Darse da far… BISOGNA!

“La cultura non è buon tempo, non sta in una laurea in un cassetto, né su uno scaffale di libri chiusi, non è merce per turisti, digestiva o esotica.
Non è un settore dell’economia, non è nemmeno una una tantum come un condono.
Allora cos’è?
In Veneto è come la campagna, qualcosa di cui ogni tanto ci si sgionfa di ciacole e poi ci si dimentica per fare finanza con i terreni.
A curare l’orto, il proprio orto, son bravi tutti, certo, bisogna!
Ma non basta mica.
Voglio parlare di futuro, di paesaggio e di servitù di passaggio.”
Marco Paolini



Prima di tutto vennero a prendere gli zingari

e fui contento, perché rubacchiavano.

Poi vennero a prendere gli ebrei

e stetti zitto, perché mi stavano antipatici.

Poi vennero a prendere gli omosessuali,
e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.

Poi vennero a prendere i comunisti,
ed io non dissi niente, perché non ero comunista.

Un giorno vennero a prendere me,
e non c’era rimasto nessuno a protestare.

Bertold Brecht Berlino, 1932.
attribuita anche al pastore Martin Niemöller

Condivi
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

3 pensieri su “Darse da far… BISOGNA!

  1. ma forse non è proprio questa la chiave di lettura di brecht quanto quella che si riferisce al silenzio dei tanti, all’indifferenza dei molti che girano la testa dall’altra parte o chiudono occhie e orecchie per non vedere nè sentire.. una chiave di lettura che fece dire anche a Martin Luther King “Ciò che mi spaventa non è la violenza dei potenti, ma il silenzio degli onesti”

  2. Succede sempre così, vittima e carnefice soffrono tutte e due le conseguenze di ogni atto di violenza, di ogni atto di brutalità e di ogni oppressione.Perché quello che facciamo agli altri lo facciamo a noi stessi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *