Il monumento che non c’è

Immagine

In occasione della ricorrenza del 25 aprile, Festa della Liberazione dall’occupazione nazifascista, davanti al Monumento di piazza Damiano Chiesa di Francenigo, l’amministrazione comunale commemora i propri concittadini caduti nelle guerre, accomunandoli nel ricordo ed esprimendo sentimenti di gratitudine nei confronti di chi, tra la nostra gente, ha dato la sua vita affinché fosse indipendente e libera quella dei propri cari, dei propri compaesani, dei propri connazionali.

Nel centro di ogni paese del nostro comune un cippo, un monumento o una lapide ricordano tutte quelle persone che, militari o civili, sono andati incontro al massimo sacrificio: è la memoria della comunità.

Così a Francenigo, a Gaiarine e a Campomolino; così sarebbe anche ad Albina se il suo monumento non fosse stato tolto dalla propria sede, in occasione del rifacimento della piazza terminato ormai da ben tre anni, senza che sia stato reso noto il motivo della rimozione, né l’attuale collocazione o i tempi del ripristino allo sguardo degli albinesi.

Proprio dai più anziani di loro, nostra memoria vivente, sappiamo che quella lapide, posizionata inizialmente sul lato della torre campanaria per ricordare i caduti della prima guerra mondiale, venne nel secondo dopoguerra ricollocata a terra estendendone la dedica ai caduti di tutte le guerre e ai dispersi della tragica campagna di Russia.

Ci sono leggi che tutelano e finanziano la conservazione e il recupero del patrimonio e delle vestigia della Grande guerra, perché non sia perduto il valore che essi esprimono nei confronti di chi è caduto e nei confronti delle generazioni successive e future.

Ma siamo convinti che, ben prima delle leggi, deve esserci la consapevolezza e la sensibilità di coltivare e perpetuare la memoria dei compianti concittadini con sentita riconoscenza per i valori che essi testimoniano.

Senza questa consapevolezza, acquisita e dimostrata nei fatti, le commemorazioni rimangono parole vuote

prima

Monumento_sparito1.jpg

dopo

Albina-Piazzola-Monumento-da-tre-anni-vuota.jpg

PDF24    Invia l'articolo in formato PDF