Dura Lega sed…

A dimostrare che la politica gaiarinese non andrà in vacanza questa estate, non sono le fatiche pseudoagricole del nostro sindaco (che ringraziamo per non essersi messo mussolinianamente a torso nudo alla trebbiatura di Cimetta di domenica 19 luglio – vedi il prossimo post), quanto l’espulsione a vita di 4 militanti della sezione locale della Lega Nord.

Questo fatto (di cui trovate ampia notizia nell’articolo del Gazzettino di Treviso che riportiamo) ci ricorda che a Gaiarine si sta facendo sul serio, che i conti della politica si regolano subito e che chi dissente può rischiare di scomparire.

Non ci interessa commentare nel merito quello che riteniamo un “affare interno” di un importante gruppo politico. Ci interessano le vostre opinioni.


Non potranno più iscriversi Lorenzo Casagrande, Romeo Antoniolli, Paolo Dal Cin e Lina Contarini

Gaiarine, cacciati in quattro dalla Lega

Si erano presentati alle ultime amministrative nelle file politiche avversarie. È pronto il ricorso
Il Gazzettino, Domenica 26 Luglio 2009
Gaiarine

Il direttivo trevigiano della Lega Nord depenna a vita 4 iscritti e declassa 1 militante. «Tolleranza doppio zero, la Lega è una sola» spiega Giuseppe Fantuz dalla segreteria locale. I depennati non ci stanno e annunciano ricorso.

Le raccomandate recapitate in questi giorni comunicano quanto deciso dal direttivo provinciale della Lega lunedì 20 luglio. Con un provvedimento immediatamente esecutivo approvato all’unanimità, è stato deciso il depennamento dalla lista degli iscritti di Lorenzo Casagrande, Romeo Antoniolli, Paolo Dal Cin e Lina Contarini. Questi perdono la qualifica di iscritti e il diritto di una nuova iscrizione al movimento. Un provvedimento adottato, come previsto dall’art. 30 dello statuto, per “essersi iscritti ad una lista antagonista a quella della Lega Nord”. Gli interessati figuravano nella lista “Genti Venete”. Destino diverso per il socio militante Ivano Bressan che non si era iscritto nella lista “Genti Venete”. La delibera, con effetto immediato, prevede il suo declassamento da socio militante a sostenitore con la perdita dei diritti di voto e di ingresso nel direttivo.

Il provvedimento è stato preso per «essere venuto meno ai propri doveri politici di aderente al movimento». Tra un anno il direttivo valuterà se procedere ad ulteriori provvedimenti; la segreteria locale invierà un verbale a quella provinciale sul consiglio comunale del 23 luglio: “Bressan è stato candidato dalla lista “Genti Venete” come rappresentante in un istituto di Francenigo; il suo nome si è associato a quello della lista dell’opposizione” spiega Fantuz. Congelato per ora il destino di Marilisa Vantini: “Non è iscritta nelle liste della provincia di Treviso. È residente a Caneva e si verificherà la sua eventuale iscrizione in provincia di Pordenone”. Per tutti replica il candidato sindaco Antoniolli, ora capo della minoranza in consiglio comunale: ”Esaminerò il regolamento e valuterò la possibilità di un ricorso; la nostra era una lista alternativa, non antagonista. Avremmo portato avanti le linee della Lega”. Antoniolli punta il dito contro le prime delibere della nuova giunta: “Il ministro Calderoli indica per Comuni come il nostro massimo 3 assessori; l’attuale giunta li ha aumentati e da 4 è passata a 6. I veri leghisti si identificano con chi porta avanti i principi della Lega, come la riduzione dei costi della politica. La maggioranza ha preferito come revisore dei conti un professionista di Bassano del Grappa ad uno di Vittorio Veneto, maggiormente qualificato, con maggiori spese per le trasferte. Sono leghista prima della nascita del movimento e continuerò ad esserlo nonostante questa epurazione”.

Erica Bet

.

Condivi
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

12 pensieri su “Dura Lega sed…

  1. ma state completamente fuori…
    con gli extraterrestri forse potreste stare bene,
    speriamo che arriv presto un’astronave a prendervi tutti.
    l’italia sarebbe migliore.

  2. “Chiederò in sede europea che tutti gli stati membri tolgano il segreto apposto sugli avvistamenti Ufo, e mi adopererò affinché anche coloro che ci rappresentano al Consiglio d’Europa facciano la stessa cosa”. Lo ha dichiarato Mario Borghezio su Radio Padania Libera, nel corso di una trasmissione dedicata ai rapporti tra “padanismo e vita extraterrestre”.

  3. Ben detto!
    Comunque la Lega Nord ha fatto bene a non rinnovare la tessera a quesi “leghisti” traditori!!! Vi ricordo infatti che Antoniolli ha ricevuto la tessera un mese prima circa delle elezioni per potersi candidare… venduti!!!!!!!!!!!!

  4. ritengo che la signora Rosada Milena faccia bene a farsi i … suoi e non pensare anche a cosa fà o deve fare la Lega; ritengo ancor più che in passato, che sia ben emersa la sua vena procampanilistica, cosa che non giova a nessuno cara Consigliera di opposizione, se lo ricordi bene!

  5. nutro diversi dubbi sulla coerenza della lega,sopratutto ora che si parla di un ritorno della famosa cassa del mezzogiorno.

  6. E come no….?
    Avanti col macchiavellismo e l’opportunismo assunti a sistema di vita (politica)….
    Avanti con l’ipocrisia ed i sofismi.
    Invece di “tenersi buoni” i rappresentanti della politica “furba”, si pensasse a conquistare e “tenersi buoni” i tanti che si impegnano o si impegnerebbero col cuore trasparente, giovani e non solo.
    Io dico che almeno loro (la lega) hanno una loro coerenza; che poi sia una coerenza su valori non sempre condivisibili è tutta un’altra storia.

  7. Commento politico.
    Capisco che umanamente un segretario di partito, umiliato da un atto di insubordinazione, e avendo vinto -chè se perdeva la musica sarebbe stata diversa- voglia vendicarsi.E’ umano, ma non credo sia politicamente saggio.In genere e meno che meno in questo momento.
    Che senso ha buttare fuori 4 tesserati non militanti -cioè gente che comunque non ha diritto di voto,nè diritti elettorali nè doveri di partecipazione alla vita attiva della Lega- che insieme però possono vantare 650 voti?Hanno avuto tutti più preferenze dell’assessore leghista vice sindaco uscente!A chi andranno questi voti? Su chi verranno convogliati nei prossimi appuntamenti elettorali? Il segretario politico della Lega non può non vedere che tra Lega e PDL si sta giocando una delicata partita ora e prossimamente con le elezioni regionali e poi con il Governo , per cui mi chiedo veramente se non conveniva tenerseli buoni, pur tirando loro le orecchie ma recuperando con la magnanimità del vincitore (furbo)una armonia collettiva.
    E quando mai un segretario di partito può contare di avere propri uomini non solo in maggioranza ma persino all’interno della opposizione, in posizione dunque privilegaita di conoscenza delle mosse dell’avversario??
    E’ evidente, comunque la si guardi, che questa operazione non giova alla Lega: ma se non giova alla Lega a chi giova?Non è una domanda peregrina.E la risposta potremo vederla tra qualche mese.
    Certo che non è facile essere segretario politico e fare il segretario politico.

  8. Vorrei che qualcuno spiegasse al sig.Fantuz, segretario locale LEGA nonchè capogruppo della attuale maggioranza, che cosa sia il Pio Istituto Elemosiniere ,quali siano gli scopi e quali esigenze possa avere un Consiglio di Amministrazione di siffatto Ente di beneficienza.
    Forse chi pensa alla politica come strumento di conquista e prebende può pensare che tutto debba ridursi ad una occupazione di potere -la maggioranza spedisce persino nel CdA di un Ente Morale,cosa mai successa in questi anni, l’Assessore Anziano, leghista, con un profilo di inopportunità politica ed incompatibilità non indifferente- trasformando una scelta di Persone in una scelta di pedine.Noi invece che non facciamo questione di tessere ma di competenze e onestà intellettuale abbiamo scelto chi ci poteva fornire per storia, esperienza, competenza, senso di identità territoriale, la garanzia migliore di tutelare e rappresentare, non il nostro gruppo, ma esclusivamente il Pio Istituto Elemosiniere che è oggi ,grazie ad un grande Presidente ed ad una grande Segretaria,un gioiello parrocchaile di vera promozione sociale-educativa.A noi premeva scegliere la persona giusta per far prosperare questo Ente che è ad un passo dal ritornare fondazione privata,
    a qualcuno preme probabilmente
    impedirlo.
    Penso sia opportuno chiarire che per statuto sono vietati compensi, gettoni di presenza o rimborsi spesa ai membri del Consiglio di Amministrazione del Pio Istituto: chiunque abbia collaborato per questo Ente – e chi sta scrivendo lo ha fatto per vent’anni-lo ha fatto assolutamente gratis.
    Forse ha ragione una cara collaboratrice nel dirmi che sarebbe stato meglio lasciare debiti….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *