Consiglio Comunale a Gaiarine del 22/09/2009 : il sunto

Terza seduta del Consiglio Comunale a Villa Altan quasi di ordinaria amministrazione;

  • la cosidetta variante Arcuf approvata in un secondo (è ovviamente un modo di dire ma assai appropriato in questo caso), con il mantenimento del grado 4 di protezione della “casa de piera” che ne dovrebbe garantire la tutela storico/architettonica.
  • al terzo punto all’ordine del giorno, sortita coraggiosa dell’opposizione che tentava di presentare un emendamento prontamente respinto dal Sindaco poichè accettarlo avrebbe significato azzerare la procedura e far ripartire l’iter della variante. Formidabile il Sindaco, che dopo aver invitato l’emendante al ritiro (promettendo di tenerlo comunque in considerazione) e dopo la successiva votazione, che ha ovviamente bocciato l’emendamento, gli si rivolgeva “te l’à presentà lo stess savendo che te lo varia bocià” (si noti la finezza linguistica e concettuale: non il Consiglio Comunale l’avrebbe bocciato ma Lui stesso, medesimo, in persona).
  • precisazioni e delucidazioni sulla ciclabile albina/campomolino..
  • interessante disputa nel merito del riordino cimiteriale con disquisizioni sulle tombe alla romana, e ipotetici calcoli sulla capacità delle aree previste di contenere le future salme..

sull’approvazione dell’esercizio di spesa diversi botta e risposta:

  • sulla sicurezza delle ciclabili a Francenigo e sulle rotonde di Calderano; pareri divergenti e contrastanti tra maggioranza e opposizione riguardo a baffi, raggi di curvatura, velocità, competenze..
  • sull’avanzamento dei lavori relativi a rete fognaria e depuratore, con l’opposizione che lamentava l’immobilismo dell’amministrazione, rinnovata come la maggioranza da una legislatura all’altra; perla del Sindaco in risposta: “Severino, te perdone.. perchè no te pòl saver!“.. mormorio tra il pubblico combattuto tra l’ammirazione per tanta magnanima condiscendenza e la fraterna solidarietà veneta (che omo.. xe proprio un de’ noantri)..
  • sulla possibilità di intraprendere azioni di sostegno, già previste e finanziate dalla legislazione regionale, verso i nuovi disoccupati o sottoccupati sprovvisti di paracadute (come abbiam capito in seguito, non riferito a temerari hobby domenicali ma intendendo i noti ammortizzatori sociali) con un’altra sorpresa del Sindaco che – udite udite – smentiva inopinatamente il proprio capo (che solo poche ore prima riferiva di un’Italia fuori dalla crisi prima e meglio degli altri) dicendo testualmente (ed in italiano, ahimè) che : “io penso che nella crisi che stiamo vivendo siamo ancora lontani dall’aver toccato il fondo al contrario di quel che altri dicono e pensano..” ed in questo, caro Sindaco, purtroppo abbiamo gli stessi timori..
Condivi
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

5 pensieri su “Consiglio Comunale a Gaiarine del 22/09/2009 : il sunto

  1. non serve che i membri della minoranza si dimettano tanto non contano niente, l’invito lo estenderei per il resto della maggioranza che vota per partito preso e sono vittime del loro capo.. che poi non si sà neppure che tessera di partito tiene….forse quella della vecchia DC!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *