Convocazione Consiglio Comunale: Sabato 28 novembre 2020

Immagine

Consiglio Comunale è convocato per il giorno di Sabato 28 Novembre 2020 alle ore 10.30  in seduta ordinaria.
In conseguenza dell’emergenza da Covid-19 e in osservanza alle vigenti prescrizioni restrittive la seduta consiliare non si terrà in presenza ma verrà integralmente registrata e posta in consultazione al pubblico su sito del Comune di Gaiarine e tramite i canali social garantendo così la pubblicità della seduta.
Si precisa che, superato il periodo di emergenza sanitaria, le sedute ritorneranno ad essere senza restrizioni e con la presenza del pubblico in sala in quanto consapevoli dell’importanza della partecipazione alla vita pubblica dei cittadini.
La seduta non in presenza con la trattazione del seguente ordine del giorno costituisce  una forma di contrasto all’epidemia da Covid-19:

1. Verbale seduta del 25 settembre (n. 40) e verbali della seduta del 15 ottobre (dal n. 41 al n. 52);

2. Bilancio consolidato del gruppo di amministrazione pubblica del comune di Gaiarine anno 2019;

3. Variazione al bilancio di previsione 2020/2022 ai sensi dell’art. 175 del D.Lgs. 267/2000

Condivi
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Consiglio comunale giovedì 15 Ottobre 2020: La Cronaca

Immagine

Premessa .
Siamo ancora qui, dato che di diretta del consiglio comunale nessuno ne parla.

Cosa ci ha lasciato questo Consiglio Comunale?

Una chiara percezione o per meglio dire: ci ha confermato un “fatto politico” rilevante.
Abbiamo assistito, da parte della maggioranza ad una ulteriore dimostrazione, questa volta evidentissima, di “autosufficienza”.

Aldilà dei salamelecchi, dei sorrisi, dei grazie, dei social, delle foto, e chi più ne ha più ne metta, il concetto fatto transitare in questo consiglio comunale è questo: facciamo da soli.

ConviventiA quella minoranza, l’altra è “convivente” o ” coppia di fatto”, che cerca il “dialogo”, anche a sproposito e alle volte in modo “sconveniente”, viene ribadito fino all’inverosimile che non c’è bisogno dell’aiuto di nessuno.

E questo “atto politico” si è pienamente concretizzato con le votazione delle due mozioni presentate da De Martin e Capuzzo, di cui parleremo più avanti, e con il portare in consiglio ben tre regolamenti, magari scaricati da internet, senza averli prima né discussi con i cittadini, né con le minoranze (forse solo con il proprio entourage? o forse no), in una fregola regolamentatrice che ha il solo scopo di coprire “la madre” di tutti i vulnus: la mancanza del Regolamento di Polizia Rurale, tanto promesso ma ancora in alto mare.

Va spiegato e detto chiaramente a tutti che la responsabilità della salute dei cittadini di un comune sta in capo al Sindaco e che il Consiglio Comunale volente o nolente condivide questa responsabilità.

Bisogna altresì ricordare che questa responsabilità non è propria dei “quattro proseccari” del comune o di qualche associazione di categoria di agricoltori, che fanno pressioni perché non venga normato l’utilizzo dei pesticidi nel nostro comune.

A fronte di qualche fatto grave, questi ultimi non risponderanno di nulla, ma invece ne risponderanno in primis il Sindaco ma anche i Consiglieri.

Quante sono nel nostro comune le persone con tumori associabili ai pesticidi?
Quanti sono i casi di tumori di “Linfoma non Hodgkin” (uno dei tumori che più viene associato ai pesticidi) nel nostroLinfoma comune negli ultimi vent’anni?
Quanti di questi sono in corso ora?
Quanti sono i casi di parkinson nel nostro comune?
Per chi non lo sapesse questa malattia ha tra le sue cause anche il “contatto” con i pesticidi, tant’é che in alcuni stati europei viene riconosciuta come malattia professionale degli agricoltori.  

Soprattutto con il Covid, che di nuovo avanza e “spopola”, si dovrebbe capire che è necessario, addirittura urgentissimo (non c’è più tempo !!!!!!!!), cercare di non avere altre fonti di sicure malattie nel proprio territorio e che quindi l’uso dei pesticidi va regolamentato in forme stringenti, così come è necessario abbattere l’inquinamento dell’aria, migliorando l’ambialberiente in cui viviamo e non con la piantumazione di 277 alberi (il significato di questo numero lo spiegheremo più avanti). C’ è bisogno di “forestazione urbana”  e non solo.

E si dovrebbe capire che non basta portare i “soldi “(con foto annessa) alla Via di Natale (Associazione benemerita e che va aiutata in tutti i modi), ma bisognerebbe prima di tutto fare in modo che i cittadini vivano in “salute”, altrimenti, di quanti soldi avrà ancora bisogno in futuro.la Via di Natale
Si chiedano il Sindaco e anche i Consiglieri: a quanto ammonta il costo sociale dell’uso indiscriminato di pesticidi e chi paga questo costo?

Entriamo in cronaca….
… prima dell’appello il sindaco parla sottovoce con i consiglieri di minoranza per chiedere, come si capirà poi, il permesso di iniziare con due premiazioni e di cambiare l’ordine di discussione dei punti all’ordine del giorno….

si fa l’appello, presenti: leggi qui …

… prende la parola il sindaco invitando il consigliere Scottà a premiare due giovani sportive del comune di Gaiarine
Scottà premia, con una targa ricordo, la giovane pattinatrice Giorgia Conti che ha conquistato il titolo di Campionessa Italiana Cat. Allievi B e Elena Perinotto che ha vinto il titolo assoluto di Campione d’Italia a Squadre di tiro con l’arco e che ha nel suo carnet molte altre belle vittorie …

brave!!!!

… due parole delle atlete e dei loro accompagnatori … applausi sentiti da parte di tutti e si passa oltre …

… si passa al 5 punto dell’ordine del giorno

5. Approvazione del P.E.B.A. Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche ai sensi delle leggi 28.02.1986 n. 41, 05.02.1992 n. 104 e della L.R. 12.07.2007 n. 16;

… prende la parola il sindaco ringraziando i consiglieri di minoranza per aver permesso l’inversione dell’ordine del giorno … evidenzia che con la approvazione del Piano per Eliminazione Barriere Architettoniche si chiude un percorso iniziato a luglio … ringrazia un po’ di associazioni, tra cui quella dei non vedenti, che hanno collaborato alla stesura e chiama architetto Piani, esteBarriere-architettonichensore del piano, ad illustrarlo … prende la parola l’architetto … « …   le barriere architettoniche non riguardano solo chi sta in carrozzina … ma possono riguardare ognuno di noi, tutti possiamo avere delle esigenze di mobilità … problemi ad un anca, artriti … ci sono diverse esigenze fisiche, sensoriali … abbiamo esaminato tutto il territorio di Gaiarine … molte disabilità sono nella fascia sotto i 14 anni piuttosto che nelle fasce successive … e molte sono di carattere cognitivo … in base al questionario compilato dai cittadini di Gaiarine si è verificata la necessità di soddisfare i bisogni manifestati … quindi accessibilità degli uffici aperti al pubblico, anche farmacie, ecc. … sono stati individuati dei percorsi ed itinerari che possano rendere completamente autonoma la persona e questo analizzando percorsi pedonali, piste ciclabili, parcheggi e cimiteri … e applicando concetti internazionali che prevedono l’autonomia di tutti e questo su tutte le frazioni … sono previsti strumenti tecnologici che permettono anche ad un cieco di riconoscere il territorio … itinerari che si sviluppano attorno ai servizi, uffici postali, ecc. … o come itinerari sanitari che collegano la guardia medica alla farmacia … abbiamo introdotto anche un nuovo concetto di trasporto urbano collegato alla fermate con spazi adeguati … per il Covid … per l’autonomia di ogni singola persona … concetti nuovi che devono essere fatti propri dalla società di trasporto … concludendo dico che bisogna ragionare su una autonomia a 360 gradi … »

… riprende la parola il sindaco affermando che l’iter burocratico è terminato ma che se ne apre uno operativo in quando è intenzione dell’amministrazione tenere presente questo strumento nelle progettazioni e … «…e compatibilmente con le risorse…  mettere a terra qualche intervento … »

Questa terminologia calcistica ci lascia sempre un senso di melanconia, perché la percepiamo come una banalizzazione del compito di amministrare una comunità, quasi fosse come gestire la locale squadra di calcio.
Noi riteniamo che sia qualcosa di assolutamente diverso.

Se poi anche noi dovessimo usare
Baggio Italia Uruguayquesto gergo calcistico allora vorremmo, invece, una amministrazione comunale che calci al “volo” magari indovinando il “sette”, facendo dei goal strepitosi, cioè una amministrazione che abbia visioni e progetti innovativi come il tempo attuale richiede.

Si vota
all’unanimità

1. Interrogazione presentata dai consiglieri Capuzzo e De Martin il 14.09.2020 al prot. 6327 avente ad oggetto “Regolamento di polizia rurale, a che punto siete?”;
… legge l”interrogazione (eccola qui) il consigliere De Martin … a fine lettura prende la parola il sindaco … affermando che era e rimane un obbiettivo dell’amministrazione … « mettere a tpalloneerra … » …

SIC!!!!!

… un Regolamento di Polizia condiviso con altri comuni … in prima battuta con tutti i comuni della prima convezione di polizia locale … ma l’uscita da questa di alcuni comuni ha cambiato le cose … ritiene comunque il punto importante tant’è che la bozza è stata ripresa in mano … tranquillizza dicendo che entro la fine del prossimo mese tale bozza potrà essere condivisa almeno con Cimadolmo e Vazzola … per poi essere presentata a livello locale … continua col dire che il comune di San Polo era il capofila di una ventina di comuni … e che erano stati fatti incontri con le associazioni dei categoria degli agricoltori … poi il Covid ha fermato tutto … ricorda come una bozza sia stata consegnata alle minoranze il 7 febbraio c.a. e che da allora non sono arrivate notizie osservazioni per cui si è ritenuto che il regolamento fosse condiviso …

Così si viene a sapere che una bozza è in circolazione dal 7 febbraio. Ci viene, quindi, da chiedere al consigliere De Martin, sottoscrittore dell’interrogazione, con la quale si chiede tra l’altro se Sono state incontrate le categorie interessate e le associazioni del nostro comune che possono contribuire alla stesura organica del testo? “, chi e quali associazioni la sua minoranza abbia incontrato per avere pareri, consigli o delucidazioni sui pesticidi?. Chi sa se “l’autosufficienza” è una moda o una vocazione “traversale”.

Su San polo, citato dal sindaco come capofila quasi di una marcia trionfalePesticidi_Ila verso l’approvazione di un regolamento di Polizia Rurale, dobbiamo solo riferire che è evidente la sua volontà e quella di vari comuni compreso Oderzo, di tirarla per le lunghe, tant’é che dichiarazioni di stampa del sindaco Fantuzzi di San Polo danno l’approvazione del regolamento entro la vendemmia del 2021, si avete capito bene, alla fine del prossimo anno, quando una nuova stagione di trattamenti con i pesticidi sarà terminata.
Questi sono i sindaci, che da responsabili della salute pubblica, dovrebbero tutelare la nostra di salute.

Lo capisce anche un “mona” che non c’è la volontà di accelerare, ma bensì la volontà di rallentare, e per fortuna che è arrivato il Covid, facile capo espiatorio di tutti i ritardi.
Lo capisce anche un “mona” che le associazioni di agricoltori, che sono anch
e quelle che rappresenta i viticoltori, stanno facendo tutte le ostruzioni possibili, non rendendosi forse conto o forse lo sanno bene, del rischio che i loro stessi associati corrono.
 Lo capisce anche un “mona” che l’amministrazione comunale di Gaiarine è allineata a non “disturbare” coloro che nel comune hanno contribuito, in parte, al successo elettorale di questa maggioranza.

Ma finché stiamo tutti zitti certo non possiamo poi lamentarci.     

2. Mozione n. 2/2020 del gruppo consigliare“Insieme per Federica” avente ad oggetto “Contributi per i comuni di confine – un’opportunità per la comunità di Gaiarine da pianificare con responsabilità e lungimiranza amministrativa”;

… legge la mozione il consigliere De Martin, e voi la potete leggere qui …
… a fine lettura prende la parola il sindaco … chiarisce che le notizie sui contributi dello stato per i comuni di confini sono solo notizie di stampa … dato che non sono arrivati documenti ufficiali che confermino questi contributi … poi (con senso polemico) dichiara che se fosse stato invitato anche lui dall’onorevole del PD De Menech al tavolo dove sono state date delucidazioni in merito … forse avrebbe qualcosa di più concreto da comunicare … riferisce che c’è stata quindici giorni prima una riunione dei comuni di confine alla quale ha partecipato dove è emerso che esiste il decreto ma che non ha ancora la “bollinatura” forse la avrà a fine ottobre … e che al comune di Gaiarine dovrebbe arrivare un contributo di circa un milione di euro … fa presente che le proposte elencate nella mozione sono condivisibili ... « … a quale amministratore non interessa il presidio medico? la medicina di prossimità? … » continua dichiarando l’interesse per tutte le proposte presenti nella mozione … dato che ha a cuore il proprio paese … « … ma ahimè non bastano le buone intenzioni e le idee ma bisogna fare il conto con il portafoglio   … potrei chiedere a Conte... di fare del Comune Gaiarine l’unico beneficiario del finanziamento …e forse non basterebbe… »

Una nota stonata per marcare la propria appartenenza politicStonatoa, la propria distanza dal governo, salvo poi prenderselo il milione di euro, ulteriori notizie di stampa di questi giorni danno per imminente l’apertura dei bandi per poter usufruire di questi contributi.
A parere nostro e in tutta sincerità
un nota stonata che poteva essere tranquillamente evitata

… continua dicendo che su alcuni temi l’amministrazione si è mossa e su altri si sta muovendo anche se c’è la pandemia … alla fine annota che Orsago non confina con il Friuli come era invece indicato nella mozione presentata …

… prende la parola De Martin … dichiarandosi dispiaciuto che la mozione sia stata mal interpretata … dice che è vero che la notizia dei contributi è comparsa solo sulla stampa   ma come riferito anche dal sindaco prima o dopo questo milione di euro verrà dato al comune … e che ha inteso dalle parole del sindaco che gli interventi proposti siano stati considerati delle ovvietà …
..
. interviene il sindaco … « … più che ovvietà cose giuste   … »
… continua De Martin spiegando le motivazioni che hanno portato alla stesura della mozione … «… un’occasione per far sentire la nostra voce … » … e che non vi era nessuna intenzione di mettere in difficoltà l’amministrazione ... lo scopo era quello di stimolare un dibattito e di dar modo anche al suo gruppo di esprimersi su certi argomenti … riconferma il dispiacere per il fatto che sia stata mal interpretata … anche perché su certe cose si sente in linea con l’amministrazione
… riprende la parola il sindaco chiarendo che la sua voleva essere solo un precisazione alla mozione presentata …

Si vota
Maggioranza contraria
De Martin favorevole
Lazzaro e Carrer astenuti

Certo cragionehe capirci qualcosa, a fronte di questo dibattito e della relativa votazione, è sempre più difficile, oppure ponendo attenzione a qualche evidente dettaglio il tutto si riconduce ad una logicità estrema.
Dopo che il sindaco ha dichiarato che le proposte presentate ” sono condivisili … e cose giuste “, tutti si aspettavano, e sicuramente anche voi, un voto favorevole.
Eh no.
Nello scorso consiglio, pur condividendo il contenuto della mozione inerente Interventi dell’amministrazione comunale di Gaiarine a favore degli artigiani e delle piccole e medie imprese nel proprio territorio a seguito del blocco delle attività produttive imposto dall’emergenza sanitaria da corona-virus Covid-19, la maggioranza si era astenuta, facendo, senza saperlo, approvare la mozione, quindi facendo “vincere” la minoranza, dimostrando la propria “ignoranza” regolamentare ( vedi cronaca del 06 Agosto, punto 5 dell’ordine del giorno) .
Questa volta, imparata la lezione, senza accorgersi, o meglio fregandosene, della puerile contraddizione a cui sarebbe andata in contro, pur condividendone il contenuto, la maggioranza ha votato compatta contraria, unico modo per non far passare la mozione.
Si dice una cosa e se ne fa un’altra. Perché?
Per dimostrare la propria “autosufficienza”, relegare l’opposizione a comparse insignificanti, e questo a prescindere dalla bontà delle proposte e delle idee.

Dall’altra parte se, a fronte delle parole del sindaco sulle proposte contenute nella mozione ” sono condivisili … e cose giuste “, la minoranza, invece di chiedere a gran voce un voto favorevole e nell’eventualità di un voto contrario chiedere le motivazioni oggettive di tale voto, quasi quasi si scusa per aver osato presentarla sta benedetta mozione e si sente dispiaciuta per come è stata interpretata, tutto diventa surreale.

Oppure anche questo atteggiamento ha una sua logicità estrema .

3. Mozione n. 3/2020 del gruppo consigliare “Insieme per Federica” avente ad oggetto “Ex cinema Lux – un freddo recupero edilizio o un luogo di aggregazione pubblico e vivace per la comunità di Gaiarine?”;

… legge la mozione il consigliere De Martin, e voi la potete se vi interessa l’avete qui

… a fine lettura prende la parola il sindaco … « .. su questo punto sfondate una porta aperta … » … continu01-Gaiarine-Ex-cinema-011.jpga evidenziato … che la maggioranza ha sempre pensato che l’ex cinema debba essere un contenitore versatile … che c’è la volontà di condividere il progetto con i cittadini ma il Covid ha impedito gli incontri … e quindi chiarisce che si è deciso per prima cosa di mettere insicurezza lo stabile … poi di chiedere a chi segue i lavori una soluzione progettuale versatile, poi di avere anche una tabella costi per poter capire fino a dove si può arrivare … in ogni caso il coinvolgimento dei cittadini verrà in questa fase finale perchè pensa che 100 persone avranno 90 idee diverse … anche se pensa che tutte vorranno avere uno spazio più versatile possibile …

… prende la parola De Martin … affermando che lo spirito della mozione è lo stesso di quella precedente… sa che l’obbiettivo dell’amministrazione è quello di creare qualcosa che vada « … aldilà dei muri … » ... non pensa, però, che sia una cosa prematura coinvolgere le persone in questa fase in quanto la struttura può essere subordinata dall’utilizzo finale e fa un esempio … dice che se il progettista verrà indirizzato suddividere l’interno in tante stanze quel edificio non potrà mai essere domani un luogo per un concerto o per il teatro …. « … questa è la nostra preoccupazione   … »…

… riprende la parola il sindaco … riafferma che per prima cosa hanno pensato a mettere in sicurezza il fabbricato,  poi hanno dato indicazione al progettista di trovare una soluzione che sia la più versatile possibile … immagina che probabilmente alla fine sarà una ... « … sala grande senza intralci in mezzo   … » …

Si vota
Maggioranza contraria
De Martin favorevole
Lazzaro e Carrer astenuti

Certo che capirci qualcosa, a fronte di questo dibattito e della relativa votazione, è sempre più difficile, oppure ponendo attenzione a qualche evidente dettaglio il tutto si riconduce ad una logicità estrema.déjà-vu
 Dopo che il sindaco ha dichiarato che la mozione “sfondava una porta aperta“, tutti si aspettavano, e sicuramente anche voi, un voto favorevole.
Eh no.
O cavoli!!! Noi e voi siamo tutti finiti in un déjà-vu (vedi punto precedente)

 4. Approvazione verbali seduta del 6 agosto (dal n. 31 al n. 39);
Si vota
all’unanimità

6. Piano degli Interventi (P.I.) var. n. 3 – Variante di adeguamento alle disposizioni sul contenimento del consumo del suolo di cui alla L.R. n. 14/2017, nonché di adeguamenti cartografici normativi e di allineamento ai contenuti del R.E.T. – adozione;

… illustra l’assessore all’urbanistica Fantuz … evidenziando che con l’adozione della variante si conclude il percorso di adeguamentoalla legge che ha come obbiettivo la progressiva riduzione del consumo del suolo … questo adeguamento comporta una variante al P.I. (Piano degli Interventi) … questa variante consiste nel recepimento della quantità massima di superficie di suolo consumabile che per Gaiarine é pari a 11 ettari, l’adeguamento alle norme previste del regolamento edilizio e l’istituzione del registro sul consumo di suolo … continua dicendo che le modifiche normative sono più che altro correzioni, miglioramento di articolazioni o eliminazioni di ripetizioni… continua elencando queste modifiche … fa presente che anche il “prontuario” è stato modificato per adeguarlo al regolamento edilizio eliminando argomenti già presenti nel regolamento e evitando ripetizioni … e aggiornandolo … termina dicendo che la variante in oggetto non prevede quindi nuovi carichi insediativi …

Che dire? Una esposizione sintetica ma sufficientemente esaustiva dal punto di vista tecnico per chi macina qualcosa di urbanistica, ma forse non capibile da tutti.
Quello che invece l’assessore non ha detto è il fallimento, allo stato attuale, di questa legge. D’altra parte non lo poteva dire (ed è chiaro il perché) essendo questa legge, almeno finora, uno specchietto per l’allodole “issato” da Zaia e soci per far vedere che in Veneto si è attenti all’ambiente e magari dimostrare che si è all’avanguardia, cioè “primi”.

Difatti il Veneto è prisuolo_consumo_cementomo. Nel 2019 è stata la prima regione d’Italia per consumo di suolo con ben 785 ettari di terreno “vergine” consumato, si è mangiata 2,1 ettari al giorno.
La provincia di Treviso è la seconda in Veneto e l’ottava in Italia. Bei primati.
Non lo poteva dire l’assessore, e in qualche modo la comprendiamo, anche se non la scusiamo, ma un intervento in tal senso lo dovevano fare le minorane (naturalmente non la “coppia di fatto”). O no?

Si vota
Maggioranza favorevole
Carrer e Lazzaro favorevoli
De Martin astenuto

7. Art. 193 D.lgs. 18.08.2000 n. 267 – salvaguardia degli equilibri di bilancio 2020/2022;

… illustra l’assessore De Zan … evidenzia che quest’anno sie è un po’ in ritardo con  l’approvazione degli equilibri di bilancio in quanto a causa Covid  la data é stata spostata prima al 30 settembre e poi al 30 novembre … continua dichiarando che non ci sono debiti fuori bilancio … che ci sono i pareri del revisore e dei responsabili d’area … e che il comune è attualmente in equilibrio anche se approvazione di questo documento  porta la data dell’11 settembre … …

… prende la parola il consigliere De Martin ... ringrazia il sindaco per la conferenza dei capigruppo … « … non è una cosa scontata   … »

Se si riferisce alla convocazione della conferenza dei capigruppo voliamo ricordargli che la convocazione di questa conferenza è obbligatoria.
Il fatto che le tre precedenti amministrazioni (2 Sonego, 1 Cappellotto) non l’abbiano quasi mai convocata, non può essere considerato un merito per questa ma semplicemente un atto dovuto.
Quelle precedenti erano delle amministrazioni che nei fatti erano fuori legge, e usavano, anche di fronte a tante sollecitudini, comportarsi con quell’atteggiamento di antica memoria “me ne frego”menefrego.
Sottolineamo che la conferenza dei Capigruppo da regolamento deve svolgersi in seduta pubblica, cosa che abbiamo già ricordato, e  questo non ci pare accada.
Non è che anche questa amministrazione sia sulla scia del ” me ne frego”?

… continua scusandosi per le domande fatte nella conferenza … poi evidenzia il fatto che al punto c) del documento in esame è riportata la frase « … per il Maglio Tonet e lo Stadio di Gaiarine sono in corso progettualità per il reperimstadioento dei fondi … » … fa presente che in nessun documento e neppure nel programma dell’amministrazione compare lo Stadio di Gaiarine…
 … prende la parola l’assessore De Zan … chiarendo che c’è stata l’opportunità di partecipare ad un bando per i lavori nello stadio … e il fatto che lo stadio non compaia nel DUP (Documento Unico di Programmazione) è semplicemente perché questo è stato approvato prima di partecipare al bando …

… interviene il sindaco … evidenziando che l’amministrazione, essendo venuta a conoscenza della possibilità di partecipare ad un bando che prevede però un unico intervento … si è mossa chiedendo alla società che gestisce i due campi (Gaiarine e Francenigo) su quale fosse meglio intervenire … la risposta è stata su Gaiarine ….

De Martin fa presente che nel programma elettorale e nel DUP questa amministrazione ha sempre parlato di ampliamento del polo sportivo di Calderano …e che si meraviglia del fatto che all’improvviso si parli di Stadio di Gaiarine … si aspettava che la partecipazione al bando fosse per Calderano e non per lo Stadio di Gaiarine … ma non conoscendo il bando …

Ma cavolacci chiedi nel dettaglio tutte le condizioni di questo bando:
quanti soldi sono complessivamente stanziati?
quali sono i possibili interventi finanziabili?
la scadenza?
chi eroga il finanziamento?
a quanto potrebbe ammontare il finanziamento per Gaiarine?
se è a fondo perduto?
quanti soldi si pensa dovranno essere “tirati fuori dalle casse comunali” per fare qualcosa che è in fortissima contraddizione con almeno due punti del Programma Amministrativo 2019-2024, documento presentato e votato dalla maggioranza nel consiglio comunale del 24 luglio 2019?
(ed essendo maligni) quanto costerà, in totale, la realizzazione del forse possibile sogno dell’ex presidente dell’UNIONGAIA?
ecc.?
Abbiamo detto che vi sono due fortissime contraddizioni tra il Programma Amministrativo votato e la decisione di spendere dei soldi per uno stadio:
la prima riguarda la partecipazione. In quel documento c’è testualmente scritto ”
Il nostro modo di operare sarà improntato sull’imparzialità delle scelte e sulla partecipazione pubblica: vogliamo eliminare gli ostacoli fra l’amministrazione e i cittadini, promuovendo un maggior coinvolgimento degli stessi nelle scelte politiche e garantendo trasparenza e pubblicità nelle decisioni”.
Enbè? Dove sta la partecipazione pubblica? Sta forse nel colloquio con i dirigenti di UnionGaia.   E no! Uniongaia rappresenta un legittimo interesse che nessuno discute, ma che può non coincidere con l’interesse della maggioranza della popolazione del comune.

La seconda contraddizione, ne ha parlato De Martin, riguarda il polo di Calderano. Nel programma amministrativo votato c’è testualmente scritto: ” In questa prospettiva il polo polisportivo di Calderano riveste un ruolo fondamentale: sarà compito del comune valorizzarlo, promuovendo le manifestazioni che lo interessano” , quindi è li che dovrebbero essere indirizzate le eventuali disponibilità economiche.
Ma si scrive una cosa e se ne fa un altra.
Tanto “chi se ne frega”  

… nessuno riprende la parola …

Si vota
Maggioranza Favorevole
De Martin, Lazzaro e Carrer astenuti

7. Variazione al bilancio di previsione 2020/2022 ai sensi dell’art. 175 del D.lgs. 267/2000;

… prende la parola l’assessore De Zan … con puntuale efficienza snocciola le cifre di questa variazione di bilancio

ve le risparmiamo

… alla fine dell’esposizione interviene il consigliere De Martin … dicendo che nella conferenza dei capigruppo gli sono state chiarite molte cose … e anche il perché sono   stati stanziati solo 700 euro per il settore giovani …   rivolto alla De Zan… « ...faccio autogol e ti lascio rispondere … » …

Ormai il pallonegergo calcistico sta “infettando” tutti, nessuno riesce più a fare un discorso senza usare qualche termine “pallonaro”

la De Zan prende la palla (SIC!) al balzo e da assessore anche alle Politiche Giovanili ricorda come sta per partire, con i comuni del coneglianese, il progetto “Digitiamo” che è proprio orientato ai giovani e che avrà il suo fulcro in Villa Altan, dove saranno all’allestite delle postazioni informatiche a disposizione dei giovani … inoltre sta per avviarsi un altra progetto che coinvolge sempre i giovani che potranno dopo le superiori partecipare a corsi pagati dalla Regione utili per prepararsi al mondo del lavoro … invece per quanto riguarda  gli studenti delle medie e quelli più piccoli non si darà luogo, per l’anno scolastico 2020/2021, a nessuna attività esterna alla scuola questo per il problema Covid...

… prende la parola il consigliere Lazzaro … « ..in termini calcistici io preferisco fare goal che autogoal … »…

SIC! SIC! SIC! non abbipalloneamo più scampo, l’avevamo appena detto, speriamo arrivi presto un “vacino”.

… mettendo in evidenza che molte delle variazioni di bilancio proposte sono aggiustamenti tecnici … evidenzia però che c’è una posta di 20.000 euro, dovuta al   risparmio della mancata attivazione della sezione Primavera … di questa posta circa 18.000 sono stati suddivisi tra i tre asili e questo è lodevole … chiede però se i circa 3.000 euro rimanenti che verranno dati come “ristoro” (termine che va di moda in questi giorni) ai genitori che hanno avuto un danno dalla non attivazione della sezione,  saranno elargiti anche ai genitori non residenti nel nostro comune …perché se così fosse lo troverebbe giusto solamente se i loro bambini frequentassero ora qualche asilo del comune di Gaiarine, altrimenti si darebbero dei soldi a dei non residenti che portano i loro figli in strutture al di fuori del comune, strutture che addirittura fanno concorrenza a quelle di Gaiarine

Questo ragionamento sembrerebbe non fare una grinza, ma per amor del vero e del giusto e sapendo che l’equilibrio in cose del genere è sempre difficile da trovare, facciamo presente che per avviare una sezione Primavera ci vuole un numero minimo, e che, forse, senza quel bambino non residente nel comune, non si sarebbe comunque potuta avviare.
numero Allora quando serve per far numero va bene, ma quando c’è da dare il “ristoro”, torna in auge sempre quel motto “prima gli italiani”, scusate “prima i comunali”.Ma va bene così.

… risponde la consigliera Pezzin evidenziando che la decisione dell’amministrazione è stata quella di dare i soldi anche ai genitori dei bambini non residenti purché frequentino il nido di Francenigo, la sola struttura del comune per quell’età …

Annotiamo che nessuna delle minoranze mette in mora l’amministrazione sul non rispetto della mozione Interventi dell’amministrazione comunale di Gaiarine a favore degli artigiani e delle piccole e medie imprese nel proprio territorio a seguito del blocco delle attività produttive imposto dall’emergenza sanitaria da corona-virus Covid-1″, approvata nel consiglio comunale del 6 agosto c.a., con la quale, tra le tante iniziative che l’amministrazione comunale doveva prendere in aiuto alle attività produttive, vi era anche l’obbligo di “aprire” un nuovo capitolo di spesa da alimentare con almeno 78.000 euro provenienti dall’avanzo di amministrazione.
Quale miglior occasione di una variazione di bilancio per inserire quanto deliberato.
Ma tutti tacciono. Che strano. E chissà perchè.
Altrettanto strano ci pare il fatto che nessuna minoranza abbia chiesto al “rifiorire” del virus la formazione di una commissione “COVID“, formata da rappresentanti della
maggioranza e delle minoranze, per decidere insieme politiche di sostegno utili in grado di aiutare i nostri cittadini a superare questo e i momenti ancor più difficili che verranno.
Anche a livello locale, una questione di tale portata, come questa pandemia, dovrebbe essere affrontata unendo le forze, e non ammainando bandiere, altrimenti c’è il rischio di soccombere o al minimo di creare nuove ingiustizie.

Si vota
Maggioranza Favorevole
De Martin, Lazzaro e Carrer astenuti

9. Presentazione del documento unico di programmazione (DUP) 2021/2023;
… prende la parola la 
De Zan chiarendo che è una presentazione e che non è soggetta a discussione solo una votazione per presa d’atto.

Si vota
Maggioranza Favorevole
De Martin favorevole
Lazzaro e Carrer astenuti

10. Approvazione regolamento di polizia urbana;
… prende la parola il sindaco per illustrare il regolamento voluto … « … per mettere a punto delle regole dove viene a mancare il buon senso … » … continua evidenziando alcuni regole ….è vietato bruciare rifiuti, vi è l’obbligo di mantener in ordine il verde privato,  è vietato arare a meno di tre metri dalle strade vicinali e cinque dalle altre strade …è vietato fare manovra sulla strade ma bisogna farlo sulle capezzagne, non si possono deviare i corsi d’acqua, i cani fuori Image-50dalla proprietà privata devono essere a guinzaglio ed è obbligatorio da parte del padrone raccogliere gli eventuali, escrementi… continua dicendo che è stata posta una particolare... « … attenzione sui minori moralmente o materialmente abbandonati… »… continua leggendo integralmente il regolamento …

… al termine della lettura vi sono una serie di richieste di chiarimenti da parte di De Martin … e poi Lazzaro che precisa come la lettura integrale del regolamento sia stata richiesta in fase di conferenza dei capogruppo con lo scopo di mettere i cittadini presenti a conoscenza del contenuto del regolamento… e per la lettura ringrazia il sindaco

Ringraziamo anche noi il sindaco per la lettura e soprattutto le minoranze per averla richiesta, ma vogliamo far presente che non basta una lettura, tra l’altro durata circa mezz’ora, per mettere a conoscenza i cittadini, quei pochi presenti, del contenuto di  un regolamento di tale portata. Dopo qualche minuto lo snocciolamento degli articoli e dei commi diventa una “litania” e solo pochi dettagli rimangono.
Ricordiamo alla maggioranza che non è così che si rende trasparente l’azione amministrativa e non è così che si stimola la partecipazione dei cittadini, soprattutto se si ha paura ” che 100 persone abbiano 90 idee”. Non c’è nulla di democratico in questo procedere. Sia chiaro.
L’incedere democratico dovrebbe prevedere la creazione di una Commissione Permanente Regolamenti, formata da componenti di maggioranza e minoranza, e aperta alla società civile, associazioni, ecc.
Quello che, invece, è rimasto a noi del regolamento, è si qualche dettaglio ma soprattutto la sensazione che sia una “roba raffazzonata” che mette insieme un po’ di regolamento di igiene (in qualche caso crediamo addirittura che si sovrapponga), di polizia rurale, di gestione di verde, di decoro urbano e una spolveratina di sociale.
Cosa c’entra l’articolo sui minori? Qualcuno ce lo dovrebbe spiegare. O serve, per caso, per poter mettere in qualche centro di accoglienza qualche “zingarello” girovago?
Lasciamo stare il burqa, ma ci pare sia stata proibita qualunque cosa che posta sul viso non faccia riconoscere la persona. Chiediamo come mai a nessuno è venuto in mente di inserire una deroga per le mascherine anti Covid. Teoricamente se non posso essere riconosciuto e non la posso togliere perché ho l’obbligo di portala, mi potrebbero multare.
 Se abbiamo capito bene si fa un accenno ai “trattamenti” (pensiamo quelli con i pesticidi), ma la parola pesticidi o fitofarmaci ci pare di non averla sentita. E mentre il privato dovrà sottostare ad innumerevoli obblighi, non viene previsto nessun obbligo per il comune e le sue maestranze che partecipano attivamente al decoro urbano.Pesticidi_Ila

In particolare, ma non sarebbe il solo obbligo, ci riferiamo all’indicazioni del già Piano di Azione Nazionale sui Pesticidi (PAN) del 2014 che obbliga i comuni a non utilizzare, per la lotta alle erbe infestanti nelle aree pubbliche e lungo le strade, prodotti chimici ma solo lotta meccanica o pirodiserbo.
Obbligare il comune ad non usare prodotti chimici avrebbe un forte impatto sulla salute, sulla sicurezza e sul decoro urbano, altro che “quattro cacche di cane”.
Ma sappiamo che ci sono dei “tabu” insormontabili.
In fine, ma bisognerebbe leggere attentamente il testo, ci pare un regolamento di “facciata” e perciò inutile, anche perché molte delle cose descritte non sono proprie del nostro comune e alcune altre sono contemplate nel Regolamento di Igiene.

Si vota
All’unanimità

11. Approvazione regolamento relativo ai contratti di sponsorizzazione e accordi di collaborazione;
… prende la parola il sindacofogli_sponsor dicendo che il senso del regolamento in questione è di permettere ai privarti una compartecipazione alla cosa pubblica potendo sponsorizzare lavori, fornire materiali, beni, servizi per il bene collettivo …

… legge per intero il regolamento …

… alla fine prende la parola il consigliere De Martin facendo presente che nel regolamento manca l’indice e il numero delle pagine … poi chiede di aggiungere ad un articolo (11 forse?) le parole “gioco d’azzardo” …
… si innesca una discussione tra il segretario, che fa presente che il gioco d’azzardo è permesso dallo stato e quindi non si può proibire,e  il sindaco che invece vorrebbe far sua l’indicazione di De Martin … il segretario mantiene per un po’ il punto … poi si arriva al classico compromesso che non significa nulla e si aggiunge “gioco d’azzardo nei limiti delle leggi” … tutti contenti …

Bisognerebbe avere il testo e leggerlo attentamente, ma così di primo acchito non capiamo quale sia la ratio che ha portato la maggioranza a volere un regolamento del genere per il comune di Gaiarine. Ci sfugge evidentemente qualcosa.

Si vota
All’unanimità

12. Approvazione regolamento per affidamento aree verdi.
… prende la parola il sindaco … mettendo in evidenza che con questo regolamento … « …si è voluto mettere a terra … » …

e daje! ma forspallonee questa volta trattandosi di “aree verdi” , “la messa a terra” è azzeccata

…. « …una collaborazione tra pubblico e privato … » ... per privato intende le scuole, parrocchie, associazioni che possono gestire le aree comunali e anche quelle della provincia … rotonde … pensa che così si potranno recuperare aree verdi e servirà a coinvolgere la cittadinanza …
… lo si da per letto … chiarisce che il comune individua delle aree … il privato le cura … e viene tutto normato …

Si. Va bene.
Però.
Il primo regolamento approvato stasera affibbia al privato una montagna di obblighi e al comune nessuno. Con il secondo regolamento il privato potrà sponsorizzare il comune, regalargli opere, servizi e chi più ne ha più ne metta.
Con il terzo i “volontari” si prenderanno cura delle aree verdi.
E il comune cosa farà? Forse gli  stadi?

Si vota
All’unanimità

 … prima di chiudere il sindaco dichiara di voler rispondere a De Martin, per la frase che lo stesso ha pronunciato nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale, quello straordinario che ha sancito Il comune di Gaiarine “Comune Amico di San Patrignano”, sottolineando che risponde adesso dato che non ha ritenuto opportuno rispondere allora…

legge testualmente la frase pronunciata da De Martin con la quale affermava  …che  l’amministrazione non abbia voluto confrontarsi con i giovani che hanno orientamenti politici diversi, riferendosi al patrocinio non concesso al gruppo Nova per la serata da questo organizzata in prossimità del referendum sul taglio dei parlamentari … e  sollecitava poi l’amministrazione  a confrontarsi con tutti anche con “i diversi”, qualsiasi essi fossero…

il sindaco prosegue tranquillizzando il De Martin (si capisce che scarpesi sta togliendo qualche sassolino dalle scarpe) … dicendogli che non ha paura a confrontarsi con Nova«che apprendo da lei esere un gruppo politico mentre lo ricordavo come apolitico … » … continua ricordandogli come non abbia mai rifiutato un confronto con le persone che avevano idee, anche politiche, diverse dalle sue … e sui diversi (tossicodipendenti) … dice di avere la coscienza a posto … e che sa lui chi ha aiutato nel suo piccolo e con i suoi limiti .. …… « … ma se lo tiene per se … » ...

Siamo in un ambito personale e quindi non esprimiamo commenti.

e qui il sindaco dichiara chiuso il consiglio …aggiungengo però di voler fare tre comunicazioni.

1. comunica che il 25 settembre si è concluso il concorso per il responsabile dell’ufficio tecnico e dal primo di novembre prenderà servizio il geometra Baseotto;

2. ricorda che nella palestra di Calderano si svolgeranno le vaccinazioni antinfluenzali;

3. lascia la parola al consigliere Faccin, per descrivere a che punto è il progetto “Diamo un sorriso alla Pianura Padana” (che ne ha molto bisogno) … il consigliere comunica che il progetto si è chiuso e che a Gaiarine sono stati 33 i cittadini che hanno richiesto le piante per un numero rotale di 277… ai cittadini sarà comunicato quando potranno ritirare le piante ….

Eccolo  il famoso numero 277.
277
saranno le piante che verranno messe a dimora nel comune:
Una goccia d’acqua in un mare super riscaldato dai cambiamenti climatici.
Se la richiesta di queste piante, da parte dei cittadini, è stata determinata da una aumentata sensibilità ambientale e/o dal riconoscimento del problema climatico che stiamo attraversando, allora, anche se piccolo, è sicuramente un buon segnale, altrimenti …

Ora, dopo circa due ore e mezza,  è proprio chiuso.
Rimaniamo, se ce lo consentite, con l’ amaro in bocca, e la sensazione che l'”autosufficenza” ci porterà, aldilà delle  dichiarate aperture, su strade tortuose, difficili da percorrere per gran parte dei cittadini di Gaiarine, “gli altri” abbagliati dalle “lucciole” continueranno a correre dietro a questo “fantastico populismo”.

Alla prossima. Forse.

 

 

Condivi
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Convocazione Consiglio Comunale: Giovedì 15 ottobre 2020

Immagine

Consiglio Comunale è convocato per il giorno di Giovedì 15 Ottobre 2020 alle ore 21.00 in seduta ordinaria pubblica con presenza del pubblico regolato in base alla normativa vigente volta a garantire il distanziamento sociale, di prima convocazione per la trattazione del seguente ordine del giorno:

1. Interrogazione presentata dai consiglieri Capuzzo e De Martin il 14.09.2020 al prot. 6327 avente ad oggetto “Regolamento di polizia rurale, a che punto siete?”;

2. Mozione n. 2/2020 del gruppo consigliare“Insieme per Federica” avente ad oggetto “Contributi per i comuni di confine – un’opportunità per la comunità di Gaiarine da pianificare con responsabilità e lungimiranza amministrativa”;

3. Mozione n. 3/2020 del gruppo consigliare “Insieme per Federica” avente ad oggetto “Ex cinema Lux – un freddo recupero edilizio o un luogo di aggregazione pubblico e vivace per la comunità di Gaiarine?”;

4. Approvazione verbali seduta del 6 agosto (dal n. 31 al n. 39);

5. Approvazione del P.E.B.A. Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche ai sensi delle leggi 28.02.1986 n. 41, 05.02.1992 n. 104 e della L.R. 12.07.2007 n. 16;

6. Piano degli Interventi (P.I.) var. n. 3 – Variante di adeguamento alle disposizioni sul contenimento del consumo del suolo di cui alla L.R. n. 14/2017, nonché di adeguamenti cartograficie normativi e di allineamento ai contenuti del R.E.T. – adozione;

7. Art. 193 D.lgs. 18.08.2000 n. 267 – salvaguardia degli equilibri di bilancio 2020/2022;

8. Variazione al bilancio di previsione 2020/2022 ai sensi dell’art. 175 del D.lgs. 267/2000;

9. Presentazione del documento unico di programmazione (DUP) 2021/2023;

10. Approvazione regolamento di polizia urbana;

11. Approvazione regolamento relativo ai contratti di sponsorizzazione e accordi di collaborazione;

12. Approvazione regolamento per affidamento aree verdi.

Condivi
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Convocazione Consiglio Comunale: Venerdì 25 settembre 2020

Immagine

Il Consiglio Comunale è convocato in seduta straordinaria pubblica “aperta” con          presenza del pubblico limitata ai posti disponibili dovendo osservare la normativa vigente   volta a garantire il distanziamento sociale, di 1^ convocazione per il giorno: per il giorno di

Venerdì 25 settembre 2020 alle ore 20.00

presso p.zza Vittorio Emanuele II a Gaiarine (in caso di maltempo presso l’area festeggiamenti ad Albina) per la trattazione del seguente ordine del giorno:

1. Patto di amicizia tra il comune di Gaiarine e la Comunità di San Patrignano.

Condivi
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

5G: CUI PRODEST?

Immagine

Pubblichiamo questo “contributo” di Roberto Feletto sul 5G.
Un documento interessante e chiarificatore che non lascia, volenti o nolenti,   dubbi sulla pericolosità di questa nuova tecnologia.
Andrebbe letto da tutti.
Dovrebbe essere fonte di meditazione soprattutto per coloro che hanno il compito di tutelare la salute dei cittadini.

Da tutti questi e anche da chi ci rappresenta a livello locale, dovremmo pretendere azioni concrete a  favore della nostra salute e la richiesta dell’applicazione del principio di “PRECAUZIONE”.
Ma così non è.
Buona lettura.

——————————————————————————————————————

        Dopo lo sconcertante intervento ascoltato nell’ultimo consiglio comunale, e 
        scegliendo di intervenire a mente fredda, ritengo utile a tutti riportare alcune
        osservazioni come contributo documentato e documentabile, oggettivo e
        disinteressato
(*) sul tema dell’inquinamento elettromagnetico in generale e del 5G in
        particolare.    

       (*) atteggiamento e motivazione che deve SEMPRE accompagnarsi alla domanda
fondamentale su ogni attività umana:

 

Molte persone ormai hanno sentito parlare del cosiddetto “5G” e pensano che sia una semplice evoluzione delle tecnologie precedenti: il 2G, il 3G, il 4G, etc., e che perciò debba essere innocuo. In realtà, si tratta di una tecnologia del tutto diversa, che avrà un impatto notevole per varie ragioni. E non è neppure vero che un telefonino 3G (UMTS) sia meno pericoloso di un 2G (GSM), come molti credono: infatti, nonostante la potenza emessa dal 3G sia minore, vi sono già evidenze epidemiologiche e di laboratorio che mostrano come il danno al DNA e il rischio di tumore al cervello con l’UMTS sia maggiore. Gli studi scientifici preliminari disponibili in letteratura hanno mostrato che le onde millimetriche aumentano la temperatura della pelle, alterano l’espressione genica, promuovono la proliferazione cellulare e la sintesi di proteine legate allo stress ossidativo ed ai processi infiammatori e metabolici (condizioni notoriamente implicate nell’insorgenza del cancro, ed in diverse malattie acute e croniche), possono generare danni oculari, nonché influenzare le dinamiche neuromuscolari. Il 5G, una volta a regime, funzionerà prevalentemente con delle antenne phased array (cioè “schiera in fase”) a 24-26 GHz, ovvero con frequenze altissime. Un singolo array potrà contenere qualcosa come 64 antenne che collaborano insieme per costituire un’emissione direzionale, cioè un potente fascio di radiazioni diretto verso l’utente. Le antenne 5G hanno, in alto, elementi emittenti a 3,5-3,6 GHz e, sotto, l’array appena descritto che terrà il collegamento con l’“Internet delle cose”: dal frigorifero che dirà al lattaio di portare il latte perché è finito e altre applicazioni del genere, fino alle auto che si guidano da sole. Il segnale 5G sarà forte e ubiquo, perché non deve succedere che un’automobile a 80 o 100 km/h non abbia informazioni su dove andare. Questo significa coprire tutta l’area cittadina e anche fuori di essa con un campo elettromagnetico che è molto più alto di quello che abbiamo adesso. Secondo il responsabile dell’ARPA che ha illustrato la situazione nella trasmissione Report di Raitre del 27/11/18, già solo nella fase iniziale il numero di antenne attuale dovrà triplicare, per cui in Italia si passerebbe dalle 60.000 odierne a 180.000 in un amen. Swisscom ha di recente chiesto al Parlamento svizzero l’innalzamento dei limiti di esposizione, perché altrimenti non riuscirà a far funzionare il 5G. Per il momento, il Parlamento svizzero lo ha negato, ma non sappiamo fino a quando. È probabile che anche in Italia gli operatori faranno pressioni in tal senso, magari tramite organismi solo all’apparenza indipendenti.

A questo proposito va sottolineato come “i due organismi internazionali che fissano le linee guida sull’esposizione per i lavoratori e per il pubblico generale – ovvero la Commissione internazionale per la Protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP) e l’Istituto di Ingegneri Elettrici ed Elettronici (IEEE) – sono, la prima, un’organizzazione privata (ONG) con sede in Germania che seleziona i propri membri e la sua fonte di finanziamento è non dichiarata; la seconda, invece, è la federazione di ingegneri più potente del mondo. I suoi membri sono (o sono stati) impiegati in aziende o organizzazioni che sono produttori o utenti di tecnologie che dipendono dalle radiazioni elettromagnetiche, come ad esempio le società elettriche, l’industria delle telecomunicazioni e le organizzazioni militari”.

L’ICNIRP è composta da tecnici, in pratica ingegneri e fisici, anziché da medici e biologi che sono coloro che si occupano della salute. Gli specialisti dell’ICNIRP prendono per buono un assunto di quarant’anni prima e, nei laboratori di ricerca, riempiono un manichino di plastica alto 2 metri – con un rivestimento inerte rispetto alle onde elettromagnetiche essendo costituito appunto di materiale plastico – con gel proteico (che dovrebbe essere, secondo loro, assimilabile al contenuto del tessuto vivente umano) e lo espongono a campi elettromagnetici, osservando a quali valori di soglia cominciano a verificarsi degli effetti termici, cioè legati al calore. L’irradiazione dei manichini con questi campi elettromagnetici, fatta separatamente ad alte e basse frequenze ha permesso loro di definire in acuto, e solo per gli effetti termici, dei limiti (61 V/m) ben più alti di quelli attualmente presenti in Italia per l’esposizione delle persone ai campi elettromagnetici, cioè dei 6 V/m per i campi ad alta frequenza (come quelli a varie radiofrequenze delle stazioni radio base o, nelle microonde, dei Wi-Fi).

In Italia la Fondazione Ugo Bordoni, la Fondazione Guglielmo Marconi, il Consorzio Elettra 2000 sono organismi che si distinguono da decenni per le loro posizioni riduzioniste e favorevoli a gestori e impianti; naturalmente il loro organigramma scientifico è composto da figure tecniche dalla specifica competenza e formazione ingegneristica e fisica.

Potreste dire “ok, e quindi?”, se non fosse che, a partire dal 1995, parallelamente con la crescita di antenne della telefonia mobile, si è assistito per vent’anni a una crescita quasi esponenziale del numero di persone diventate elettrosensibili da un giorno all’altro, e che in alcuni Paesi rappresentavano già nel 2005 il 10% della popolazione. Una percentuale significativa di costoro vive una “non vita”, tanto che alcuni arrivano perfino a suicidarsi. L’elettrosensibilità è un effetto a breve termine dei campi elettromagnetici, e come mostrato già venticinque anni fa in uno studio sperimentale americano (Rea, 1991), effettuato con una serie di stimolazioni con diverse frequenze ed in condizioni di doppio cieco su 100 pazienti che auto-denunciavano elettrosensibilità, “vi sono prove evidenti che la sensibilità al campo elettromagnetico esiste e può essere stimolata in condizioni controllate dall’ambiente”. Altri studi suggeriscono che le sostanze chimiche neurotossiche e le radiazioni elettromagnetiche possano aggravare gli effetti reciproci. Non stupisce, dunque, a questo punto, il fatto che una percentuale significativa delle persone con intolleranza elettromagnetica auto-diagnosticata manifestino intolleranza a bassi livelli di esposizione chimica, ovvero siano affetti dalla cosiddetta “Sensibilità Chimica Multipla” (MCS).

Vi sono poi tutta una serie di effetti sanitari a lungo termine – tumori al cervello, infertilità maschile, malattie neurodegenerative, etc. – di cui finora stiamo vedendo solo la “punta dell’iceberg”, proprio perché si manifestano dopo vari anni. I campi elettromagnetici artificiali sono in uso da quando si usa l’energia elettrica, quindi da circa un secolo, ma in maniera abnorme negli ultimi 30-40 anni, quando alle emissioni a bassa frequenza tipiche di elettrodotti e linee elettriche si sono aggiunte quelle ad alta frequenza tipiche della radio, della televisione, dei radar, degli impianti radio-ricetrasmittenti, delle stazioni radio base della telefonia mobile, dei telefoni cellulari e dei cordless, dei router e degli hotspot Wi-Fi, dei sistemi di comunicazione usati dalla domotica (Bluetooth, Z-Wave, ZigBee, etc.), per non parlare di tutta una serie di impieghi minori di cui quasi non ci accorgiamo più: dai baby monitor fino alle porte anti-taccheggio dei negozi.

I campi elettromagnetici a bassa frequenza prodotti dalle linee di trasmissione elettrica hanno un cambiamento di polarità di 50 volte al secondo, che induce pertanto delle correnti all’interno degli organismi che ne sono investiti. Tanto che l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) nel 2001 ha classificato i campi magnetici a bassa frequenza come possibili cancerogeni per l’uomo. Nel frattempo, però, le ricerche svolte in laboratorio sugli animali hanno permesso di capire che i campi alla frequenza di rete (50 Hz) sono “co-promotori” del cancro, ovvero non lo provocano di per sé, ma in presenza di un agente carcinogeno ambientale ne favoriscono lo sviluppo, come suggerito da vari studi, non ultimo uno esemplare del 2016 eseguito dall’Istituto Ramazzini.

Le evidenze scientifiche dei danni prodotti dai campi elettromagnetici a radiofrequenza sono state invece ancora meglio determinate e ormai sono molto ben comprese. Qualche anno fa, nel 2011, lo IARC li classificò come “possibili cancerogeni” – invece che come “cancerogeni certi” – perché all’epoca non si avevano ancora gli studi su animali, che sono nel frattempo stati pubblicati. Ad esempio, sono stati fatti studi approfonditi dall’Istituto Ramazzini a Bologna e dal National Toxicology Program negli Stati Uniti che hanno colmato la lacuna di conoscenza che c’era nel 2011, e che potrebbero permettere presto di stabilire ufficialmente che le radiofrequenze sono dei cancerogeni certi per l’uomo, e dunque la cui esposizione è da evitare ai cittadini.

Secondo un recentissimo studio pubblicato online nel 2018 dalla rivista peer-reviewed Journal of Environmental and Public Health, in Inghilterra nel periodo 1995-2015 è stato riscontrato un aumento sostenuto e molto significativo nell’incidenza del Glioblastoma Multiforme – il tumore cerebrale più aggressivo e rapidamente fatale – nel corso dei 20 anni esaminati e in tutte le fasce d’età, mentre i tassi per i tumori di gravità inferiore sono diminuiti, mascherando questa drammatica tendenza nei dati complessivi. E risultati simili si sono riscontrati anche in Svezia, con molti tumori cerebrali di tipo nuovo diagnosticati già nella fascia di età fra i 20 ed i 40 anni. E questo solo per citare due Paesi per i quali si hanno a disposizione studi con i dati più recenti, che forniscono quindi meglio il quadro reale della situazione e del trend in atto.

I tumori cerebrali sono a crescita lenta e possono richiedere decenni per svilupparsi dopo l’esposizione tossica. I tassi di cancro ai polmoni non aumentarono nella popolazione generale fino a più di tre decenni dopo che gli uomini americani avevano cominciato a fumare molto. Pertanto non deve stupire che non si sia ancora verificato un “boom” di casi nella popolazione generale: semplicemente non c’è stato ancora abbastanza tempo, come ammettono off-records gli esperti, e come la recente ricerca del Ramazzini sembra confermare al di là di ogni ragionevole dubbio. Negli Stati Uniti, i tumori del cervello e del sistema nervoso centrale rappresentano però già il tipo di cancro più comune nella fascia di età 15-19 anni, come mostrato da una dettagliatissima analisi pubblicata nel 2015. La soluzione è quella di usare tutto via cavo, compresi i telefoni. Il cellulare va considerato come una preziosa “radio di emergenza”, che serve quando siamo in pericolo per qualche motivo, ma non va usato per sostituire la conversazione via filo, mentre oggi l’andamento è esattamente l’opposto. Però, i rischi di tumore cerebrale sono 4 volte maggiori in chi usa i cellulari e tale legame è ben dimostrato. Non stupisce, quindi, che un neurochirurgo dell’Università di Roma abbia dichiarato, poco tempo fa, che nel loro Istituto una volta operavano un tumore cerebrale al mese, o ogni 20 giorni, mentre adesso operano tutti i giorni.

Noi in Italia abbiamo un limite di esposizione della popolazione alle radiofrequenze (di emittenti radio-televisive, torri della telefonia mobile, ponti radio, vari apparati di telecomunicazione fissi, etc.) fra 6 e 20 V/m, ma – come rivelato dal biologo Fiorenzo Marinelli – l’ICNIRP sta chiedendo di portare questo limite di esposizione a 61 V/m. Tutto ciò, naturalmente, è da confrontarsi anche con il fondo naturale pulsato al quale l’uomo ed i suoi apparati biologici sono evolutivamente abituati (fino al 1940 circa), che è di 0,0002 V/m, mentre dal 2007 c’è stata una impennata della densità di potenza delle radiazioni nell’ambiente urbano, che corrisponde all’aver cambiato profondamente l’ambiente.

I limiti di legge attuali sono stati fatti pensando ai soli effetti termici e dicendo che non esistono effetti al di sotto della soglia termica di 61 V/m stabilita dall’ICNIRP, che provoca un forte riscaldamento. In Italia, grazie al professor Livio Giuliani – un esperto di livello internazionale degli effetti dei campi elettromagnetici e già dirigente di ricerca dell’Unità Radiazioni dell’Ispesl – quando si discussero i limiti di legge da attuare, si riuscì a far approvare un criterio di precauzione fissando la soglia a 6 V/m per gli ambienti con permanenze delle persone superiori alle 4 ore, quali ad esempio abitazioni, scuole, etc. Tuttavia, grazie agli studi degli ultimi anni, sappiamo che questi 6 V/m attuali non sono sufficientemente cautelativi e andrebbero ulteriormente ridotti.

Come spiega il già citato Marinelli, un ricercatore che ha lavorato quasi una vita all’Istituto di Genetica Molecolare del CNR di Bologna, occupandosi degli effetti biologici dei campi elettromagnetici, “il paradosso più grave è che questa legge (che fu il decreto n.381 del 1998) escludeva dal suddetto limite di esposizione gli apparati mobili, cioè i telefoni cellulari, che successivamente furono classificati attraverso un sistema molto complicato che è quello del SAR, fissato per l’Europa in 2 W/kg, e che viene autocertificato dalle case che producono i telefoni cellulari. Per ottenere dentro il manichino usato per stabilire il SAR i 2 W/kg, bisogna emettere da fuori un campo di 307 V/m. Quindi, dire che un telefono cellulare rispetta la normativa di 2 W/kg, è come dargli una licenza d’uso a 307 V/m. Perciò, è un’assoluta assurdità!”.

“L’OMS e l’ICNIRP”, spiega Marinelli “dicono: limite di legge 61 V/m. Il limite in Italia – che è uno dei valori più bassi a livello internazionale – è di 6 V/m. Ma gli studi indipendenti dicono che bisognerebbe scendere almeno a 0,6 V/m o a 0,2 V/m. Tuttavia il problema principale sono i telefoni cellulari, che sfuggono a questa limitazione. Inoltre, i limiti di legge sono stati “costruiti” per gli effetti termici immediati, mentre invece irradiare una persona con 2 V/m praticamente per tutta la vita causa, molto probabilmente, un danno ben maggiore di quello causato dalla esposizione occasionale ai 6 V/m stabiliti dalla legge”.

Inoltre, come spiega Giuliani, “diversamente da quello che l’uomo della strada pensa, gli effetti delle radiofrequenze non dipendono solo dall’intensità delle emissioni, ma anche dalle loro forme d’onda, frequenza e fase”.

Non dobbiamo dimenticare poi che, nel 2011, la risoluzione n.1815 del Parlamento Europeo dà un’indicazione precisa, e dice “bisogna diminuire al massimo l’esposizione dei cittadini, perché ci sono delle evidenze di possibile danno”. Non solo, ma con le conoscenze attuali non dobbiamo più parlare di principio di precauzione – come si faceva alcuni anni fa quando non si sapevano moltissime cose relativamente agli effetti biologici e sanitari delle onde elettromagnetiche ad alta frequenza ed a bassa frequenza – bensì dobbiamo parlare di principio di prevenzione, perché oggi sappiamo che le onde elettromagnetiche sono dannose.

L’ultimo aspetto che va sottolineato è il conflitto di interessi potenziale che può influenzare pesantemente la conoscenza scientifica in questo delicatissimo settore. Se gli studi scientifici non sono finanziati dall’industria, trovano effetti dei campi elettromagnetici a radiofrequenza per il 70% e non li trovano per il 30%. Viceversa, se gli studi sono finanziati dall’industria, trovano effetti solo per il 32% e non li trovano per il 68%. Questa è l’esplicitazione numerica del paventato conflitto di interessi, cioè l’industria sembra favorire/finanziare pubblicazioni scientifiche che servano a “bilanciare” quelle ottenute da scienziati indipendenti o operanti nel settore pubblico.

Purtroppo, come osservato dal prof. Angelo Gino Levis, a cui si deve la storica sentenza del tribunale di Ivrea sulla relazione fra neurinoma e uso del cellulare 3,4, “oggi una gran parte della scienza subisce un processo di “secolarizzazione”, cioè di immobilità. Certe posizioni ufficiali sono ferme da 60 anni, nonostante le conoscenze scientifiche sull’argomento siano enormemente progredite. Inoltre, quando si ha a che fare con un problema nel quale sono coinvolti interessi planetari – e oggi quelli delle tecnologie che comportano la produzione e l’utilizzo di campi elettromagnetici, come la generazione di elettricità e la telefonia mobile, superano quelli che in passato ha avuto l’industria automobilistica – i conflitti di interesse possono influenzare in maniera determinante le conoscenze scientifiche, la normale dialettica fra i ricercatori e, in ultima analisi, l’informazione che arriva al grande pubblico”.

Molti cittadini pensano che alcune Istituzioni pubbliche possano, nonostante tutto, proteggere il cittadino, ma potrebbe non essere proprio così. Infatti, la voglia di deregolamentare il settore con una varietà di norme e di interpretazioni sempre più “larghe” delle stesse è stata ed è, in questo settore, più forte di quella di stabilire dei limiti di legge cautelativi e di farli in qualche modo rispettare. Inoltre, le leggi nazionali che regolano l’installazione delle nuove antenne sono state via via semplificate a favore degli operatori di telefonia. Le nuove normative sulle misurazioni, poi, sono tali che le ARPA non riescono a fare rilievi di routine con valore legale. Ed i Comuni non hanno più in mano strumenti legislativi efficaci per poter imporre qualcosa agli operatori. E quando l’ultimo baluardo rimasto è costituito – come in questo caso – solo da giornalisti e scienziati, allora situazione appare critica e preoccupante.

ARPA che, non dobbiamo mai dimenticarlo, hanno il compito di vigilare sul rispetto di limiti e valori e soglie di emissioni e inquinanti fissate dal legislatore e alle quali non spetta alcuna valutazione sanitaria non avendone titolo né competenza.

Ma già subito dopo l’approvazione della legge quadro in materia di esposizione ai campi elettromagnetici, è iniziato un percorso di progressivo allontanamento da parte istituzionale rispetto a posizioni di protezione e cautela, a discapito della tutela della salute. La parabola discendente corrisponde ad esempio – in qualche modo – ad un progressivo allontanamento di Livio Giuliani, di certo non voluto da lui, dalla possibilità di intervenire direttamente con le prerogative che la legge comunque gli attribuiva come dirigente dell’Ispesl (Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza sul Lavoro), l’organo che aveva espresso l’atteggiamento più cautelativo nei confronti dei campi elettromagnetici. E infatti l’Ispesl è stato eliminato, o meglio accorpato nell’Inail, rendendolo di fatto “innocuo”.

Come osservato in un Convegno “Stop 5G” dalla dr.ssa Fiorella Belpoggi, biologa e dirigente dell’Area ricerca del prestigioso Istituto Ramazzini di Bologna, “l’industria chimica e quella delle automobili non possono mettere sul mercato un prodotto senza aver prima fatto degli studi sulla possibile presenza di effetti sulla salute; alla telefonia mobile ciò non è mai stato chiesto. Anche tale industria, invece, dovrebbe essere obbligata a seguire un certo percorso, altrimenti sostenibilità e salute – parole di cui ci siamo riempiti la bocca in questi anni – vanno a farsi friggere”. Il problema, inoltre, è che in Italia, per guadagnare dalle licenze sulla concessione delle frequenze radio-televisive, lo Stato ha reso gli operatori e gestori di telefonia mobile, di fatto, dei concessionari privati di un servizio. Ed abbiamo visto con il “caso Autostrade” cosa ciò comporti nel caso si verifichi un “imprevisto” e si renda opportuna una revoca.

Potrebbe essere utile pensare a un parallelo col fumo, e non solo per il lungo periodo di latenza fra esposizione e sviluppo del cancro. Tutti abbiamo visto delle radiografie con i danni che esso provoca ai polmoni. Ebbene, vari studi recenti hanno costantemente riportato un aumento della permeabilità della barriera emato-encefalica e un deterioramento cognitivo dopo l’esposizione a campi elettromagnetici a radiofrequenza, confermando i risultati pionieristici di Leif Salford e colleghi, che per primi dimostrarono come l’esposizione dei ratti alle radiazioni dei telefoni cellulari causi nel giro di sole 2 ore dei “buchi” in questa fondamentale barriera fra i vasi sanguigni ed il resto del cervello. Ciò permette l’accesso a sostanze chimiche tossiche nel cervello, e può in parte spiegare perché molte persone elettrosensibili siano affette anche dalla cosiddetta “Sensibilità Chimica Multipla” (MCS).

Infine è assai importante conoscere il livello di elettrosmog nel proprio ambiente di vita (casa e ufficio), e soprattutto l’intensità del campo prodotto dal proprio smartphone, considerando che con il traffico dati attivo molti apparecchi emettono valori elevati di radiazioni h24, se non spenti.

Ma cosa dobbiamo aspettarci dal 5G? Quella che è la tecnologia attuale 3G e 4G, basata su radiofrequenze che vanno dalle centinaia di mega-hertz fino a pochi gigahertz, si trasferirà in parte in quella che è un’altra finestra dello spettro elettromagnetico, ovvero quella delle onde centimetriche (in Italia, una delle tre bande “pioniere” che sono state messe all’asta per il 5G è a 26 GHz) e si parla anche di onde millimetriche. Quindi, la frequenza delle onde coinvolte nella nuova tecnologia del 5G aumenterà, che è proprio l’opposto di ciò che i ricercatori dell’Istituto Ramazzini si auspicano sulla base dei loro studi.

Maurizio Martucci giornalista d’inchiesta che da anni si occupa di elettrosmog, sottolinea la responsabilità della politica nel non occuparsi di tale argomento: “Se la politica, il Governo, il Parlamento sono completamente nelle mani dei desiderata di chi sta sviluppando questa tecnologia – che non ha nessuno studio preliminare su quelli che potranno essere gli effetti sanitari sulla popolazione civile – e non hanno una presa di coscienza seria e sensata su questo problema, che è molto importante considerato che già dall’inizio del 2019 una delle bande di frequenze che sono state messe all’asta dal Governo sarà operativa, ci troveremo in realtà ad essere tutti delle cavie”.

Di solito, chi oggi scrive di questi temi, ha sostenuto Martucci, “porta le cosiddette “veline di regime”, perché è inutile vendere fumo, occorre dire la verità; e cioè che non c’è uno studio preliminare che attesti l’innocuità socio-sanitaria del 5G; e che al mondo esistono ben più di 1.000 studi validati dalla comunità medico-scientifica che attestano effetti biologici delle onde elettromagnetiche a radiofrequenza. La buona notizia che vi posso invece dare”, dice ancora “è che qualcosa, o almeno la nostra parte, possiamo farla anche noi: grazie alle rimostranze dei cittadini, alle petizioni dei comitati spontanei e alle diffide legali degli avvocati, negli Stati Uniti i sindaci di 4 città – le prime 4 “mosche bianche” – hanno detto “noi non vogliamo il 5G” e altri 300 sindaci, riuniti in America in un’associazione di primi cittadini, hanno chiesto al Governo americano di bloccare il 5G. E negli Stati Uniti in ogni Stato c’è una battaglia ferocissima sull’argomento, che io seguo praticamente tutti i giorni. Dunque, la cittadinanza ha sempre una chance da potersi giocare, mai come in questo caso importante, trattandosi di salute pubblica”.

Ecco, seguo da più di vent’anni le vicende legate ai rischi che derivano dal proliferare di sorgenti di campi elettromagnetici, prima in Legambiente poi nel direttivo nazionale del CoNaCem che tanto ha contribuito, a cavallo degli anni 2000, all’adozione delle tutele legislative oggi in vigore. E da molti anni conosco personalmente e seguo le attività di ricercatori, medici e scienziati controcorrente, fuori dal coro (e dai convenzionali flussi di denaro); dal compianto prof. Maltoni al dott. Soffritti, dalla dott.ssa Belpoggi fino al dott. Mandrioli dell’Istituto Ramazzini di Bentivoglio; ma anche i sopracitati Fiorenzo Marinelli e Livio Giuliani.

Concludo osservando proprio come i cittadini abbiano sempre una chance da potersi giocare quando è la salute pubblica e di tutti in discussione. E le chance aumentano quando c’è conoscenza, consapevolezza, condivisione di informazioni e di intenti nella comunità e in chi li rappresenta, e non ultima la responsabilità e la coerenza dei comportamenti individuali. Certamente importante il dialogo e il confronto nel quale però deve prevalere l’interesse collettivo della salute rispetto a quello del profitto, come la nostra stessa Carta Costituzionale sancisce anteponendo il diritto alla salute (art.32) a quello dell’iniziativa economica privata che non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana (art.41); e di fronte alla materiale ottusità e alla viscida condiscendenza anche le barricate possono diventare extrema ratio.

Roberto Feletto

Condivi
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Una foto eloquente.

Immagine

Piazza-Scuola-Elementare-FrancenigoQuesta foto potrebbe essere assunta come simbolo del nostro interesse, della nostra attenzione, del nostro amore per gli alberi?

Sicuramente si, ma in senso contrario.

Quest’albero, in vaso, davanti alla scuola elementare di Francenigo, morto forse da qualche mese, dimostra in modo emblematico la noncuranza di noi esseri viventi (animali), verso altri esseri viventi, i vegetali.

Questo povero albero è passato dalle luci della ribalta (natale) alla completa invisibilità della sua morte estiva.

Nessuno se n’è accorto.
Non l’amministrazione comunale (sindaco, assessori, consiglieri).
Non coloro che fanno la manutenzione del verde.
Non il dirigente scolastico o il personale scolastico. Tra poco si riapriranno le scuole e qualcuno avrà fatto qualche sopraluogo nei plessi scolastici o no?
Non i molti clienti dell’edicola che si affaccia su questa piazza.
Non gli ambulanti che ogni mercoledì, da un paio di mesi, danno vita, lì, al mercatino e non  i loro clienti.
Non le centinaia di persone che hanno parcheggiato nella piazza o per questa hanno transitano per andare in chiesa, in banca, dal panettiere o al bar.
Nessuno se n’è accorto.

Quest’albero morto sta lì emblema della nostra cecità, della nostra indifferenza, della nostra insensibilità.
Gli alberi non li vediamo né da morti né da vivi
Da vivi al massimo ci accorgiamo della loro esistenza quando in autunno lasciano cadere le foglie che ci coprono i marciapiedi, o quando durante un forte temporale qualche ramo finisce sulle auto, o quando cadendo causano drammi come quello di questi giorni (due sorelline morte a Massa Carrara).
In altre parole ci accorgiamo di loro solo quando in qualche modo ci danneggiano.

« Nessuno tiene in considerazione il fatto che sono vivi e neppure il loro fondamentale ruolo nell’ecosistema cittadino, che consiste tra l’altro nel ripulire l’aria dai principali inquinanti, drenare l’acqua piovana, mitigare la temperatura urbana, ombreggiare le strade e le case, ospitare la pochissima fauna rimasta » (tratto da Flower Power di Alessandra Viola).

E così, la nostra cecità, la nostra indifferenza, la nostra insensibilità, la stessa che non ci ha fatto vedere un albero morto nella piazza forse più frequentata del paese, ha permesso, in questi anni, nelle nostre campagne, per far posto ai vigneti ed a coltivazioni intensive, uno sterminio di massa di migliaia di alberi (siepi, boschetti), esseri viventi necessari alla nostra stessa vita.
Alberi che insieme agli altri vegetali, tutti esseri viventi, hanno permesso, producendo ossigeno, la vita così come la conosciamo sul pianeta terra e senza i quali la stessa scomparirebbe.

Ebbene, cosa abbiamo fatto tutti noi per fermare, in questi anni, questo sterminio, questa distruzione?
Nulla.

Domani sicuramente questo povero albero morto sarà tolto dalla piazza delle scuole elementari di Francenigo. Finalmente.
E noi cosa faremo?
Aderiremo al progetto “Ridiamo un sorriso alla pianura Padana” piantando 10 piante nel giardino di casa mettendo così a tacitare le nostre coscienze?
Oppure, insieme a questo, cambieremo la percezione di quello che sta intorno a noi?
Prenderemo coscienza che abitiamo la stessa “casa comune”?
Da domani riusciremo a “vederli” questi alberi, morti o vivi che siano?

Condivi
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Consiglio comunale giovedì 6 Agosto 2020: La Cronaca

Immagine

populismoPremessa.
Un frammento di una riflessione radiofonica di Francesca Sforza, Caporedattrice della La Stampa:

« .. Che cos’è il populismo? Qual’è la natura del populismo e di chi cerca il consenso facile?
… Qual’è la caratteristica principale? E’ quella di lavorare sul consenso e non sul governo della cosa pubblica. Perché lavorare sul consenso è un lavoro proprio di natura diversa da quello di lavorare sul governo delle cose, perché se si decide di identificare un problema o trovare un nemico o di coagulare intorno a qualche parola d’ordine delle categorie non è difficilissimo farlo. … ci vuole un paio di idee chiare da usare come armi retoriche, insomma lo scontento è una cosa che è nella nostra società per cui raccoglierlo non è difficile … »

Così è il populismo salviniano, quello becero, quello generatore di paure.
Qualche semplice parola d’ordine. Qualche nemico. E appunto qualche paura indotta.
Europa. Fornero. Sicurezza. Clandestini.
E voilà il consenso sale.
Ora, che è in caduta libera per risalire.
Clandestino + Covid19 = Untore straniero
+ discoteche

Ma esiste, secondo noi, un altro populismo.
Quello dei “siamo i migliori. Quello del “tutto va bene madama la marchesa”. Quello del basta fare quello che dico io. Quello del sorriso. Quello del sempre in tv. Quello del sempre dovunque.
Quello che dice una cosa e poco dopo il suo contrario.
Quello che a parole è a favore di tutti, ma nei fatti “sostenitore” dei “soliti”.
Questo populismo non è meno pericoloso, ed é incapace, come l’altro, di “governare la cosa pubblica” nell’interesse di tutti i cittadini.
Questo populismo, chiamiamolo “fine”, purtroppo imperversa e fa il pieno di consensi pur di fronte ad una regione che ha moltissimi problemi.

Si, parliamo del Veneto.
Una sanità pubblica che negli ultimi 20 anni (ultimi 10 di Zaia e prima Galan) è stata impoverita a vantaggio di quella privata, con tagli ai posti letto e servizi nella strutture sanitarie.
Un solo esempio. Si è passati dai 1176 posti letto totali regionali di terapia intensiva del 2002 a 717 nel 2019 (riduzione del 39%).
Cosa sarebbe successo in Veneto se avessimo avuto la stessa percentuale, in rapporto alla popolazione, di contagiati per Covid19 che ha avuto la Lombardia?
Siamo primi o quasi primi in tante cose.
Primi nel consumo di suolo 785 Ettari nel 2019 (r
mamme-no-Pfasapporto Ispra 2020).
Primi per l’inquinamento delle falde acquifere, vedi PFAS e pesticidi
Primi o quasi nell’uso dei pesticidi (nel 2019, 425 tonnellate di glifosate e 119 di metachlor).
Primi o quasi per l‘inquinamento atmosferico (Pm10, Pm2,5, nanopolveri, ecc.)
Primi ad avere la Pedemontana “privata”, ma pagata dai veneti..
Primi ad avere una “tempesta” di proporzioni inimmaginabile  come  Vaia.
Primi o giù di li a non fare quasi nulla per contrastare i cambiamenti climatici.
Primi, o giù di li a supportare i “proseccari”, i “cacciatori”, i “cavatori”, i “discotecari”, i …., i
Primi, primi, primi …..
Se poi ci volessimo proprio consolare …
Non siamo i primi del nord ad avere capannoni pieni di rifiuti che improvvisamente  bruciano e non siamo i primi del nord ad avere probabili infiltrazioni mafiose negli enti locali.

L’amministrazione di Gaiarine per non essere da meno dei suoi due mentori usa tutti e due i tipi di populismo.
Quello “becero” con qualche nemico come: l’Europa, la bandiera Europea, Bibbiano, il Governo, lo Stato; e quello “fine” con l’occupazione “militare” giornaliera delle pagine locali di facebook, con la manifestazione di buone intenzioni a cui non seguono atti importanti, con una gestione da manutenzione “ordinaria” e in parte data in mano a volontari, ma sbandierata ai quattro venti con tanti spot e tanti post, con nessuna idea veramente innovativa, con nessun passo in avanti sull’ambiente,.
Tanti vogliamoci “bene”, tante feste, qualche serata culturale, cose che di per se fanno comunità e che non vanno denigrate, anzi. Ma poi cos’altro?
Ok c’è stato il lockdown, c’è ancora il Covid19 che gira.
Ok, Ok.
Ma chi di voi ricorda qualcosa di davvero importante
, ad un anno e oltre dal suo insediamento, fatta da questa amministrazione per i cittadini del comune?.

Entriamo in cronaca.
Ah, dimenticavamo. Le famosissime mascherine.
La De Zan riprende le distanze dai consiglieri di maggioranza indossando la mascherina chirurgica, come hanno fatto i consiglieri di minoranza, mentre il sindaco e gli altri suoi compagni di viaggio indossano una mascherina nera con lo stemma del comune e il cuore dorato. Una bruttura. Se non si può far a meno di averla personalizzata almeno sia esteticamente piacevole da vedere. Ma tant’è.

Si fa l’appello, presenti leggi qui.

1. Interrogazione presentata dai consiglieri Capuzzo e De Martin il 22.06.2020 al prot. 4200 avente ad oggetto “chiarimenti per incontro avvenuto tra ULSS 2, Arpav e sindaci della nostra zona sul tema del 5G il 09.06.2020”;
… il consigliere De Martin legge l’interrogazione …
… che sostanzialmente, richiamando la mozione (mozioncina) sul 5G presentata dal suo gruppo e votata all’unanimità nel consiglio comunale del 27/05/2020 con la quale erano stati presi impegni sul principio di precauzione e sulla difesa della salute pubblica … chiede se sia avvenuto un incontro il 9 giugno, tra sindaci, Asl e Arpav sul tema 5G? … se Elettrosmog_domestico_si … chiede in particolare … chi erano le persone presenti? … quali le loro qualifiche? … se sono stati presentati studi a favore o contrari al 5G e se i sindaci sono stati invitati a prendere posizione a favore o contro questa nuova tecnologia  … chiede altresì quali iniziative abbia messo in campo la giunta comunale per dar corso alla mozione (mozioncina) approvata …
… risponde il sindaco chiarendo che aveva già risposto nel consiglio del 27/06/2020 e che comunque non c’è nessun problema a riprendere l’argomento 5G, che ... « …il 5G non è un summit …come qualcuno ironizza   »siccome siamo noi che abbiamo ironizzato in una precedente cronaca facciamo due semplici osservazioni:
1. la risposta data nel consiglio del 27/06/2020 è da considerarsi risposta “informale” e “inusuale” non essendo l’interrogazione presente nell’ordine del giorno di quel consiglio.
Avendola inserita all’ordine del giorno di questo consiglio (anche se in ritardo, e comunque prima o poi in un consiglio doveva pur finire), la risposta è dovuta e non è quindi benevola concessione fatta agli interroganti;
2. ci fa particolarmente piacere che le nostre cronache, fatiche improbe che continuiamo a fare solo perché i consigli comunali non sono trasmessi in diretta, vengano letteesprimere il sentimento. utilizzare le indicazioni. in situazioni future. dalla maggioranza, venendo così a conoscenza delle nostre critiche politiche, ma anche, per quel che valgono, dei nostri stimoli e delle nostre osservazioni.
Rimane comunque il fatto, pur sapendo che tutti fanno errori, compreso noi, e che nel caso citato si è trattato di una semplice inversione di una cifra con una lettera (G5 al posto di 5G), che i documenti, soprattutto quelli che vanno “all’esterno”, andrebbero letti da chi li firma.
Avremmo un altro caso emblematico da evidenziare, ma non vogliamo girare il coltello nella piaga.
In ogni caso il G5 non è un “summit” ma un “gruppo” di 5 stati, che solo quando si riuniscono danno luogo ad un “summit”. Il notaio conferma.

… continua il sindaco … ribadendo che finché non si saranno pareri favorevoli dell’Arpav e dell’Asl antenne per il 5G nel comune non se ne metteranno (ma ci crede davvero?) … che il 5G è più veloce, che potrà essere usato in campo sanitario e per la sicurezza stradale, e in altri ambiti … che sono previste tre bande di frequenza … che le delibere contro il 5G delle amministrazioni vengono tutte impugnate … che muoversi da soli non è conveniente … e che perciò è nato un patto dei sindaci del territorio che ha prodotto un documento comune che verrà trattato al successivo punto 7 … che l’8 luglio ha invitato le minoranze ad un incontro con esperti … che il decreto “semplificazioni” approvato qualche giorno prima ha stabilito che sul tema 5G decide lo stato … e quindi si chiede cosa stanno a fare i sindaci se non viene lasciata loro autonomia nella gestione del proprio territorio… «… decidono altri le sorti del nostro comune …. non molleremo … stiamo predisponendo un ulteriore strumento … » …

se è vero che “ulteriore” significa che prima c’è stato qualcosa altro ci chiediamo e chiediamo al sindaco:
– “un ulteriore strumento” rispetto a quale precedente?
– quale atto, che non siano chiacchiere sui giornali (vedi articolo del 19 gennaio 2020) e una mozioncina approvata all’unanimità alla quale non si è dato alcun seguito, ha fatto concretamente l’amministrazione comunale di Gaiarine contro il 5G?
Rispondiamo noi. Nulla. Non si è fatto assolutamente nulla. Solo, come già detto, chiacchiere.
E’ vero che le delibere o le ordinanze contro il 5G possono essere o vengono anche impugnate, ma molti sindaci gli atti, quelli ufficiali, gli hanno emessi, e naturalmente se ne sono assunti le responsabilità di fronte ai loro cittadini anche sapendo che sarebbe stato difficilissimo vincere questa battaglia.
Ora i sindaci leghisti, soprattutto quelli che non hanno fatto nulla in questi mesi, con un atto che è politico, altro che balle, si uniscono. Si coprono dando la colpa allo stato, che effettivamente ce l’ha, e si “ingegnano” con un   “patto e un documento” che prevede regole per l’installazione delle antenne.
Come dire:
il 5G l’abbiamo già in casa e non per colpa nostra.
Altro che principio di precauzuine.
Altro che tutelare la salute pubblica.

continua dicendo … che la riunione del 9 giugno c’è stata e anche una precedente, il 4 giugno, in teleconferenza … riferisce i nomi dei presenti confermando la presenza dell’Arpav e dell’Asl … conferma che si è discusso del 5G ma che non sono stati presentati studi divulgabili alla popolazione e fa riferimento ad uno studio, citato anche nel documento dei sindaci, dell’ ISS (Istituto Superiore di Sanità) pubblicato nel 2019 che sostanzialmente dice che non ci sono, allo stato attuale, evidenze di rischi per la salute … che non sono stati dati consigli ai sindaci sui comportamenti da tenere … che alcuni sindaci hanno chiesto all’Arpav e Asl di fare informazione ai cittadini … che l’incontro è stato utile ma non dirimente sulle problematicità che il 5G avrà su tutti …
… continua rispondendo, rispetto alla mozione (mozioncina) approvata il 27 maggio, che sul tema 5G, col decreto “semplificazioni” decide lo stato … che comunque l’amministrazione di Gaiarine non starà ferma e che spera che si possa almeno decidere dove non installare le antenne
Tutto questo significa: “Cosa fatta capo ha”

… prende la parola il consigliere De Martin … dichiarando che apprezza l’interesse e la disponibilità da parte dell’amministrazione … che il tema non é semplice per l’implicazioni tecniche e scientifiche … che, però, non sposa la linea dell’imposizione dall’alto … anche se è un argomento che ha valenza nazionale … e che può creare paura … che diventa importante il lavoro di squadra con le altre amministrazioni per poter dialogare con gli enti sovra comunali … che non vede utile uno scontro con lo stato …
interviene il sindaco, scusandosi per l’interruzione, ricordando … che dove sono state fatte le delibere contro il 5G queste sono state impugnate …
… riprende il consigliere De Martin … dicendo che è a conoscenza di questo … che i limiti di legge per le radiofrequenze del 5G non variano rispetto al 4G così dice l’Arpav ... che quello che è importante dal punto di vista politico è il dialogo … che le preoccupazioni ci stanno tutte, ma l’importante è il dialogo … che il piano antenne sovra comunale è la cosa migliore che i comuni possono fare così potranno salvaguardare i siti sensibili, anche se nel far ciò le amministrazioni non vengono aiutate economicamente dallo stato centrale … è importante mantenere il dialogo

… prende la parola l’assessore Gottardi evidenziando … che a tutti piace dialogare … ma quando lo stato impone senza ascoltare i sindaci … tutti possono capire che il dialogo non porta frutti ... e che spera che il governo cambi idea …

… riprende la parola il consigliere De Martin  … spiega che in questo caso non è da sottovalutare l’aspetto tecnico scientifico perché i limiti non sono cambiati e la tutela della salute neppure …
… si avventura poi in un esempio, tecnico scientifico di cui davvero non abbiamo capito né il contenuto né il senso   e che non siamo in grado di riportarvi se non per il fatto che ha paragonato la quantità di radiazioni alla dose di una medicina … e per il fatto che ad un certo punto se esce con … « … io sto facendo un esempio idiota … » …
siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

… il sindaco prende la palla al balzo e gli chiede … «… allora lei è favorevole al 5G? … » …
grande il sindaco, davvero grande, bisogna fargli i complimenti, e lo diciamo senza ironia,
con questa semplice domanda gli ha detto “ma perché allora mi hai rotto, per mesi, i cabasisi con la mozione (mozioncina), con l’interrogazione e tutte ste menate?”

… risponde il De Martin (in difficoltà) dichiarando che non ha nessuna preclusione e che lui fa parte di una comunità e che la comunità deve maturare e capire (capire cosa?)… e che il futuro lui cerca di governarlo e bla bla bla … addirittura arriva a difendere i signori del 5G

In poche parole dobbiamo essere indottrinati, accettare pian piano tutto quello che ci viene proposto e propinato, dobbiamo essere dei consumatori ammaestrati, in mano a coloro che prima vogliono liberamente fare i soldi sulla nostra pelle, 5G-696x325su quella dei nostri figli e poi magari ti vendono anche le medicine per curarti, come succede con i pesticidi.
Tutto questo alla faccia del principio di precauzione richiamato nella mozioncina firmata anche da De Martin.
Rimaniamo allibiti e disperati.

2. Interrogazione presentata dai consiglieri Lazzaro e Carrer il 10.07.2020 al prot. 4720 in merito all’assegnazione di loculi cimiteriali;cimitero
legge l’interrogazione il consigliere Lazzaro … sostanzialmente si chiede se ci sono stati contrasti con i cittadini sulle assegnazioni dei loculi cimiteriali … se l’amministrazione abbia concesso delle deroghe  … se si quante sono state e quante per frazione … in più chiede anche la lista degli assegnatari in deroga ….
... risponde il sindaco … confermando che gli è capitato di assistere, abbastanza spesso a delle discussioni di cittadini assegnatari del loculo sulla 5 fila, discussioni nate però a causa di deroghe concesse da precedenti amministrazioni … e che proprio da questo è scaturita la necessità di mettere mano al regolamento … il nuovo regolamento stabilisce che hanno diritto alla deroga coloro che hanno un familiare o coniuge con disabilità certificata al 74% … continua dicendo che dal 27 maggio sono state concesse 8 deroghe x disabilità su 60 decessi, 2 ad Albina, 2 Francenigo, 4 Gaiarine,… conclude chiedendo anche la collaborazione delle minoranze … essendo a corto di personale e essendo sempre il personale disponibile a dare risposte si potrebbe con una telefonata all’ufficio competente avere le informazioni volute senza far perdere tempo…

Eccoli qui i Sonego e i Cappellotto che a fronte di interrogazioni o delucidazioni chieste in consiglio comunale ripetevano continuamente il ritornello che invitava i consiglieri a chiamare gli uffici, non avendo capito e non l’hanno capito fino alla fine dei loro mandati, che esisteva un solo luogo istituzionale e pubblico dove i consiglieri di minoranza potevano svolgere il loro mandato, anche di controllo, nel pieno delle loro prerogative democraticamente e istituzionalmente riconosciute.
Tale luogo si chiama Consiglio Comunale.
Naturalmente il consigliere Lazzaro come qualsiasi altro consigliere può legittimamente fare una telefonata agli uffici ed ottenere l’informazione voluta, ma è, dal punto di vista istituzionale, tutt’altra cosa dal dare ufficialità e pubblica trasparenza in consiglio comunale.
Bisognerebbe dopo un anno aver capito dove ci trova, quali sono i ruoli istituzionali e rispettare le regole.
Il Comune non è una azienda privata e neppure una squadra di calcio.
E bene ha fatto il consigliere Lazzaro a ribattere in modo cortese ma fermo.

. che il suo gruppo non ha mai dubitato dell’operato del personale …che più di un cittadino si è chiesto il perché di certe assegnazioni … che le parole sono importanti ma che una risposta ufficiale ottenuta tramite un’interrogazione vale molto di più di mezze parole e mezze telefonate … che l’interrogazione è stata presentata per chiudere le voci che circolavano su certe assegnazioni e non contro qualcuno …
… « … se avete capito il senso bene altrimenti mi dispiace … però è questa la sede ufficiale per dare delle risposte certe, corrette e ufficiali » …
… il sindaco … « …vista in quest’ottica è costruttiva … grazie … »

Bravo Lazzaro che è riuscito a far capire al sindla-curva-mtb-copertina-1aco lo spirito dell’interrogazione e bravo anche il sindaco, che capita l’antifona, ha “svoltato” intelligentemente.
Ora, per l’intera legislatura, ci aspettiamo di non sentire più quell’invito ai consiglieri di telefonare agli uffici e speriamo che tutti abbiano capito anche i ruoli istituzionali che i consiglieri svolgono.

3. Interrogazione presentata dai consiglieri Lazzaro e Carrer il 31.07.2020 al prot. 5215 avente ad oggetto “Sezione Primavera presso la scuola d’infanzia “Villa Elena” di Albina”
legge l’interrogazione il consigliere Lazzaro … l’interrogazione, prendendo spunto dalle parole del sindaco pronunciate nel precedente consiglio comunale con le quali informava  che per decisione del dirigente scolastico nell’anno scolastico 2020/2021 la sezione Primavera, presso lSezioni-primavera-681x384a scuola di infanzia di Albina, non avrebbe avuto corso, … evidenzia come questo servizio così importante per la comunità e con costi contenuti fosse attivo da 4 anni e come per il nuovo anno vi fossero già 8 bambini iscritti .. e si meraviglia del fatto che il dirigente scolastico non dia nessuna spiegazione per questa sua decisione … premesso tutto questo l’interrogazione chiede … quando l’amministrazione ha saputo della decisione del dirigente scolastico? … le motivazioni di questa decisione? … quali siano le iniziative dell’amministrazione comunale per l’anno scolastico 2020/2021 per la continuazione di questo servizio presso la scuola di Albina? … nell’eventualità della continuazione del servizio se sarà l’amministrazione ad occuparsi dell’aspetto organizzativo? …
risponde il sindaco … chiarendo che l’amministrazione è venuta a conoscenza della decisione del dirigente a marzo/aprile scorso … che appena appresa la notizia si sono percorse tre strade … la prima col cercar di far cambiare idea al dirigente, tentativo fallito, … la seconda tentando di gestire direttamente come comune il servizio avvalendosi del supporto di una cooperativa …la terza trovare una sistemazione per gli 8 bambini … il sindaco continua dicendo che le prime due ipotesi non sono andate importo proprio per la reticenza del dirigente scolastico, che avrebbe dovuto lui inviare, anche per poter attivare il servizio con una cooperativa, una richiesta all’Ufficio Scolastico Regionale, richiesta che il dirigente non ha fatto e che non farà … e comunque per poter avviare il servizio ci vogliono almeno 10 iscritti … comunica che l’asilo Sacro Cuore di Francenigo ha dato la disponibilità a svolgere il servizio … spiega che il dirigente scolastico motiva il suo diniego con il fatto che per la sezione Primavera mancava un piano formativo e che non c’era il tempo per stenderne uno viste tutte le incombenze causate anche dal Covid19
… il sindaco chiarisce anche che l’amministrazione comunale ha tutta l’intenzione di ripristinare la sezione Primavera ad Albina e appena le scuole saranno riaperte chiederà al dirigente scolastico il piano formativo in modo da essere pronti per il 2021/2022 …
prende la parola Lazzaro …. si dice esterrefatto del potere di questo dirigente scolastico anche perché non gestiva lui direttamente questo servizio ma bensì il comune …si dice preoccupato x future decisioni personali e non oggettive di questo dirigente … e che la mancanza della sezione Primavera potrebbe indebolire l’asilo pubblico di Albina, dove ci sono attualmente 32 iscritti … « … e si sa che se si va sotto i 30 c’è il rischio di chiudere  … » … ribadisce che il suo gruppo è particolarmente preoccupato per il futuro.  in quanto, con la mancanza della sezione Primavera, potrebbe innescarsi un effetto a catena …
… interviene il sindaco … chiarisce che anche l’Ufficio Scolastico Regionale si è meravigliato del fatto che fosse aperta una sezione Primavera con meno di 10 iscritti, essendo questo per loro il numero minimo … espone una ulteriore preoccupazione e cioè quella, che se non ci fossero nel futuro abbastanza ragazzi che frequentano le scuole del comune si rischierebbe di perdere anche la reggenza della scuola … spera che il dirigente, che ha in mente di fare un unico plesso scolastico, capisca la situazione del comune e soprattutto che non ci sono fondi per attuare un progetto del genere … conclude con …« … per fortuna c’è l’asilo di Francenigo … » …

 4. Interrogazione presentata dai consiglieri Lazzaro e Carrer il 31.07.2020 al prot. 5216 avente ad oggetto “Sicurezza stradale nel centro abitato di Francenigo”
legge l’interrogazione il consigliere Lazzaro … l’interrogazione mettendo in evidenza la mancanza sicurezza stradale nei centri abitati e soprattutto in quello di Francenigo a causa del traffico pesante e dei recenti incidenti che hanno coinvolto dei pedoni chiede … se l’amministrazione ha intenzione di mettere in sicurezza i centri abitati e soprattutto quello di Francenigo? …. quali siano gli interventi previsti? …. come mai è stato disattivato il semaforo a Francenigo? … e se è possibile ripristinare il dosso in via per Sacile

… il sindaco risponde … che se per messa in sicurezza dei centri abitati si intende portare fuori il traffico completando la circonvallazione, vede il completamento di questa una cosa improponibile per il bilancio comunale e difficile nell’immediato anche per l’Anas e Provincia … se invece s’intende migliorare la segnaletica mettere rallentatori e quant’altro … comunica che qualche giorno addietro ha eseguito un sopraluogo con il comandante della polizia municipale per definire dove collocare alcuni autovelox … chiarisce che il semaforo di Francenigo è soggetto a continue rotture di lampade a causa dei colpi ricevuti da mezzi pesanti … e che negli anni passati non è stata fatta una manutenzione adeguata … e che comunque verrà spostato più verso Gaiarine in una posizione migliore … questo lavoro che verrà fatto con l’ultimazione della segnaletica …  per quanto riguarda il dosso dell’attraversamento pedonale di via per Sacile chiarisce che non era autorizzato dalla Provincia dato che non autorizza dossi sulle strade provinciali per non rallentare i mezzi di soccorso … e che il dosso in questione comunque era giù stato messo in scurezza …
.. .riprende la parola il consigliere Lazzaro … evidenziando che era troppo pretendere di avere 15 milioni di euroattenti al traffico in tasca per completare la circonvallazione di Francenigo e che lui non si riferiva a questo ma ad un potenziamento della segnaletica e al rimettere in funzione il semaforo, adesso avvolto in sacchi neri e che in ogni caso il semaforo anche se lampeggiante faceva rallentare la velocità in un punto critico anche per l’attraversamento di bambini … continua ribadendo che questo semaforo deve essere sostituito e se si vuole anche spostato … che Francenigo soffre di un traffico pesante di transito che gli altri centri abitati del comune non hanno e che quindi bisogna fare assolutamente qualcosa …
… il sindaco si prende l’impegno di risolvere il problema del semaforo entro settembre e  per fine hanno anche di dar luogo all’installazione degli autovelox, uno anche nel tratto di via dei  Fracassi e non per far cassa

5. Mozione n. 1/2020 del gruppo consigliare “Insieme con Federica” avente ad oggetto “Interventi dell’amministrazione comunale di Gaiarine a favore degli artigiani e delle piccole e medie imprese nel proprio territorio a seguito del blocco delle attività produttive imposto dall’emergenza sanitaria da corona-virus Covid-19;
.
.. legge la mozione il consigliere De Martin … nelle premesse si fa un quadro della crisi provocata dal COVID19 e come questa abbia avuto pesanti ricadute sia a livello nazionale che locale sulle attività economiche ed in particolare sull’artigianato e piccola e media impresa … vengono richiamate anche le azioni del governo (DCPM) e quelle della regione Veneto a favore delle imprese … viene ricordato che anche i comuni possono mettere in campo iniziative per aiutare i piccoli imprenditori e a tal proposito si fa riferimento al documento della CNA ( che puoi leggere o scaricare da qui), allegato alla mozione contenente 11 proposte concrete che vanno incontro a queste attività … si fa inoltre presente come il comune di Gaiarine abbia sostenuto con iniziative proprie o con gli apporti economici dello stato i cittadini, le famiglie e i commercianti tralasciando però di intervenire in favore delle attività produttive locali … si ricorda che l’avanzo di amministrazione che è di 176.000 euro circa e che 78.000 euro circa di questi sono disponibili e spendibili … si ritiene che i cittadini del comune sarebbe contenti se questi 78.00 venissero distribuiti per aiutare alle attività economiche del comune
… la mozione, chiede di far proprie alcune delle proposte contenute nel documento del CNA per andare incontro alle attività produttive ed in particolare   … obbligo di pagare i fornitori del comune entra 30 giorni (proposta N.2) … aumentare il periodo entro cui versare gli acconti IMU (proposta N.1) … ridurre le aliquote IMU . (proposta N.3) … ridurre la tariffa rifiuti . (proposta N.4) … suddivisione degli appalti . (proposta N.5) … stimolare la rigenerazione urbana locale (proposta N.6) … potenziare le strutture poliambulatoriali   … rafforzare la copertura vacinale (proposta N.11) … inoltre la mozione chiede l’apertura di un nuovo capitolo a bilancio dove inserire i 78.000 da cui attingere per finanziare le attività produttive comunali che dimostrino la loro difficoltà economica …  finita la lettura De Martin fa presente che alcune cose contenute nella mozione sono già state messe in atto dl governo o dal comune …
il sindaco … legge la mail che aveva inviato in risposta quando la mozione è stata …
« …informalmente presentata … » il 14 giugno …

Ci verrebbe da chiedere ai presentatori della mozione se è vero che è stata “informalmente presentata” come ha affermato il sindaco,  ma essendo  evidente che il sindaco dice il vero, non lo facciamo.
E allora chiediamo ai presentatori: cosa vuol dire “informalmente presentata”?
Vuol dire che io consigliere comunale invio una mozione al sindaco in modo informale, cioè sottobanco, non al protocollo. Per quale motivo? Per vedere le reazioni? Per dargli modo di valutarla? Per metterlo in guardia, così può prepararsi? Per farmi vedere bello e bravo?
Quel’è il motivo?
Poi se lui mi risponde, e quello che mi risponde mi va bene, la mozione non la presento più, se invece mi risponde picche allora la presento, oppure la presento in ogni caso.
Ma scusate è questo il modo di fare politica, di rendere pubbliche e trasparenti le proprie idee.
Siamo di nuovo alla “telefonata” di cui abbiamo parlato in precedenza, solo che in questo caso sono proprio i consiglieri di minoranza che non hanno capito il loro ruolo istituzionale.
Naturalmente nessuno vieta un dialogo tra maggioranza e opposizione, anzi  in qualche caso é anche auspicabile. Posso confrontarmi su qualsiasi argomento, ma nel momento in cui, io opposizione, stendo un documento, che assume valenza politica cercando di indirizzare l’amministrazione verso scelte ritenute da me giuste per risolvere dei problemi reali dei miei cittadini, quel documento lo presento ufficialmente in modo che diventi pubblico, al massimo glielo anticipo, 
però formalmente , ma non aspetto la “benedizione” di qualcuno. Questo se fossi una opposizione, altrimenti sono “qualcosa di diverso”.
Tra l’altro se fosse stata presentata ufficialmente il 14 giugno, sarebbe stata, gioco forza, inserita e discussa nel consiglio comunale del 25 giugno ed alcune delle iniziative ora già attuate allora forse non lo erano.
Non ci dilunghiamo oltre rimaniamo allibiti.

... ecco quindi la risposta del sindaco già data “informalmente” il 14 giugno o giù di li … … le attività nel comune sono 636, senza le partite iva, se venissero usati tutti i 78.000 euro andrebbero a ogni attività 122 euro ( ragionamento sbagliato perché probabilmente tante non chiederebbero il contributo, soprattutto se fossero fissati dei “paletti”) … si sta lavorando a un “fund gaiarinese(cosa significa? non è stato spiegato. forse è stato spiegato alla sola minoranza)… gli aiuti sono stati concentrati sulle persone   e si ritiene di tenere a disposizione i denari per le scuole e per i trasporti … è già stato concesso un mese in più per pagare l’IMU ed sono state mantenute basse l’aliquote … anche SAVNO, su proposta dei sindaci, ha tolto due mensilità dal pagamento della tariffa rifiuti per le attività … … « ci sembra nel nostro piccolo di aver dato un contributo… » … continua dicendo di condividere le difficoltà degli artigiani e delle piccole e medie imprese ma anche quelle dei dipendenti che ancora non hanno ricevuto gli ammortizzatori sociali … « … però siamo impotenti … » … dice che le proposte del CNA sono già nei loro impegni, e che gli piacerebbe far lavorare le imprese del comune … sulla riduzione delle tariffe dice che l’idea è bella ma poi calerebbero le entrate … un’idea era fare una “bacheca” di domanda e offerta per il lavoro ma questo va in contrasto con le agenzie interinali …
… riprende la parola De Martin dicendo che è convinto che l’amministrazione sta cercando di fare del suo meglio… mette al corrente che il comune di Orsago ha messo a disposizione per le attività produttive 30.000 euro … dice che saranno anche pochi i soldi che il comune di Gaiarine può dare ma che non tutti chiederanno e quindi creando un bando, come ha fatto San Fior, una graduatoria … si può fare…
… prende la parola il sindaco dicendo che con Orsago avevano analizzato la cosa ma poi si è deciso di soprassedere in attesa di vedere se il discorso dei “fund” …va in porto…
… riprende la parola De Martin dichiarando che per il suo gruppo il bilancio 2020 potrebbe anche chiudere in passivo se una una parte dei soldi fossero spesi per aiutare i cittadini di Gaiarine …
Si passa alla dichiarazione di voto…
… prende la parola l’assessore Gottardi dicendo che la mozione è condivisibile nel contenuto ma di difficile attuazione … ritiene che l’amministrazione abbia messo in campo tutto il possibile per aiutare i cittadini lo slittamento di un mese per il pagamento dell‘IMU e il suo non innalzamento … gli aiuti alle persone in difficoltà … anche la l’iniziativa del crowdfunding  ( è il fund di prima?, non si sa)  … « nuova ma efficace… » … continua evidenziando che è difficile per un comune piccolo come Gaiarine mettere in campo misure che aiutino nel profondo i cittadini avendo come faro un bilancio in ordine …  invece è lo stato anzi il governo che ha l’obbligo di gestire l’economia e deve difendere il tessuto produttivo e non gli enti localigoverno che sembra ancora … « … non conscio … » … della grave crisi economica … essendo la situazione attuale straordinaria devono essere straordinarie anche le azioni messe in campo dal governo … non servono bonus ma uno shock fiscale ed economico … se venisse data ai comuni più libertà di spesa anche il comune di Gaiarine potrebbe fare di più essendo “al centro del nostro cuore” … apprezzando i consigli e la collaborazione dichiara il voto di astensione della maggioranza

Si vota
Show of hands maggioranza astenuta
De Martin favorevole

 Carrer e Lazzaro astenuti

Questa è la sorte comune di tutti i machiavellici: fanno i loro disegni così sottili che si rompono per la loro stessa finezza.
(John Dryden)

Allora analizziamo la questione. La maggioranza ha fatto dei calcoli “furbi”. Non poteva votare contro una mozione a favore di artigiani e attività produttive per un problema di bacino elettorale e di consenso. Non poteva neppure votare a favore, perché alcuni impegni presenti nella mozione, non sarebbero stati in linea con le proprie volontà e cioè di tenersi un “tTESORETTOesoretto” per aiutare, nel caso, direttamente i singoli cittadini.
Difatti tra altri “scomodi” impegni la mozione ne prevede uno che obbliga l’amministrazione a
mettere almeno 78.000 euro dell’avanzo in nuovo capitolo destinato a sostenere artigiani e attività produttive. Impensabile.
Così il sindaco elencando tutte le cose buone fatte ha sostanzialmente detto, in maniera, gentile, ringraziando della collaborazione (e dell’invio informale della mozione, questo è sottinteso) grazie ma facciamo noi”.
La stessa cosa è stata detta dall’assessore Gottardi, con magnifica prosopopea, lustrandosi anche le “medaglie”, e ha, da grande stratega politico quale si ritiene di essere, gettato la solita croce addosso allo stato e al governo.
Ebbene da grande stratega qual’è non si è accorto e forse non è ancora “conscio” e forse anche lui ha bisogno di uno shock,  che la mozione è stata approvata.
Si. Si è stata approvata con il solo voto del Consigliere De Martin.

Perché?
Il perché lo si trova nei commi 1 e 2 dell’articolo 68 (Esito delle votazioni) del Regolamento di Funzionamento del Consiglio Comunale.
Artico 68
Naturalmente nei giorni successivi al consiglio, pensavamo di trovare sui giornali articoli dai titoli cubitali “A Gaiarine passa la mozione delle minoranze: finalmente impegni concreti per gli artigiani e attività produttive messe in ginocchio dal Covid19” oppure “Gaiarine. La maggioranza capitola, le minoranze vincono: l’avanzo di amministrazione a favore di artigiani e attività produttive”

Ma non abbiamo visto né sentito nulla di tutto questo. Nessuno si è vantato del successo. Forse per modestia?
No, semplicemente perché, neppure la minoranza si è accorta dell’esito positivo della votazione e quindi di aver “vinto”.
E questo perché nessuno si è letto il regolamento.
Questo della lettura sta diventando un problema o no?
Siamo talmente pieni di noi stessi che siamo arrivati all’autosufficienza approssimata.
Poi, però, ci permettiamo continuamente di criticare l’inadeguatezza dei politici che stanno a Roma, come fa sempre più spesso il capogruppo di magioranza Gottardi.

Ora la giunta ha ottenuto quella “autonomia di spesa”,   tanto desiderata da Gottardi, autonomia non avuta dallo stato ma dal consiglio comunale.
Ora può finalmente aiutare gli artigiani e le attività produttive con almeno   78.000 euro.
E vissero tutti felici e contenti.

Quando si dice: “Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi”

6. Approvazione verbali seduta del 25 giugno 2020 (dal n. 26 al n. 30).

Si vota
all’unanimità

7. Approvazione dell’“atto d’intesa tra i sindaci del territorio per disciplinare l’avvento della tecnologia 5G”;

… il sindaco legge il documento (lo potete trovare e leggere qui)

Come accade sempre, questi documenti, patti o specchietti per le allodole che servono per far finta di fare qualcosa ma vogliono fare qualcos’altro, contengono tantissime belle parole, come “futuro sostenibile“, “tutela”, “salute”, “ambiente” oppure qualche frase, come questa, dove le “generazioni future” non possono non mancare
«Insieme adottano misure concrete a lungo termine che forniscano un contesto stabile dal punto di vista ambientale, sociale, sanitario ed economico per le generazioni presenti e per quelle future”

Per favore aiutateci. Noi non siamo autosufficienti. Abbiamo bisogno di aiuto.
Lo chiediamo con umiltà. Sindaco o Gottardi o De Martin o qualsiasi altro: per favore qualcuno ci spieghi il senso di questa frase. Ci spieghi quali sono le misure concrete a lungo termine. Per favore non fateci stare nell’ignoranza.

Scusateci. Forse l’abbiamo capito da soli. Non ne siamo sicuri. Forse vuol dire “fare il piano antenne”
Cosa fatta capo ha.

Nessun consigliere chiede la parola, nessun consigliere fa un intervento o chiede una delucidazione.

Si vota
all’unanimità

e così una minoranza dopo aver presentato sul 5G una mozione (mozioncina) e una interrogazioneInciuccio vota con la maggioranza. Come dobbiamo chiamare l’insieme di questi fatti  “inciucio” ? Ma no “collaborazione“.

P.S. A Mareno di Piave il gruppo “lega Salvini Premier”, che è all’opposizione, ha votato contro lo stesso documento proposto dal patto dei sindaci sul 5G e approvato a Gaiarine all’unanimità.
Che strana è la vita.

8. Variazione al bilancio di previsione 2020/2022 ai sensi dell’art. 175 del D.Lgs 267/2000;

… prende la parola l’assessore De Zan … che illustra nel dettaglio tutte le variazione avvenute nei capitoli di entrata ed uscita e i relativi importi … alla fine dell’esposizione ci sono una serie di domande …
Lazzaro chiede delucidazioni sulla spesa di 17.000 prevista per i cimiteri

finito il consiglio nei conciliaboli che si formano all’esterno della casa muResurrezione di Lazzaronicipale una persona ci dice … « … certo che Lazzaro ce l’ha proprio su con i cimiteri (vedi anche interrogazione discussa al punto 2, proprio sui cimiteri) … dall’altra parte con quel cognome …  Lazzaro… » … Consigliere Lazzaro ci scusi, ma la battuta è troppo bella per non essere riportata, contiamo su un suo sorriso oltre che su quello dei nostri lettori grazie
risponde la De Zan chiarendo che sono soldi stanziati per sistemare dei loculi che hanno subito danni nei cimiteri di Albina e Campomolino … si continua con domande di De Martin a cui risponde sempre l’assessore al bilancio … si arriva cosi ad una severa critica del De Martin alla non chiarissima, a suo dire, comunicazione sul trasporto scolastico, soprattutto per quanto riguarda la parte economica, mandata dall’amministrazione alle famiglie … dice che le famiglie non sanno quanto dovranno pagare …
,,, risponde in questo caso il segretario prendendosi la responsabilità di quanto scritto … chiarisce che la comunicazione non poteva esser più esplicita perché non si conosce ancora come si svolgerà, a causa del distanziamento sociale, il trasporto scolastico … non si sa quanti scolari potranno salire sugli autobus e quindi il costo … poi si avvia in un lunghissimo ( si proprio il segretario) intervento … sul vaccino … sulle cause ai comuni che stanno facendo le società di trasporto  … perchè la legge dice di non pagare i trasporti non effettuati … ma l’Anci consiglia di pagare il 40% … deregulation … e cosi continua per un po’ facendo anche delle affermazioni interessanti  … riferendosi all’imprese di trasporto … « …ora che c’è il danno parlano di centinaia di milioni … ma quando c’era da pagare le tasse … » … continua mettendo in luce la “differenza” tra redditi reali e redditi dichiarati (siamo in Italia) … poi parla della naufragata entrata che lo stato avrebbe potuto avere con la tassa sulle bottiglie di plastica (giustissima) stoppata perà dalla lobby dei produttori di plastica …
ci sono ancora domande di Lazzaro (non più sui cimiteri), con risposter della De Zan

... De Martin ritorna sul trasporto scolastico e sulla comunicazione alle famiglie… il sindaco a questo punto legge la comunicazione (che è chiarissima) …  De Martin ci mette ancora un po’ ma poi si cheta … ancora qualche domanda di Lazzaro e poi …
Si vota
maggioranza favorevole
De Martin, Carrer e Lazzaro astenuti

 

9. Servizio convenzionato di polizia locale tra i comuni di Cimadolmo, Vazzola e Gaiarine. approvazione convenzione fino al 31/12/2020 e atti regolamentari .

… prende la parola il sindaco … fa  presente che la convenzione che scadeva il 31 luglio con i comuni di Ormelle, Vazzola, Cimadolmo e San Polo non è stata rinnovata … pertanto è a chiedere l’approvazione di un nuova convenzione con i soli comuni di Vazzola e Cimadolmo … sperando che col tempo se ne aggiungano altri … elogia la collaborazione di questi mesi con gli altri comuni … « …i nostri vigili non tornerebbero indietro … » …

Lo pensiamo anche noi, ma i motivi che ci portano alla stessa conclusione forse sono diversi

… prende la parola il consigliere Lazzaro chiedendo come mai dopo 6 mesi tre comuni si sono tolti …
… risponde il sindaco … non hanno trovato un accordo sulla rendicontazione (tradotto significa che stanno baruffando per i schei) … ora nella nuova convenzione ogni comune rendiconta per se …
Lazzaro chiede come mai non ci sia nella convenzione, il nome del vicecomandante, mentre è indicato quello del Comandante …
… il sindaco … lo andranno ad eleggere …
… interviene il segretario dichiarando che è giusto che sia il comandante che si elegga il suo Vice … e per questo ha voluto modificare l’articolo del precedente regolamento in modo che possa essere nominato anche uno che non ha la laurea ma che abbia esperienza …
… il sindaco ricorda che i vigili quando fanno il servizio notturno sono armati ….
… prende la parola De Martin dicendo che come gruppo sono rimasti spiazzati per la rottura della precedente convenzione anche perché a suo tempo era stata presentata bene ( e perchè lui aveva votato a favore) … e anche perché sono favorevoli all’unione dei servizi dei comuni …. rimangono perplessi sull’armamento anche se capiscono che i vigili se fanno servizio notturno in qualche modo devono essere protetti … evidenzia come  il regolamento preveda giustamente che i vigili non possano essere armati quando svolgono servizi che coinvolgono bambini  …
… interviene il sindaco … dicendo … « …l’arma è anche una tutela anche per il cittadino… poi ne possiamo discutere » …
De Martin … « … argomento delicato …» …

Noi invece pensiamo che armare i vigili non serva proprio a una beata fava.
Che la pistola portata dai vigili sia un pericolo per il vigile e anche per il cittadino, perché trovandosi un vigile in una situazione di pericolo, e non essendo sufficientemente addestrato a risolvere con sangue freddo delle situazioni critiche, potrebbe reagire in modo da creare un pericolo per se e per cittadini che si trovassero coinvolti loro malgrado in quella vicenda.

Poi valutando con serietà l’esito di questi 6 mesi di servizio convenzionato, i vigili dovevamo “riportarli a casa”,  perché se prima di entrare nella convenzione un minimo di servizio di polizia urbana c’era, ora non c’è più nulla.
Solo per ricordare due cose: davanti alle scuole abbiamo i nonni vigili (quindi dei volontari), il servizio territoriale durante i lockdown é stato fatto dai carabinieri, che vanno ringraziati, i vigili non si sono pressochè visti.
Ora i vigili è come non ci fossero nel comune di gaiarine … questo è quello che vediamo, ma anche quello sentiamo dire dai cittadini..
Perché insistere? “Riportiamoli a casa” e che svolgano con passione, dedizione ed onore il loro dovere.

Si vota
maggioranza favorevole

Consiglio comunale terminato in circa due ore e mezza.

Ora con le dfuochid-artificioichiarazioni del sindaco incominciano i “fuochi d’artificio”, lo show, il clou, ma prima di lasciargli la parola e di permettergli di proiettare le slide che ha preparato (vi ricordate Renzi?), virtualmente vogliamo intervenire anche noi e proiettare anche noi una slide, questa:  UntitledVi chiederete cos’é.
È l’estratto di una pagina dal file dal Nome ” ALLEGATO_elenco_beneficiari” che potete trovare a questo link https://librari.beniculturali.it/export/sites/dgbid/it/documenti/2020-Maggio-Agosto/ALLEGATO_elenco_beneficiari.pdf
nel sito del Ministero dei Beni Culturali
Il file riporta l’elenco dei comuni e relative biblioteche beneficiari di contributi per l’acquisto libri in base al Decreto di approvazione dell’elenco dei beneficiari della misura prevista dal decreto del Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo n. 267 del 4 giugno 2020 di riparto del “fondo emergenze imprese e istituzioni culturali”, concernente “Contributo alle biblioteche per acquisto libri. Sostegno all’editoria libraria”.

Cliccando qui   potete trovare l’elenco dei beneficiari della provincia di Treviso che abbiamo estratto dall’elenco nazionale.
Il decreto di cui sopra prevedeva, per erogare il contributo, una semplice domanda da compilare sulla piattaforma del Ministero dei Beni Culturali.
Il contributo era assicurato a tutti i richiedenti, quindi senza graduatoria, suddividendo tutto il fondo stanziato, cioè fino al suo esaurimento, tra tutte le richieste con la sola differenziazione del patrimonio libraio detenuto.

I contributi, che sono stati del circa il 30% in più di quello inizialmente ipotizzato, sono risultati i seguenti:
– € 2143.26 per le biblioteche con patrimonio librario fino a 5000 volumi;
– € 5000.95 per le biblioteche con patrimonio librario tra 5001 e 20000 volumi;
– € 10001.90 per le biblioteche con patrimonio librario oltre 20000 volumi.

Come avete potuto vedere il nome del Comune di Gaiarine non compare nell’elenco, questo significa che la richiesta per la biblioteca  di Gaiarine non è stata fatta.

Non sappiamo quale sia l’attuale patrimonio della biblioteca del nostro comune  ma possiamo ipotizzare che si collochi almeno nella seconda fascia, quindi il comune di Gaiarine, ha perso l’opportunità di ricevere un contributo, per acquisto libri, di circa 5.000 euro, o addirittura di 10.000 euro se il patrimonio libraio lo collocasse in terza fascia. Codognè ne ha ricevuti 10.000.
libri_lettura-
Quanti libri potevano essere comprati con 5.000 euro o addir
ittura con 10.000?

Poteva essere un’occasione d’oro, incominciando da tanti libri, per ridare un soffio di vita a questa biblioteca.
E qui le chiacchiere stanno a zero.
E gli spot anche.
Esiste, naturalmente un responsabilità degli uffici, ma esiste soprattutto la responsabilità politica di questa amministrazione e dell’attuale Assessore alla Cultura che in un anno non hanno saputo dare una svolta alla gestione fallimentare della biblioteca.
Biblioteca, lo dobbiamo ricordare per onor di cronaca, ridotta ad un “catorcio”, da quindici anni di amministrazioni di centrodestra.

E ora cediamo la “luce ai fuochi d’artificio“.
Parte il sindaco
da agosto un operaio in più
fissato per settembre concorso per il Responsabile dell’Ufficio Tecnico;
auto della polizia municipale sistemata.

Assessore all’Urbanistica  Fantuz (finalmente la si sente)
Contributi regionali per due progetti di sistemazione sismica:
- cinema lux 357.000 euro;
– scuola primaria di Francenigo 515.000 euro.
Sarà da fare la progettazione esecutiva   e poi partire con i lavori

Sindaco
Calendario estivo
– grazie all’associazione La Corrente, alla Associazione Punto e Capo, e alle altre che hanno portato in piazza la gente;
-
altre serate in piazza, 15 e 16 agosto, organizzato da Festeggiamenti San Rocco.

Assessore Gottardi
Aggiornamento sulle scuole
Obbiettivi:
– didattica in presenza e non i distanza;
– tempo scolastico come l’anno scorso.

Obbiettivi raggiunti con le seguenti azioni:
-
senza necessità di nuove aule, tranne a Gaiarine dove un’aula è stata allargata;
– acquisto del materiale scolastico (mascherine, guanti, disinfettante, ecc.) con contributo di 28.000 euro (fondi europei);
– mense non verranno utilizzate in quanto gli alunni mangeranno in classe;
– senza variazione di orari rispetto all’anno precedente;

Consigliere Faccin
Progetto api
- un apiario vicino alle scuole medie con l’aiuto di 7/ 8 apicoltori per sensibilizzazione anche dei ragazzi
– semina piante mellifere (facelia)  in un terreno libero

Pitost  de gnent le meio pitost, ma è questo il “progetto api”?
Quale beneficio porta alle Api e al nostro territorio?.
Avremo quanti 4? o 8? o quanti alveari in più nel comune? Forse nessuno, dato che  probabilmente gli apicoltori, sposteranno alcuni di quelli che hanno gfaceliaià, complicandosi tra l’altro la gestione, perchè avranno un’arnia da controllare lontano dal loro apiario.
Bene che si semini della facelia, ma su quanto terreno, su 1 ettaro? su 10 ettari? o su 10 metri quadri? o su 100 metri quadri? o su 1. 000 metri quadri?
Abbiamo già scritto da dove bisognerebbe partire, dai pestici, ma questa amministrazione non può disturbari i….
Pitost  de gnent le meio pitost  ma è questo il “progetto api”?

Assessore Gava
Punti prelievo.
. sospesi fino a tutto il 2020
Centro Diurrno.
– chiuso , in preparazione piano da parte della cooperativa per la riapertura
– apertura prevista forse il 24 agosto
–  gli ospiti nel frattempo si sono dimezzati

Consigliere Faccin
Progetto Ridiamo il sorriso alla Pianura Padana.
– adesione a questo progetto Regionale di Veneto Agricoltura che mette a disposizione 70.000 piante, 2.000 piante per ogni comune, 8.000 per i capoluoghi di provincia che verranno se richieste distribuite ai cittadini..
Ogni cittadino può, registrandosi, chiedere fino ad un massimo di 10 piante, che gli verranno consegnate dal comune. La richiesta, via web, va fatta entro il 15 ottobre.

E’ lampante che è uno spot elettorale di Zaia.
Pitost  de gnent le meio pitost.

Sindaco.
Defibrillatore
- grazie alla famiglia Segat Cesarino per il defibrillatore regalato al Comune. Il defibrillatore
è collocato nella piazza del Municipio;
– grazie a Remo Marchetti che ha fatto la struttura di supporto.

Assessore De Zan
Progetto Innovation Lab

Il progetto dei comuni del Coneglianese è stato finanziato per 699.000 euro. Anche Gaiarine avrà la sua palestra digitale nella biblioteca di Villa Altan (finalmente il contenitore Villa Altan tornerà ad essere utile per  qualcosa, tra l’altro lo ha detto anche la De Zan)
Verranno consegnate 4 postazioni informatiche (Pc, stampanti, ecc).
Verranno sviluppate 21 “app”, una parte che riguarderanno aspetti relativi a tutto il Coneglianese (p.es. la mappa di tutti i defibrillatori, i punti di ritrovo in caso di calamità) ), ed una specifica per il comune di Gaiarine.
Potrebbe essere un percorso sui centri culturali del comune, con legati gli eventi dell’anno. Durata del Progetto due anni, vi potranno partecipare giovani dai 18 anni ai 30 anni.

Sindaco
Consegna di una targa al Presidente dell’UnionGaia come riconoscimento del traguardo prestigioso conseguito con la vittoria dei Campionati Giovanissimi Regionale

Fine dei “fuochi d’artificio” e  il buio fu …………………

buio essendo le 23.00 passate.

 

Condivi
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF