I Comuni, il Piano casa, la crisi.

In un articolo ed una intervista recenti, Massimo Malvestio, tratteggia la storia di alcune politiche economiche recenti e dei loro effetti sull’immagine e sul valore del territorio Veneto. Una storia di svendita e dissipazione di un enorme capitale sociale (il territorio) promossa, “bipartisan”, sia da soggetti della politica (di destra e di sinistra) e dell’ impresa. Scelte scellerate di una intera classe dirigente.

In questa storia riconosciamo, in modo implicito, recenti trasformazioni del Comune di Gaiarine e del territorio locale.

Un esempio eclatante è il progetto realizzato ed incompiuto della vasta zona industriale di Roverbasso. Promosso a ridosso della crisi. Realizzato occupando una area agricola isolata dalla rete di trasporti e servizi adeguati e di rischio idrogeologico. A fronte di zone industriali esistenti semivuote. L’ ex sindaco, uno dei principali attori di questa vicenda, Lorena Andreetta, è stato promosso a segretario provinciale del partito.

Un atlro esempio, è il raddoppio della palestra di Calderano ad opera dell’ attuale amministrazione di Gaiarine. Qui l’ inutilità pubblica è evidente.

Questi progetti sono l’esito di scelte inattuali, in contrasto con le condizioni di crisi sociale ed economica ed ambientale, ma anche paradossali per il peso ulteriore che eserciteranno sui cittadini negli anni a venire. Progetti fallimentari.

Progetti fallimentari chiamano in causa il fallimento di scelte politiche e dei soggetti che li hanno promossi.

Se oggi la sfida di senso è trovare nuovi e promettenti rapporti tra economia, società e territorio non possiamo sottrarci dal capire dove si celano le contraddizioni.

Per voltare davvero pagina e cominciare a scrivere una storia diversa.

http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/politica/2013/6-dicembre-2013/po-verita-cemento-2223756652908.shtml

Condivi
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *