragione andreetta
è vero che una persona non può ricordare tutto, ma è grave che il sindaccotto non ricordi o non sappia quante ore il segretrentun%  lavorasse per il comune, ed è grave che si voglia puntualizzare facendo credere di essere l’unico possessore della conoscenza solo per tacitare una giusta critica
e allora puntualizzazione per puntualizzazione …
con la delibera n. 22 del 5/9/2014 veniva approvata la convenzione di incarico per il segretrentun% fontan, la ripartizione tra i tre comuni era la seguente:

1. Comune di Gaiarine: per 31% ore settimanali 11,16 su 36
2. Comune di Orsago: per 30% ore settimanali 10,80 su 36
3. Comune di Tarzo: per 39% ore settimanali 14,04 su 36

con la delibera n. 40 del 30/11/2017 veniva approvata la convenzione di incarico per il segreventiduevirgola22% orso e  la ripartizione tra i sei comuni, diconsi sei, era la seguente:
1.Comune di Castello di Godego: ore 5 su 36 settimanali = 13,88%

2.Comune di Gaiarine: ore 8 su 36 settimanali = 22,22%
3.Comune di Fossalta di Portogruaro: ore 8 su 36 settimanali   = 22,22%
4.Comune di Codogné: ore 8 su 36 settimanali   = 22,22%
5.Comune di San Zenone degli Ezzelini: ore 3 su 36 settimanali   = 8,33,66%
6. Comune di Rosà: ore 4 su 36 settimanali   = 11,116%
quindi è chiaro che l”“orso globetrotter lavora per gaiarine 3 ore e qualcosa in meno alla settimana (una giornata e mezza in meno al mese) del segretrentun% fontan e “salta” un po’ di più

… il segreventiduevirgola22% spiega che è una legge assurda quella che prevede l’approvazione entro il 30 aprile del rendiconto …  ma comunque per non incorrere in qualche sanzione tutti i comuni hanno preferito approvarlo entro i termini …  … é vero che tre su sei comuni da lui gestiti l’hanno approvato prima … a gaiarine si pensava di arrivare un po’ prima … poi ci sono sempre gli imprevisti … e spiega che arrivati all’ultimo giorno, dovendo ottimizzare il suo tragitto tra i vari comuni non si poteva fare altrimenti…
andreetta « … ma alle 17.00 …»
spocchia
 sindacotto con la solita spocchia « … la maggioranza c’è sempre …»

e ti credo, anche con un solo assente tra le proprie file questa risicata maggioranza sarebbe in balia delle minoranze che potrebbero far venir meno il numero legale e quindi  far “saltare” il consiglio, ed è per questo, e non perché sono dei bravi consiglieri, che sono sempre presenti, non potrebbero fare altrimenti.

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta contra
rio

al bardurata lampo: 25 minuti e tutti al bar

Condivi
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Consiglio comunale martedì 6 febbraio 2018: La Cronaca

Immagine

Premessa

Consiglio durato 4 ore.
Il comune di gaiarine è governato da una maggioranza ridotta a sette, che non può permettersi neppure l’assenza di un consigliere colpito da un grave lutto familiare, la morte della madre, costringendo, gioco forza, il vicesindaco fellet ad essere presente potendo la sua assenza far rinviare la seduta.
Pur con questa maggioranza risicata e in balia di ogni possibile follata di “vento” la tracotanza del sindacotto non viene meno, come non vengono meno le frottole, la mancanza di trasparenza, il non rispetto istituzionale delle minoranze e una visione politica che é di subordinazione ai “poteri forti”.

Si può dire che questa commedia in nove atti (leggi punti all’ordine del giorno) sconfortante ed avvilente, di pocindexo contenuto e a tratti anche molto noiosa, ha meritato la “visione” solo per il primo e ultimo atto, rimanendo gli altri quasi insignificanti…

e allora su il sipario …..

entriamo in cronaca
si fa l’appello
assenti nessuno (vedi qui)

1. Risposta alla consigliera Capuzzo a nota prot. n. 10023 del 30 novembre 2017 e ad interrogazione presentata in data 5 dicembre 2017 assunta al prot. n. 10153;

La consigliera capuzzo, che nel consiglio comunale del 30 novembre scorso, essendo stata impossibilita a parteciparvi per impegni di lavoro, aveva inviato al sindaco, segretario e consiglieri un intervento scritto (vedi qui) chiedendo la lettura, tra l’altro assicurata telefonicamente dal segretario, ha presentato un’interrogazione riallegando l’intervento e chiedendo il motivo della non lettura.
sostanzialmente il documento poneva una serie di questioni su un atto unilaterale d’obbligo dell’ALF UNO spa per un ampliamento in zona impropria di 12.000 mq. inviato all’amministrazione comunale e da questa accettato supinamente dimostrando ancora una volta come questa sia fondamentalmente sempre debole con i forti.

Questo è solo l’ultimo dei tanti atti che determina una forte critica politica ai comportamenti di questi amministratori e di quelli precedenti (in parte gli stessi), che mai si sono opposti alle richieste proveniente dai piani alti del “potere comunale”, dimostrandosi così sudditi incapaci di proferire parola, tralasciando invece i veri problemi degli umili cittadini, come ben ha evidenziato la consigliera gava nell’ultimo “atto”.

gli esempi sarebbero molti: dalla la piazzetta di francenigo alle compravendite e demolizioni all’incrocio di  via per molino sempre a francenigo, dall’ampliamento della ditta corazza a gaiarine  a questo atto unilaterale  e purtroppo lo scadimento democratico a cui si è giunti nel nostro comune è frutto della mancanza di memoria storica, della mancanza del senso istituzionale di questa amministrazione e anche, della mancanza  di controlo degli enti preposti, corte dei contidando la senzazione che tanto “si può fare tutto quello che si vuole”…

“Il prezzo della libertà è l’eterna vigilanza”, scriveva Karl Popper.

la consigliera capuzzo legge l’interrogazione e il sindacotto, in modo inusuale, risponde punto per punto …
… sull’affermazione della consigliera … che sarebbe stato utile per il comune che il segretario comunale (nell’intervento vi era anche un punto che trattava la nuova convenzione riguardante la segreteria comunale) fosse presente in municipio più ore …
il sindacotto risponde … che le ore dedicate dal segreventi% al comune di gaiarine sono rimaste le stesse di prima …

bisogna sapere che con la nuova convenzione il segreventi% seguirà ben sei comuni trasformandosi di fatto in un orso globetrotter” munito però di automobile che attraverserà settimanalmente la provincia di treviso andando da san zenone degli ezzelilini a fossalta di portogruaro
… la consigliera capuzzo prende atto e prosegue la lettura entrando nel merito dell’atto unilaterale d’obbligo …
osservando che … ” dovrebbe essere fornita ulteriore documentazione a supporto delle specifiche esigenze produttive e delle mitigazioni ambientali previste e dovrebbe essere fatta una più approfondita riflessione da parte del Comune. Una volta approvato non si potrà più modificare” …
il sindacotto non risponde nel merito ma legge ( … una rottura unica di cabasisi…) l’articolo 4 della legge 55/2012 che definisce le competenze della conferenza servizi la quale dovrà fare le valutazioni ed esprimersi sulla richiesta …
la consigliera capuzzo « … abbiamo rimandato ad allora (alla valutazione che farà la conferenza di servizi) la verifica dell’impatto di questo progetto … quindi abbiamo firmato prima di sapere l’impatto …» … il sindacotto imbarazzato … « … proceda …»

la consigliera riprende la lettura … L’art. 8 del DPR 160/2010, richiamato dalla legge regionale 55/12,  prevede che il responsabile SUAP deve verificare, tra le altre cose, la sussistenza di alcune condizioni, tra le quali la mancanza o insufficienza di aree a destinazione produttiva nel Comune. Ci risulta che nel nostro Comune vi siano aree che possono soddisfare le esigenze industriali in oggetto. Inoltre il PTCP ha previsto l’area industriale come non espandile. È stata soddisfatta e verificata la sussistenza delle condizioni?”
… il sindacotto non risponde nel merito ma si mette a leggere ( … una nuova rottura unica di cabasisi) l’articolo 8 del DPR 160/2010 che è poi è quello citato dalla consigliera…
la quale alla fine dice di non aver capito la risposta in quanto il sindacotto non ha fatto altro che leggere il contenuto della citata legge… e che lei da per scontato che le cose siano fatte a norma di legge … e che comunque per un intervento di questo tipo prima di impegnarsi in questo modo doveva essere valutato ogni singolo dettaglio e quindi valutato se ci fossero delle aree …
… interviene il sindacotto affermando « … non ci sono delle aree …»
e questa è una frottola in quanto un’area ad uso industriale libera ed in grado di soddisfare la richiesta di dodicimila mq. esiste ed è individuata all’interno degli strumenti urbanistici, quest’area è l’area presso l’uscita autostradale di francenigo, dietro via delle paludi
… il sindacotto racconta frottole sapendo di raccontarle perché sa benissimo che ci sono state delle richieste di privati, a causa dell’IMU che devono pagare, per riportare quell’area da industriale ad agricola, richieste respinte dal comune
… racconta frottole sapendo di raccontarle perché sa benissimo che nella mappatura delle aree consolidate inviata in regione a fine agosto 2017 quest’area è rimasta industriale …

…racconta frottole sapendo di raccontarle perché sa benissimo che quell’area è presente anche nel PTCP (piano territoriale di coordinamento provinciale) come area industriale…

subito dopo aver raccontato la frottola e forse resosi conto di quanto detto cerca di rimediare dicendo … « …ma lei sa quanto costa trasferire un’azienda …»

ecco qua “… can non magna can …come-rendere-felice-un-cane-happy-dog soprattutto se quest’ultimo è grosso …”

 

 

 

 

cioè la valutazione fatta dal comune non è sull’impatto ambientale, paesaggistico, idraulico, viabilistico e del rumore che questa nuova espansione di un’attività, tra l’altro già ricadente in zona impropria e teoricamente da trasferire, potrebbe avere sul delicato equilibrio di quell’area e sul paese di francenigo, essendo a ridosso del centro abitato, ma sull’aspetto economico del privato
quanto “costerà” al privato? non quanto “costerà” alla comunità? questo è il metro di misura di questi nostri imprenditori, ormai fuori dal tempo, diventati anche amministratori della cosa pubblica

la consigliera capuzzo … , « … so benissimo quanto costa spostare un azienda … non dica però che non ci sono aere industriali …»
il sindacotto super imbarazzato « … proceda …» …

la consigliera continua la lettura del suo documento …  Il calcolo della compensazione come contributo straordinario/perequativo sembra risultare a sfavore del Comune. Oltre alla valutazione dei terreni agricoli ante trasformazione, la % di contributo si discosta da quanto previsto dal DPR 380/2001 (Testo unico in materia edilizia) art. 16, che prevede al comma 4 una percentuale almeno pari al 50% del maggior valore creatosi con la trasformazione delle aree. Rimanendo invariate le valutazioni dei terreni, il contributo, secondo le previsioni del Testo unico, sarebbe superiore di c. 65.000 euro. … porterebbe ad una maggiore entrata per il Comune di circa 100.000 euro … la proposta, si profilerebbe un danno erariale notevole al Comune. …»
… il sindacotto non risponde nel merito ma si mette a leggere ( … una nuova super rottura unica di cabasisi) parte del DPR 380/2001 e altri articoli di varie nletturaorme … afferma che l’area in questione è un’area residuale che ha perso la prerogativa di area agricola …

… alla fine la consigliera chiede … quello che anche il pubblico avrebbero voluto chiedere non avendo, da questo esercizio di lettura,  capito quasi nulla … « … mi fa il riassunto? …» …

… il sindacotto« … il valore è giusto …»

sembra di essere al famoso pokrogramma quiz “ok il prezzo è giusto” della “tv generalista” di altri tempi, d’altra parte quale “profonda visione” della società guida questa maggioranza e soprattutto il sindacotto che non sia basata sui “schei”, classico modello veneto, ma la cosa grave e sulla quale  bisognerebbe che qualcuno meditasse è il fatto che quando si leggono documenti preparati da “altri”, prima di farli propri bisognerebbe verificarne l’attendibilità  e  come in questo caso prima di fare proprie le affermazioni fatte sulla tipologia dell’area bisognerebbe almeno fare un sopraluogo … e allora si potrebbe scoprire che quest’area   ha un grande valore in quanto l’intero lato nord vede la presenza di un siepe secolare e un ampio fosso,e ci si potrebbe rendere conto che il fatto di oltrepassare questa linea di demarcazione vegetale distruggendo la siepe e chiudendo il fosso sarebbe è un danno ambientale e e paesaggistico notevole …..

… la consigliera riprende la lettura del documento … “ Il contratto prevede che vi sia una compensazione con un debito, che sembrerebbe fuori bilancio. Come e quando è stato inserito nel bilancio il debito derivante dall’impegno che il Comune ha assunto con il contratto dell’11.7.2011?”…
…   il sindacotto« … non è un debito fuori bilancio … c’è una convenzione in atto … » … interviene la dezan … leggendo la delibera di allora e dichiarando anche lei che non è un debito fuori bilancio, poiché l’impegno si concretizzerà solamente nel 2020 a scadenza della convenzione … la consigliera capuzzo fa notare come se adesso non c’è un impegno economico  del comune come mai con l’atto unilaterale d’obbligo si estingue questo “non impegno” con una perequazione

tra il pubblico é presente anche il revisore del conto, l’unico forse che avrebbe potuto dirimere la questione, ma non viene interpellato da nessuno …
… quello che si nota è una sua assoluta rigidità sia alle parole del sindacotto che a quelle della dezan, non un segno affermativo con la testa, un gesto qualsiasi che manifestasse la sua condivisione per quanto veniva detto, anzi sembrava un po’ in imbarazzo …

si rimane dunque con questo amletico “si tratta di debito fuori bilancio o no?“I+DEBITI+FUORI+BILANCIO

 

 

 

 

 

 

 

… la consigliera continua con la lettura del documento … “ Viene richiesto al Comune anche la definizione entro 60 giorni dell’opera pubblica da costruire. Come è possibile definire tale opera se nel piano delle opere pubbliche non si prevedono opere? A quali conseguenze di danno il Comune si espone nel caso in cui, nei tempi previsti, non individuasse l’opera da realizzare? e come verrebbe definito il valore dell’opera da realizzare? e se il valore dell’opera non coincidesse con l’offerta perequativa, quali obblighi ulteriori nascerebbero a carico del Comune? “…
   il sindacotto … « … sono opere inferiori ai 100.000 euro … non serve inserirle nel piano triennale delle opere pubbliche … opere già pensate …noi abbiamo deciso cosa fare … non serve saperle … »

siamo alla solita visione miope di questo amministrazione che non vede oltre, oltre, oltre, si potrebbe dire oltre la siepe, … l’opera pubblica già prevista sarà forse una qualche “sistematina” alla scuola elementare di francenigo? …   probabilmente cosa giusta da farsi ma che il comune potrebbe sistemare con soldi propri, ma quello che non passa neppure per l’anticamera del cervello che qui si sta tramutando un’area agricola di connessione naturalista  (fascia tampone)  di protezione mirata di un corridoio ecologico secondario definito dalla provincia di treviso, un’area quindi che ha sua valenza ambientale, in un’area industriale creando quindi una “perdita ambientale notevole.
Oramai lo sanno anche i bambini che la prevenzione e la tutela ambientale debbano essere perseguite non solo attraverso politiche di riduzione dell’impatto ambientale delle opere e delle attività antropiche ma in presenza di nuovi impianti anche attraverso una azione attiva tesa al miglioramento ambientale e paesistico del territorio e che quindi l’unico modo di tutelare l’ambiente, nel malaugurato caso che si procedesse con questo ampliamento industriale, è portare il bilancio ambientale almeno a zero, questo significa che l’unica opera che il privato può fare è “ritornare” all’ambiente un’area a bosco, zona umida o quant’altro di dimensione tale per fare in modo, come già detto, che
il bilancio ambientale (si può calcolare) sia pari a zero o superiore …compensazione-ecologica-convegno-7-luglio-2016-32-638
… ma da questi amministratori è forse pretendere troppo …
… o è forse che giunta l’ora di pretenderlo?

 … la consigliera riprende la lettura del suo documento … “ … L’intervento prevede criticità ambientali che non è chiaro come siano state valutate:”
il sindacotto non risponde nel merito ma si mette a leggere per la seconda volta
( … una doppia rottura unica di cabasisi) l’articolo 4 dletturaella legge 55/2012 che definisce le competenze della conferenza servizi che dovrà fare le valutazioni ed esprimersi sulla richiesta …
… 
  la consigliera … « … ribadisco che ci siamo impegnati prima di sapere gli effetti di questo intervento … »

la consigliera continua la lettura . “L’azienda in oggetto, forte di una tradizione industriale e che si è distinta per la crescita, ha valutato eventuali ulteriori espansioni e i possibili vincoli che potrebbe incontrare nell’area?” …
… il sindacotto « penso di si …ma non so …»
la consigliera conclude la lettura chiedendo come mai questo suo intervento non sia stato letto in consiglio comunale come da lei richiesto …
il sindacotto «… l’intervento è stato messo a protocollo e anche nella cartella dei consiglieri … non è stato letto perché lei non era presente …e non si poteva dibattere …»
… i
l sindacotto  prosegue  … « … le aziende hanno pieno diritto di pretendere che un’area agricola possa divenire produttiva … non sta scritto da nessuna parte che debba essere ripristinata in altro luogo l’area verde consumata … mi dichiaro contento dei nuovi posti di lavoro che si creeranno…» …
… la consigliera capuzzo «… è la confindustria, la madre di tutte le industrie a livello nazionale che è stata ben chiara e ha detto “signori se volete espandervi non toccate i terreni agricoli “…questo non l’ho detto io … davvero si aggiorni … a livello nazionale e europeo si chiedono in questi casi compensazioni ambientali …»

non c’è molto altro da aggiungere se non che come in tutte le categorie umane vi sono imprenditori che guardano ad un futuro sostenibile, per lasciare qualcosa anche a quelli che verranno, e vi sono imprenditori e/o ex imprenditori ancora ancorati a visioni di retroguardia, come se tutte le problematiche ambientali, che stanno distruggendo la qualità della vita, non esistessero, e che sono sempre  e solo spinti dal massimo profitto a prescindere da tutto e da tutti e poi ci sono amministratori comunali che non dovrebbero occupare il posto che occupano …

2. Approvazione verbali seduta del 21 dicembre 2017 (dal n. 43 al n. 44);

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Bressan, Capuzzo, Daniel, Fracassi, Gava astenuti

I punti dal tre all’otto sono relativi al bilancio di previsione 2018 e dato che, come affermato enne volte dalle minoranze, il bilancio presentato è un copia/incolla di quello precedente, tanto vale non spendere energie per raccontarvi un commedia giù vista e allora siamo andati a riprenderci l’incipit della cronaca del 27 dicembre 2016 relativa all’approvazione del bilancio di previsione 2017 che coincide per 99% con quello che avremmo dovuto raccontarvi,… troverete barrate quelle frasi non dette in questa occasione …  

12 dicembre 2016
Per i punti dal 3 al 8, vi indicheremo solamente chi ha presentato il punto, chi è intervenuto e come si è votato e forse qualche piccolo dettaglio …
Questo perché ci siamo un po’ “rotti” di stendere una cronaca sempre uguale a se stessa.
In effetti nell’approvazione sia degli atti propedeutici al bilancio di
dejavu-immagine-750x410previsione che del bilancio stesso ci sembrava di essere in un dejavu, in una commedia già vista e rivista e diventata oramai stantia.
Stessi gli attori, stesse le battute, stesse le affermazioni insignificanti della maggioranza. Tutto nasce dal fatto che i bilanci di previsione presentati negli anni da questa maggioranza erano e sono completamente privi di un qualsiasi barlume di novità.
Sono come hanno, a più riprese ripetuto le minoranze, dei copia/incolla di quelli precedenti. Bilanci tutti uguali.
Tanto uguali che molte delle domande, delle constatazioni e degli interventi fatti dalle minoranze erano le stesse fatte nelle approvazioni di quelli precedenti.
Sia Andreetta che Bressan che Capuzzo hanno ha più riprese usato frasi come
statu quo … mancanza di visione strategica ….nessuna pianificazione … tutto scollegato nessuna sinergia… mancanza di visione sinergica … nessun intervento per le famiglie in difficoltà … carta che si lascia scrivere …. ecc.
Davvero non si vede un progetto amministrativo e una capacità di pianificare.
Le minoranze hanno evidenziato a più riprese che il procedere di questa amministrazione è quello di lavorare per emergenze e al tal proposito chiarissime sono state le parole del sindacotto date in risposta a queste affermazioni «.. meio far che star li a parlar..».
Peccato che questo modo di operare abbia e determini dei lati oscuri, cioè interventi, anche spezzettati ad arte, per non fare le gare d’appalto, ma per poter procedere con trattativa privata, “tirando” le norme.
Bisognerebbe vedere se anche la Corte dei Conti o l’ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione) ritengono che questo modo di procedere sia legittimo.

3. Determinazione aliquote e detrazioni per l’applicazione dell’imposta municipale propria “IMU”  per l’anno 2018;
… illustra i sindacotto. Stesse aliquote del 2017
… interviene bressan , che mette in luce come le aliquote siano le stesse del 2017… del 2016 ….., come in una filastrocca e in effetti ricorda la filastrocca Alla Fiera dell’Est recitata per l’approvazione del bilancio precedente…
… il sindacotto annuncia che è stata nominata una commissione che si occuperà di determinare per il prossimo anno i valori delle aree, lavoro che servirà per determinare imu ecc. …no tu no
andreetta chiede se si possono conoscere i nomi dei commissari e se parteciperà anche qualcuno del consiglio comunale
… risponde il sindacotto con due NO.
… interviene anche la consigliera capuzzo.

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Bressan, Capuzzo,Fracassi contrari
Daniel, Gava astenute

4. Determinazione aliquote per l’applicazione del tributo per i servizi
indivisibili (TASI) per l’anno 2018;

… illustra i sindacotto. Stesse aliquote del 2017.
bressan fa un paio di domande a cui risponde la dezan
andreetta fa presente che nella commissione di cui si è parlato prima dovrebbe essere rappresentata anche la cittadinanza, solo da un lavoro condiviso possono venire risultati postivi.
capuzzo fa una serie di domande, risponde la dezan, si finisce sui rifiuti lungo la circonvallazione … il sindacotto afferma che la gente è sempre più maleducata, la consigliera mette in luce che si potrebbe spendere qualche soldo per tentare si sensibilizzare i cittadini.

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Bressan, Capuzzo,Fracassi contrari
Daniel, Gava astenute

5. Destinazione contributo per le opere di culto. approvazioneprogramma per l’anno 2018;

… illustra il sindacotto … nel 2018 il contributo di 10.000€ andrà alla frazione di francenigocampomolino a chiesto di anticipargli la quota spettante relativa al 2019.

Si vota:
all’unanimità

In coda al punto la gava fa presente che l’anno scorso la parrocchia di albina aveva scoperto solo a fine anno che era la destinataria del contributo, per questo chiede che la parocchia destinataria dei soldi sia avvisata per tempo.

6. Approvazione del programma triennale delle opere pubbliche 2018-2020 e dell’elenco annuale dei lavori pubblici 2018;

… illustra il sindacotto è prevista un’unica opera, il primo stralcio della pista ciclabile che va da gaiarine ad albina …
… capuzzo chiede spiegazione sulla riduzione della cifra a bilancio per quest’opera … risponde la dezan chiarendo che è stata tolta la parte del costo della progettazione
il sindacotto fa presente che la prossima settimana partiranno i lavori per la rotatoria a francenigo …
… capuzzo per una volta vorrebbe votare si ma fa presente che questo non è un piano tiennale delle opere pubbliche ma un piano annuale comparendo solo l’opera da eseguire nel 2018, e quindi voterà contraria …
andreetta chiede chiarimenti sui lavori eseguiti nel comparto jesse a francenigo e precisamente sul ponticello a fianco di quello esistente …
il sindacotto chiarisce che i lavori sono stati fatti dal comune … quindi il comune ha anticipato i soldi aspettando il pagamento della fideiussione … chiarisce anche che è in corso un’azione legale con la compagnia assicuratrice che non vuole corrispondere l’intero importo dovuto ma solo una parte …
andreetta ricorda che sulla approvazione della pista ciclabile gaiarine/albina si era astenuto, ma ora voterà contro perché è un progetto fatto male e criticato oramai anche dai cittadini … si è scelto di fare quel percorso per non fare espropri e ora comunque si sono dovuti fare, aggiunge di avere la sensazione che anche dal punto di vista economico si sarebbe speso meno facendo un percorso diverso …

Ma se non c’è n’è non c’è n’è. Quella pista ciclabile, se invece di essere un zig-zag e passare attraverso una zona industriale fosse stata un lungo e dritto viale per entrare nel borgo scuro,  poteva davvero rappresentare un salto di qualità dal punto di vista paesaggistico per gaiarine … ma tant’è … il problema vero è che il sindacotto pensa anche di essere capace di fare le cose bene … anzi meglio di lui non le fa nessuno

bressan fa un paio di domande a cui risponde la dezan …
andreetta fa presente che nella commissione di cui si è parlato prima dovrebbe essere rappresentata anche la cittadinanza, solo da un lavoro condiviso possono venire risultati postivi …
capuzzo fa una serie di domande, risponde la dezan si finisce sui rifiuti lungo la circonvallazione … il sindacotto afferma che la gente è sempre più maleducata, la consigliera mette in luce che si potrebbe spendere qualche soldo per tentare si sensibilizzare i cittadini.

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Bressan, Capuzzo,Fracassi contrari
Daniel, Gava astenute

7. determinazione importo gettoni di presenza da corrispondere ai consiglieri comunali anno 2018;

… illustra il sindacotto
…intervengono bressan,  capuzzo e daniel

…  consiglieri bressan e capuzzo dichiarano di voler rinunciare ai gettoni di presenza, e chiedono che il corrispondente importo vengano utilizzato per attività socio-culturali … anche la consigliera daniel rinuncia al gettone e chiede che sia devoluto alla formazione del personale ed in particolare per corsi di potenziamento delle conoscenze informatiche

Si vota:
maggioranza favorevole
Bressan, Capuzzo,Fracassi, Gava, Daniele favorevoli
Andreetta astenuto

8. Documento unico di programmazione (DUP) 2018/2020 –aggiornamento;

… illustra l’assessore dezan
bressan
fa delle domande e si sofferma su una spesa relativa alla scuola media di calderano interviene la dezan che chiede , dicendo che se ne era dimenticata,  l’approvazione di un emendamento al bilancio, che non è altro che l’introduzione di una nuova opera pubblica per il tamponamento del porticato proprio della scuola media di calderano
bressan, andreetta, capuzzo e fracassi affermano che doveva essere emendato il piano delle opere pubbliche testé votato …
… ne scaturisce una lunghissima disquisizione che vede minoranze da una parte e la dezan e il segreventi% dall’altra … è il segreventi% che ne esce vincente con una sfilza interminabile di bla bla,  con i quali e le solite arrampicate sugli specchi fa tutta una prosopopea sul fatto che il DUP contiene anche il piano delle opere pubbliche e che comunque le votazioni di un ordine del giorno successivo ha valore anche sui precedenti … interviene la consigliera fracassi che definisce questa interpretazMatrioskaione “schizofrenica” e se ne esce con una affermazione davvero notevole che dipinge molto bene le forzature messe in atto da questa amministrazione «… vi siete inventati le delibere a matrioska …»

Si vota l’emendamento:
maggioranza favorevole
Andreetta, Bressan, Capuzzo,Fracassi, Daniel, Gava astenute

si prosegue con una serie di domande ed interventi di andreetta, altri di bressan e capuzzo.

con il segreventi% che preso coraggio dalla discussione precedente non la smette più parlare …
… finalmente

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Bressan, Capuzzo,Fracassi contrari
Daniel, Gava astenute

9. Eesame ed approvazione del bilancio di previsione 2018/2020.

… illustra il punto l’assessore dezan
viene ripresentato lo stesso emendamento del punto precedente e messo in votazione
Si vota l’emendamento:
maggioranza favorevole
Andreetta, Bressan, Capuzzo,Fracassi, Daniel, Gava astenute

… intervengono bressan,andreetta e capuzzo.

si parla di sezione primavera, di borse di studio, di incapacità di questa amministrazione di pianificare …

prende la parola la consigliera gava per la sua dichiarazione di voto….

siamo al clou della serata, l’ultimo atto, quello che insieme al primo ha reso “interessante” questo consiglio comunale… la gava ha davvero usato “un grande pennello” ppreparare-pareti-elimare-muffe-new1200x600er pitturare”, prima e seconda mano, il sindacotto e i suoi compagni di viaggio … una critica feroce senza peli sulla lingua

«… faccio alcune considerazioni che non possono che bocciare su tutti i fronti l’operato di questa amministrazione … avendo letto oggi il programma amministrativo presentato nel 2014 … dispiace prendere atto che poco o nulla è stato fatto nel corso di questi tre anni e mezzo …in particolare chiedo cosa è stato fatto in questi anni per le nostre famiglie in termini di servizi ? …
… sono stati tolti i medici di base da gaiarine…
… non si è voluto aderire al progetto nonni vigili
… una riduzione del personale tale da doverci rivolgere agli anziani della terza età per poter garantire l’apertura della biblioteca
… ma può un servizio del genere essere gestito da volontari? …
… ma con tutti i risparmi dovuti ai tagli del personale … perché non si é dato mandato … ad una cooperativa con personale qualificato tale da far fronte a questa priorità ? …
… questo affinchè anche gaiarine abbia una biblioteca …funzionale e funzionante …
… genitori si lamentano del servizio mensa delle materne
… per voi è normale che una cuoca si trovi a svolgere una gran mole di lavoro .. costretta persino a ricorrere all’aiuto degli insegnanti per poter svolgere il suo lavoro ?…
… cosa sta facendo l’amministrazione anche in funzione dell’apertura della sezione primavera con aumento dei bambini che porterà altro lavoro per la cuoca ? ..
… vi siete mai chiesti perché a fronte dei bandi di mobilità pubblicati nessuno voglia venire  a lavorare a gaiarine ?…
… forse è bene chiedersi come mai nessuno può venire a lavorare a gaiarine
… siamo da tempo spettatori del lento e inesorabile degrado urbano
… la sporcizia nelle strade e delle piazze .. il dissesto del manto stradale … la poca cura del verde l’abbandono dei rifiuti
… cosa fa l‘amministrazione per risolvere questi problemi? …
… se poi vogliamo parlare della totale mancanza di regolamenti relativi … al mercato… ai contributi per le famiglie bisognose, all’agricoltura all’ambito edilizio …
… volevo citare anche la rotonda ma il sindaco prima ci ha dato la notizia …
… dalla lettura del programma amministrativo di tre anni fa si può rilevare una totale incapacità ad amministrare …
… con questo modo di operare non si ha cuore il proprio comune, la propria gente, mancando la capacità di ascoltare e capire i bisogni … in sinergia con le politiche regionali e nazionali … capendo le opportunità offerte … »
voto contrario
il sindacotto visibilmente scosso  … « … grazie … voglio dirle una cosetta … parli proprio te presidente del comitato festeggiamenti di albina di pulizia per le strade per tutto … ma vi siete mai guardati cosa avete dietro il vostro capannone » la gava tenta una replica ma viene zittita … sempre più alterato «… prima di parlare voi guardate il vostro … perché voi vedete la pagliuzza negli occhi degli altri ma non vedete i pali che avete »

crediamo non bambini-che-si-litigano-un-peluchessia necessario nessun commento, siamo di fronte ad atteggiamenti ” da grandi statisti” … una gara a chi ha il peggio e non a chi fa meglio …

 

 

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Bressan, Capuzzo,Fracassi, Daniel, Gava

le 23  tutti a casa aspettando il prossimo …

Condivi
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Consiglio comunale giovedì 21 dicembre 2017: La Cronaca

Immagine

imagesNon sono “Sei i personaggi in cerca d’autore” ma bensì sette, più qualche altra comparsa, i recitanti di questo dramma prenatalizio di pirandelliana memoria che tratta della solitudine e dell’incomunicabilità.
Questa è l’impressione che abbiamo avuto nell’assistere a questo consiglio comunale, ultimo del 2017.

Sette i consiglieri di maggioranza presenti e solo loro, dato che tutte le minoranze non si sono presentate in consiglio convocato, ancora una volta, in un orario impossibile: le 17.00.
Convocazione effettuata alle 17.00 non si sa se come atto di forza del sindac8, per dimostrare che è lui che guida il vapore e che può fare quello che vuole (come d’altra parte aveva preannunciato nel precedente consiglio) o per motivi organizzativi, essendo presenti anche due dei tecnici estensori della variante al P.I (piano degli interventi) in votazione al secondo punto dell’ordine del giorno.
Fatto sta che tutte le minoranze per protesta non si sono presentate.

Proiettore pronto.
I tecnici esterni estensori della variante pronti.
Tutto pronto per illustrare una variante urbanistica “generale”, uno dei “fatti” più importanti di un’amministrazione e di una comunità,  “la visione ” del territorio comunale per i prossimi anni.

Ma tutto pronto per chice nessuno?
Mezzo vuoto l’emiciclo.

Pressoché vuota la sala: due persone in sala a formare il pubblico.

Un imbarazzo palpabile, qualche parlottio tra il sindac8 e il segreventi%
… poi il consiglio inizia ….
… con cinque minuti di ritardo

il dramma della solitudine va in scena

entriamo in cronaca
si fa l’appello
assenti (vedi qui):Andreetta, Bressan, Capuzzo e Fracassi (giustificati), Daniel e Gava (ingiustificate)

sindac8 fa presente che il consigliere andreetta ha inviato una lettera contenente le motivazioni della sua assenza … ma aggiunge che tale lettera … « … essendo l’interessato (N.la-logicaB. colui che l’ha scritta) assente » … non verrà letta.

La logica applicata ha dello stupefacente e naturalmente è stupefacente anche il senso delle istituzione che ne deriva.

Dovrebbe essere del tutto evidente, a più ma come si vede non a tutti, che se il consigliere andreetta fosse stato presente non avrebbe scritto la lettera motivando lslide_2a sua assenza, e quindi se “l’interessato” fosse stato presente non ci sarebbe stata la lettera.

Quello che invece non passa proprio per la testa del sindac8 è il senso delle istituzioni, la trasparenza o come abbiamo già scritto nella precedente cronaca un minimo di “galateo istituzionale, o per meglio dire un comportamento da persone civili e corrette”, e, aggiungiamo,  anche un po’ di educazione nei confronti dei due cittadini presenti in sala.
La lettera del consigliere andreetta è un atto “pubblico”. Capito
sindac8?  Quella lettera è  ” un atto pubblico”, non un atto da tenere nel cassetto o ” da portarse a casa”,  e quindi i presenti avevano tutto il diritto di conoscerne il contenuto e con esso le motivazioni addotte dall’ andreetta per giustificare la sua assenza. Capito!!!!!!!!!!!
Ma tant’è.

1. Approvazione verbali seduta del 30 Novembre 2017 (dal n.36 al n.42),

… interviene il segreventi%  mettendo a conoscenza che sul verbale della delibera 37 sono riportati in modo errato i voti dei consiglieri …viene corretto il verbale .

Si vota:
maggioranza favorevole
minoranze assenti

2. Adozione 2° variante al piano degli interventi (P.I.)

… il sindac8  legge l’intera delibera …

questa volta, dato che avrebbe dovuto chiederlo solo a suoi (sette), non chiede, come invece faceva di solito,  se è tutto chiaro e se è il caso di  leggere la delibera.
La legge è basta.

Che sia per fare esercizio perche-leggeredi lettura?
Che sia perché sa che i suoi non l’hanno sicuramente letta?
Che sia per perdere un po’ di tempo?
In questo “dramma della solitudine”, che con l’assenza delle minoranze,  rischiava di mettere a nudo la pochezza di questa amministrazione e avrebbe rischiato di far durare il consiglio pochissimo, perdere un po’ di tempo sicuramente gli sarà sembrata una genialata.
E così per dieci minuti legge imperterrito con i consiglieri di maggioranza “costretti” ad ascoltare “con attenzione” cose di cui difficilmente saprebbero fare il riassunto.

… con qualche slide proiettata che si fa fatica a leggere i tecnici illustrano senza interruzioni la variante
parlano di:
…. pianificazione territoriale (PATI ), pianificazione urbana (PAT), progettazione urbana
(PI), recepimento dei vincoli sovraordinati, carta delle invarianti, carta della
trasformabilità
… del fatto che con questa variante non si prevedono nuove aree di espansione,
quindi non consumo di suolo, anzi di come con le “varianti verdi” se ne sia ridotto
l’utilizzo
… delle Nuove Norme Operative che sostituiscono le Norme Tecniche di Attuazione …
… della conservazione della vecchia zonizzazione
… delle unificate zone residenziali C1 e C2 in unica zona “residenziale consolidata”
… del mantenimento della zona produttiva individuata a Francenigo (quella di via delle
Paludi)) …
… delle zone produttive, quelle che dovrebbero essere riconvertite, fatte salve le attività
esistenti, che cambiano nome e si chiameranno “multifunzionali” …
… della unificazione delle zone agricole secondo la legge regionale …
… dell’applicazione delle varianti verdi
… della cubatura dei centri storici che viene riconfermata con la possibilità di un
incremento del 20%
… delle zone residenziali consolidate dove verrà applicato un indice di edificabilità per mq. di 1 …
… dei i crediti edilizi,slide_11 della predisposizione del relativo registro e dei contesti nei quali
vengono generati …
… di tutela del territorio e dei vincoli esistenti, come Rete Natura 2000 , la rete idrica,
giardini storici e verde privato …
… di come sono stati modificati e ridotti i gradi di protezione, 4 per i centri storici, 9 per le zone agricole
… di annessi agricoli, con la possibilità di nuove unità abitative ma con una superficie
minima di 120 mq. …
… di capannoni agricoli, artigianali e industriali
… di come si sia cercato di soddisfare le circa 100 richieste dei cittadini

 Si vota:
maggioranza favorevole
minoranze assenti

con aria sommessa ci sono, da parte del sindac8, gli auguri di “Buone Feste”.

Sono le 17.45 e il consiglio comunale è terminato.

Dall’emiciclo semi vuoto non si è sentita prosilenzioferire una sola parola.
Non una domanda, una richiesta di precisazione rivolta ai tecnici da parte dei consiglieri di maggioranza.
Niente di niente.
Tutto chiaro, beati loro.

Circa 25 minuti di presentazione delle linee guida della variante e tutto finito.

Fine di questo dramma dal titolo “sette personaggi in cerca di autore”.

Forse non si rendono ben conto, al di là delle metafore, che stanno partecipando davvero ad un dramma: quello della distruzione del rispetto istituzionale che soprattutto in una piccola comunità dovrebbe essere sempre presente.
Forse non se ne rendono conto, ma sicuramente ne portano la responsabilità.

.

Condivi
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Consiglio comunale giovedì 30 novembre 2017: La Cronaca

Immagine

Premessa.

Cosa potremmo aggiungere alle cose già dette e ridette sull’attuale sindaco di gaiarine e la sua maggioranza.

Dopo ogni conscavaresiglio comunale ci si convince di aver toccato il fondo.
Ma non è così. Al successivo ecco che si scava ancora un po’.
Ecco che si va un po’ più giù.

Non c’è spazio in questo sprofondare per un minimo di galateo istituzionale, per un minimo di rispetto per coloro che rappresentano i cittadini, anche se stanno all’opposizione.
In questi quasi quattro anni abbiamo visto di tutto.
Abbiamo assistito alla degenerazione della figura istituzionale del sindaco, accompagnata da una maggioranza silente che fa solo da “palo”.
arroganza
 Figura ridotta ad un misto di egocentrismo, insolenza, arroganza istituzionale.
Arroganza che ha portato, in ques
to frangente, in consigliere andreetta a lasciare il consiglio comunale.

Anche noi, cittadini che vorremmo una comunità guidata con equilibrio, imparzialità, equità, rispetto delle regole e trasparenza, per rinsaldare un senso di appartenenza comune, siamo arrivati ad un livello di saturazione tale da indurci, dopo la votazione del secondo punto all’ordine del giorno, ad andarcene.
Non ne potevamo proprio più.

Ci scusiamo quindi con i nostri lettori per questa cronaca monca, ma ci risulta sempre più difficile rimanere impassibili di fronte a quanto accade in questo “pseudo” consiglio comunale.

entriamo in cronaca
assenti bressan, capuzzo, daniel , fracassi (vedi qui)

1.  Approvazione verbali seduta del 17 ottobre 2017 (dal n. 33 al n. 35).

Sui verbali questa volta non ci sono lamentele.
Chissà se
non è perché finalmente il segreventi%, ha “imparato a scrivere”?
O è solo perché alcuni consiglieri di minoranza sono assenti?
In ogni caso possiamo dire che per questa volta il
segreventi%
, l’ha “scampata”.
Ben per lui.

Il consigliere andreetta comunica che si asterrà.

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta e Gava  astenuti

2. Atto unilaterale d’obbligo che accede alla domanda di ampliamento opificio
industriale ai sensi dell’art. 4 della l.r. n. 55/2012. recepimento.

Il sindac8 chiede se si può dar per letto il documento … sia il consigliere andreetta che la consigliera gava dicono di si … sempre il sindac8 comunica che in sala c’è l’architetto de zan (potremmo definirlo l’urbanista del comune, cioè colui che ha steso sia il P.A.T.I. che il P.A.T.)
prende la parola il consigliere andreetta « …avrei una domanda da faorariore … perché si è anticipato consiglio comunale di un’ora, alle 18.00 anziché come al solito alle 19.00?…»
Il sindac8 « … perché il segretario ha dei problemi con un altro consiglio comunale … alle 21.00-21.30 …»
Sembrerebbe, da un’indagine effettuata sui comuni in “gestione” al segreventi%, che non ci fossero in previsione consigli comunali, ma questa indagine potrebbe non essere esaustiva poichè sono talmente tanti i comuni (sei) che questo “orso globetrotter” segue, che dalla verifica potrebbe esserne sfuggito qualcuno.

C’è un attimo di impasse … andreetta si aspetterebbe che venisse presentato dall’architetto de zan l’intervento che sottace all’atto in discussione,   ma così non è … non parla nessuno e allora il sindac8 fa presente che l’architetto è a disposizione … e che se non ci sono domande …

andreetta rivolgendosi al sindac8 « … sarebbe utile avvisare della presenza di un tecnico in consiglio comunale risposte… perché qualcuno potrebbe prepararsi le domande da fare…»
e rivolgendosi all’architetto «perché sa, noi siamo abituati a fare domande ma a non ricevere risposte … » … il sindac8 lo invita a stare sull’argomento e a non fare polemiche e porre delle domande … « … se ha qualcosa da chiedere bene se no … » andreetta prosegue affermando che la documentazione data ai consiglieri è assolutamente scarsa … e quindi é difficile fare delle domande … comunque una cosa vorrebbe fosse chiarita e cioè se  le opere di mitigazioni sono a fronte dell’intervento che si dovrebbe fare, i nuovi 12.000 mq, o se sono calcolate per risolvere i problemi dell’intero comparto, i 60.000 mq esistenti?.

risponde de zan chiarendo che aldilà dell’atto unilaterale d’obbligo, che in altri comuni i privati non presentano, dovrà essere presentata la procedura VAS (valutazione ambientale strategica) la quale dovrà tener conto non solo dell’ampliamento richiesto ma di tutto il complesso, … si avventura poi a spiegare la procedura e i vari passaggi presso gli enti (provincia, asl, arpav, ecc..) facendo intendere come potrebbe anche accadere che questo ampliamento non venga autorizzato …
ma andreetta, invece, fa presente come chiaramente alcuni passaggi del documento in approvazione determinino un proprio e vero atto contrattuale tra il privato e il comune comune che si impegna a fare tutto ciò che serve perché l’intervento venga realizzato  … tant’è che legge un passaggio della delibera in approvazione … «ad avvenuta ricezione della stessa si verrà a concretizzare un vincolo contrattuale tra la predetta società a.l.f. uno spa e il comune di gaiarine …» … continua precisando che non sta affermando che le cose verranno fatte male ma che si andrà a deliberare un atto senza aver avuto modo di ragionarci sopra … chiede al sindac8 se «il documento inviato oggi dalla consigliera capuzzo verrà letto…» … il sindac8 risponde di no e dichiara che a tale lettera verrà data risposta scritta …

Vi mettiamo a conoscenza che  la consigliera capuzzo non potendo intervenire al consiglio comunale, causa impegni di lavoro coincidenti con l’orario di convocazione (se il consiglio fosse stato convocato per le 19.00 forse sarebbe riuscita ad essere presente), ha inviato a tutti i consiglieri un vero e proprio intervento (potete leggerlo qui), quindi non una lettera,  che conteneva una serie di osservazioni, intervento che  alla fine  chiedeva il ritiro del punto all’ordine del giorno.
Galateo istituzionale, o per meglio dire un comportamento da “persone civili e corrette”, avrebbe fatto si che quell’intervento fosse letto e che si rispondesse in merito alla sua richiesta.
Tra l’altro nel pomeriggio aveva avuto telefonicamente l’assicurazione dal segreventi% che il suo intervento sarebbe stato letto, ma come è evidente a tutti nel comune di gaiarine la “maleducazione istituzionale” regna sovrana e forse anche le bugie … ma ancor più regna so
DISCRIMINAZIONE. paura del confronto. arroganza. spirito di prevaricazione.vrana quella “paura” di rendere pubblici concetti, osservazioni, considerazioni frutto di una solidità concettuale basata sul rispetto delle regole e sull'”etica” della comunità, che darebbero luogo ad un confronto con la “pochezza politica” del sindac8 e dei suoi compagni di viaggio sempre pronti a chinarsi ai voleri dei potenti di turno e a svendere “quello che è di tutti”.

 andreetta entra nel merito delle perequazioni, cioè di quanti soldi il privato dovrà riconoscere al comune per questa “operazione” … risponde de zan (ricordiamoci che è pagato dal comune) che giustifica procedura e valori di perequazione del 40 %, anche se ammette …«volpago 40%ma altri comuni fanno calcoli più complessi tenendo conto degli ‘impatti …, inquinanti, traffico ecc.  … »

 andreetta mette l’accento su una frase del de zan che dava per possibile anche la non autorizzazione finale all’ampliamento richiesto … « …lei dice che non è detto che … ma tutto è stabilito … ecco qua …» e legge un paio di passaggi di un comma dell’atto unilaterale che noi qui riproponiamo per intero e che serve a chiarire che questo atto, come dice andreetta, non sia altro che un obbligo per il comune:

“l’efficacia degli impegni assunti con il presente atto unilaterale d’obbligo da A.L.F. UNO spa è subordinata all’approvazione della variante urbanistica relativa al progetto di ampliamento presentato con domanda SUAP ex art, 4 L.R. n. 55/2012, nelle forme e con il procedimento previsto dalla citata disposizione, entro e non oltre il 30 aprile 2018. La variante dovrà recepire integralmente e fedelmente il progetto presentato da ALF UNO spa. Senza modificarne, nemmeno in parte, le previsioni di carattere sostanziale (destinazione d’uso, superfici coperte, altezze sedime, standard privati, ecc.) e funzionale (esclusione di standard d’uso pubblico), nonché l’entità del contributo straordinario perequativo dovuto e da corrispondere con la realizzazione dell’intervento pubblico che sarà individuato dall’amministrazione comunale”

si innesca una serie di batti i e ribatti tra andreetta e de zan chassentie non porta sostanzialmente ad altri chiarimenti sulle questioni sollevate
naturalmente non una parola da parte del sindac8 e neppure dai consiglieri di maggioranza. Che siano assenti?.

si passa alla e dichiarazioni di voto

andreetta « …prendo atto che non si legge l’intervento della consigliera capuzzo e … tanto meno si ritira il punto … come chiedeva …   io non sono qui per trovare impedimenti … anzi se c’è la volontà politica questa cosa si fa … prendo atto della risposta del sindaco sull’orario di convocazione del consiglio …. ma non sono d’accordo che si danneggi così e per questi motivi  una riunione del consiglio  … la convocazione di questo consiglio è arrivata per mail venerdi 24 alle ore 13.?? … la documentazione mi è stata inviata lunedì a mezzogiorno… 78 ore fa … argomenti sui quali fino a 78 ore fa ero all’oscuro … argomenti che hanno necessità di approfondimenti e di dialogo … ma è sempre peggio… l’art. 9 del regolamento del consiglio comunale stabilisce definisce la conferenza dei capogruppo che non è mai stata convocata … »

… legge dal regolamento di funzionamento del Consiglio comunale i commi 1, 3 e 4 dell’art.9, art. 10, art 13, il comma 4 dell’art.12 (che potete leggere integralmente qui)  …

continua … « …il regolamento in vigore ha la sua logica democratica … perché da la possibilità di confronto … anche con personalità esterne … ma quello che denuncio ancora una volta … sono anni che questo regolamento non viene rispettato … si preferisce tenere all’oscuro quelli che non fanno parte del giro … non si vuole il confronto …neppure l’apporto per dei miglioramenti … che più di una volta in quest’aula sono stati riconosciuti … con l’espressione dei volti, però, … ma poi sono stati mortificati perché non si accettano per partito preso … perché la delibera é stata decisa altrove e deve essere votata così com’è … il consiglio comunale serve solo a far sfogare le opposizioni come detto da qualcuno di voi … il sindaco nel consiglio scorso ha detto che la delibera andava “presa così com’era perché preparata da persone più competenti di noi” … quindi i rappresentati eletti dal popolo… sono come un circolo sportivo … senza responsabilità … tutto questo denota un’assenza di cultura istituzionale … »

continua dicendo che l’ampliamento di 12.000 mq in zona agricola avrebbe avuto bisogno di approfondimenti e che non necessariamente avrebbero portato a dire di no … che con il poco tempo a disposizione … si possono solo accennare alldebitoe questioni  … come quella se si sia stata  analizzata tutta la situazione attuale di quell’aerea  …  capire come sono determinate le perequazioni …  capire come può comparire oggi un debito  del comune di 130.000 verso un privato … debito nato nel  dal 2011 senza che ci sia traccia nei bilanci … debito che riguardava un ambito residenziale e che ora viene trasferito in ambito industriale…

afferma che si dovrà verificare se questo sia un debito fuori bilancio non dichiarato …  debito del quale fino ad oggi non sapeva nulla  …

ribadisce come porre delle domande sia perfettamente inutile … la delibera è blindata … oggi il comune si impegna a concedere quanto prima l’edificazione richiesta … e l’atto deve essere preso così com’è …

afferma che si è convocato il consiglio alle 18.00 e non alle 19.00 sapendo che alcuni consiglieri di minoranza avrebbero avuto maggiori difficoltà a partecipare
« … se l’intenzione era di approvare senza discussione o senza la nostra presenza ci siete riusciti … anzi vi sto aiutando dato che me vado … se ci fosse stato un serio impedimento per l’orario di convocazione si poteva fare un giro di telefonate … ma non può essere che si convochi alle 18.00 … si sa che va a finire così… »

interviene il sindac8 « non è proprio vero perché noi ci siamo tutti … quindi chi si impegna a fare politica e amministrazione c’è … vuol dire che chi non c’è non interessa fare amministrabastazione … (inalberandosi perché l’intervento di andreetta ha colto nel segno) … o fa di meno di candidarsi … hai capito? basta …. non mi importa quello che dici …»

andreetta « … il coltello dalla parte del manico ce l’ha lei…»sindac8 … « … esatto … » andreetta « … e si, ma è troppo comodo parlare così …»sindac8 « … la prossima volta lo convoco alle 4 (forse voleva dire alle sedici, ma chi sa mai che non lo convochi proprio alle 4, sarebbe un “bel vedere”)» andreetta « … va bene,  se fa a meno di convocarci meglio ancora …»

il sindac8 « … la maggioranza è tutta vuol dire che noi ci impegniamo … c’è qualcuno che non si interessa di amministrazione … e che viene qui a contestare sempre … »
andreetta tenta una replica ma il sindac8 da la parola alla consigliera gava
« … sposo in toto tutto quello che ha detto il collega … » … e  dichiara il suo voto di astensione anche per ribadire che la documentazione dovrebbe arrivare in tempi debiti

il sindac8 « … noi l’abbiamo inviata a norma di legge e quindi se qualcuno non è in grado nei tempi stabiliti di leggersi le carte non è colpa dell’amministrazione ……»

andreetta se ne va

Davvero indescrivibile e “da tosatei” questo atteggiamento del sindac8 che mortifica gli assenti facendoli passare per consiglieri che non “si interessano del proprio comune”.

Prendiamo, tra i tanti possibili per dimostrare quanto false ed ingiuste siano le accuse del sindac8,  questo esempio: la consigliera capuzzo proprio per questo consiglio, pur non potendo partecipare, ha inviato un lungo ed articolato intervento sul punto in discussione.
Intervento che come abbiamo visto non è stato letto censurando così ad un consigliere la possibilità di esprimersi pubblicamente, anche se per interposta persona.
Di che cosa sta parlando questo sindaco?
Come può paragonare l’interesse, l’impegno che i consiglieri di minoranza ci mettono, tra mille difficoltà create ad arte, con quello di una maggioranza sempre silente, prona a qualsiasi decisione o forse incapace di capire quello che vota?.

Vorremmo sapere quanti consiglieri di maggioranza si siano letti le carte?
Azzardiamo un
pacco vuotoa risposta: forse il sindac8 e forse l’assessore all’urbanistica fellet, altri di loro no di sicuro. Azzardiamo anche un’altra ipotesi: l’atto unilaterale d’obbligo è arrivato come un pacco dono che non puoi rifiutare “o così o pomì“.

Ma ce di più. I  consiglieri di maggioranza sono tutti presenti e non possano fare altrimenti, non per un loro interesse e dedizione alla cosa pubblica, che tra l’altro bisognerebbe dimostrare non solo stando seduti su una seggiola o  facendo solo  “piaceri a qualcuno” ma anche  facendo il vero interesse dell’intera comunità, sono tutti presenti  perché sono costretti.
Questa maggioranza, che rappresenta ormai solo se stessa e come detto da andreetta, quelli del “loro giro”, è rimasta con 7 consiglieri sui 9 iniziali
e sui 13 totali del consiglio quindi non può permettersi l’assenza di nessuno dei “suoi” perché in questo caso verebbe meno il numero legale, e quindi l’impossibilità di deliberare, costringendoli ad “un tutti a casa”…

Si vota:
maggioranza favorevole
Gava  astenuta

3. Costituzione diritto di superficie su area comunale a favore di Galata spa per
    installazione apparato di telecomunicazioni tv 280 in via Bocca de Cal a
Francenigo;
………..

4. Costituzione diritto di superficie su area comunale a favore di Galata spa per
installazione apparato di telecomunicazioni tv 068 in via Bosco a Gaiarine;
………..

5. Approvazione schema di convenzione per la gestione della segreteria
comunale tra i comuni di castello di Godego, San Zenone degli Ezzelini,
Codogne’, Gaiarine, Rosà’ e Fossalta di Portogruaro;

    ………..

6. Ratifica delibera di giunta comunale n. 123 del 24.10.2017 avente ad oggetto
    “variazione urgente al bilancio di previsione 2017/2019 ai sensi dell’art. 175,
   comma 4  del d. lgs. 267/2000. variazione di peg 2017 –  variazione piano degli
   investimenti 2017”;

    ………..

7. Variazione al bilancio di previsione 2017/2019.

    ………..

Chiudiamo questa cronaca scusandoci ancora con i nostri lettori perché non siamo riusciti a sopportare oltre tanta alterigia e arroganza, non prima di informare però che il consiglio comunale convocato per giovedì prossimo 21 dicembre, porta come ora di convocazione le 17.00.

Come previsto: al  peggio non c’è mai fine.

Condivi
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Consiglio comunale 17 ottobre 2017: La Cronaca

Immagine

cuore_image2

Premessa.
Tre punti all’ordine del giorno. Durata circa un’ora.
Quasi la metà del tempo spesa a sistemare i verbali del consiglio precedente.
Perché.
Perché chi verbalizza, il segreventi%, continua a verbalizzare a modo suo: omettendo frasi fondamentali degli interventi dei consiglieri di minoranza o cambiandole il senso.
Ricordiamo che il sindac8 aveva affermato a suo tempo che il cambio del segretario (da fontan a orso) era avvenuto anche per il fatto che il fontan non verbalizzava in modo corretto (ma naturalmente era una “balla”, altre furono le motivazioni che determinarono il suo “licenziamento”), adesso è giunto il momento di mandare “l’orso in letargo” perché davvero è stucchevole questo suo modo di verbalizzare.
Invitiamo perciò le minoranze a rifare quanto era stato fatto nei confronti del precedente e cioè scrivere al prefetto perché questi imponga una verbalizzazione corretta.

Come vedremo nella cronaca il ponti-ficatore (reporter del ponte, giornalino parrocchiale di francenigo) fellet se ne esce, nell’ambito dell’approvazione dei verbali, con una lunga dichiarazione a commento di un articolo apparso sulla stampa che lo tirava in ballo per il suo voto di astensione sulla mozione presentata dal gruppo lega riguardante autonomia del veneto.
Viene da chiedersi quale senso delle istituzioni abbia il fellet, che, essendo tra l’altro vicesindaco, “sfrutta” il consiglio comunale per rispondere a notizie giornalistiche che lo riguardano, piegando così l’istituzione a suo uso personale. Ma ancor più grave è la condotta del sindac8 che non ha preso le distanze da questo comportamento ma anzi lo ha giustificato.

entriamo in cronaca
assenti bressan, capuzzo, daniel (vedi qui)

1. Approvazione verbali seduta del 22 settembre 2017 (dal n. 28 al n. 32);

prende la parola il consigliere andreetta e chiede se i verbali saranno votati uno alla volta o tutti insieme … viene risposto che è indifferente … andreetta allora chiede cosa accadrà della nota inviata dalla consigliera capuzzo con la quale chiede una integrazione al verbale n. 29 …
spieghiamo
la consigliera capuzzo, non potendo essere presente al consiglio per motivi di lavoro, ha inviato una lettera al segretario e all’intero consiglio comunale (leggi qui) con la quale chiede che venga integrato il verbale n. 26 del consiglio comunale del 27 Luglio 2017, in quanto era stato omesso quanto da lei detto e letto in consiglio comunale relativamente alla 2° variante al Piano degli Interventi. In particolare fa riferimento alla frase da lei letta e presente nel documento del sindaco
Questo documento rappresenta l’avvio del processo di formazione della seconda variante al Piano degli interventi “.

Questa richiesta non è di poco conto perché l’amministrazione, tramite il suo “braccio armato” il segreventilavorosporco% che fa il lavoro sporco verbalizzando quello che fa comodo alla “causa”, vuol far credere che un avviso pubblico del 3 dicembre 2015 col quale si chiedeva ai cittadini di far presente eventuali esigenze urbanistiche, fosse l’inizio dell’iter della variante. Non è così e difatti nel documento del sindaco si afferma: “Questo documento rappresenta l’avvio del processo di formazione della seconda variante al Piano degli intervent”, e non poteva essere altrimenti perché la legge urbanistica regionale N. 11 del 23/04/2004 è chiarissima, e stabilisce che una variante inizia proprio con la presentazione del documento del sindaco e quindi, in questo caso,  il 27 Luglio 2017.
La variante in questione, iniziando il suo iter il 27/07/2017, quindi dopo l’approvazione della legge regionale n. 14 del 6/06/2017 sul consumo del suolo non potrà prevedere nessuna nuova area di espansione, e quindi toccherà dire di no a coloro che vorrebbero costruire ancora capannoni nel nostro comune, vero e forse unico motivo per cui l’amministrazione ha messo in campo questa variante. Ma questi n
falsita_1on erano quelli di “basta capannoni”?.
 Quindi l’integrazione chiesta dalla consigliera ha anche una forte va lenza politica e avrebbe dovuto servire a mettere agli atti in modo chiaro questo tentativo di falsificare la realtà,  questi  “giochini”.

segreventi% «… non c’è nessun problema ad inserire la nota come allegato al verbale n. 26 del 27/07/2017…. altra cosa è la sua modifica … non abbiamo mai fatto una modifica ad un verbale … »
... andreetta … «… quindi se noi troviamo un errore in un verbale … resta così … non si può modificare l’originale … »
il segreventi% ribadisce che non c’è nessun problema ad aggiungere al verbale la nota della capuzzoandreetta fa presente come sia già faticoso seguire quanto avviene nell’amministrazione, se poi si è costretti anche, magari dopo mesi, a ricordarsi le cose per aggiustare i verbali … «… a parte quello citato dalla capuzzo … anche il verbale n. 29 va integrato con un a frase che è stata omessa e che ritengo importante … io ho detto “di non piegare le istituzioni comunali per far propaganda ad un partito”… chiedo che venga inserita … » …il segreventi% assicura che verrà fatto … andreetta continua … «…nel verbale n. 30 è stato attribuito a bressan un intervento che invece ho fatto io … nel verbale n. 31 viene riportato in modo errato un esito della votazione… neln. 28 io non ho detto “nervoso” ma che non volevo essere “noioso” … »
… interviene la gava « … chiedo che il verbale n. 28 venga integrato con la frase detta dal sindaco a fronte della mia domanda che chiedeva cosa avrebbe fatto il comune … la frase è “ci penserà la lega a fare campagna elettorale ” … »
si aggiustano le cose o così sembra …
ma è evidente che è una perdita di tempo per tutti perché si è capito che i verbali originali rimarranno tali e quali e cioè con tutte le omissioni, manchevolezze, ecc. e che le integrazioni richieste compariranno invece e solo nel verbale di aciofecapprovazione degli stessi.
Quindi se qualcuno leggerà, magari tra qualche anno, i verbali pe
r i quali sono state richieste dell’integrazioni, non troverà quanto detto dai consiglieri ma quanto verbalizzato originariamente dal segreventi%.
Una vera ciofeca.

Si passa quindi alla ponti-ficazione di fellet, passato in poco tempo nel gradimento della lega “dalle stelle alle stalle”. Si è trovato sbattuto sui giornali e accusato di trasformismo per il voto di astensione dato sulla mozione di autonomia espulsionedel veneto proprio dalla lega che nelle settimane precedenti invece lo aveva apprezzato pubblicamente per le su posizioni anti migranti.
Ora per poter risalire la china deve trovare il modo di minimizzare e annebbiare in un mare di parole, il suo comportamento …altrimenti alle prossime elezioni “scordarsela la lega
comincia … «… io sono stato tirato in ballo via stampa dal segretario della lega nord … mi ha telefonato anche un giornalista … affermazioni che non corrispondono al vero … il mio voto di astensione è un voto serio, non è un voltafaccia … appartenere alla maggioranza comporta diritti ma anche doveri … ho usato il buon senso … non appartengo a nessun gruppo politico … il popolo veneto non ha bisogno di indicazione politica per esercitare …il sacrosanto diritto al voto … senza suggerimenti … il mio voto è stato in linea con quello della maggioranza ….»
… e bla bla
..
. prende la parola andreetta, alquanto irritato, facendo presente che con questo intervento di fellet si è creato un precedente e che d’ora in poi un qualsiasi consigliere potrà parlare di qualsiasi cosa … «… nessuno di noi ha mai commentato in consiglio comunale un articolo di giornale … d’ora in poi lo si potrà fare … la forma nelle istituzioni ha la importanza … »istituzione
Ma quale forma quale senso delle istituzioni vuoi che abbiano questi. Basta ricordarsi come è stata trattata la consigliera capuzzo qualche mese fa dal sindac8. Qui diventa tutto è lecito.

…  il sindac8 prende la parola per giustificare fellet   affermando che l’intervento non è altro che una comunicazione ….
Si potrebbe qui richiamare il regolamento di funzionamento del consiglio comunale che questi non conoscono ma è tempo ed energia sprecata… Tiremm innanz!

Si vota:
maggioranza favorevole
Gava favorevole
Andreetta e Fracassi astenuti

 2. Nuovo regolamento del consiglio comunale dei ragazzi. approvazione;

prende la parola l’assessore de zan facendo presente che le modifiche apportate al regolamento del consiglio comunale dei ragazzi sono state suggerite dall’operatrice di comunità che segue i ragazzi e dagli insegnanti … fa presente che c’è una difficoltà a far si che i ragazzi entrino nel progetto … per superarla si è pensato di permettere anche ai ragazzi di 5° elementare di partecipare … per arrivare all’elezione del consiglio e del sindaco ci saranno due votazioni una interna alla classe che eleggerà i consiglieri e una successiva per eleggere il sindaco … continua dicendo che sono per questi motivi modificati l’articoli 1, 2, 4,5 e 6 …
andreetta chiede chi ha proposto questo nuovo metodo di elezione del sindaco dei ragazzi … la de zan risponde che è stata l’operatrice di comunità .. andreetta fa presente che sarebbe stato interessante conoscere direttamente dall’operatrice di comunità le motivazioni che l’hanno portata a chiedere questo cambiamento … continua … «…è l’ennesimo caso in cui si poteva, coinvolgendo le minoranze, votare all’unanimità ma si continua invece sempre allo stesso modo … entrando nel merito con questo meccanismo si fa si che i ragazzi di una classe votino solo i compagni della propria classe … questo nuovo meccanismo può avere dei pro ma ha sicuramente dei contro … non è democratico … »
… il sindac8 se ne esce con una delle sue «… tu voti per la lega? … »

la frase lasciabocca-aperta tutti a bocca aperta e dimostra come non sia in grado di capire i meccanismi democratici a cui alludeva andreetta … proviamo a spiegarglielo … il fatto che i ragazzi possano votare, come loro rappresentati, solo un loro compagno di classe fa si che non ci sia tra le classi  interscambio di idee e proposte. Potendo votare solo un compagno di classe sostanzialmente non è possibile valutare se proposte o idee portate avanti da altri candidati di altre classi siano o no migliori di quelle proposte dai canditati della propria classe,  si vengono così a creare dei comparti chiusi, si limita il confronto… ed infine un ragazzo di una classe potrebbe non essere apprezzato dalla sua classe ma dalle altre si. Diventa del tutto evidente che questo non è né positivo né democratico … capito!!!

il sindac8 se ne esce con un altra frase che è un’altra perla … «…è stato fatto da persone “più competenti di noi” … » .

ci verrebbe da dire che competenzaci vuole davvero poco per essere più competenti di questa amministrazione, ma il punto non è questo. Il punto è che questa amministrazione non ha idee, non ha visioni e forse neppure la voglia di impegnarsi a pensare, e di conseguenza demanda sempre “ai più competenti di loro” passaggi fondamentali della vita della comunità di gaiarine, così risulta evidente che i cittadini di gaiarine non sono amministrati da coloro che sono stati eletti ( è lapalissiano che noi non li abbiamo votati) ma dai “più competenti di noi” cioè da altri…

interviene la consigliera fracassi affermando di condividere le osservazioni di andreetta e che sarebbe interessante capire lo scopo finale di tali modifiche regolamentari … la de zan ribadisce che è per far partecipare tutti i ragazzi e non solo quelli di seconda e terza media … la fracassi non convinta … «… chiederò spiegazioni a chi ha le competenze (si riferiva forse “ai più competenti di noi”?) … questo regolamento viene approvato anche dai ragazzi ? … » la de zan risponde che ne hanno preso visione …. ?

andreetta nella dichiarazione di voto afferma che darà, come per tanti altri argomenti trattati, un voto di astensione … «… questo consiglio comunale delibera questo regolamento … noi deliberiamo … e quindi per poter far questo dobbiamo capire … auspico che l’attività del consiglio comunale dei ragazzi non si limiti alle votazioni ma vada oltre … che ci sia un confronto con l’amministrazione e magari con l’intero consiglio comunale dei “grandi” … tra l’altro i ragazzi potevano essere invitati stasera a partecipare a questo consiglio comunale …»

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Fracassi e Gava astenuti

3. Approvazione bilancio consolidato 2016.
illustra la de zan «… è il primo anno che viene approvato il bilancio consolidato … che prevede una sola società partecipata la piave servizi … non c’è molto da dire essendo una presa d’atto … serve a stabilire la ricchezza del comune … patrimoniale ed economica … per un comune come gaiarine non ha molta rilevanza … ha una valenza per i comuni che hanno numerose società partecipate … non ci sono cose particolaribottaerisposta… » … interviene andreetta «… mi sfugge qualcosa … leggo imposte sul reddito … nella nota integrativa …»  … de zan «… che pagina ?… » … inizia un confronto serrato tra andreetta e la de zan …con una serie di domande e relative risposte , un botta e risposta che tralasciamo …
… si arriva in poco tempo alle dichiarazioni di voto

la consigliera fracassi annuncia il suo voto contrario non avendo il suo gruppo  approvato il bilancio …
… la consigliera gava annuncia il suo voto di astensione …
il consigliere andreetta «… vale quanto detto dalla collega fracassi … è abbastanza normale dare un voto contrario essendo il bilancio un atto della maggioranza …sottolineo che da una parte si parla di risultato di esercizio e dall’altra ho letto la parola utile … si, sono parole … ma ricordo che un ente pubblico non dovrebbe parlare di utile … l’utile è delle aziende private … che devono fare utile … mentre per un ente pubblico “l’utile” dovrebbe tendere a zero … e non dovrebbe chiamarsi così ma avanzo o risultato … ci siamo confrontati più volte sulle cifre quando si parla di bilancio … ripeto che stiamo parlando di un risultato finale dopo che la maggioranza ha fatto tutte le sue scelte … non vedo l’avanzo dell’anno prima …. la differenza tra l’entrate e l’uscite non è 12.000 euro … ma è 42.000 euro dopo che si sono fatte tutte le scelte … palestra ecc. … » …
interviene la de zan «…non si può interpretare così … lei sta parlando del conto economico … se guardo il consolidato non è vero che ho 42.000 euro … sono della piave servizi … se prendo il conto economico del comune di gaiarine io sono a meno 12.000 … poi vado in pareggio perché ho altre cose … »
sordi  andreetta «…dovremmo fare ragionamenti fatti già altre volte … » c’è un batti e ribatti tra la de zan e andreetta che equivale a un dialogo tra sordi …

 

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Fracassi contrari
e Gava astenuta

il sindac8 prima di chiudere il consiglio comunica che il 4 novembre dovrebbe essere inaugurato il monumento ai caduti di albina e si dice speranzoso che il comitato festeggiamenti di albina organizzi il rinfresco
la gava (presidente dei festeggiamenti) rassicura.
Sono passati quasi 7 anni da quando il monumento è stato smontato, 7 anni per rimontare “quattro” lapidi, 7 anni per ridare una “dimora” a caduti di albina, 7 anni, 7 anni non 7 mesi … poi magari ci si lamenta della salerno-reggiocalabria.

Consiglio breve, come già detto, durato una sola ora.
Senza dubbio molto partecipato… presenti 2 cittadini … meglio due che uno solo,  o no?

Condivi
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Consiglio Comunale 22 settembre 2017: La Cronaca

Immagine

freelancePremessa.
Due considerazioni.
1)
Il 22 Ottobre prossimo si “celebrerà” il referendum “leghista” sulla “autonomia” del veneto.
Ogni cittadino del veneto deciderà se andare o non andare a votare, se votare SI oppure NO.

Quello che pochi di loro però sanno è che questo referendum è un referendum che definire uno “specchietto per le allodole è un eufemismo dato che dei quesiti referendari che la legge regionale del 19 giugno 2014, n. 15 (BUR n. 62/2014)(vedi qui) prevedeva, la Corte Costituzionale ne ha ammesso uno solo, il primo.
Il quesito ammesso recita: “Vuoi che alla
dubbio
Regione del Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?”.
Viene da chiedersi  perché la corte costituzionale abbia ritenuto legittimo solo questo quesito e non gli altri?
Perché:
il quesito referendario ripete testualmente l’espressione usata nell’articolo 116, terzo comma, della Costituzione cosicché per la Corte deve intendersi che le «ulteriori forme e c
ondizioni particolari di autonomia» su cui gli elettori sono chiamati ad esprimersi possano riguardare solo le «materie di cui al terzo comma dell’articolo 117 e le materie indicate dal secondo comma del medesimo articolo alle lettere l), limitatamente all’organizzazione della giustizia di pace, n) e s).

Per cui si andrà a votare e a spendere si dice 14 milioni di euro (altri 40 milioni per quello analogo indetto in lombardia) per iniziare una trattativa che eventualmente porterà ad ottenere ciò che era possibile ottenere semplicemente facendo una richiesta allo stato, come ha fatto l’emilia romagna, e come d’altra parte è già previsto dall’articolo 116 della Costituzione che così esplicita:
Ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, concernenti le materie di cui al terzo comma dell’articolo 117 e le materie indicate dal secondo comma del medesimo articolo alle lettere l), limitatamente all’organizzazione della giustizia di pace, n) e s), possono essere attribuite ad altre Regioni, con legge dello Stato
, su iniziativa della Regione interessata, sentiti gli enti locali, nel rispetto dei princìpi di cui all’articolo 119. La legge è approvata dalle Camere a maggioranza assoluta dei componenti, sulla base di intesa fra lo Stato e la Regione interessata.”

Quindi è del tutto evidente che siamo di fronte ad un referendum che ha come unico scopo quello di misurare il consenso dell’attuale governatore del veneto (e di quello lombardo).

La cosa irritante è chblablae abbiamo dovuto sorbirci per quasi 10 minuti la lettura, da parte della migrantes gava, di una mozione “standard”, scritta dalla segreteria regionale della lega e presentata uguale in quasi tutti i comuni del veneto.

Mozione che mistifica il referendum, facendo percepire ai cittadini  che tramite esso si risolveranno “tutti” i problemi del veneto, ed che in primo luogo, essendo un argomento ad alta “sensibilità”, verrà sistemata la faccenda “ schei” e cioè che il veneto potrà trattenersi parte delle entrate fiscali senza mandarle a roma. Cosa assolutamente falsa.

2) E’ giunta davvero l’ora che si effettui la registrazione dei consigli comunali e che i verbali contengano la trascrizione integrale di quanto viene detto dai consiglieri.
Non è più ammissibile che i consiglieri di minoranza siano ad ogni consiglio costretti a richiedere integrazioni o correzioni ai verbali perché questi non rispecchiano quanto da loro detto.
Il segreventi% continua a nascondersi dietro l’impossibilità di riuscire a verbalizzare tutto quanto viene detto.

 La registrazione sarebbe la soluzione alle sue monche verbalizzazioni o no?
Ma non la si vuole perché così è possibile stendere i verbali “filtrando” frasi, parole, espressioni, incisi che potrebbero da fastidio alla maggioranza.

Bisogna davvero finirla.

entriamo in cronaca
assenti fracassi e daniel (vedi qui)

1. Mozione presentata dal gruppo consiliare Lega Nord-Liga Veneta in merito al referendum per l’autonomia del veneto del 22 ottobre 2017;

Il sindacotto finalmente si è “adeguato” a quanto previsto dal regolamento di funzionamento del consiglio comunale che prevede la lettura da parte del presentarore della mozione o dell’interrogazione, e così questa volta, bontà sua, concede la parola alla migrantes gava
… che la legge, tale mozione nelle conclusioni invita l’amministrazione comunale a fare, sul referendum, una corretta informazione e una adeguata pubblicità …
… Il sindacotto risponde immediatamente facendo presente che nel sito del comune è stato inserito il logo del referendum e che il 22 Agosto la giunta comunale ha approvato una delibera di sostegno ad esso e che quindi   l’amministrazione si è già mossa in tal senso …
… la migrantes gava chiede «… quali iniziative verranno fatte… » … il sindacotto risponde «…sarà il gruppo della lega che  farà iniziative … noi abbiamo fatto quello di nostra competenza …» …
..
interviene il consigliere bressan «…non entro nel merito delle premesse che sono politiche … il consiglio comunale deve prendere posizioni istituzionali … ognuno di noi potrà votare SI/NO… ci vorrebbe un ampio dibattito sul territorio …l’amministrazione sta facendo quello che deve, la mozione è una mozione politica di scontro tra i gruppi della lega del comune … ci voleva più coraggio ed impegnare il sindaco a battersi per il SI … per questo motivo mi asterrò …»coraggio

e bravo il nostro consigliere bressan che incita gli altri ad avere più coraggio, ma che non dimostra il suo dato che non dice chiaramente se andrà a votare e se si come voterà. Salomonica la sua decisione di astenersi: meglio stare con tutti e due i gruppi leghisti, meglio stare nel vago.

prende la parola il consigliere andreetta «… non posso esprimere quello che farò il 22, dirò solo che andrò a votare … »

ma senti senti. Intanto non si capisce perché un consigliere comunale che rappresenta dei cittadini non possa prendere ufficialmente una posizione “politica” rispetto ad un fatto legittimo della vita democratica del paese.
E poi, contraddizione in termini,  si è comunque espresso.
Questo referendum, nel veneto,  prevede il quorum, cioè il referendum sarà valido se andranno a votare il 50% più uno degli aventi diritto al voto. Le opzioni “di voto” sono tre non due. Andare o non andare a votare, votare SI o votare NO. Quindi dicendo che andrà votare si è già in parte espresso: il suo voto, sia che sia SI oppure NO, sarà un voto che potrebbe co
referendum_22_ottobrentribuire a rendere valido il referendum. Tant’è che la lega ritiene che sia più importante l’affluenza che non l’esito dello scrutinio (il quale appare scontato).
Molti cittadini della sua parte politica non andranno a votare.
Veda Lui.

… continua «…nel merito … questa non è la sede per fare questo dibattito … la mozione non andava neppure presentata in questa forma e anche se presentata in altro modo sarebbe stata comunque illegittima … nel sito della regione si legge che c’è divieto di propaganda e questo conferma quanto detto dal consigliere bressan… il sindaco ha poco fa citato la delibera della giunta del 22 agosto … tale delibera nelle premesse è corretta ma in un passaggio si coglie che la giunta invita a votare SI … la delibera del 22 agosto non andava fatta o fatta in modo diverso … ora ci troviamo in consiglio comunale non con la ratifica di quella delibera ma con una mozione … sbagliata la prima e anche la seconda… per le consultazioni referendarie o politiche non ho ricordi che un’amministrazione abbia mai deliberato in merito … mi viene in mente il referendum sulle trivelle che era comunque promosso da dieci regioni tra cui il veneto … allora non c’è stata una simile forzatura … lo dico in modo ancora più forte stiamo parlando di un referendum costituzionalmente legittimo … chiedere al consiglio di deliberare in merito … allora facciamolo per tutte le leggi regionali, nazionali, ecc. … si può fare ma non serve … noi come amministrazione comunale siamo già vincolati … la delibera del 22 agosto ha valenza politica … le richieste fatte dalla mozione è acqua fresca … ma messe insieme alle premesse servono soltanto a tenere alto il nome di zaia e del suo partito … vi invito a riflettere e a non cadere in questo tranello che vuole piegare l’istituzione comunale a far propaganda per una certa parte politica … do atto al sindaco per le parole dette … l’operazione è una azione propagandistica …»

la consigliera capuzzo «…condivido le parole dei mie colleghi … do per scontato che le istituzioni si impegnino a pubblicizzare la consultazione … condivido quanto detto da andreetta e cioè che non bisogna cadere nel tranello della propaganda … mi asterrò »

Si vota:
maggioranza astenuta
Gava favorevole
Andreetta contrario
Bressan, Capuzzo astenuti
Mozione bocciata.

2. Approvazione verbali seduta del 27 luglio 2017 (dal n. 19 al n. 27);

la consigliera capuzzo informa che chiederà delle integrazioni ad alcuni verbali perché non corrispondenti a quanto da lei dichiarato …  chiede anche che gli stessi vengano votati singolarmente

il sindacotto accetta la proposta e viene deciso di esaminare per primo il verbale 27 relativo all’approvazione del regolamento sulle biomasse

la capuzzo fa presente che nel suo intervento aveva chiesto all’amministrazione di verificare la legittimità del regolamento ma di questa sua richiesta non c’è traccia … il sindacotto fa presente che il regolamento per gli impianti a biomassa approvato è legittimo tant’è che il comune di orsago ha avuto una sentenza favorevole del consiglio di stato e quindi non c’è nessuna ragione per apportare modifiche al verbale in questione

che il regolamento in questione sia legittimo lo pensiamo anche noi, ma questo non c’entra assolutamente nulla con la vittoria al consiglio di stato ottenuta dal comune di orsago eorsago dal comitato no pigassificatore orsago. Il consiglio di stato ha dato ragione al diniego del comune in quanto l’area su cui si vorrebbe costruire il pirogassificatore è urbanisticamente inadatta, come è indicato nel P.A.T. del comune e in più perchè quell’area è anche destinata a sosta dei mezzi di soccorso in caso di emergenza, essendo prossima ad una grande centrale di smistamento della liquigas. il sindacotto prima di parlare dovrebbe informarsi meglio o almeno leggere le sentenze.

interviene la consigliera gava facendo presente che «…che né io né daniel abbiamo mai detto che il regolamento è un buon regolamento … » il sindacotto che non vuole modificare il verbale si “accortoccia” leggendo quello che  ha verbalizzato il segreventi%e cercando di far intendere che il verbale rispecchia le parole pronunciate.

ma beato del signor è chiaro a tutti che è proprio quello che è stato scritto dal segreventi% che viene contestato, e se la gava dice di non aver pronunciato quella frase o le si da della bugiarda o si deve prendere atto di quanto affermato. Non è che quanto scritto nei verbali debba essere interpretato, altrimenti che verbali sarebbero?.

si discute un po’  ma alla fine la consigliera gava sconsolata cede.

Si vota il verbale 27:
maggioranza favorevole
Andreetta, Bressan, Capuzzo e Gava astenutii

Si passa al verbale 26 relarivo alla 2° variante al Piano degli Interventi

piano_interventila consigliera capuzzo fa presente che del suo intervento è stato omesso un passaggio fondamentale  e rivolgendosi al segreventi% «… io ho chiesto come si poneva rispetto alla legge sul consumo del suolo la variante al piano … lei mi ha risposto che eravamo agli inizi e che ci sarebbero probabilmente delle proroghe …e che la variante era valida in quanto antecedente … io ricordo di avervi letto la premessa presente nella pagina 1 del documento del sindaco e cioè cheIl Documento del Sindaco è un atto programmatico che delinea gli interventi e le realizzazioni che daranno vita al Piano degli Interventi in coerenza con il P.A.T. Questo documento rappresenta l’avvio del processo di formazione della 2^variante al Piano degli Interventi.”  … io questo ho letto e  ribadisco che il  documento del sindaco è stato presentato dopo l’approvazione della legge sul consumo del suolo … io voglio che sia riportato quello che ho letto dal documento del sindaco … lo dite voi che la variante inizia con tale documento … » …
… inizia una discussione tra la capuzzo e il segreventi%

il segreventi% si arrampica sugli specchi, non è la prima volta che lo fa e non sarà l’ultima, tentando di far passare il concetto che l’avviso pubblico fatto a dicembre del 2015 sia prodromo alla variante e che conseguentemente la variante era in itstop5inere prima dell’approvazione, avvenuta a giugno 2017, della legge regionale sul consumo del suolo, cosa assolutamente non vera e smentita tra l’altro proprio dal documento del sindaco presentato in consiglio comunale il 27 luglio 2017 in cui si dice che l’iter della variante inizia con questo documento. Ma davvero ci vuol prendere in giro? Non dovrebbe essere il garante della legittimità degli atti? Perchè non lascia che sia il sindacotto o qualcuno dei suoi a levarsi le “castagne dal fuoco” e magari fare “carte false”?  Siamo costretti per l’ennesima volta a ricordargli che è pagato dall’intera comunità di gaiarine e non solo da una parte di essa.

… alla fine il verbale viene modificato riportando quando detto dalla consigliera capuzzo

Si vota il verbale 26:
maggioranza favorevole
Capuzzo e Gava favorevoli
Andreetta e Bressan astenuti

… il sindacotto chiede se ci sono richieste di integrazioni sugli altri verbali, avendo avuto risposta negativa propone di votarli tutti assieme …  la proposta viene accettata …

prende la parola il consigliere andreetta «… posso dire qualcosa? … cercherò di non essere odioso … la verbalizzazione continua ad essere un problema … insisto per la registrazione delle sedute… è poco simpatico puntualizzare a distanza di tempo … pur apprezzando la buona volontà del segretario, a distanza di tempo, la lettura della sintesi verbalizzata può far emergere un senso diverso … mi astengo … »

 Si vota dal verbale 25 al 19:
maggioranza favorevole
Andreetta, Bressan, Capuzzo e Gava astenuti

3. Revisione straordinaria delle partecipazioni ex art. 24, d. lgs. 19 agosto 2016 n. 175, come modificato dal decreto legislativo 16 giugno 2017, n. 100. ricognizione partecipazioni possedute;

… illustra il segreventi% …  «…abbiamo due partecipate piave servizi e il gal che è già stato posto in liquidazione e cesserà a fine anno … la piave servizi gestisce un servizio essenziale … è ben condotto … l’acqua è un bene comune e quindi l’orientamento è quello di mantenerla pubblica … non c’è la volontà di alienare la partecipazione … la legge iacquampone di verificare solo le partecipazioni societarie … e noi abbiamo solo queste due … »
… la consigliera capuzzo «… voterò a favore … condivido le strategie per mantenere l’acqua bene pubblico … chiedo però all’amministrazione di far valere la sua presenza ed di incidere nella gestione, chiedo maggior impegno nel vigilare … » … il sindacotto «… voglio precisare che il delegato è il vicesindaco fellet … che non è mai mancato a nessuna riunione o assemblea … » … interviene fellet precisando che le deliberazioni in piave servizi vengono prese a maggioranza dei presenti … e con il principio di una testa un voto …
… la capuzzo evidenzia che se vale il principio di una testa un voto ancor di più è il peso del comune all’interno dell’assemblea … quindi si può davvero incidere sulle decisioni

un conto è la presenza altra cosa è portare istanze, difendere gli interessi dei propri cittadini o portare nuove soluzioni, e qui viene in mente la conferenzadormivo di servizi provvisoria per il pirogassificatore tenutasi a venezia nel giugno del 2015… si è vero che fellet era presente ma dai verbali di quella conferenza sappiamo anche in che modo lui abbia difeso il comune di gaiarine da quel megaimpianto: facendo pressoché scena muta e non presentando nessuna controindicazione. Ma poi viene in mente anche “l’affare bidoni dei rifiuti” che i commercianti di gaiarine, come quelli di altri comuni, sono stati costretti a pagare anche per degli anni precedenti, perchè SAVNO era a caccia si soldi. Viene da chiedersi chi sia il rappresentante del comune in ambito cit, per caso ancora fellet? (non ne siamo sicuri, ma normalmente il comune viene rappresentato o dal sindaco o dall’assessore all’ambiente e fellet è assessore all’ambiente ).Qualunque sia il rappresentante del comune ”l’affare bidoni rifiuti” è una di quelle vicende che ha dell’inverosimile, e che mette in evidenza, questo vale anche per altri comuni, come non sia sufficiente bidoneessere presenti alle assemblee e votare sempre a favore di quanto proposto alzando la fantomatica “manina”.  Non è così che si amministra. Bisognerebbe andare alle assemblee preparati e sapendo riconoscere se si sta per votare qualcosa che sarà a favore o contro i propri cittadini, ed avere anche il coraggio di votare in modo difforme dagli altri. Poi bisognerebbe avere anche qualche idea, ma questo è forse pretendere troppo. In ogni caso ha sicuramente ragione la consigliera capuzzo quando chiede maggior impegno e vigilanza.

il consigliere andreetta fa presente «… che le tariffe sono a scaglioni e penalizzano le famiglie più numerose … per fare un esempio io che ho una famiglia numerosa consumo di più e pago sulla tariffa più alta … chiedo al vicesindaco di farsi promotore della cosa … voterò a favore con le stesse motivazioni della capuzzo… e con lo stesso auspicio che la nostra presenza sia vigilante … »
fellet
dichiara  che porterà lquesta istanza in assemblea

 Si vota:
all’unanimità

4. Ratifica delibera di giunta comunale n. 89 dell’1.08.2017 avente ad oggetto “variazione urgente al bilancio di previsione 2017/2019 ai sensi dell’art. 175, comma 4, del d. lgs. 267/2000. variazione di peg 2017 – variazione del piano degli investimenti 2017”;

… l’assessore de zan illustra le variazioni di bilancio che sono relative al monumento di albina, alla pista ciclo pedonale sempre di albina e alla manutenzione staordinaria di piazza san tommaso

il consigliere bressan contesta il costo previsto per la sistemazione del moAlbina Piazzola Monumento-da tra anni vuota_1numento e fa presente che il 3 ottobre i cittadini di albina vedranno il progetto … il sindacotto dice che spera che il lavoro sia terminato entro il 4 novembrebressan chiede quale sia l’intervento nella piazza san tommaso … il sindacotto chiarisce che verrà, guardando la chiesa, rifatta l’intera parte sinistra … bressan annunciando il suo voto contrario essendo variazioni di un bilancio che non ha approvato, vede con soddisfazione un cambiamento di rotta del revisore dei conti, che si fa adesso relazionare, dopo essere stato sollecitato più volte a farlo, dagli uffici in forma scritta…
andreetta chiede cosa succederà all’albero presente nella parte sinistra di piazza san tommaso … Il sindacotto spiega che viene rifatta solo la pavimentazione e che tutto il resto rimarrà invariato … andreetta dichiara il suo voto di astensione …
prende la parola la consigliera capuzzo dichiarando il suo voto contrario in quanto anche lei non aveva approvato il bilancio di previsione … continua dicendo che i soldi per il monumento di albina secondo lei sono troppi … ma che è curiosa di vedere il progetto … sperando che questa volta il monumento venga effettivamente rifatto … relativamente alla piazza consiglia di valutare tutto ciò che è necessario fare affinché l’intervento di manutenzione straordinaria sia risolutivo …
… la consigliera gava si dice contenta che finalmente venga sistemato il monumento di albina e dichiara il suo voto di astensione.

Si vota:
maggioranza favorevole
Bressan e Capuzzo contrari
Andreetta e Gava astenuti

5. Approvazione modifica al regolamento comunale per il funzionamento della commissione mensa scolastica.

illustra l’assessore venturin facendo presente che si è deciso di modificare questo regolamento allungando il mandato dei componenti la commissione mensa da un anno a due anni …
… prende la parola la consigliera capuzzo dichiarando il suo voto favorevole ma chiedendo se è possibile far verificare la qualità del servizio … valutare gli sprechi e garantire che la qualità dei prodotti sia la più elevata possibile … e se è possibile privilegiare i prodotti a km 0mennse biologiche e biologici … il sindacotto afferma che i controlli vengono fatti spesso e cede la parola alla  venturin … che fa presente come i controlli verranno eseguiti tra una quindicina di giorni essendo adesso l’attività scolastica appena iniziata … evidenzia come la responsabile esegua spesso i controlli  sulla qualità delle materie prime ed come sia  molta attenta agli sprechi …
andreetta interviene chiedendo per quale motivo non si permette ad un componente la commissione di essere rieletto … e perché il rinnovo dei membri la commissione non avvenga ogni tre anni, come avviene per i membri del consiglio di istituto?…
… risponde la venturin dicendo che la scelta della non rieleggibilità è stata presa per fare in modo di avere un continuo ricambio, per  non avere come membri della commissione sempre gli stessi genitori e gli stessi insegnanti … per quando riguarda la durata del mandato, due anni sembrano la cosa giusta ….
andreetta ricorda che l’anno prima alla approvazione di questo regolamento lui non era presente ma è convinto … «… come accade spesso anche in quel caso era necessario approvare un regolamento … e quel regolamento è stato catapultato nella scuola senza coinvolgimento dei consiglieri comunali e escludendo persino gli organi collegiali della scuola …  ora si porta questa modifica perché la durata del mandato di un anno era una follia … io mi asterrò … sono stanco di chiedere un coinvolgimento in cose sulle quali è possibile invece trovare degli accordi …»

 Si vota:
maggioranza favorevole
Bressan,e Capuzzo, e Gava favorevoli
Andreetta astenuto

Si chiude, dopo circa un’ora e mezza, questo consiglio frequentato come sempre da pochissime persone …
e tutti al bar

Condivi
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Consiglio Comunale 27 luglio 2017: La Cronaca

Immagine

Premessa.

Vogliamo chiarire ccronistahe questo servizio, la cronaca dei Consigli Comunali, che facciamo per i cittadini di gaiarine che si trovano nel comune o fuori di esso, magari in giro per il mondo, è un servizio che ci costa impegno e che cerchiamo di fare, e l’abbiamo fatto, al meglio delle nostre possibilità, raccontando quanto accade in consiglio comunale.

Raccontiamo “la verità dei fatti” e non quella che si vorrebbe far credere o non credere, tramite i verbali stesi dai vari segretari, che si sono succeduti, omettendo o mettendo quello che è più consono all’immagine dell’amministrazione.

L’abbiamo ricordato più volte: i segretari sono pagati dall’intera comunità di gaiarine, e perciò dovrebbero difendere i diritti di tutti i consiglieri siano essi di maggioranza o di minoranza, e quindi riportare, o cercare di riportare fedelmente, gli interventi e gli “avvenimenti”.

Raccontiamo “la verità dei fatti“ e non quello che vorrebbe far credere il sindaco, raccontando una miriade di frottole e gestendo il consiglio comunale come fosse una discussione da bar “quando te sarà sindaco tì, te farà …”

Naturalmente, scrivendo su un blog gestito da un gruppo di opposizione, la nostra, oltre a riportare la “verità dei fatti” è anche una cronaca politica che esprime quando e dove lo riteniamo opportuno e  necessario una “critica politica”.

Tale “critica politica”, non viene nascosta ai nostri lettori, ma viene evidenziata utilizzando un colore diverso del testo (questo colore), in modo che siano subito evidenti i nostri commenti “politici”

Noi non ci nascondiamo, e soprattutto non mescoliamo, come invece fa questa amministrazione, pubblico e privato, falsità e verità, potere e autorità.

Ci chiediamo quale possibilità abbiano i consiglieri di minoranza di far emergere la “verità dei fatti”, se essa viene falsificata e questa falsificazione viene accettata dalla maggioranza e poi verbalizzata?

Nessuna. Questa maggioranza molto spesso fa da contorno alle falsità e cosa ancor più grave non ha mai un sussulto di dignità. falsita

Ma è mai possibile che dopo quanto accaduto nel consiglio comunale del 30 maggio scorso nei confronti di una consigliera e da noi documentato in modo inequivocabile, i consiglieri di maggioranza siano rimasti imperterriti, come tante sfingi, a sentire un logorroico comunicato del sindacotto, che non potendosi giustificare di un atto istituzionalmente gravissimo se non chiedendo scusa, ha tramutato questa sua non volontà in un attacco personale?

E’ mai possibile che nessuno, nelle segrete stanze, abbia consigliato il sindacotto di chiudere la questione chiedendo scusa? In questo senso almeno le migrantes, a suo tempo, il coraggio di mandare a quel paese il sindacotto lo hanno trovato.

Questa maggioranza è stata capace, come tanti robottini telecomandati di votare no ad una mozione che chiedeva di rispettare un articolo del regolamento in vigore che regola il funzionamento del consiglio comunale.

Decisione illegittima che però è stata avvallata anche dal segretario. Illegittima dato che non si può votare contro l’applicazione di un articolo di un regolamento in vigore, determinando e giustificando così, a priori, possibili futuri comportanti non rispettosi proprio dell’articolo citato nella mozione.

Ma dove siamo arrivati?

Per persone come noi che ritengono che rappresentare le istituzioni anche locali sia tra le attività più nobili che un cittadino possa aspirare a fare, il lezzo che emana dalle “istituzioni gaiaranesi” è davvero insopportabile; c’é urgentemente necessità di aria fresca e pulita.

Entriamo in cronaca.

presenti (vedi qui)

 1. Comunicazioni.
… prende la parola il sindacotto che riferisce di aver ricevuto una lettera da germano perin vicepresidente di Uion Gaia FG con la richiesta di leggerla in consiglio comunale, cosa che il sindacotto fa …

si tratta di una lettera che chiarisce il ruolo di Union Gaia nella distribuzione, negli anni 2015 e 2016, dei pacchi natalizi alle persone anziane e diversamente abili, lettera necessaria dato che la consigliera gava, moglie del perin, era stata accusata nell’ormai “famossissimo desaparecidos” intervento della venturin (intervento che tutti hanno ma il cui contenuto non comparirà mai nei verbali del consiglio comunale) di aver favorito l’associazione del marito …

… nella lettera si fa presente che nel 2015 a causa di una legge regionale o nazionale (per chiarezza trattasi di deliberazione della Corte dei Conti) che proibisce ai comuni di elargire pacchi dono, venga contattata Union Gaia, che si fa carico dell’iniziativa ricevendo successivamente un contributo comunale …

in poche parole fatta la legge trovato l’inganno (questa volta a fin di bene) … ma comunque la lettera evidenzia come le accuse fatte dalla venturin alla gava siano semplicemente false, anzi se non ci fosse stata la disponibilità di Union Gaia ad accollarsi questa attività il comune non sarebbe stato in grado di fare questa opera di beneficenza

… la lettera continua mettendo in evidenza come anche nel 2016, pur non essendoci più la consigliera gava, a cui erano state tolte le deleghe al sociale, qualcuno del comune si sia rivolto nuovamente all’Union Gaia chiedendo la disponibilità ad accollarsi di nuovo l’onere della distribuzione …. Union Gaia addirittura ci rimette del suo comperando dei vestiti di Babbo Natale

chiarito, nopanettonen per bocca nostra, ma ufficialmente dall’Union Gaia come siano andate realmente le cose lasciamo al suo destino questa insanabile “guerra del panetton” sperando che non voli anche qualche “tecia“.

 

2. Interrogazioni presentata in data 10 luglio 2017 prot. n. 5543 dal consigliere comunale Graziella Gava del gruppo “Lega Nord-Liga Veneta” in merito  all’ampliamento servizio segretariato sociale.
… il sindacotto inizia leggendo le risposte alle domande poste nell’interrogazione … ma dal pubblico qualcuno fa presente che l’interpellanza andrebbe letta, perché altrimenti non si capisce di cosa si stia parlando … naturalmente il sindacotto si irrigidisce e se ne esce con una delle sue ormai celebri frasi “istituzionali” … «vutu venier qua tì … il prossimo colpo quando te sarà eletto te vien qua tì …» da un’altra parte del pubblico si alza un’altra voce …«vegne mì il prossimo colpo … » …  ma costui viene zittito immediatamente

avevamo già fatto presente, nelle nostre cronache, come il regolamento del consiglio comunale preveda che l’interrogazioni o le mozioni siano lette da chi le presenta, ma basta suggerire dei comportamenti “istituzionali” che il sindacotto fa esattamente il contrario a prescindere dal fatto che siano giusti o meno e così imperterrito non da la parola alla consigliera gava ma legge le domande e le risposte, parte che tralasciamo

… alla fine il sindacotto chiede alla gava se ha qualcosa da dire … la consigliera fa presente che sarebbe stato corretto leggere la premessa dell’interrogazione in modo da far capire a tutti di che cosa si trattasse … interviene la consigliera fracassi chiedendo la lettura … lettura che il sindacotto (bontà sua) alla fine concede …

senza entrare nel dettaglio cerchiamo di spiegarvi il perché dell’interrogazione della gava:
nel “famossissimo desaparecidos” discorso della venturin (intervento che tutti hanno ma il cui contenuto non comparirà mai nei verbali del consiglio comunale)  fatto nel consiglio comunale del 16/05/2017 la gava era stata accusata di aver con la sua presenza nell’ufficio impedito lo svolgersi regolare del servizio in carico all’assistente sociale e sempre nel consiglio comunale del 16/05/2017 il segreventi%, attuale responsabile del servizio sociale, aveva per 20 minuti blaterato su tutto quello che era stato fatto o ci si proponeva di fare dopo che la gava aveva “sgombrato” il campo, quindi la colpa dei giorni accumulati di ferie non godute e di tutti i disservizi erano da addebitarsi alla “sconsiderata” presenza della gava, si intuisce però, dalle risposte date dal sindacotto e da quanto fatto dall’amministrazione, che la verità non sia proprio questa … i problemi esistevano prima ed esistono anche dopo la parentesi gava, così almeno abbiamo capito noi.
… si innesca un batti e ribatti
sindacotto « dopo che la consigliera gava non è più … »
gava in tono ironico « le cose sono migliorate … »
sindacotto « dopo che l’assistente sociale … »
gava in tono ironico « lasciamo che lo dicano i cittadini … »receptionprova
… il sindacotto si avvia in una apoteosi della sua funzione di “telefono amico”«… porte sempre aperte tutti i giorni le sue … » … « dopo che la consigliera gava se ne andata l’assistente sociale ha potuto prendersi 15 giorni di ferie …»
la gava invita il segreventi% a verbalizzare l’intervento del sindacotto

3. Mozione presentata dai consiglieri di minoranza volta a garantire il rispetto
dell’art. 7 del regolamento del consiglio comunale.

il consigliere andreetta prende la parola facendo presente che i consiglieri di minoranza non hanno ricevuto l’interrogazione della consigliera gava e che forse quelli di maggioranza non hanno ricevuto la mozione delle minoranza, chiede pertanto che le interrogazioni e le mozioni vengano allegate ai documenti inerenti il consiglio ….
… il segreventi% prende atto di questa mancanza … e  si scusa
… il sindacotto invita la consigliera capuzzo a leggere la mozione
finalmente una cosa fatta come da regolamento
capuzzo legge la mozione che potete trovare qui
prende  la parola il sindacotto e legge il suo l’intervento
quello che abbiamo già definito essere un “logorroico” comunicato intriso di falsità, attacchi personali, ma andiamo per ordine ...
sindacotto«non corrisponde a verità … la ricostruzione fatta nella mozione »...
assolutamente falso, la ricostruzione fatta nella mozione è molto più blanda rispetto a fatti accaduti, se qualcuno vuole conoscere la “verità dei fatti” legga la nostra cronaca del 30 maggio
sindacotto … « mi è sembrato di capire che la consigliera capuzzo sia un revisore dei conti » … che tradotto significa “che si è spacciata per revisore del conto”
assolutamente falso in quanto la consigliera non ha mai detto di essere una revisore dei conti … «ma che nel lavoro che faceva prima “quando faceva revisione” » che tradotto per gli “ignoranti”  (per coloro che ignorano) significa semplicemente che faceva analisi di bilanci 
…. sindacotto« infastidito dell’atteggiamento … contro l’assessore de zan …. »
la verità: oltre che essere impreparata sulla specifica domanda, e questo può succedere a tutti, l’assessore de zan stava pensando ad altro e poiché la situazione era diventata imbarazzante il sindacotto ha cominciato ad alzare la voce per difendere la sua “protetta”. Di per se nulla di male, lo si potrebbe definire un atto di “misercordia”, ma dopo il botta e risposta che si è innescato, con la capuzzo, il sindacotto ha perso letteralmente le staffe, portato anche dalla sua incapacità di comprendere il ruolo che riveste quando si trova a presiedere il consiglio comunale. Se sente la necessità di proteggere il “suo protettimparzialeo assessore“, questa difesa non la può fare colpendo un altro consigliere, perché il suo ruolo deve essere super partes, che tradotto significa che deve essere imparziale. Ma forse questo è troppo difficile da comprendere.

…. sindacotto« non ho nessun disprezzo per la consigliera capuzzo … »
meglio se è così, però nessuno ha chiesto al sindacotto cosa pensa dei consiglieri, se li ritiene intelligenti o stupidi, o sono da disprezzare o da amare, gli si chiede solo, a prescindere da che giudizio personale lui abbia di loro, di rispettare il ruolo che essi hanno essendo stati liberamente eletti dai cittadini di gaiarine, se lui disprezza o non disporezza qualcuno questa  è una faccenda sua che non deve mescolare con il suo  ruolo istituzionale
potremmo proseguire in questo smontaggio delle sue affermazioni ma abbiamo anche noi voglia di fare un atto di misericordia.

la consigliera capuzzo definisce l’intervento del sindacotto allucinante, dichiara che non ha nessuna paura di affermare che non è una “revisore del conto”, affermazione da lei mai fatta, ma che ha fatto per 6 anni “revisione” (tradotto=analisi di bilanci)... ribadisce che bastava chiedere scusa, e che secondo il suo punto di vista come i consiglieri di minoranza cercano di venire preparati in consiglio comunale, preparata dovrebbe essere anche la responsabile del bilancio (leggi la de zan) , prosegue facendo presente che la domanda specifica riguardava 200.000 euro e non 10.000 euro …
… prosegue affermando che per lei la faccenda è chiusa e chiede che la prossima volta si faccia venire in consiglio la funzionaria responsabile del bilancio
… prende la parola il consigliere andreetta« non capisco come non si renda conto di 93 Un mondo capovoltoquello che ha detto … ha sostanzialmente rovesciato il mondo…», continua dicendo che se in consiglio comunale non devono emergere le competenze tanto vale rimanere a casa, non essere neppure convocati … «… la maggioranza è mai andata a leggere cos’è un consiglio comunale? … lei continua a non considerare i consiglieri comunali come rappresentanti dei cittadini …» …continua dicendo che se il sindacotto pretende che venga considerato in buona fede il suo operato nello stesso modo dovrebbe essere considerato anche l’operato dei consiglieri comunali e fa presente come invece l’impegno  profuso dai consiglieri di minoranza nell’espletare il loro mandato venga sempre  mortificato …. lo invita a riflettere …« …le competenze non possono essere considerate una colpa … anch’io qualche volta posso aver detto delle cose non giuste … ma la miglior risposta che voi potete dare è leggere le carte … dare delle risposte nel merito … fare “politica” »
averle le competenze e poi quando mai quelli della maggioranza si leggono le “carte”, molte volte guardando le loro facce si capisce che non sanno di cosa si stia parlando in consiglio comunale

prende la parola la consigliera fracassi mettendo in evidenza come la mozione sia stata firmata da tutti i consiglieri di minoranza e che naturalmente esprime tutta la sua solidarietà alla consigliera capuzzo che non …« ha mai affermato di essere unblack_holea “revisore del conto” … e sull’episodio dobbiamo attenerci ai nostri ricordi perché il verbale sull’episodio nulla dice … un buco temporale » prosegue affermando che tutti hanno la propria forma mentis dovuta alle proprie esperienze professionali e quindi ognuno si pone di fronte ai problemi secondo il proprio percorso personale e se poi d’altra parte .. non c’è un contraltare all’altezza …» la colpa non è di che fa le domande e sul fatto che gli uffici siano aperti anche 24 ore su 24 (cosa l’altro non vera) non centra nulla perché questa è la sede in cui si chiedono, agli assessori di competenza, delucidazioni sulle delibere e quant’altro …« … se poi non sono in grado per qualsiasi motivo di rispondere … si portino in consiglio comunale i responsabili d’area »
Si vota:

maggioranza favorevole
Andreetta, Capuzzo, Daniel, Gava, Fracassi contrari

 4. Approvazione verbali seduta del 16 maggio 2017 (dal n. 2 al n. 7).
prende la parola la consigliera gava chiedendo la votazione per singolo verbale … e così si procede
Verbale n. 2: si tratta dell’ormai “famossissimo desaparecidos” intervento della venturin (intervento che tutti hanno ma il cui contenuto non comparirà mai nei verbali del consiglio comunale)
..
. la consigliera gava chiede alla venturin come mai quel documento letto in consiglio comunale sia diventato un documento privato … e perché se lo tenga tanto “stretto” .. la venturin risponde dicendo che non si tiene nulla ” stretto” ma che, una volta letto, quel pezzo di carta lo ha buttato via ….
bugia, bugia, e questo lo si capisce dal tono della sua voce  e dalla espressione del suo viso … guai se per caso quel documento ricomparisse sarebbero davvero guai … sarebbe la dimostrazione che si è mentito in consiglio comunale … ma finché la prova non ricompare queste sono solo nostre illazioni  o no?
… la gava insiste dicendo che la verbalizzazione di quel documento avrebbe fatto cambiare in senso di quello che la venturin ha detto e chiede perché non sia stato verbalizzato…
il segreventi% ribadisce che la sua penna ha scritto solo quello che lui ha sentito e che lui ha un limite fisico nello scrivere…
bugia, bugia, non lo si capisce dal tono della voce e dalla espressione del suo viso, ma dal ruolo che ha assunto, facendo finta di essere super partes, ma in effetti “lavorando” solo per l’amministrazione ma finché la prova non ricompare queste sono solo nostre illazioni o no?
nasce un battibecco tra la gava che insiste nel dire che tante parti dell’intervento della venturin non sono state verbalizzate e il segreventi% che giustifica il suo operato …
la gava invita la venturin a consegnare quel documento, non credendo che l’abbia buttato, e comunque ritiene che si debba vergognare per quanto detto poichè ha offeso …« …me, la mia famiglia e il mio lavoro … stiamo attendendo scuse che non arriveranno mai …»
Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Daniel, Gava, contrari
Capuzzo, Fracassi astenute perché assenti al consiglio in questione

Verbale n. 3: andreetta chiede la registrazione delle sedute consiliari
Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Daniel, Gava,favorevoli
Capuzzo, Fracassi astenute perché assenti al consiglio in questione

Verbale n. 4: andreetta chiede la registrazione delle sedute consiliari
Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Daniel, Gava,favorevoli
Capuzzo, Fracassi astenute perché assenti al consiglio in questione

 Verbale n. 5: andreetta chiede la registrazione delle sedute consiliari
Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Daniel, Gava,favorevoli
Capuzzo, Fracassi astenute perché assenti al consiglio in questione

Verbale n. 6: andreetta chiede la registrazione delle sedute consiliari
Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Daniel, Gava,favorevoli
Capuzzo, Fracassi astenute perché assenti al consiglio in questione

 Verbale n. 7: trattasi dell’interrogazione sulla bretella in merito alla “bretella” stradale alternativa al centro di Francenigo;
andreetta
fa presente che si è omessa una parte significativa del suo intervento, quella in cui faceva riferimento al fatto che si poteva procedere alla realizzazione della bretella per stralci e che uno stralcio sarebbe costato meno della seconda palestverbalira
vi riproponiamo la parte dell’intervento di cui chiede l’integrazione riprendendola integralmente dalla nostra cronaca del 16/05/2017
“.. andreetta chiede che cosa impedisce di sistemare l’ultimo tratto quello in prossimità del cavalcavia di via palù …che risulta costare, lo dice il sindaco 950 mila euro, che poi sarebbero meno dei soldi spesi per la palestra”
quando si dice la “verità dei fatti”
Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Capuzzo, Daniel, Gava, favorevoli
Fracassi astenuta perché assente al consiglio in questione

5. Approvazione verbali seduta del 30 maggio 2017 (dal n. 16 al n. 18);
Verbale n. 16

Si vota:
all’unanimità favorevoli

Verbale n. 17
Si vota:
all’unanimità favorevoli

Verbale n. 18
… la consigliera capuzzo, dato che nel verbale non compare nulla (ma si sa che ci sono limiti fisici nello scrivere …) di quanto fatto e detto dal sindacotto nei suoi confronti, gesti e parole che hanno portato le minoranze a stendere la mozione discussa al punto 3 di questo consiglio comunale, chiede l’integrazione del verbale rifacendo la cronistoria esatta e veritiera degli avvenimenti accaduti
Si vota:
accade un fatto strano… alla richiesta del sindacotto …« favorevoli », l’assessore presotto unico tra la maggioranza alza la mano, poi accortosi che i suoi “compagni di cordata”, non la pensavano come lui velocemente la ritira
chissà se il suo può essere ritenuto, per un attimo infinitesimale, un atto “di verità”, di “giustizia” e di “solidarietà” verso la capuzzo o una consapevole dimostrazione di una volontà contraria alla posizione imposta dal sindacotto, oppure un semplice e mero errore dovuto magari a disattenzione? … chissà

maggioranza favorevole
Andreetta, Capuzzo, Fracassi, Daniel, Gava contrari

FALSE. Seal and imprintN.B. naturalmente, visto l’esito della votazione il verbale non verrà integrato con la “verità dei fatti”, quindi la “verità dei fatti ” è che hanno “istituzionalizzato la falsità”


6. Bilancio di previsione 2017/2019. salvaguardia degli equilibri (art. 193 tuel) e variazione di assestamento generale (art. 175, comma 8, tuel). approvazione.
l’assessore de zan legge la delibera …
… ci sono alcune domande di andreetta e della fracassi su alcune cifre spostate da un capitolo all’altro
… poi per dichiarazione di voto prende la parola andreetta facendo la cronistoria della sua disavventura giudiziaria, la denuncia penale fatta nei suoi confronti dai fratelli gazzola (serre e piro) per notizie e frasi dette durante l’espletamento della funzione di consigliere comunale, vicenda conclusasi con l’archiviazione (non poteva essere altrimenti) … e poiché nell’assestamento di bilancio in approvazione sono comprese anche le spese legali, che la legge dice essere a capo dell’ente pubblico nel caso in cui il consigliere venga assolto, dichiara il suo voto di astensione … ringrazia il sindaco, la maggioranza per la solidarietà ricevuta e chiede però che venga avviata una rivalsa economica nei confronto dei gazzola, perchè non può essere che la comunità di gaiarine ci rimetta dei soldi per un atto intimidatorio
… risponde il segreventi% dicendo che il recupero, per via delle norme in vigore, è molto difficile, bisognerebbe dimostrare la calunnia … poi bisognerà anche vedere, essendo il comune  assicurato, se l’assicurazione ritornerà la somma spesa … che comunque sarà sentenza-federcontribuenti-3fatto tutto il possibile per recuperare il denaro sborsato … in ogni caso ...« alla fine la giustizia ha trionfato … »
… la consigliera fracassi fa presente che sarà molto difficile recuperare i denari, l’unico modo è fare una contro querela …
Si vota:
maggioranza favorevole
Capuzzo, Fracassi contrarie
Andreetta, Daniel, Gava,astenuti

7. Presentazione del documento unico di programmazione (dup) 2017/2020.
illustra la de zan
… vengono fatte domande e si disquisisce sul fatto che nel DUP … si parla di consolidato e delle relative partecipate … la de zan evidenzia che l’unica partecipata del comune è Piave Servizi S.r.l. il Servizio Idrico Integrato con una quota del 2%
… il segreventi% fa uno dei suoi panegirici … fino a poco tempo fa tutti i comuni esternalizzavano molti servizi creando società partecipate che li gestivano, era un modo per esternalizzare anche i debiti che andavano in capo alle partecipate e non più sui bilanci dei comuni, oggi non è più così … oggi bisogna liberarsi delle partecipate non strategiche… in capo alle partecipate erano finite la gestione di aree urbanizzate, farmacie, aziende di trasporto (vedi ATAC), chi non esternalizzava era considerato un cretino … qualche comune ha istituito delle fondazioni per gestire il “sociale” e questa forse è l’unica cosa giusta anche se in passivo …. il prossimo decennio sarà il decennio dell’acqua acqua_pubblica… cosa potrà valere una società dell’acqua con i tubi che non hanno buchi? … è giusto che l’acqua rimanga pubblica … nel comune di gaiarine tutto è gestito bene …
… prende la parola andreetta chiedendosi e chiedendo …« … quale sia l’utile delle partecipate se non le bollette pagate dai cittadini … ma sarebbe un discorso lungo...» … continua dicendo che su questo DUP non ha quasi nulla da dire nel senso che è un “nulla” … prosegue mettendo in evidenza come il documento rappresenti l’impianto amministrativo della maggioranza, cioè quello che l’amministrazione pensa di fare, un documento dove si scrivono tante belle parole ma la concretezza è altra cosa come spesso accade con questa amministrazione, pertanto darà un voto contrario
Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Capuzzo, Fracassi contrarie
Daniel, Gava,astenute

8. 2° variante al piano degli investimenti (p.i.) – illustrazione del “documento del sindaco” ai sensi dell’art. 18, comma 1, della l.r. n. 11 del 23.04.2004.

il sindacotto legge la delibera poi lascia la parola all’assessore al urbanistica fellet … che  mette in evidenza come dopo l’approvazione del PAT (piano di assetto del territorio) il PRG abbia assunto valore di piano degli interventi per le sole parti compatibili. .. il vero piano degli interventi è quello che si andrà a stendere e che inizia l’iter con il documento del sindaco … e conseguentemente all’avviso pubblico del 3 dicembre 2015 con il quale sono stati invitati i cittadini a presentare richieste e/o esprimere i propri bisogni per un possibile recepimento nella variante … riassume i punti …. …
« … questo piano non riguarda nuove previsioni … anche perché recentemente è stata approvata in regione una nuova legge urbanistica che dice “dovete recuperare tutto quello che c’è per salvaguardare il territorio” … quindi non ulteriore consumo di suolo … »
… « … urbanizzazione consolidata sarà quella che è già nel PAT… »
… « … andrà regolamentato ulteriormente il territorio aperto … »
… « … andranno individuati i servizi e le infrastrutture se necessari … »
… « … si aggiornerà la cartografia e la normativa se ci saranno variazioni … »
… « … eventuali accordi pubblici privati … e crediti edilizi …»
… « … su questo è stato steso il documento del sindaco ... »

… la consigliera capuzzo vorrebbe porre delle domande … le viene detto che questa (come prevede la legge regionale) è solo una illustrazione e che non sono previsti nè interventi nè votazione … lei insiste e alla fine le viene concesso di porre delle domande …
…« … questa variante fa riferimento alla nuova legge sul consumo del suolo … all’articolo 13 dispone che entro il 25 agosto vi sia la predisposizione dell’urbanizzazione consolidata da inviare in regione approvata dalla giunta o dal consiglio comunale … volevo sapere a che punto siete e se sarà la giunta ad approvare “la città consolidata” ..

interviene il vero capo politico di questa amministrazione cioè il segreventi% che spiega come si stiano facendo dei corsi per capire cosa fare dato che assieme alla nuova legge è stata predisposta dalla regione una scheda che non è semplice …. pensa anche che si sarà una proroga perché gli uffici non saranno pronti … poi si avventura nella spiegazione dei massimi sistemi della pianificazione urbanistica dicendo che capisce che nessuno vuole più costruire … molti hanno chiesto che gli vengano tolte le aree edificabili … però non dobbiamo arrivare all’assurdo che non si possa fare nulla …
… la consigliera capuzzo fa presente che il piano casa è stato salvato dalla nuova legge … … il segreventi% concorda … ma insiste nella sua visione pianificatoria dicendo che lui ha sempre visto che se c’è troppo rigore le cose vengono cambiate in corsa … ritiene anche che per l’edilizia non si tornerà più agli anni scorsi e che l’edilizia non sarà più determinante per i comuni come in passato … se si porta in consiglio la schedatura (l’urbanizzazione consolidata o città consolidata) è come fosse una pianificazione se invece l’approva la giunta potrebbe essere come fosse un PUA (Piano urbanistico attuativo) …. e bla bla …
la regione chiede semplicemente a fronte della nuova legge sul consumo di suolo che i comuni dichiarino (con invio della scheda in regione) qual’è l’urbanizzazione consolidata che per i non addetti ai lavori vuol dire dichiarare quanto territorio é urbanizzazione-cementificazioneoccupato dal “cemento” sia esso ad uso residenziale, industriale, commerciale, ecc.. La regione chiede quindi semplicemente una “fotografia” dello stato di fatto dell’urbanizzazione. Questa “fotografia” il comune la deve fare come se lo “scatto” fosse stato eseguito il giorno dell’entrata in vigore delle legge regionale cioè il 6 giugno 2017, quindi una situazione reale e non truccata a quella data. Se quella “fotografia” fosse manipolata in qualche modo per far passare aree che ora sono agricole come fossero p.es. aree industriali già in qualche modo consolidate o in via di consolidamento ci si troverebbe di fronte ad un falso in atto pubblico con tutte le conseguenze del caso
… la consigliera capuzzo auspica che la “schedatura “venga approvata dal consiglio comunale ma se sarà la giunta ad approvarla questa schedatura, come esplicitato bene nella legge, deve essere solo ricognitiva in quanto la giunta non ha poteri pianificatori e la schedatura deve corrispondere allo stato di fatto, non può essere allargata, in quanto definirà il perimetro entro il quale successivamente ci si muoverà per adeguarsi alla legge sul consumo del suolo …
… interviene fellet affermando che non si potrà fare quello che si vorrà
… la consigliera capuzzo chiede, ...« … dato che la legge dice che sono fatti salvi i procedimenti in corso, i PUA, gli accordi pubblico/privato, e gli accordi di programmi vorrei sapere se ci sono procedimenti di questo tipo in corso … »
… ci sono una serie di tentennamenti, si parla di un PUA a francenigo (quale, come, a fronte di quale atto pubblico?) di salvaguardia, si dice che in giro dopo l’arrivo della legge sul consumo del suolo si è bloccato tutto…
… allora la consigliera capuzzo dice …« ... anche questa variante non si doveva fare … » e qui pronti sia il  segreventi% che fellet a dire che questa variante è iniziata a dicembre del 2015 con l’avviso pubblico
e qui casca l’asino: ci vogliono far credere che un avviso pubblico per chiedere se ci sono delle esigenze da parte di cittadini sia l’inizio dell’iter della variante al piano degli interventi, iter del Piano degli interventiche o sua variante che la legge regionale chiaramente stabilisce iniziare con la presentazione del documento del sindaco, punto.
… pronta la consigliera capuzzo legge la premessa del “documento del sindaco” poco prima presentato che testualmente recita Questo documento rappresenta l’avvio del processo di formazione della 2^variante al Piano degli Interventi”, e dice « … lo dite voi che la variante inizia con questo documento”… »

si riscontra un certo imbarazzo, sembrano caduti dal pero ma non è così è tutto concertato e sono pronti a fare carte false per accontentare qualcuno che sta comprando terra agricola a man bassa, ma chi firmerà le regolarità tecniche degli atti della schedatura da inviare in regione e gli atti conseguenti a questa variante dovrà essere sicuro di fare tutte le cose a norma di legge, come sicuri di fare le cose a norme di legge dovranno essere anche i “robotini” quando tutti assieme alzeranno le “manine”

sindacotto« … faremo a norma di legge … »
staremo proprio a vedere
per adesso prendiamo nota che il segreventi% non ha riportato nel verbale di questo punto, verbale che potete già trovare all’albo pretorio del comune, il passaggio relativo alla lettura della consigliera capuzzo della premessa del documento del sindaco, quella parte qui evidenziata in giallo e che riscriviamo Questo documento rappresenta l’avvio del processo di formazione della 2^variante al Piano degli Interventi”…. ma si sa che la mano del segreventi% ha dei limiti fisici
… si scaldano gli animi con l’intervento del consigliere andreetta che fa presente che sempre in questo documento si dice …« …coinvolgendo, sin dall’inizio, cittadini, gli enti pubblici … » il sindacotto non vuole lasciarlo parlare alla fine però andreetta la spunta
…« … tutto quello detto anche dal segretario mi fa pensare che alla fine sono tutte cose relative … ma si .. ma no .. legge … no legge consolidato .. penso che il diavolo sia nei dettagli …noi siamo dei subumani (intende i consiglieri) dei sub cittadini … si usano belle parole come “riqualificazione” e poi c’è l’espansione della ditta corazza … non c’è quella attenzione a voler concretizzare quello che è scritto nei documenti … poi si va in deroga …»
sindacotto …« … a norma di legge ... »
… dal pubblico …« … ricordemose che la natura non fa sconti, però... »
sindacotto …« … quando te deventerà sindaco tì té farà quel che té vol … »
… dal pubblico …« … non c’entra nient … »
sindacotto « … a norma di legge … »

9. Approvazione del regolamento per la disciplina degli impianti alimentati a biomassa – biogas – digestati
il sindacotto legge la delibera e si da per letto il regolamento …
… interviene la consigliera capuzzo affermando che al di là dello stupore di trovarsi nell’ordine del giorno del consiglio comunale questo regolamento il suo gruppo è
…« … favorevole alla sua approvazione … e per calarlo sulla realtà di gaiarine … proponiamo alcune lievi modifiche … e colgo l’occasione per dire che siamo convinti che sia urgentissimo anche il regolamento di polizia rurale … »
… la consigliera inizia ad illustrare le modifiche che vengono tutte accettate e che sintetizziamo di seguito
Art. 5 punto 3. aggiungere la parola minima
,dovrà essere mantenuta una distanza minima di 500 metri
Art . 5
La distanza minima delle abitazioni e dei terreni edificabili non va rispettata nel caso che questi siano di proprietà del richiedente l’istallazione dell’impianto o nel caso in cui venga rilasciata dai i confinanti residenti da tutti i proprietari di fabbricati che si trovano all’interno della distanza minima (500 mt) un’apposita autorizzazione ad edificandi e appositamente registrata alla Conservatoria dei Registri Immobiliari a realizzare l’impianto a distanza inferiore a quanto previsto dal presente regolamento.
Art . 5 aggiungere in fondo un comma
In caso di azienda agricola, oltre a quanto sopraindicato, la filiera corta si concretizza elusivamente qualora la biomassa provenga da terreni di proprietà dell’azienda stessa
Art. 6
E’ escluso l’ampliamento di quelli esistenti o l’istallazione di nuovi impianti ed infrastrutture funzionali alla produzione di energia rinnovabile, proveniente da biomasse, biogas, digestati, (e loro manufatti costituenti), nelle seguenti aree:
Art. 6 punto C.
  Nuova_1 c. aree SIC o ZPS appartenenti a Rete Natura 2000 e aree limitrofe a queste per una distanza di 1.000 mt.
… prende la parola il consigliere andreetta chiedendo se i 500 metri di distanza dalle case valga anche aldilà del confine comunale … gli viene detto di no in quanto essendo un regolamento comunale può normare solo all’interno del confine amministrativo del comune … chiede allora …« … come mai tutta questa urgenza … questo fulmine a ciel sereno … attendevamo quello di polizia rurale e invece arriva questo … »
… il sindacotto …« … ho avuto già un problema con un pirogassificatore … e prima che vengano altre storie è meglio …  »
andreetta« si è svegliato una mattina … »
sindacotto in tono scherzoso …« … proprio mi sono svegliato una mattina … »
andreetta fa presente che dopo un anno di lavoro insieme sul pirogassificatore si poteva fare una cosa fatta bene
… prende la parola la consigliera fracassi dicendo che il consigliere andreetta le ha tolto le parole di bocca in quanto anche lei si è chiesta quale urgenza ci fosse per portare in consiglio comunale un regolamento senza coinvolgere nessuno … prosegue dicendo che il suo gruppo condivide le premesse presenti in delibera e la salvaguardia del territorio e della salute ma chiede se sono stati vagliati gli aspetti legali, sentenze del tar, ecc.
… risponde il sindacotto …« …sono stati vagliati da un legale … »
… la fracassi insiste e chiede se c’è l’intenzione di mantenere il regolamento così com’è e di andarlo ad approvare senza prima averlo discusso in conferenza dei capogruppi …
… le viene risposto che il regolamento si andrà ad approvare così com’è … e allora la consigliera afferma che il suo voto sarà di astensione in quanto pur condividendo lo spirito del regolamento lo ritiene viziato di illegittimità …
… il consigliere andeetta si dichiara esterrefatto e dice di non capire come si voglia distruggere quel po’ di collaborazione creatasi intorno al pirogassificatore … e che questa cosa poteva essere fatta insieme anche perché le competenze acquisite nell’ultimo anno a gaiarine sono state richieste da altri … continua mettendo in evidenza come il regolamento sia un copia incolla di quello di orsago che identico a quello di carceri e bla bla… e che non parteciperà al votazione …
davvero un discorso che è fine a se stesso, senza senso e che dimostra che neppure lui abbia letto bene il regolamento proposto, non ne ha capito alcuni passaggi e modifiche.
gli brucia non essere stato coinvolto e questo è capibile e giustificabile, ma sa benissimo che questo è il comportamento “standard” di questa amministrazione, comportamento che naturalmente va biasimato.
Capit
o, però, che l’urgenza dell’approvazione del regolamento è dovuta al fatto che ci potrebbero essere a breve nel comune richieste di impianti a biomassa o biogas, c’è da chiedersi e deve essere chiesto ad andreetta , come alle altre minoranze che si sono astenute: se vale di più il proprio amor proprio e il fatto di essere come consigliere ancora una volta non considerato o cercare di evitare l’installazione di questi impianti nel territorio comunale?
Proprlogoneroio la competenza acquisita in quest’ultimo anno fa dire a tutti che questi impianti provocano danni alla salute, sono deleteri per il paesaggio e il territorio, e servono, tramite gli incentivi, a far guadagnare soldi solo a chi li gestisce, in poche parole sono impianti che privatizzano gli utili e socializzano i debiti, in questo caso i danni sociali.

Allora per una volta che l’amministrazione fa qualcosa in difesa dei propri cittadini, anche se, come al suo solito la fa male, non si poteva soprassedere, e mettere da parte un po’ di prosopopea e vanità?
… il segreventi% afferma che di fronte alla possibilità di avere una qualche richiesta di impianti quello che si sta facendo, non sarà il massimo, ma qualcosa sicuramente è …
… nasce un concitato dibattito tra la fracassi e  il sindacotto che porta, sfuggendoci la consequenzialità logica, il sindacotto a dire …« io so per informazioni che stanno arrivando profughi a francenigo …»
questo è un altro bel argomento che darà sicuramente spazio a cronache “stupefacenti”
… il sindacotto vorrebbe porre in votazione il punto … ma interviene la daniel chiedendo la parola … il sindacotto gliela concede scusandosi …
… la daniel prendendo la parola dichiara di essere d’accordo con lo scopo del regolamento e ritiene giusto regolamentare e disciplinare questa tipologia di impianti … afferma di capire anche l’urgenza ma non è possibile portare in consiglio un regolamento interamente copiato da altri comuni… nel dichiarare in voto di astensione del suo gruppo auspica che a breve il regolamento venga modificato e adeguato al comune di gaiarine
forse dimenticandosi delle modifiche apportate su richiesta della capuzzo

Si vota:
maggioranza favorevole
Capuzzo favorevole,
Fracassi, Daniel, Gava,astenute
Andreetta non partecipa al voto

Si chiude così questo consiglio comunale durato circa tre ore e che ha visto una discreta partecipazione di pubblico, forse una ventina di persone.
Un consiglio dalle molte sfaccettature e contraddizioni e che avrà sicuramente degli strascichi.
Davvero assurdo che un regolamento come quello sugli impianti a biomassa, dopo le note vicende del pirogassificatore, non sia stato votato all’unanimità. Senza pontificare ci viene da dire che qualche volta l’intelligenza va usata e non solo annebbiata.

E’ altrettanto assurdo il voler far credere che un piano degli interventi inizi con un generico avviso pubblico, quando invece nei documenti proposti, e anche per la legge regionale, l’iter inizia con il documento del sindaco. Potrebbe sembrare una questione di lana caprina o un dettaglio (come è stato detto) ma non è così, ci sono in gioco ettari e ettari di terreno agricolo pronti ad essere cementificati. Attention please.

Poi c’è la questione migranti, fatta nascere ufficialmente dal sindacotto. Ad arte? Per caso?

Sicuramente terrà calda l’estate e anche le “teste calde”.

Condivi
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF