Commentiamo i risultati

Le preferenze e gli eletti:

Eletti i primi 12

Eletti i primi 5


Il politico di maggior successo è quello che dice quel che pensano tutti più spesso e più forte degli altri.
Legge di Franklin D. Roosevelt

La politica è la sottile arte di prendere voti dai poveri e finanziamenti dai ricchi promettendo di proteggere gli uni dagli altri.
Assioma di Amenringer

Le masse sono abbagliate più facilmente da una grande bugia che da una piccola.
Adolf Hitler

L’abilità politica è l’abilità di prevedere quello che accadrà domani, la prossima settimana, il prossimo mese e l’anno prossimo.
E di essere così abili, più tardi, da spiegare perché non è accaduto.
Winston Churchill
.


Condivi
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

42 pensieri su “Commentiamo i risultati

  1. In risposta alle varie illazioni voglio far notare che l’A.R.Cu.F. è un’associazione di 72 soci lavoratori, maggiorenni che pagano la bella cifra di 1Euro/anno per essere soci attivi che lavorano tutto l’anno per organizzare la sagra paesana. Abbiamo uno statuto regolarmente depositato il 17 maggio 1983 presso il notaio Dall’Antonia.
    1° Siamo un’associazione apolitica (articolo1 dello statuto “…L’A.R.Cu.F. è una libera associazione di fatto, apartitica e apolitica…”; articolo 3 “…finalità…L’associazione è estranea a qualsiasi attività politica e partitica…”) e per questo motivo posso affermare con tutta onestà che l’affermazione “l’A.R.Cu.F. e i capi hanno ordinato a soci, amici e conoscenti di votare Sonego” è una pura e limpida menzogna.
    2° Siamo un’associazione non a scopo di lucro (articolo 1 “…L’A.R.Cu.F. è una libera associazione senza scopo di lucro…”).Una parete del ricavato è devoluta ogni anno in beneficenza (asilo di Francenigo, Quam di Padova, Centro Anziani di Francenigo ecc solo per portare qualche esempio). La parte restante è reinvestita in attrezzature o strutture. Per puntualizzare voglio far notare che l’A.R.Cu.F. non è proprietaria neanche della struttura fissa che già utilizziamo (e tantomeno lo sarà della nuova struttura nel momento in cui verrà fabbricata) nonostante sia stata costruita con il denaro ed il lavoro dell’A.R.Cu.F. L’intera area c’è stata data in concessione dal comune e nell’eventualità che l’A.R.Cu.F. non intenda più utilizzarla rimarrà del comune e dunque di Francenigo.
    3° siamo un’associazione regolarmente iscritta al Registro Regionale delle Associazioni di Promozione Sociale e abbiamo i nostri registri contabili visibili a tutti. BASTA CHIEDERE!!
    4° Ritengo e riteniamo che L’A.R.Cu.F. abbia creato e continui a creare un’importante occasione di divertimento e aggregazione per i giovani
    Carnelos Mauro presidente A.R.Cu.F. – Strada Belcorbo 16/A Francenigo

  2. Caro Anonimo delle 16,47 del 13 giugno scorso, se la GARANZIA che Sonego ha dato all’Arcuf è di 150-200.000 euro di obolo scucito da Jesse, vuol dire che i 350 voti che l’Arcuf ha fatto dirottare su Sonego,valgono 5-600 Euro ciascuno; questi sono i 30 denari di Giuda!!
    I francenighesi, specialmente quelli interessati allo scempio e al fiume di cemento che si riverserà sul paese, faranno bene a tenere in memoria questi numeri.
    Caro Anonimo, è illusione pensare di trovare queste tangenti nelle pieghe dei bilanci, ne della Jesse ne dell’Arcuf; semplicemente, una parte del cemento che userà l’Arcuf, sarà pagata dai Sommi Sacerdoti.
    Se c’è ancora qualcuno che pensa che l’Arcuf sia il Centro Ricreativo Culturale delle origini, si disilluda: oggi è un centro di potere, he si serve della politica per rimpinguar i propri bilanci.. e lo conferma il fatto che questi bilanci sono segretissimi; se si potessero vedere, la considerazione che si ha da sempre per l’immagine che sanno trasmettere, forse cambierebbe. E con lo sfruttamento del lavoro minorile come la mettiamo? C’è poco da mascherarlo come volontariato; il volontariato vale dove non c’è fini di lucro.
    Francenighesi, svegliatevi !!!

  3. in realtà non è il solo piacere, effimero e caduco, che ne ammette la presenza ma l’utilità di ciascuna per le altre..
    e anche le piante infestanti, pur soffocanti e invasive, e i rovi, pungenti e strazianti, assolvono alla funzione fondamentale di selezionare e migliorare la qualità complessiva della foresta di Sherwood..
    e la natura insegna come anche frutti insipidi e banali trovino golosi estimatori, incapaci nella loro candida ottusità di provare altra frutta, cercandola con più fatica certo ma con maggior soddisfazione; ma più si è predatori nel basso della catena alimentare più ci si riduce ad esser facile preda di chi, per forza o per intelligenza, sta sopra!
    é la natura, nè crudele nè generosa: ma natura!

  4. I post sono come le foglie che col tempo cadono nell’autunno di Sherwood e il loro colore, il loro profumo, la loro forma portano l’impronta dell’albero da cui provengono. Così ci sono abeti, querce imponenti, frassini frondosi, pini impassibili, ma pure piante infestanti e rovi. Nessuna di queste piante sarà scacciata dal bosco, tutte qui piacciono, tranne quelle che portano frutti insipidi e banali.

  5. Miiiiiii!! nenti nenti u scheriffo di Nottingham è chillo che fa CULO e CAMICIA cu Picciotto? aaaaa? Mo se capisce picchi insepparabbili sono !!

    Anonimissimo

  6. Caro PP,
    come dice Fiorenzo (12/06), non basta fare opposizione ma bisogna proporre.
    A tutti, anonimi e non, vorrei dire che ritengo ormai inutile continuare ad elencare errori da una parte e dall’altra, criticando vincitori, vinti ed elettori vari.

    Credo sia ora il momento di proporre e di trovare il giusto modo per far sentire a chi ha vinto queste elezioni anche la nostra voce. Dobbiamo trovare dei canali di collaborazione e dialogo perchè tutte le decisioni prese ed i provvedimenti adottati tengano davvero in conto l’interesse collettivo.
    Dobbiamo essere quell’opposizione capace,forte e autorevole che imponga il rispetto delle regole e delle minoranze di cui parla Renzo (post del 12/06).

    E allora vi invito a deporre le armi e a rimboccarci le maniche: c’è MOOOLTO lavoro da fare!

  7. sapete quale è stato il punto forte del programam elettorale del sindaco? centri comemrciali.. costruiamo per nonfar passare la circonvallazione di gairine.. ecco.. fichè si intortano le persone con queste cose è facile convincere il popolo bue.
    da dire che con la circonvallazione non è ch ecostruendo case e centri commerciali la si blocchi.. anzi.. alla regione e alla provicia gli fa un baffo sta storia..
    centri commerciali? per chi poi? ne abbiamo uno a gaiarine usato solo in parte.. che scopo ha farne un’altro?
    nei prossimi 5 anni l’ardua sentenza.. di certo se le persone ragionassero un attimo..

    PP

  8. Gentile signora Rosada, si svegli: lei deve adesso dimettersi e fare felici tutti quanti ,foraxfora compresi:Lei, signora , appartiene al passato.Se lei sta cercando di capire cosa ha sbagliato nel suo programma o nei suoi candidati perde tempo.Lei non mi sta antipatica, ma non poteva vincere perchè doveva perdere.Per il motivo più vecchio del mondo: una montagna di soldi.Lei ha perso a francenigo:vuole sapere perchè l’arcuf e i capi hanno ordinato a soci, amici e conoscenti di votare sonego?Sonego ha garantito che Jesse avrebbe versato 50.000,00 per 3/4 anni x finanziare il costo della demolizione del capannone e restauro della casa che il comune sta regalando loro.Se vinceva Antoniolli che aveva dichiarato di rompere l’accordo che porta milioni di euro di profitto al privato e chissà quanto ai mediatori l’obolo sfumava.Se non mi crede aspetti e vedrà.I bilanci dell’arcuf si sa sono segretissimi ma con un piccolo sforzo…Ha capito adesso?aL Sud lo chiamiamo voto di scambio: non è scandaloso, ci dobbiamo arrangiare.lei proponeva solo la crescita di francenigo vuoi mettere invece un piatto di costa,salsiccia e polenta?Ci aggiunga la probabile paterna benedizione della chiesa, sempre sensibile con i parenti.Capisce perchè lei non serve a niente? o devo farle altre confidenze?Se promette che non mi insulterà perchè non firmo -ho una scusante:il benemerito sceriffo di notttingham cosa mi farebbe se scopre chi sono?- le scriverò ancora.A condizione che si dimetta.Per la sua salute.
    Baciamo le mani, Vossignoria.

  9. Ai commenti al post del 20 maggio, che contenevano un attacco alla Milena Rosada, avevo aggiunto il mio, sostenendo che

    “la critica alla Rosada, così come espressa nel commento […], a mio parere è sterile (da bar sport per capirci). Anche qui circostanziare errori e occasioni mancate potrebbe rendere più produttivo il dibattito.”

    Mi sembra giusto in questo caso “ripetermi” per dire che la critica a Sonego, così come espressa nel terzultimo commento, a mio parere è sterile (sempre da bar sport). Anche qui circostanziare errori reali potrebbe rendere più produttivo il dibattito.

    A fugare ogni dubbio vorrei ricordare che l’espressione “da bar sport” è di uso comune nella lingua italiana e che non ho niente contro il Bar Sport di Gaiarine, che anzi è un locale che frequento regolarmente.
    ;)

  10. Vorrei solo dire all’penultimo anonimo che ho trovato il suo commento particolarmente pungente e indelicato.
    (Obiettivo si può scrivere in 2 modi.. mi stupisco che nn sappià una cosa così elementare).
    Non so se sa, ma c’è stata una importante differenza tra le 2 liste, e mi riferisco ad un distacco di 600 voti circa.
    Quindi il suo pensiero, tra l’altro pieno d’astio (non so se giustificato o meno) ha dei limiti…(sempre se non crede di essere un illuminato) ed in questo caso vorrebbe dire che 2218 persone nel comune di Gaiarine sono folli perchè non la pensano come lei (perchè il messaggio, in maniera nemmeno troppo velata, era questo).
    Ma passiamo oltre, è ora di finirla con chiacchiere sterili a proposito degli “amici” del sindaco.
    Non siamo in un clan mafioso e queste cose (oltre che tremendamente errate) portano solamente malumori inutili.
    Ora, l’obiettivo è quello di creare benessere al paese e allora, vedete che operiamo tutti per lo stesso scopo???!!!

    Un ultima cosa, a screditare siamo bravi tutti (e mi riferisco soprattutto a te anonimo del 12 giugno ) ma a proporre e mettersi in gioco SONO sempre in pochi.

    Nella speranza di una buona amministrazione e di un opposizione (non aggressiva) ma propositiva auguro buon lavoro a tutti!

    Un saluto

  11. obiettivo/i si può scrivere anche con due b, non è sbagliato (v. dizionario).
    Non basta fare opposizione, serve proporre. E la prossima settimana il gruppo foraxfora intende incontrare il sindaco, per avviare quella che speriamo sarà una nuova buona abitudine propositiva.
    ;)

  12. APPUNTI SULLE ELEZIONI COMUNALI DEL 6-7 GIUGNO:

    Le finalità dei due candidati sindaci erano alquanto differenti:
    SONEGO : Rimanere a tutti i costi in sella per riscuotere i frutti della sapiente – e per niente lasciata al caso – semina dei precedenti 5 anni di governo
    ANTONIOLLI: Mettersi a disposizione di tutti i Gaiarinesi, con tutto il bagaglio di esperienza dimostrato in passato, per amministrare gli interessi di tutti i cittadini e non solo di pochi.
    I due stili della campagna elettorale, come tutti hanno potuto vedere, sono stati diametralmente opposti: tanto aggressivo e agguerrito quello di Sonego che voleva fare il sindaco a tutti i costi, quanto pacato, in punta di piedi quello di Antoniolli, quasi a dire: signori, se mi volete, io sono qui, fare il Sindaco dalla parte dei cittadini è un grande impegno ma se volete, lo farò volentieri.
    Non sono potute sfuggire alla maggioranza dei Gaiarinesi, le tante inaugurazioni di rotonde, piazze, restauri, del Maio de Tonet e se c’era anche del “cesso della siora Maria” Tutto faceva brodo, come le tonnellate di porchetta gentilmente messe a disposizione della cittadinanza, come il faccione da 10 mq. che abbiamo dovuto sorbirci scorazzare per un paio di settimane per le vie di Gaiarine , meno un paio di giorni a dire il vero, che con una eleganza da elefante in un negozio di cristalli, il buon Sonego ha avuto lo spregio di parcheggiare sul piazzale antistante il negozio della Rosada. Anche questo è un segno distintivo.
    A proposito del faccione e dei manifesti del sig. Sonego: possibile che dobbiamo anche avere un sindaco ignorante che non sa che OBBIETTIVI si scrive con una B sola? O forse i suoi obiettivi sono così ambiziosi da meritare la seconda B??
    Lo stile del Sig. Antoniolli? Se volete, se ritenete che io e la mia squadra siamo in grado di difendere meglio gli interessi di tutti i cittadini e del futuro di Gaiarine, votateci. Peccato che specialmente a Francenigo questo messaggio non sia stato capito…è il caso di dire che molta gente aveva gli occhi foderati di…porchetta!!!
    Avete idea di quanto sia costata la campagna elettorale del Sig. Sonego? Vale così tanto la poltrona del comune di Gaiarine? Se provate a fare quattro conti, il numero è di almeno 5 cifre prima della virgola. Considerato che il Sig. Sonego non è dichiaratamente un benefattore ne un filantropo, è peccato pensare che ci sia un tornaconto? Andreotti diceva che a pensar male si fa peccato, ma ci si azzecca quasi sempre.
    Anche sulla faccenda “ex Banca Cattolica” la questione puzza. Come si spiega – il Sig. Sonego lo può spiegare se vuole – Una prima asta con valore proveniente da una perizia largamente sottostimata, smascherato la burla dopo l’asta, l’assegnazione viene annullata. Lo stesso tecnico fa una nuova perizia per lo stesso immobile e indica un valore del 56% in più. Nuova asta e l’aggiudicazione consente al Comune di incassare ben 108.000 € in più. E il Sindaco cosa fa? Anziché ringraziare, insulta l’aggiudicatario con volantini e con articoli denigratori sui giornali. C’è una logica in tutto questo? L’unica risposta – a meno che il sig. Sonego non ne fornisca una più convincente- è che il nuovo aggiudicatario abbia interferito con altre prospettive del sig. Sonego o di qualche suo “amico”.
    Domenica 7 giugno, su Gaiarine si sono abbattute 2 calamità: la prima, una forte grandinata che ha colpito particolarmente Francenigo, ( punizione divina per aver votato così male ?) la seconda, la rielezione del sindaco Sonego, che ha colpito tutto il Comune. La prima è meno pesante perché si può sempre sperare che i prossimi anni non si ripeta, mentre la seconda la dovremo subire per i prossimi 1820 giorni.

  13. Un’altro problema sorto riguarda il desiderio di una nuova opposizione, cerco di capire, forse si parla di un modo diverso di fare opposizione, vero? .

    So di essere sgradevole. Ma qualcuno ha mai fatto opposizione, ha mai visto l’opposizione al lavoro, intendo dire in Consiglio Comunale, ha mai capito o approfondito gli argomenti che fin dall’inizio di questo blog ho cercato di mettere a disposizioni di tutti, per far comprendere che i Comuni attualmente non rappresentano affatto in massimo di democrazia?

    Neppure io ho mai fatto opposizione. Sono rimasto nove anni in maggioranza. Vita facile.

    Ed è proprio da questa mia esperienza e dall’esperienza fatta da semplice cittadino in questi cinque anni con l’Amministrazione Sonego che ho capito l’importanza dell’opposizione.

    Naturalmente ognuno fa quest’attività difficilissima e oggi assolutamente mortificante, con le proprie capacità e con i propri limiti?

    La mistificazione con la quale è stata dipinta l’opposizione nei cinque anni appena trascorsi e in campagna elettorale è servita soprattutto a mascherare le colpe di una maggioranza abulica e incapace di contrastare un Sindaco “fae tut mi” come si dice nell’operoso Nord/Est.

    Nessuno è andato, per esempio, ad informarsi sul numero di delibere di Giunta o di Consiglio che l’Amministrazione, costretta dalle minoranze, ha dovuto ritirare in Autotutela, perché non conformi alle leggi o raffazzonate all’ultimo minuto. Nessuno chiede quante delle proposte indicate dalle minoranze sono state accettate, ve lo dico io pochissime.

    Oggi più che mai c’è la necessità di un’opposizione capace, forte, autorevole, un’opposizione portata sia sul piano formale che sul piano dei contenuti, non per mera volontà di contrastare la maggioranza, ma per far si, che siano rispettate le regole, siano accettate anche le volontà e le sensibilità della parte minoritaria della Comunità, ma perché questo avvenga non basta fare un opposizione “diversa”, ci vuole anche una maggioranza e nel nostro caso un Sindaco che amministri non per fini personalistici e che non veda l’opposizione come un intralcio alle sue “volontà”.

    Altrimenti non c’è opposizione che tenga e quel vento famoso, diventerebbe sempre più forte fino ad abbattere qualsiasi pianta che porti tra i suoi rami un frutto chiamato democrazia.

  14. Vorrei mettere un po’ d’ordine (è solo un desiderio utopico)
    Inizio. Ho letto con attenzione e riletto, e riletto almeno quattro volte tutti gli spunti pervenuti su questo Post “Commentiamo i risultati”.

    Non voglio difendere nessuno, d’altra parte non riesco neppure a difendere me stesso dato che i Fora x Fora mi stanno martellando per la mia veneranda età e non c’è verso di farli smettere. Va bene così. È sempre divertente capire dove sta la vecchiaia e dopo sta la gioventù.

    Il Comune di Gaiarine ha espresso in questa tornata elettorale due liste. Queste due liste sono il massimo che è ha saputo esprimere. Punto.
    Ripeto. Questo significa che tutti noi, compresi anonimi e non, compresi noi di Fora x Fora che eravamo e siamo la vera cosa nuova, non siamo stati capaci di esprimere niente di più, non dico niente di meglio.

    Ora il problema è che qualcuno dice a qualcun altro che ci voleva qualcosa di nuovo.
    Ma quelli che lo chiedono a gran voce, perché non l’hanno creato loro il “nuovo”. Lo pretendono ora dagli altri, a elezioni avvenute, per quale motivo? Forse perché erano già schierati con la Lista 2 ? e quindi ora diventa facile e strumentale far credere che si volesse veramente la novità (naturalmente è solo una mia supposizione, sicuramente non sarà così).

    Accettiamo le cose come stanno ed apprezziamo tutti coloro che mossi da un vero interesse per la Comunità, non spinti da secondi fini (i distinguo sulle persone siamo tutti, se vogliamo, in grado di farli) si sono messi in gioco e hanno mostrato la loro faccia.

    Ma cosa ha fatto di male sto Don Chisciotte? Si è vero ha combattuto contro i mulini a vento, ma se rovesciassimo il concetto e lo facessimo combattere per una causa giusta, perché mai dovrebbe smettere di combattere, di fronte alle legnate prese? Non andrebbe invece apprezzato e non andrebbe invece incitato a continuare la sua battaglia ad ogni costo? O dovrebbe lasciar perdere le sue convinzioni e le sue visioni e ritirarsi, lasciando che quella causa giusta venga definitivamente buttata al vento, buttata a quel vento che spira tanto forte che alla fine potrebbe far molto male a tutti?
    Berlusconi che ha perso due volte si forse ritirato?

    Ma lasciamo perdere la “grande politica nazionale” e abbassiamoci alla vita amministrativa comunale.
    Se le idee, le sensibilità le visioni di un cittadino sono condivise da una parte, anche non maggioritaria, della sua Comunità, questo cittadino, secondo me, ha il dovere di riprovarci, sempre e comunque.
    Se non lo facesse, potrebbe far venir meno, un confronto democratico, come è avvenuto in qualche Comune dove si è presentata una sola lista.
    Questo alla fine non si chiamerebbe forse regime?.

  15. Caro novello anonimo,
    non credo di aver frainteso il messaggio di AP (l’ho letto BENE), intendevo solo invitarlo a smorzare i toni e rivedere le modalità perchè mi è sembrato più un attacco personale che una critica costruttiva. Non critico le sue idee e non mi pare di aver nemmeno detto di non condividerle.
    Credo però che ogni critica fine a sè stessa non porti da nessuna parte e se attacchi forma e contenuti per poi dire che il programma vero e proprio non l’hai nemmeno letto, manca qualche tassello, non ti pare?

    Ad ogni modo il suo intervento è certamente pertinente ed interessante, per questo l’ho invitato a venire agli incontri e a continuare a frequentare il blog perchè il suo, come quello di tutti del resto, può essere un contributo utile.

    BUONA GIORNATA!

  16. Un novello anonimo da Gaiarine..

    Cara Serena ti invito a rileggere bene quello che AP secondo me ha scritto molto chiaramente. Penso che tu abbia frainteso alla grande. Mi sembra di capire che lui non sta dicendo che non deve esserci l’opposizione, bensì che c’è il bisogno di gente nuova, di una nuova opposizione insomma. Poi mi sembra che AP abbia più volte espresso il suo apprezzamento nei confronti della Sig.ra Rosada e non penso fosse sarcastico. Le ha solo detto che non serve a nulla vincere da sola! Ultima cosa: mi sembra pure di capire che lui non abbia voluto scendere nel merito dei due programmi perchè il suo intervento era rivolto ad altro. Poi, come fate a criticarlo per il fatto che sta commentando i risultati delle elezioni? Non siamo forse nella sezione del sito dedicata ai commenti dei risultati elettorali? Serena, leggi meglio la prossima volta. AP, se leggi questo messaggio, sappi che sei un grande! un saluto a tutti!!

  17. Non parlerei di non credibilità quanto di bocciatura chiara della lista Antoniolli, più del 40% dei voti validi confermano invece la credibilità della lista stessa.

    Sonego, eletto con quasi il 60% dei voti espressi, ha piena legittimità di governare (è la democrazia, baby!), piaccia o no. Il risultato di Francenigo è estremamente chiaro e stasera ne parleremo in riunione.

    Ho già chiarito diverso tempo fa che non siamo e non saremo un gruppo di opposizione esterna. Siamo e saremo un gruppo di cittadinanza attiva, che attivamente partecipa alla vita politica comunale. In questo senso abbiamo partecipato attivamente alla campagna elettorale. Anche questa è stata una novità, probabilmente non capita, considerato che si è parlato di strumentalizzazione. La nostra prospettiva di azione va oltre i prossimi 5 anni e per questo ci riteniamo liberi di adottare tutti repertori di azione politica leale e legale.

    Personalmente credo che come pretendiamo che l’Amministrazione debba comunicare con la cittadinanza, così noi dobbiamo ricercare il dialogo con l’Amministrazione, e in primis con il sindaco. Come gruppo di liberi cittadini l’avevamo già fatto nel 2004, non ottenendo risposta dal sindaco. Il nostro errore è stato non insistere. Non commetteremo di nuovo questo tipo di errore: insisteremo!

    Ritengo che il clima vada rasserenato e critico nettamente tutte le scorrettezze che ci sono state in campagna elettorale.

    Ho fatto le congratulazioni a Loris per l’elezione, in quella occasione mi ha detto che voleva parlarmi per capire meglio le nostre posizioni in campagna elettorale.
    Nel rinnovargli l’augurio di ben governare gli confermo la nostra disponibilità al confronto.
    ;)

    ps x AP: fatti vivo stasera alla riunione, male non ti fa!

  18. Andrea,
    permettimi di farti notare come il tuo sostenere “chi perda vada a casa” sia fortemente ANTIDEMOCRATICO…chi la farebbe l’opposizione????Chi rappresenterebbe le persone (seppur la minoranza, stando ai voti espressi però..)che non si “allineano” alle linee politiche dei vincenti?
    Inoltre,la Sig.Rosada ha ottenuto DA SOLA più del doppio dei voti del candidato più votato della lista 1…ti starà pure antipatica forse, ma le DEVI riconoscere i suoi meriti.
    Questo blog è nato per CAMBIARE INSIEME il Comune di Gaiarine e per cambiare abbiamo bisogno delle idee del contributo di TUTTI indistintamente.
    Gli attacchi e le critiche a chi non ha vinto le elezioni ora non servono a nulla.
    Soprattutto non capisco come tu possa sollevare moniti contro mancanza di forma e contenuti e poi affermare di non aver nemmeno confrontato i programmi: qui non si tratta di mancanza di trasparenza di una lista, ma di mancato interesse da parte tua.
    Liberissimo di avere le tue opinioni, ma ti suggerisco di essere più cauto e documentato ed evitare attacchi personali.
    Qui nessuno è contro nessuno.
    Qui vogliamo adoperarci perchè il nostro comune sia governato democraticamente nell’interesse di tutti.
    Ora ci dobbiamo concentrare sulle attività del nostro Comune e c’è molto da fare.
    Se vuoi contribuire sei il benvenuto, sia che ti limiti a visitare il blog sia che decida di presenziare ai nostri incontri.

    Ah, scusa sono SERENA GIUST (nel caso ti chiedessi chi sono), abito a Gaiarine anch’io, da sempre.

    Sottolineo comunque come il blog sia libero e non sia obbligatorio firmarsi con nome e cognome. Difendo e rispetto la scelta dell’anonimato ed invito tutti a fare altrettanto.

  19. Premesso che contrastai duramente Milena Rosada scendendo pure in piazza, negli anni 90, ma che ne condivisi anche i programmi politici quando tali furono, dico agli anonimi che non dovrebbero permettersi di puntare il dito contro qualcuno che non si vergogna delle proprie idee e, che soprattutto, se ne assume la responsabilità e paternità, diversamente da loro: a mio avviso questa è una pessima caduta di stile.

    Concordo pienamente con Renzo quando dice che l’età di ciascuno non si misura con i dati anagrafici, ma si basa su parametri di tutt’altro genere rispetto a quelli esclusivametne temporali. Invito tutti a leggere l’intervista a Rita Levi Montalcini fatta da WIRER Italia a marzo. http://www.wired.it “Il corpo faccia quello che vuole. Io sono la mente”.

  20. Buongiorno a tutti, non pensavo che il mio fugace intervento su questo blog potesse scatenare in poche ore una bagarre così accesa, motivo per il quale eccomi qui nuovamente a rispondere delle mie azioni e a “mettere la faccia”. Con delle precisazioni importanti però. Questione anonimato: io ho partecipato a questo blog con un UNICO intervento datato 9 giugno 16:24 e firmato sovrappensiero AP, perché così solitamente mi firmo nelle mail e generalmente on-line. Questa non è assolutamente una scelta mossa dal desiderio di nascondermi, è veramente solo questione di abitudine e la gente lo sa visto che un’ora dopo il mio post ho ricevuto parecchi messaggi di congratulazioni e critica.. Non è questione di vigliaccheria. Ad ogni modo per fugare ogni dubbio e giustamente farmi riconoscere anche fuori di Gaiarine, ove magari questa sigla non dice nulla, io sono Andrea Peruch e abito al civico numero 8 di Via della Quercia a Gaiarine.
    Innanzitutto ringrazio la signora Rosada della risposta e di avermi ritenuto degno della sua attenzione. Certo mi fa un po’ sorridere il fatto che usi un incipit un po’ incoerente: “sono una persona seria e non dovrei neppure risponderle..” per poi scrivere un poema.. Dunque forse le sta proprio a cuore rispondermi o magari ho colto nel segno? Poi cosa pensa, di essere per caso l’unica persona seria del comune?
    Ok, dopo questi sentiti ringraziamenti un’ammenda: nella sua risposta lei evidentemente ha pensato io fossi uno dei tanti anonimi che già hanno scritto sul blog e quindi “mi ha messo in bocca” cose che non ho mai detto circa il problema della circonvallazione che non risolverebbe il problema dell’adduzione all’A28.. Mai detto ciò. Allo stesso modo non ho mai confrontato nemmeno i due programmi. Mai detto che sono uguali o ancora meglio “quasi identici”. Anzi è singolare il fatto che ciò sia stato detto da un suo sostenitore, tale Roberto. Siccome lei dice che il suo programma è “tutt’altra cosa” da quello del Sonego, mi vien da pensare che l’operazione trasparenza della sua lista sia fallita. Com’è sto benedetto programma? Quasi identico o tutt’altra cosa? Vabbè a questo punto, ciò poco importa, sarete più chiari la prossima volta..
    Altra cosa: non ho avuto nessun fine misterioso come lei dice, infatti ho aspettato la fine delle elezioni per scrivere nel blog. Non ho assolutamente partecipato attivamente in questa campagna elettorale pur avendone avuto l’occasione. Mi consideri dunque un interessato osservatore esterno che adesso, a bocce ferme, ha espresso il proprio pensiero. Né ho voluto “gettare discredito” sul suo conto. Io non sono un suo avversario politico, sono solamente un ragazzo normale che, ripeto, non ha tessuto le fila per nessuno né è stato manovrato se mai se lo stesse chiedendo. Mi adopero in piena libertà intellettuale, al di sopra delle parti. Ultime due cose: continuo a reputare che i risultati da lei raccolti in questi ultimi anni siano piuttosto scarsi e mi fa sorridere il fatto che pur non conoscendo chi fossi, si sia definita a priori un avversario “di gran lunga migliore”. Sicuramente lei è una persona con una grande autostima, ben per lei. Sappia però che anch’io ho la mia. Tenga a mente inoltre che nel mio piccolo qualcosa, seppure in tutt’altro campo, l’ho fatto e raggiunto pure io. Dunque non dubiti: so leggere. Comunque, il mio intervento, aldilà della diversa orientazione politica che ci divide, era volto a sottolineare il fatto che secondo me lei non è stata capace di creare una lista in grado di ottenere un certo consenso omogeneo. Solo lei come persona singola ha ottenuto un buon riscontro, ma ribadisco che un leader politico deve saper agire in squadra e non ottenere vittorie di Pirro fine a se stesse. In questo lei secondo me ha nuovamente fallito. Tutto qui e senza astio.

    AP

  21. vediamo di chiarire una cosa:
    questo blog È e RIMARRÀ libero e disponibile alla pubblicazione di interventi, pensieri e riflessioni di CHIUNQUE..
    l’unico limite come già premesso nella presentazione a lato è l’ingiuria, l’insulto, la volgarità fine a se stessa..
    l’ironia e il sarcasmo sono risorse così come riteniamo la possibilità dell’anonimato una risorsa quando serve a denunciare fatti e/o persone in modo appropriato e oggettivo; un commento anonimo (felice?!?) come quello postato a “Il nuovo Pat (Piano di assetto del territorio) deg…” a che serve? come contribuisce alla completezza dell’informazione e alla correttezza di quel post?
    personalmente ritengo che quella che viene definita critica chiara e rispettosa (e desperate housewife che c’entra??) sarebbe stata ancor più chiara e rispettosa se in fondo il nome e cognome fosse risultato per esteso, tanto più che non esiste possibilità di replica personale verso un anonimo quando l’attacco ricevuto è personale.. e se la critica fosse stata siglata TR (acronimo di Totò Riina) ??? sarebbe stata ancora giudicata chiara e rispettosa??
    ma ora basta, credo possa esser chiaro il concetto mentre ora preferirei ci si confrontasse sui temi della mobilità e del traffico nel nostro comune per analizzarne la circonvallazione, del territorio e della pianificazione per valutarne le prossime edificazioni, di buona amministrazione per esaminarne le future iniziative..
    quindi, per concludere: la libertà e il valore di questo blog dipendono non solo dal livello e dal valore delle discussioni e dalla possibilità del confronto, pensando magari al buon Voltaire « Disapprovo quello che dite, ma difenderò fino alla morte il vostro diritto di dirlo » ma nella speranza di non dover arrivare a tanto..
    grazie a tutti

  22. Concordo con quanto espresso qui sopra (anonimo 12.32 10 giugno) e sottolineo che nn sono ne AP ne nessun altro anonimo fin ora letto.. La funzione di un blog è quella di poter scambiare opinioni in modo libero e civile..
    AP ha solo espresso ( tra l’altro con chiarezza e rispetto, cosa che nn è da tutti )un opinione (tra l’altro condivida da molti).
    Per quanto mi riguarda continuerò ancora a visitare questo blog con la speranza che il livello delle discussioni mantenga un certo valore.
    Un saluto a tutti

  23. Per cortesia, qualcuno dica alla signora Rosada che gli anonimi sono più di uno, direi fin’ora almeno una decina; nel caso specifico “AP” non corrisponde sicuramente all’anonimo precedente.
    Mi spiace constatare la piega che sta prendendo la discussione: “AP” si è espresso in un modo che non mi pare offensivo.
    Si può non essere d’accordo ma non capisco perchè venga accusato di mala fede.
    Spero che questo blog continui ad essere libero e ad ospitare con gentilezza anche chi non la pensa come la signora.

  24. Caro Roberto

    non concordo con quanto dici ” a sessant’anni si è vecchi e senza che questo debba offendere nessuno se non il falso e illusorio mito dell’eterna giovinezza”

    Ognuno di noi si porta “dietro” la propria “carcassa” più o meno bella, più o meno sgualcita, più o meno restaurata (mi riferisco ai lifting che vanno tanto di moda e che io aborrisco), ma la giovinezza si valuta con altri parametri, con un termometro interno che misura la spinta ideale, il senso utopico, la voglia di mettersi in gioco, la capacità di cambiare idea, l’interesse per gli altri e non solo per le proprie “magagne”, la visione di futuro, il battersi per cose che non serviranno più a te ma serviranno agli altri, ecc. … non vorrei tediarti.

    Allora mi vien da dire che certi trentenni sono vecchissimi e che certi sessantenni sono dei ragazzini a prescindere dalla “carcassa”

    Te lo ricorda, bonariamente, un sessantenne Fora par Fora.

    P.S. la tua frase “o nel commentare la dipartita di una sessantenne si sente dire “era ancora giovane”..” per scaramanzia non la voglio commentare altrimenti sarei costretto a fare quel gesto diventano famoso perchè usato dal Presidente della Reppublica Leone e dall’attuale Presidente del Consiglio.

  25. Vedo che l’anonimo si è trasformato in una sigla: è un passo avanti, ma sempre anonimo resta.Evidentemente il coraggio non è dote di tutti: soprattutto quando si scrivono formidali volute inesattezze.
    Proprio perchè sono una persona seria dovrei evitare di risponderle ma è tale la sua malafede nel presentare i suoi pseudoargomenti che qualchecosina intendo dirgliela.Se avesse letto il nostro programma avrebbe visto che è tutt’altra cosa rispetto a quello del sindaco eletto.Difensore Civico eletto direttamente, Carta dei Servizi, bilancio sociale e di sostenibilità ambientale,ottica di sviluppo sostenibile,fondo di solidarietà sociale,…e potrei continuare se ne valesse la pena.La sua malafede è eclatante quando parla di circonvallazione che non ha risolto il problema della viabilità di adduzione alla A28 o quando afferma del falso spauracchio circa la zona commerciale visto che è incontestabile -per chi sa leggere,ovviamente, e sia in buona fede- che c’è una precisa destinazione in tal senso di ben 10.000mq di zona commerciale calata alle porte di gaiarine capoluogo all’interno di una zona agricola senza la benchè minima valutazione di sostenibilità economica, sociale e ambientale.
    Per quanto riguarda la forma -o quello che per lei si definisce forma- non mi sembra che una sigla possa dare lezioni di stile nè di credibilità : l’astio e l’illazione li mette lei quando fa queste generiche accuse; quanto poi allo “sfrontato campanilismo” riferito ad una lettera aperta ai francenighesi da me inviata o lei non sa leggere o ,come del resto ha fatto Sonego , preferisce strumentalizzare, per i suoi neanche tanto misteriosi fini,estrapolando una frase da un contesto che di campanile francamente non aveva alcunchè.
    Non mi soffermo neppure a illustrarle i risultati che da amministratore, anche di minoranza, ho garantito al Comune posto che a lei non interessa nè avere nè dare una corretta informazione. A lei signor AP interessa probabilmente gettare discredito su un avversario politico di gran lunga migliore, quantomeno perchè mostra la sua faccia e non è un vigliacco.Se i volti nuovi le nuove leve cui affidare la gestione di un Comune da lei invocati dovrebbero rispecchiare la inconsistenza dei suoi ragionamenti,beh, poveri cittadini, poveri contribuenti!

  26. Appunto, Roberto, lascia che ribatta, se vuole, l’interessato.
    Non ti sto criticando, prendo solo lo spunto dall’ultima battuta, ma in generale direi che questo blog è partito bene e promette di essere uno strumento utile, quindi cerchiamo di non farne una cosa troppo di parte, non dobbiamo accettare bene solo chi è da una parte e controbattere d’ufficio chi si permette di criticare, fin’ora mi pare abbastanza civilmente, i simpatizzanti della Lista 1.
    Se c’è un’avversione all’anonimato, la “redazione” decida di escluderlo, punto.
    Niente più anonimi, niente più sigle, niente più pseudonimi.
    Così avremo un dibattito solo tra chi mette nome e cognome.
    Sicuramente più serio, ma forse un po’ meno interessante.
    Ciao.

  27. > “Forma e contenuto dunque; questa sembra essere la ricetta magica in politica” <
    complimenti: concordo in pieno! peccato che la politica da 15 anni almeno sia degenerata in spettacolo, slogan, propaganda, immagine, facciata, continuando sfacciatamente a fare alla luce del sole quel che prima veniva pudicamente nascosto.. dove vive lei caro anonimo?

    > “In merito ai contenuti la civica ha deluso le attese” <
    io ho confrontato i due programmi che rappresentano la carta di riferimento per le azioni della futura amministrazione (mettendo tale confronto a disposizione di tutti nel blog).. e confermo di aver visto molte cose simile quando non identiche, e le differenze sostanziali (ovvero di contenuto) riguardavano l’amministrazione trasparente e la difesa del territorio, concetti che per se stessi portavano al rifiuto di quella “circonvallazione” e di quelle “aree commerciali/residenziali” (del presunto conflitto d’interessi manco parlo: come gli avvisi di garanzia per i nostri parlamentari fa curriculum, ormai!)… ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire (come vede caro anonimo, ci dilettiamo anche con la cultura popolare)

    > “La gente ha dimostrato a più riprese di non volere questo e che ciò non paga.”
    è vero: la gente non vuole certo la battuta grossolana, il dito medio alzato, il coro urlato da curva, magari la ola da stadio (le dice niente tal dussin??) essendo altresì pronta e disponibile a valutare un confronto pacato, sobrio, di soli contenuti..
    d’altra parte politici che prima vorrebbero destinare la bandiera italiana al cesso e poi giurano da ministro sulla costituzione si commentano da soli, non le pare? almeno così dovrebbe essere presso un’opinione pubblica con minimo e distaccato senso critico..

    > “Questo voler far polemica ad ogni costo .. “
    ritengo piuttosto che ormai la politica sia stata talmente snaturata che l’escalation verbale diventa consuetudine per chi governa e obbligata per chi fa opposizione (“pezo el tacòn del sbrego”.. caro anonimo toh! saggezza popolare e pure dialettale!)

    sulla conclusione, pensando alla situazione italiana dove abbiamo la coppia (presidente del consiglio e presidente della repubblica) più vecchia del mondo, ritengo che la signora Rosada abbia sufficiente vis polemica per ribattere

  28. Complimenti alla signora Rosada? Certo. 265 voti non sono pochi e la passione e la dedizione con cui da molti anni si sta adoperando per il nostro comune è certamente encomiabile, segno di attaccamento e sentimento sincero nei confronti di Gaiarine. Purtroppo il punto è un altro secondo me e nasconde una verità piuttosto triste per la medesima.
    Penso che una persona seria che si prefigge di offrire una valida alternativa d’opposizione ad un “governo” esistente debba saper offrire forme e contenuti che sinceramente sono mancati in questa tornata elettorale. Forma e contenuto dunque; questa sembra essere la ricetta magica in politica e mi spiace dirlo ma soprattutto la civica ha mancato clamorosamente ambedue gli obiettivi. Mi spiego meglio senza voler entrare troppo nel merito e senza voler alimentare ulteriori polemiche, tanto ciò che è fatto è fatto e le chiacchere stanno a zero. Alea iacta est (per non deludere i molti frequentatori di questo blog che noto essere accaniti fans delle citazioni classiche).
    In merito ai contenuti la civica ha deluso le attese e si è limitata ad attaccare in maniera indiscriminata l’operato e le proposte della lista Sonego cavalcando dei tormentoni che si sono rivelati dei flop e anzi dei boomerang a livello elettorale quali ad esempio la circonvallazione, la fantomatica ”super mega area commerciale” che dovrebbe nascere a Gaiarine (rivelatasi un falso spauracchio per gli oltremodo preoccupatissimi commercianti del centro paese) e un presunto conflitto d’interessi riguardante il sindaco e alcuni suoi “amici”.
    In merito alla forma invece avremmo sinceramente evitato determinate cadute di stile ed apprezzato un profilo più consono ed appropriato perché sarebbe risultato più credibile. Non si possono distribuire certi testi carichi di odio, astio e talvolta illazioni nonché processi alle intenzioni. La gente ha dimostrato a più riprese di non volere questo e che ciò non paga. Questo voler far polemica ad ogni costo ed usare una terminologia talvolta apocalittica (ve lo ricordate il tragicomico: “quale sarà il futuro dei nostri figli con Sonego al potere?”) oppure il voler raccattare qualche ulteriore voto tra determinate fasce della popolazione appellandosi in maniera spudorata ai valori cristiani mi sa tanto da “raschiare il barile”.. Che dire poi del sfrontato campanilismo riesumato per l’occasione al fine di compattare Francenigo per la corsa al comune? Una scelta vintage che fa molto anni ’80 e ci riporta indietro come i gamberi oppure una mossa disperata per agitare qualche animo inquieto? Dunque, in conclusione penso che la signora Rosada, vera deus ex machina della civica debba, dopo questa ennesima ed inaspettata (?) sconfitta, soffermarsi a riflettere e mettersi per prima in dubbio. Soprattutto perché questa volta la forbice tra le liste è stata considerevole. Prenda esempio da certa politica nazionale ed internazionale e si faccia da parte. Chi perde vada a casa proprio per far posto a volti nuovi. Prodi s’è fatto da parte, Veltroni l’ha seguito e soprattutto all’estero proprio questo succede: chi perde una, due, tre battaglie generalmente e giustamente abbandona la scena. Un leader politico deve saper creare negli anni consenso, squadra e risultati. Cosa che sinceramente continua a latitare. Dunque perché ostinarsi in maniera così masochista? Per la passione e la dedizione citate all’inizio del mio intervento? Certamente sì, scelta comprensibile e per lo più degna di rispetto, ma veramente, questa volta e per sempre, rifletta. Lo dico in piena sincerità e con stima e rispetto: non si trasformi nella Don Chisciotte di Gaiarine. Il vento sta soffiando nella direzione opposta e ha premiato la controparte, se ne faccia una ragione e la smetta di combattere una battaglia che lei e pochi altri vedono. Abbandoni questi toni da desperate housewife e deponga l’ascia di guerra.

    AP

  29. carlo, astenersi dal voto non credo sia errore gravissimo in sè quanto l’astenersi dalla vita politica, dall’interessarsi e capire le ragioni di quel che ci accade attorno, dal cercarne motivi e spiegazioni, dall’interrogarsi sulle scelte e sui presupposti di tutto..
    I giovani che non votano rappresentano la sconfitta di noi adulti e noi anziani che in questa condizione li abbiamo messi e permessi, senza problemi, senza fatiche, senza responsabilità, senza capacità critica, senz’altri modelli che non quelli del successo senza regole, del denaro senza pensieri, del divertimento senza fine, condannati da noi a vivere solamente nel presente avendogli tolto la capacità e l’ambizione del futuro, caratteristica intrinseca dei vent’anni ormai quasi senza significato, tanto che nel linguaggio comune si dice “ragazzo di trent’anni” o nel commentare la dipartita di una sessantenne si sente dire “era ancora giovane”..
    non mentiamoci: a trent’anni si è uomini, a sessant’anni si è vecchi e senza che questo debba offendere nessuno se non il falso e illusorio mito dell’eterna giovinezza..
    e vorrei vedere non solo quanti giovani han votato per convinta adesione e conoscenza critica dei programmi presentati dai candidati ma anche quanti maturi (?!?!) adulti e anziani..
    caro carlo, l’amarezza quindi ci può stare, la drammaticità è ormai tanto inflazionata da diventare abitudine..
    ma questo « Vale per tutti quelli che vivono in tempi come questi, ma non spetta a loro decidere; possiamo solo decidere cosa fare con il tempo che ci viene concesso. »
    noi stiamo provando a farne cose foraparfora, e tu?
    e gli altri che in questi mesi ci hanno seguito in questo blog, fossero timidi anonimi o spavaldi firmati, che faranno?
    « Non tocca a noi dominare tutte le maree del mondo, il nostro compito è di fare il possibile per la salvezza degli anni nei quali viviamo, sradicando il male dai campi che conosciamo. »

  30. Sono estremamente amareggiato per l’esito, a parer mio drammatico o quasi, delle nostre amministrative. Credo che in ogni caso, soprattutto quando le liste sono solo due (e credo ciò sia stato un bene, almeno in questo caso) chi si astiene faccia davvero un errore gravissimo. Il suo voto va automaticamente a sommarsi a quello del vincitore e quindi il fatto di avere fatto una scelta in coscienza è alquanto poco reale ed estremamente utopico. Se i giovani non sono andati a votare, e ciò ormai è sempre più una abitudine, credo non sia assolutamente per colpa della credibilità delle liste candidate. La causa è secondo me nella sfiducia e nel disinteresse sempre più generale nei confronti della politica nella sua globalità. Questa sfiducia è oltrettutto spessissime volte correlata, se non sostituita, da una totale ignoranza. I giovani si interessano sempre meno sui programmi, sui candidati, sui progetti. Vorrei vedere quanti sanno cosa han votato con consapevolezza e quanti così per fare, e vorrei chiedere agli astenuti le profonde motivazioni (quelle da bar non contano) della loro astensione. Un plauso speciale mi sento di farlo a Milena Rosada, zia e persona eccezionale che ancora una volta, seppur in una vittoria di Pirro, ha fatto vedere che applicarsi e lavorare per anni e gratis per aiutare CHIUNQUE paga (anche se non abbastanza). 265 PREFERENZE, più di tutti, vincitori e vinti. Per l’ennesima volta la zia mi ha dato motivo di essere molto orgoglioso di essere suo nipote e un ennesimo esempio di cosa sia il senso civico e cosa significhi essere UOMO in qualunque circostanza.

  31. rispondo all’anonimo delle 19.Non commento le sciocchezze espresse sulla lista di cui facevo parte: mi limito a dirle che per essere credibili quando si invoca un’opposizione seria si dovrebbe avere almeno il coraggio di firmare!Coprirsi dietro l’anonimato non rivela un grande senso civico.

  32. ho un amico ai seggi…nel periodo durante le votazioni si è lavato uno sfizio…ha contato quanti giovani (nati dopo il 1980) sono andati a votare…su un totale di circa 300 ragazzi e ragazze solo una cinquantina si sono recati alle urne…SE LA MIA RUDE MATEMATICA NON MI TRADISCE 1/6 CIRCA…Mi sembra uno dei dati (anche se “vago”) più preoccupanti…Coinvolgere i giovani, responsabilizzarli, credo sia una delle priorità che dobbiamo porci come gruppo di cittadinanza C(ATTIVA)…! vero roberto? ;-)
    perchè a sapere certe cose, divento davvero cattivo

  33. Per le amministrative in tutto il comune ha votato il 71,52% degli aventi diritto, mentre per le europee ha votatto il 75,13%; vuol dire che un 4% di elettori ha deciso di non votare le amministrative pur essendosi recato ai seggi; o no?
    Un altro 4% ha votato nulla o bianca, portando i voti validi al 68,59%.
    Alla sezione 5 di Francenigo i voti validi sono addirittura il 56,69%, mentre a Campomolino si sono fermati al 54,32%.
    Quando avrò tempo andrò a vedere cos’era successo nel 2004, ma la sensazione è che stavolta molte persone abbiano trovato non degne di voto entrambe le liste.
    A Francenigo, su 2270 aventi diritto, 1614 effettivamente hanno votato, voti validi 1554, la Lista 1 (imposta dallo stesso campanile) ha preso 823 voti, cioè solo il 36% degli aventi diritto.
    Non perdo tempo adesso a commentare la Lista 2, da noi tutti avversata, perchè non è questo il punto.
    Il punto è che la Lista 1, che doveva rinnovare la politica gaiarinese, si è rivelata esattamente per quello che era: non credibile.
    Con buona pace di tutte le smancerie profuse su questo blog dai candidati.
    Il fatto che i francenighesi stessi non vi abbiano creduto è molto significativo, e dovrebbe finalmente convincere alcuni signori della stessa frazione che i voti non sono “cosa nostra”.
    Adesso rimbocchiamoci le maniche, lasciamo perdere il vecchiume e cominciamo un’opposizione seria dentro e fuori il municipio.

  34. Tuttavia secondo Henri Frederic Amiel il progresso è rappresentato da mille cose che avanzano e da novecentonovantanove che regrediscono!
    Ad maiora!

  35. C.V.D. (per gli scientifici) Et de hoc satis! (per i classici)

    Errare humanum est – perseverare diabolicum

    Indietro tutta!

    e chi più ne ha più ne metta.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *