Consiglio comunale 17 ottobre 2017: La Cronaca

cuore_image2

Premessa.
Tre punti all’ordine del giorno. Durata circa un’ora.
Quasi la metà del tempo spesa a sistemare i verbali del consiglio precedente.
Perché.
Perché chi verbalizza, il segreventi%, continua a verbalizzare a modo suo: omettendo frasi fondamentali degli interventi dei consiglieri di minoranza o cambiandole il senso.
Ricordiamo che il sindac8 aveva affermato a suo tempo che il cambio del segretario (da fontan a orso) era avvenuto anche per il fatto che il fontan non verbalizzava in modo corretto (ma naturalmente era una “balla”, altre furono le motivazioni che determinarono il suo “licenziamento”), adesso è giunto il momento di mandare “l’orso in letargo” perché davvero è stucchevole questo suo modo di verbalizzare.
Invitiamo perciò le minoranze a rifare quanto era stato fatto nei confronti del precedente e cioè scrivere al prefetto perché questi imponga una verbalizzazione corretta.

Come vedremo nella cronaca il ponti-ficatore (reporter del ponte, giornalino parrocchiale di francenigo) fellet se ne esce, nell’ambito dell’approvazione dei verbali, con una lunga dichiarazione a commento di un articolo apparso sulla stampa che lo tirava in ballo per il suo voto di astensione sulla mozione presentata dal gruppo lega riguardante autonomia del veneto.
Viene da chiedersi quale senso delle istituzioni abbia il fellet, che, essendo tra l’altro vicesindaco, “sfrutta” il consiglio comunale per rispondere a notizie giornalistiche che lo riguardano, piegando così l’istituzione a suo uso personale. Ma ancor più grave è la condotta del sindac8 che non ha preso le distanze da questo comportamento ma anzi lo ha giustificato.

entriamo in cronaca
assenti bressan, capuzzo, daniel (vedi qui)

1. Approvazione verbali seduta del 22 settembre 2017 (dal n. 28 al n. 32);

prende la parola il consigliere andreetta e chiede se i verbali saranno votati uno alla volta o tutti insieme … viene risposto che è indifferente … andreetta allora chiede cosa accadrà della nota inviata dalla consigliera capuzzo con la quale chiede una integrazione al verbale n. 29 …
spieghiamo
la consigliera capuzzo, non potendo essere presente al consiglio per motivi di lavoro, ha inviato una lettera al segretario e all’intero consiglio comunale (leggi qui) con la quale chiede che venga integrato il verbale n. 26 del consiglio comunale del 27 Luglio 2017, in quanto era stato omesso quanto da lei detto e letto in consiglio comunale relativamente alla 2° variante al Piano degli Interventi. In particolare fa riferimento alla frase da lei letta e presente nel documento del sindaco
Questo documento rappresenta l’avvio del processo di formazione della seconda variante al Piano degli interventi “.

Questa richiesta non è di poco conto perché l’amministrazione, tramite il suo “braccio armato” il segreventilavorosporco% che fa il lavoro sporco verbalizzando quello che fa comodo alla “causa”, vuol far credere che un avviso pubblico del 3 dicembre 2015 col quale si chiedeva ai cittadini di far presente eventuali esigenze urbanistiche, fosse l’inizio dell’iter della variante. Non è così e difatti nel documento del sindaco si afferma: “Questo documento rappresenta l’avvio del processo di formazione della seconda variante al Piano degli intervent”, e non poteva essere altrimenti perché la legge urbanistica regionale N. 11 del 23/04/2004 è chiarissima, e stabilisce che una variante inizia proprio con la presentazione del documento del sindaco e quindi, in questo caso,  il 27 Luglio 2017.
La variante in questione, iniziando il suo iter il 27/07/2017, quindi dopo l’approvazione della legge regionale n. 14 del 6/06/2017 sul consumo del suolo non potrà prevedere nessuna nuova area di espansione, e quindi toccherà dire di no a coloro che vorrebbero costruire ancora capannoni nel nostro comune, vero e forse unico motivo per cui l’amministrazione ha messo in campo questa variante. Ma questi n
falsita_1on erano quelli di “basta capannoni”?.
 Quindi l’integrazione chiesta dalla consigliera ha anche una forte va lenza politica e avrebbe dovuto servire a mettere agli atti in modo chiaro questo tentativo di falsificare la realtà,  questi  “giochini”.

segreventi% «… non c’è nessun problema ad inserire la nota come allegato al verbale n. 26 del 27/07/2017…. altra cosa è la sua modifica … non abbiamo mai fatto una modifica ad un verbale … »
... andreetta … «… quindi se noi troviamo un errore in un verbale … resta così … non si può modificare l’originale … »
il segreventi% ribadisce che non c’è nessun problema ad aggiungere al verbale la nota della capuzzoandreetta fa presente come sia già faticoso seguire quanto avviene nell’amministrazione, se poi si è costretti anche, magari dopo mesi, a ricordarsi le cose per aggiustare i verbali … «… a parte quello citato dalla capuzzo … anche il verbale n. 29 va integrato con un a frase che è stata omessa e che ritengo importante … io ho detto “di non piegare le istituzioni comunali per far propaganda ad un partito”… chiedo che venga inserita … » …il segreventi% assicura che verrà fatto … andreetta continua … «…nel verbale n. 30 è stato attribuito a bressan un intervento che invece ho fatto io … nel verbale n. 31 viene riportato in modo errato un esito della votazione… neln. 28 io non ho detto “nervoso” ma che non volevo essere “noioso” … »
… interviene la gava « … chiedo che il verbale n. 28 venga integrato con la frase detta dal sindaco a fronte della mia domanda che chiedeva cosa avrebbe fatto il comune … la frase è “ci penserà la lega a fare campagna elettorale ” … »
si aggiustano le cose o così sembra …
ma è evidente che è una perdita di tempo per tutti perché si è capito che i verbali originali rimarranno tali e quali e cioè con tutte le omissioni, manchevolezze, ecc. e che le integrazioni richieste compariranno invece e solo nel verbale di aciofecapprovazione degli stessi.
Quindi se qualcuno leggerà, magari tra qualche anno, i verbali pe
r i quali sono state richieste dell’integrazioni, non troverà quanto detto dai consiglieri ma quanto verbalizzato originariamente dal segreventi%.
Una vera ciofeca.

Si passa quindi alla ponti-ficazione di fellet, passato in poco tempo nel gradimento della lega “dalle stelle alle stalle”. Si è trovato sbattuto sui giornali e accusato di trasformismo per il voto di astensione dato sulla mozione di autonomia espulsionedel veneto proprio dalla lega che nelle settimane precedenti invece lo aveva apprezzato pubblicamente per le su posizioni anti migranti.
Ora per poter risalire la china deve trovare il modo di minimizzare e annebbiare in un mare di parole, il suo comportamento …altrimenti alle prossime elezioni “scordarsela la lega
comincia … «… io sono stato tirato in ballo via stampa dal segretario della lega nord … mi ha telefonato anche un giornalista … affermazioni che non corrispondono al vero … il mio voto di astensione è un voto serio, non è un voltafaccia … appartenere alla maggioranza comporta diritti ma anche doveri … ho usato il buon senso … non appartengo a nessun gruppo politico … il popolo veneto non ha bisogno di indicazione politica per esercitare …il sacrosanto diritto al voto … senza suggerimenti … il mio voto è stato in linea con quello della maggioranza ….»
… e bla bla
..
. prende la parola andreetta, alquanto irritato, facendo presente che con questo intervento di fellet si è creato un precedente e che d’ora in poi un qualsiasi consigliere potrà parlare di qualsiasi cosa … «… nessuno di noi ha mai commentato in consiglio comunale un articolo di giornale … d’ora in poi lo si potrà fare … la forma nelle istituzioni ha la importanza … »istituzione
Ma quale forma quale senso delle istituzioni vuoi che abbiano questi. Basta ricordarsi come è stata trattata la consigliera capuzzo qualche mese fa dal sindac8. Qui diventa tutto è lecito.

…  il sindac8 prende la parola per giustificare fellet   affermando che l’intervento non è altro che una comunicazione ….
Si potrebbe qui richiamare il regolamento di funzionamento del consiglio comunale che questi non conoscono ma è tempo ed energia sprecata… Tiremm innanz!

Si vota:
maggioranza favorevole
Gava favorevole
Andreetta e Fracassi astenuti

 2. Nuovo regolamento del consiglio comunale dei ragazzi. approvazione;

prende la parola l’assessore de zan facendo presente che le modifiche apportate al regolamento del consiglio comunale dei ragazzi sono state suggerite dall’operatrice di comunità che segue i ragazzi e dagli insegnanti … fa presente che c’è una difficoltà a far si che i ragazzi entrino nel progetto … per superarla si è pensato di permettere anche ai ragazzi di 5° elementare di partecipare … per arrivare all’elezione del consiglio e del sindaco ci saranno due votazioni una interna alla classe che eleggerà i consiglieri e una successiva per eleggere il sindaco … continua dicendo che sono per questi motivi modificati l’articoli 1, 2, 4,5 e 6 …
andreetta chiede chi ha proposto questo nuovo metodo di elezione del sindaco dei ragazzi … la de zan risponde che è stata l’operatrice di comunità .. andreetta fa presente che sarebbe stato interessante conoscere direttamente dall’operatrice di comunità le motivazioni che l’hanno portata a chiedere questo cambiamento … continua … «…è l’ennesimo caso in cui si poteva, coinvolgendo le minoranze, votare all’unanimità ma si continua invece sempre allo stesso modo … entrando nel merito con questo meccanismo si fa si che i ragazzi di una classe votino solo i compagni della propria classe … questo nuovo meccanismo può avere dei pro ma ha sicuramente dei contro … non è democratico … »
… il sindac8 se ne esce con una delle sue «… tu voti per la lega? … »

la frase lasciabocca-aperta tutti a bocca aperta e dimostra come non sia in grado di capire i meccanismi democratici a cui alludeva andreetta … proviamo a spiegarglielo … il fatto che i ragazzi possano votare, come loro rappresentati, solo un loro compagno di classe fa si che non ci sia tra le classi  interscambio di idee e proposte. Potendo votare solo un compagno di classe sostanzialmente non è possibile valutare se proposte o idee portate avanti da altri candidati di altre classi siano o no migliori di quelle proposte dai canditati della propria classe,  si vengono così a creare dei comparti chiusi, si limita il confronto… ed infine un ragazzo di una classe potrebbe non essere apprezzato dalla sua classe ma dalle altre si. Diventa del tutto evidente che questo non è né positivo né democratico … capito!!!

il sindac8 se ne esce con un altra frase che è un’altra perla … «…è stato fatto da persone “più competenti di noi” … » .

ci verrebbe da dire che competenzaci vuole davvero poco per essere più competenti di questa amministrazione, ma il punto non è questo. Il punto è che questa amministrazione non ha idee, non ha visioni e forse neppure la voglia di impegnarsi a pensare, e di conseguenza demanda sempre “ai più competenti di loro” passaggi fondamentali della vita della comunità di gaiarine, così risulta evidente che i cittadini di gaiarine non sono amministrati da coloro che sono stati eletti ( è lapalissiano che noi non li abbiamo votati) ma dai “più competenti di noi” cioè da altri…

interviene la consigliera fracassi affermando di condividere le osservazioni di andreetta e che sarebbe interessante capire lo scopo finale di tali modifiche regolamentari … la de zan ribadisce che è per far partecipare tutti i ragazzi e non solo quelli di seconda e terza media … la fracassi non convinta … «… chiederò spiegazioni a chi ha le competenze (si riferiva forse “ai più competenti di noi”?) … questo regolamento viene approvato anche dai ragazzi ? … » la de zan risponde che ne hanno preso visione …. ?

andreetta nella dichiarazione di voto afferma che darà, come per tanti altri argomenti trattati, un voto di astensione … «… questo consiglio comunale delibera questo regolamento … noi deliberiamo … e quindi per poter far questo dobbiamo capire … auspico che l’attività del consiglio comunale dei ragazzi non si limiti alle votazioni ma vada oltre … che ci sia un confronto con l’amministrazione e magari con l’intero consiglio comunale dei “grandi” … tra l’altro i ragazzi potevano essere invitati stasera a partecipare a questo consiglio comunale …»

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Fracassi e Gava astenuti

3. Approvazione bilancio consolidato 2016.
illustra la de zan «… è il primo anno che viene approvato il bilancio consolidato … che prevede una sola società partecipata la piave servizi … non c’è molto da dire essendo una presa d’atto … serve a stabilire la ricchezza del comune … patrimoniale ed economica … per un comune come gaiarine non ha molta rilevanza … ha una valenza per i comuni che hanno numerose società partecipate … non ci sono cose particolaribottaerisposta… » … interviene andreetta «… mi sfugge qualcosa … leggo imposte sul reddito … nella nota integrativa …»  … de zan «… che pagina ?… » … inizia un confronto serrato tra andreetta e la de zan …con una serie di domande e relative risposte , un botta e risposta che tralasciamo …
… si arriva in poco tempo alle dichiarazioni di voto

la consigliera fracassi annuncia il suo voto contrario non avendo il suo gruppo  approvato il bilancio …
… la consigliera gava annuncia il suo voto di astensione …
il consigliere andreetta «… vale quanto detto dalla collega fracassi … è abbastanza normale dare un voto contrario essendo il bilancio un atto della maggioranza …sottolineo che da una parte si parla di risultato di esercizio e dall’altra ho letto la parola utile … si, sono parole … ma ricordo che un ente pubblico non dovrebbe parlare di utile … l’utile è delle aziende private … che devono fare utile … mentre per un ente pubblico “l’utile” dovrebbe tendere a zero … e non dovrebbe chiamarsi così ma avanzo o risultato … ci siamo confrontati più volte sulle cifre quando si parla di bilancio … ripeto che stiamo parlando di un risultato finale dopo che la maggioranza ha fatto tutte le sue scelte … non vedo l’avanzo dell’anno prima …. la differenza tra l’entrate e l’uscite non è 12.000 euro … ma è 42.000 euro dopo che si sono fatte tutte le scelte … palestra ecc. … » …
interviene la de zan «…non si può interpretare così … lei sta parlando del conto economico … se guardo il consolidato non è vero che ho 42.000 euro … sono della piave servizi … se prendo il conto economico del comune di gaiarine io sono a meno 12.000 … poi vado in pareggio perché ho altre cose … »
sordi  andreetta «…dovremmo fare ragionamenti fatti già altre volte … » c’è un batti e ribatti tra la de zan e andreetta che equivale a un dialogo tra sordi …

 

Si vota:
maggioranza favorevole
Andreetta, Fracassi contrari
e Gava astenuta

il sindac8 prima di chiudere il consiglio comunica che il 4 novembre dovrebbe essere inaugurato il monumento ai caduti di albina e si dice speranzoso che il comitato festeggiamenti di albina organizzi il rinfresco
la gava (presidente dei festeggiamenti) rassicura.
Sono passati quasi 7 anni da quando il monumento è stato smontato, 7 anni per rimontare “quattro” lapidi, 7 anni per ridare una “dimora” a caduti di albina, 7 anni, 7 anni non 7 mesi … poi magari ci si lamenta della salerno-reggiocalabria.

Consiglio breve, come già detto, durato una sola ora.
Senza dubbio molto partecipato… presenti 2 cittadini … meglio due che uno solo,  o no?

Condivi
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *